Seat Leon 1.9 TDI Style

Pubblicato il 28 settembre 2010
Qualità prezzo
5
Dotazione
3
Posizione di guida
5
Cruscotto
4
Visibilità
4
Confort
4
Motore
5
Ripresa
5
Cambio
4
Frenata
5
Sterzo
4
Tenuta strada
5
Media:
4.4166666666667
Perché l'ho comprata o provata
Ho comprato la mia Seat Leon 1.9 TDI Stylance affascinato dalla linea, e dal fatto che fosse basata sulla collaudata piattaforma di casa Volkswagen condivisa con la Golf e l'Audi A3. Avevo gia' notato il prototipo "Salsa", che De Silva aveva di segnato e presentato come capostipite della nuova generazione Seat, e trovo che la Leon sia un ottimo risultato di quella concept car.
Gli interni
Gli interni della Leon, se amate la guida sportiva, sono sicuramente affascinanti, in special modo se montate il pack opzionale comprendente sedili sportivi e assetto ribassato (e cerchi da 17 pollici). La posizione di guida e' decisamente bassa, il volante quasi verticale ed il tunnel centrale offre un buon supporto alla corta leva del cambio. Attraverso il volante inquadrerete la strumentazione, con il contagiri che prevale, in posizione centrale, sul contachilometri posto sul lato destro. Anche la posizione dei numeri e' tipica delle auto sportive, con lo zero degli indicatori posto in posizione verticale (ad ore 6.00) per rendere piu' leggibili le lancette nelle posizioni piu' "elevate", quando la velocita' ed il numero di giri salgono... Completa la strumentazione l'indicatore del carburante e dalla temperatura dell'acqua (ormai una rarita' anche se, per fortuna, fin'ora abbastanza inutile: si stabilizza sui 90° e da li' non si smuove piu'...), ed al centro l'ampio display del computer di bordo della versione Stylance. Nell'insieme un ottimo abitacolo, posizione di guida sportiva e tutti i comandi illuminati e dislocati con criteri ergonomici. Guarnizioni porte di ottima qualita', e nascoste alla vista dall'interno attraverso un attento studio dei rivestimenti dell'abitacolo. La cura nell'assemblaggio e' tutta tedesca, e lo stesso posso dire per il "suono" di chiusura delle porte: un bel "clock" soffice che fa molto "teutonico". L'unico appunto lo muoverei alla qualita' delle plastiche della console centrale, di aspetto un po' troppo economico. La plancia invece e' rivestita in materiale morbido con trama ad "effetto fibra di carbonio".
Alla guida
La guida della Leon riserva le sorprese maggiori: motore e telaio sono veramente notevoli. Nonostante gli apparentemente pochi 105 cv del 1.9 TDI, questo motore spinge sempre: sempre pronto a salire di giri, rapido nella risposta al pedale dell'acceleratore, in ripresa e' uno spettacolo. Provate a mettervi a 1000 giri in quinta, col motore praticamente al minimo, e schiacciate l'acceleratore a fondo: senza nessun sobbalzo iniziera' una progressione che vi portera' fin dove vorrete. L'accelerazione e' buona, i 160 Km/h sono a portata di mano in breve tempo, oltre la progressione continua ma rallenta: sinceramente non l'ho mai spinta al massimo, ma vi garantisco che a 160 km/h se schiacciate a fondo sentirete ancora una bella spinta in avanti; ad occhio direi che i 200 km/h di tachimetro sono a portata di mano. Per chiudere con il motore, aggiungo che e' in grado di reggere al minimo la terza marcia (intendo proprio sollevando il piede dal gas) all'infinito, e il consumo reale varia tra i 20 km/l con una guida normale, ed i 17 km/l di una guida sportiva. In una parola la quadratura del cerchio: una guida brillante, grande spinta e consumi davvero bassi in rapporto alle prestazioni. Mi e' capitato di guidare altri turbodiesel da 105 cv (Fiat, Opel), e devo dire che a confronto il mio 1.9 TDI per prontezza sembra avere il doppio dei cavalli (se poi guardiamo anche la ripresa, non c'e' proprio storia). Il telaio e' un altro pezzo forte: con l'assetto sportivo ed i cerchi da 17 pollici il comportamento su strada e' molto sportivo, ma non per questo affaticante nei lunghi viaggi. In curva la Leon resta molto piatta e lo stesso in frenata, mentre lo sterzo trasmette i cambi di direzione in maniera rapidissima. Arrivare su strada aperta al traffico ai limiti della Leon non e' assolutamente facile a meno di non viaggiare a velocita' decisamente folli; tutto cio' emerge ancora piu' chiaramente in eventuali situazioni di emergenza su fondi a bassa aderenza. Mi sono capitate un paio di queste sitazioni: un improvviso sinistra-destra ad un incrocio sotto la pioggia su strada fangosa piena di brecciolino, ed una frenata violenta con due ruote sull'asfalto e due su erba-ghiaia. Ebbene in entrambe le situazioni la Leon ha viaggiato come su un binario senza mai scomporsi minimamente. A tutto cio' aggiungete anche un raggio di manovra in parcheggio strettissimo (la mia Yaris da fermo gira piu' larga!). Se devo trovare un difetto alla guida, direi che si avverte un po' troppo la rumorosita' di rotolamento degli pneumatici, specie se ormai hanno raggiunto qualche anno di vita di troppo (non la rumorosita' del motore, del quale quel poco che si percepisce arriva con un rauco tono sportivo, nonostante qualcuno dica che un diesel non possa averlo...)
La comprerei o ricomprerei?
A quattro anni di distanza dall'acquisto ricomprerei la mia Leon ad occhi chiusi. Grandi prestazioni (si parla di un 105 cv che tiene testa tranquillamente ai vari multijet da 120 cv) e consumi irrisori, da "scooterone". Accuratezza negli assemblaggi, razionalita' e qualita' tedesca (con solo qualche differenza nella qualita' di alcuni materiali). Prezzo, per fortuna, non da tedesca ;-), Potendo, magari prenderei la Cupra... ma visti i consumi di questa... tornerei presto alla mia versione! Ciao!
Seat Leon 1.9 TDI Style
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
0
0
0
0
1
VOTO MEDIO
1,0
1
1
Aggiungi un commento
Ritratto di Domenico79
7 ottobre 2010 - 00:00
1
il 105 multijet della fiat ha solo il doppio della coppia motrice del 1.9 tdi 105cv e tra l'altro e pure 1,6...come fai a dire che e meno forte in ripresa e consuma dipiu della tua leon???vatti a fare un giro su una bravo 1,6 105 o 120 e poi fammi sapere...
Ritratto di maricord
7 ottobre 2010 - 12:25
Ho avuto modo di guidare una Fiat Bravo 1.6 105 cv turbodiesel aziendale. Di seguito quello che ho riscontrato. PRONTEZZA: La risposta al gas del motore Fiat e' molto meno reattiva, sia in movimento che anche solo accelerando in folle. EROGAZIONE: Guidando e utilizzando il motore Fiat a parita' di arco di giri rispetto al TDI Seat (cioe' dal minimo fino a 2000 giri) il motore Fiat e' quasi fermo mentre il TDI schizza via. Il motore Fiat ha bisogno di superare i 2000 giri per svegliarsi mentre il TDI Seat e' immediatamente pronto fin sopra il minimo, e quando entra il turbo intorno ai 2000 giri e' un'ulteriore spinta in avanti, non e' l'inizio del risveglio come per il motore Fiat. RIPRESA: Il motore Fiat se viaggi a 60 km/h in quinta marcia e affondi il gas non succede nulla, a parte qualche incertezza: c'e' bisogno di scalare almeno in quarta. Il motore Seat TDI, a parita' di velocita' in quinta, schiacciando il gas inizia subito a salire, prima piano e poi sempre piu' forte, non serve scalare marcia anche a poco piu' di 1000 giri. ALLUNGO: Il motore Fiat fa "muro" di colpo intorno ai 4000 giri; Il TDI allunga progressivamente fino a 4500. CONSUMI: non verificati. In breve: quando ho riconsegnato la Fiat Bravo 1.6 Multijet 105 cv e sono tornato sulla mia Seat Leon TDI 105 cv mi e' sembrato di passare da un'utilitaria ad una sportiva. Senza offesa per la Fiat.
Ritratto di leonegro
7 ottobre 2010 - 11:20
concordo pienamente sui dettagli esposti da maricord. Io ho acquistato la macchina (identica a quella in foto su) usata di due anni, una 1.9 tdi 105cv stylance con lo sport pack e non posso lamentarmi. E' comoda e riccamente equipaggiata ma devo dire che consuma qualcosina in piu' di 17 km/l. Quanto a PRESTAZIONI la prima e la seconda marcia hanno una progressione da paura considerata la "cavalleria" modesta a disposizione e ritengo che la ripresa sia all'altezza dei vari 110, 115 e talvolta 120cv td che montano altre case nello stesso segmento. Ciao!
Ritratto di maricord
7 ottobre 2010 - 12:31
Sono d'accordo con te. A mio parere e' un peccato che, ormai, si sia praticamente abbandonato il sistema iniettori/pompa dei TDI per convertirsi al common rail (necessario per l'EURO 5). I motori TDI iniettori/pompa hanno veramente un redimento eccellente, tra consumi, prestazioni e qualita' dell'erogazione. Ciao
Ritratto di ImAlphaMan
7 ottobre 2010 - 16:45
sei troppo innamorato della tua macchinetta...
Ritratto di maricord
8 ottobre 2010 - 15:28
Assolutamente vero!!!
Ritratto di Den81
17 settembre 2011 - 15:26
Non so tu cosa possieda,ma questa è una Signora Macchina nel suo segmento....
Ritratto di Domenico79
7 ottobre 2010 - 18:06
1
Bisogna essere imparziali quando si fanno i commenti!!!il tuo motore spinge dal minimo fino a 4.500 e cos'e'?un benzina??? poi il fiat che ha un arco piu ampio(caratteristica di un mjt che assomiglia piu ad un benzina per come e stato studiatoe realizzato) lavora solo da 2.000 a 4.000...ma che dici??? svegliati che il tuo motore e ancora di vecchia concezione...1.9 105...non e paragonabile a un 1.6 di nuova generazione...io prima di acquistare la bravo ho provato il 1.6 tdi...della nuova leon sembrava di camminare con il condizionatore acceso... Ps:un 1.9 non lo puoi paragonare a un 1.6 cmq!!!
Ritratto di maricord
8 ottobre 2010 - 15:27
Da quando in qua un motore benzina riesce a reggere il minimo (gas sollevato) con la terza inserita? Sembri convinto che un motore a benzina debba avere un tiro ai bassi regimi paragonabile ad un diesel di pari cilindrata e frazionamento... se parliamo di allungo e accelerazione, evviva il benzina, ma per il resto ti consiglio di rivedere le tue nozioni motoristiche ;-) Ribadisco che, dopo averla guidata per piu' di un'ora su percorso urbano ed extraurbano, la Bravo 1.6 105cv multijet ha prestazioni inferiori al Seat 1.9 TDI 105cv, che e' piu' scattante e reattivo. Simile anche la penultima Opel Astra 1.7 CDI 101 cv, con motore Isuzu (provata per tre giorni): sebbene, a mio parere, piu' gradevole del 1.6 Fiat, anche questo motore al di sotto dei 2000 giri soffoca e addirittura puo' spegnersi se si affonda il gas ancora prima dei 2000 giri. Tornando ai multijet gruppo Fiat, mi e' capitato piu' di una volta di fare qualche tirata con delle Alfa 147 1.9 115cv Multijet, e le prestazioni erano assolutamente simili, ne' io staccavo l'Alfa ne' l'Alfa staccava me. Forse sara' perche' quando la Volkswagen dichiara 105cv al banco ce ne sono almeno 115cv... A proposito di Alfa 147, secondo Quattroruote, insieme alla Seat Leon sono due tra le auto della loro categoria in grado sopportare piu' G in curva ;-))
Ritratto di Den81
17 settembre 2011 - 15:25
Io direi che prima di parlare sarebbe meglio provare,anche perchè oggi non contan più tanto i cv,ma la coppia...e più la coppia è bassa è più il motore raggiunge prestazioni alte;non c'è paragone tra MJT e TDI della VW!Bisogna essere obietttivi...
Pagine
listino
Le Seat
  • Seat Ateca
    Seat Ateca
    da € 24.020 a € 32.320
  • Seat Leon ST
    Seat Leon ST
    da € 22.645 a € 27.545
  • Seat Leon
    Seat Leon
    da € 21.895 a € 37.445
  • Seat Ibiza
    Seat Ibiza
    da € 16.020 a € 21.820
  • Seat Mii
    Seat Mii
    da € 11.000 a € 13.250

LE SEAT PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE SEAT

  • La casa spagnola punta sulla connessione dati 5G e mostra un prototipo in grado di “parlare” con i semafori. Qui per saperne di più.

  • Seat punta da anni ai giovani e infatti fra gli highlight dei nuovi modelli ci sono connettività e freschezza delle forme: ne parliamo al Salone di Parigi con Pierantonio Vianello, direttore brand Seat Italia.

  • La Seat debutta fra le grandi suv con la Tarraco. Lunga 474 centimetri, punta sulla semplicità di linee che esprimono un certo dinamismo.