Seat Leon 1.6 TDI CR 105 CV Style

Pubblicato il 10 marzo 2016
Ritratto di Karl_88
alVolante di una
Mazda 6 Wagon 2.2 CD 150 CV Exceed Automatica
Seat Leon
Qualità prezzo
4
Dotazione
5
Posizione di guida
4
Cruscotto
4
Visibilità
3
Confort
4
Motore
4
Ripresa
3
Cambio
4
Frenata
4
Sterzo
4
Tenuta strada
5
Media:
4
Perché l'ho comprata o provata
Dopo anni di vetture derivate dai rally anni '90 (una Clio 1.8 16V prima ed Escort Cosworth poi), ho dovuto optare per una vettura per ogni giorno che avesse un ottimo rapporto prestazioni/qualità/spese di gestione/prezzo . Dopo essermi innamorato dell'A3 Sportback (versione 8P post 2008), ma non trovando ciò che cercavo,ho avuto la fortuna di imbattermi nella mia attuale vettura (una "Das Welt Auto") con meno di un anno di vita, 25000km ed un prezzo "giusto".
Gli interni
La prima cosa che m'ha colpito positivamente è stato il cruscotto (anche se nella sola parte alta) in "soft touch". Ben fatto e della giusta misura (almeno per le mie mani) il volante: ad oggi (ho da poco superato i 90mila km) la pelle è rimasta bella, non s'è consumata e/o diventata liscia; lo stesso dicasi per i tasti che sono, e funzionano, come appena presa l'auto. Semplice ed intuitivo il sistema di climatizzazione che tra l'altro funziona bene oltre ad esser comandabile dall'infotainment. Quest'ultimo, seppur privo di navigatore e nel formato da 5,8" a colori, è facile da usare (visto anche la presenza di tasti fisici ai lati), si collega benissimo, tramite bluetooth, sia con smartphone con os iOS che con os Android. Sfortunatamente, però, si inizia a notare l'utilizzo della più comune plastica rigida che compone la parte bassa del cruscotto ed il tunnel centrale che innesca qualche scricchiolio di troppo. Ottimo, invece, il poggiabraccio centrale in pelle, regolabile in lunghezza che cela, una volta aperto, un piccolo ma utile vano (uno smartphone ed un portamonete ci stanno senza problemi). Altro utile spazio lo si trova sotto i sedili anteriori con due utili vani dalla buona capienza; buona la capienza delle tasche delle portiere anteriori, scarsa, invece, quelle delle portiere posteriori. Ben fatti i sedili: il tessuto resiste molto bene, così come l'imbottitura (dopo 90mila km non s'è ancora sformata), solo i poggiatesta li trovo scomodi (manca la regolazione dell'inclinazione). Comodo (per 2 persone) il divano posteriore anche se la mancaza del poggiabraccio centrale è una grossa lacuna (per quanto mi riguarda). Buona la fattura di tutti i comandi, tasti e leve presenti nella vettura che non presentano segni di usura. Scomodo il sistema di accensione dei fendinebbia e retronebbia.
Alla guida
Inutile dire che sono partito prevenuto su tale vettura, soprattutto per il discorso potenza (normale, credo, dopo 5 anni di Escort Cosworth con ca. 300cv ed una coppia da diesel biturbo). Ma, a dispetto di cilindrata e potenza, ne sono rimasto entusiasta, soprattutto per come viene erogata la coppia. Ottimo il comportamento in strada: trovo lo sterzo preciso e molto diretto, non si scompone nelle frenate più brusche; ha un ottimo comfort nonostante al posteriore non siano presenti le sospensioni indipendenti (presenti invece sul diesel da 2litri). Solo se forzato, il posteriore tende al sovrasterzo senza, però, diventare mai pericoloso. Forse con una gommatura più generosa (225/45 R17) rispetto a quella di serie (205/55 R16) andrebbe a scomparire l'effetto "sculettamento" ad andature forzate col rovescio della medaglia di sacrificare un poco il comfort. Freni sempre all'altezza della situazione. La rapportatura del cambio (5 marce) è un po' troppo lunga e rivolta più alla riduzione dei consumi che alla prestazione (un 6 marce sarebbe stato più consono), ma fa trotterellare la vettura a 110km/h a soli 2200 g/min. Buono, invece, l'impianto di illuminazione (con i fendinebbia con funzione cornering) pur non avendo i fari full led. Utile il sensore luce/pioggia; indispensabili i sensori di parcheggio posteriori, vista la scarsa visibilità data dai grossi montati che fanno da cornice al lunotto.
La comprerei o ricomprerei?
Sì, ricomprerei la Leon, però nella versione FR diesel da 2litri da 184cv.
Seat Leon 1.6 TDI CR 105 CV Style
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
1
1
4
1
1
VOTO MEDIO
3,0
3
8
Aggiungi un commento
Ritratto di studio75
16 marzo 2016 - 10:50
5
aspetti positivi nel modello che hai scelto ce li vedo solo nell'abitabilità e nei consumi oltre, sicuramente, nel prezzo pagato. Per un prossimo acquisto con la 184cv e fari full Led (magari anche cambio Dsg con palette al volante) potrai verificare le sostanziali differenze.
Ritratto di Karl_88
16 marzo 2016 - 23:29
Ti confermo gli ottimi consumi della vettura (da me non citati nella prova -in media tra i 18-19km/l-)...Per il prossimo acquisto, sarei indirizzato più verso l'Octavia Wagon Rs rispetto a ciò che ho scritto...Ma anche altre wagon mi ingolosiscono (prima fra tutte la Mazda 6 da 175cv)...
listino
Le Seat
  • Seat Alhambra
    Seat Alhambra
    da € 41.500 a € 42.700
  • Seat Tarraco
    Seat Tarraco
    da € 29.975 a € 43.790
  • Seat Arona
    Seat Arona
    da € 17.300 a € 25.200
  • Seat Ateca
    Seat Ateca
    da € 24.020 a € 32.320
  • Seat Leon ST
    Seat Leon ST
    da € 22.645 a € 40.050

LE SEAT PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE SEAT

  • Già ordinabile, la Seat Tarraco è la prima suv a 7 posti della casa spagnola. È ben fatta, completa nell’equipaggiamento e confortevole. Fruscii a parte. Qui per saperne di più.

  • La casa spagnola punta sulla connessione dati 5G e mostra un prototipo in grado di “parlare” con i semafori. Qui per saperne di più.

  • Seat punta da anni ai giovani e infatti fra gli highlight dei nuovi modelli ci sono connettività e freschezza delle forme: ne parliamo al Salone di Parigi con Pierantonio Vianello, direttore brand Seat Italia.