CITROEN XSARA PICASSO 2008 2.0 16 V 138 CV CAMBIO MECCANICO

Pubblicato il 31 luglio 2016

Listino prezzi Citroën Xsara Picasso non disponibile

Ritratto di davitonin
alVolante di una
Fiat Multipla 1.6 16V bipower SX
Citroën Xsara Picasso
Qualità prezzo
5
Dotazione
3
Posizione di guida
4
Cruscotto
4
Visibilità
5
Confort
5
Motore
4
Ripresa
3
Cambio
4
Frenata
3
Sterzo
3
Tenuta strada
4
Media:
3.9166666666667
Perché l'ho comprata o provata
Dopo della C3 AIRCROSS, ho cambiato temporaneamente con mio cognato per trasferirmi all'interno del paese, così la PICASSO era più adeguata alle mie esigenze semi urbane.
Gli interni
Premetto che secondo il mio giudizio, la Xsara Picasso e la successiva C4 Picasso, sono le monovolume più confortevoli, stilose e versatili che conosca, quindi la mia era una versione intermediaria ma molto bene allestita, con sedili multi regolabili muniti di poggia braccio indipendenti (in altezza, inclinazione schienale, distanza e lombare) e lo sterzo in pelle, e la leva del cambio, di posizione rialzata, con particolare in alluminio; la plancia era molto ampia, con pianale lunghissimo, ottima visuale, grazie all’inclinazione del parabrezza; il cruscotto era incastonato centralmente sotto una palpebra ben pronunciata, totalmente digitale, di buona lettura, offrendo diverse intensità di illuminazione; la strumentazione di base era presente (temperatura del liquido do raffreddamento del motore e livello di carburante in scala digitale di illuminazione verde), e il conta chilometri numerico con caratteri ab enormi; a destra erano illustrate altre informazioni come blocco delle portiere (regolato per la chiusura automatica a 10 Km/h), blocco delle portiere posteriori anti bambini, modalità di ascolto della radio (CD / Radio), ovviamente orologio, conta chilometri totale/parziale, temperatura esterna, info di servizio, alcuni pulsanti alle estremità per regolare intensità di illuminazione del cruscotto, ora, ecc., e le spie nella parte superiore della palpebra. Il volante regolabile in altezza, ma collocato in modo ribassato, era molto confortevole e rilassante, principalmente nei lunghi spostamenti; la console iniziava già nelle due bocchette centrali di areazione, sotto il pulsante delle frecce di emergenza (o hazard se preferite); aveva una cornice a forma di goccia rovesciata, con finitura alluminizzata, pulsante sinistro per la chiusura forzata della portiere, e destro per il blocco dei finestrini; centralmente erano collocate le manopole dei comandi del clima manuale, e i pulsanti del ricircolo, flusso, intensità della ventola, temperatura e sbrinatore lunotto; sotto viene la radio con lettore CD MP3, abbinati alla buona qualità degli altoparlanti; sotto era posizionata la leva del cambio rialzata, molto comoda, ma, attenzione, i pulsanti degli alza cristalli erano posizionati centralmente nella console, su la leva del cambio; nella parte sottostante traviamo il posa cenere e accende sigari, e il porta oggetti molto ampio. A sinistra del volante erano raggruppati i controlli della regolazione degli specchietti esterni e della altezza dei fari, nonché la bocchetta dell’aria; davanti al passeggero anteriore, c’è altro porta oggetti generoso. un’altra nicchia era la seconda ventola del clima collocato subito dietro della leva del freno a mano (dove trovavano posto anche i pulsanti degli alza cristalli posteriori, raggiungibili anche dagli occupanti anteriori) con tre velocità della ventola per gli occupanti delle poltrone posteriori, si, erano ben tre poltroncine indipendenti, molto confortevoli; quella centrale aveva la parte posteriore dello schienale in plastica, adatto per ospitare un tablet, un portatile o qualsiasi altra cosa si volesse appoggiare. Dietro gli schienali anteriori, troviamo due vassoi porta merenda o giocatoli, in somma, comfort e praticità di altissimo livello; lo spazio in larghezza, altezza e per le gambe sicuramente non mancavano por ospitare comodamente anche 3 adulti. All'occorrenza, disponeva anche dei pozzetti sotto i piedi. Il bagagliaio di tutto rispetto, foderato con moquette di ottima qualità, ha una capienza di 550 l, ma si possono ottenere innumerevoli combinazioni di carico, con le poltrone che si piegano indipendentemente, però, con le poltrone totalmente abbattute, arriva a 1969 l.
Alla guida
Siccome l'anno di fabbricazione del veicolo era il 2008, l'alimentazione disponibile per quello modello in Brasile, del 2.0 16V, era soltanto a benzina, con 138 CV. Un propulsore molto elastico e costante, non era un fulmine nelle partenze ma nelle andature di lunga percorrenza era instancabile anche a pieno carico; la posizione di guida si trova facilmente con le pluri regolazioni disponibili; già nel momento dell’apertura della portiera, si nota la generosità di spazio che offre questa monovolume di altezza più che sufficiente per una accomodazione più che confortevole, abbinata all’immensa area vetrata, si ha quasi l’impressione guidare all’aperto, tanto è ampia la visibilità dall’abitacolo; il lunotto è abbastanza ampio, proporzionando delle manovre con molta tranquillità; il volante molto ben posizionato e preciso, la leva del cambio in posizione rialzata, i braccioli indipendenti dei sedili e la posizione azzeccata dei pedali, con il pedale della frizione di cortissima escursione e leggerezza, proporzionavano una esperienza di guida suprema, molto rilassata e confortevole, senza avere la pretesa di fare delle competizioni, ma è un veicolo destinato a guide prevalentemente rilassate e pacifiche, senza però sentire in alcun momento la necessità di potenza supplementare. nella guida urbana dimostrava essere docile ma in autostrada era disponibile per i sorpassi occorrenti, senza troppa fatica. Per quanto riguarda i freni, erano più che sufficienti per la portata del veicolo, in nessun momento dimostravano di non essere all'altezza delle mansioni affidatele. L’unica nota dolente, per quanto riguarda i componenti elettronici, è stata una avaria nell’alimentazione elettrica della pompa del carburante, originata da un guasto in uno dei componenti della centralina, chiamata modulo BS3, dove la sostituzione del singolo componente non è con è contemplata, e si è dovuto sostituire tutto il modulo, implicando una spesa di valore considerevole.
La comprerei o ricomprerei?
Sicuramente si, non appena possibile, intendo ripetere questa splendida esperienza che mi ha proporzionato questa fantastica vettura.
Citroën Xsara Picasso 2.0 16V aut. Elegance
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
1
1
2
1
1
VOTO MEDIO
3,0
3
6
Aggiungi un commento
Ritratto di IloveDR
3 agosto 2016 - 18:05
4
ma tu abiti in Brasile?
Ritratto di davitonin
3 agosto 2016 - 19:07
1
Sono stato fino a marzo, ora sono di nuovo ad Aosta
Ritratto di cris25
4 agosto 2016 - 18:09
1
Auto dalla linea particolare, sicuramente è invecchiata bene rispetto ad altre sue concorrenti della stessa epoca; certo per quanto riguarda le finiture e la qualità in generale la successiva C4 picasso era stata nettamente migliorata. Cmq di Xsara Picasso ne vedo ancora parecchie in giro, alcune utilizzate anche dai tassisti, quindi deduco che sia un'auto affidabile e confortevole... La prova mi piace, saluti...
Ritratto di davitonin
4 agosto 2016 - 18:18
1
;)
Ritratto di Vespa Primavera
5 agosto 2016 - 11:27
Conosco bene la Xara Picasso, certo non con questa motorizzazione...
Ritratto di davitonin
5 agosto 2016 - 11:42
1
sì, è molto elastico e i consumi sono abbastanza contenuti, in città farà media 9/10 Km/l, nel misto arriverà a fare anche 16 Km/l, con piede leggero.
Ritratto di tody
10 agosto 2016 - 18:26
2
Ciao ottima prova e buona monovolume. Volevo anche avvisarti che ti ho lasciato una domanda nella mia prova che hai commentato.
Ritratto di davitonin
11 agosto 2016 - 11:47
1
ok
Ritratto di niko91
12 agosto 2016 - 17:59
Ho la stessa auto e dalla prova ho dedotto che la versione brasiliana aveva alcune differenze, come per esempio la presenza di un mobiletto centrale con i comandi per passeggeri posteriori. Anche il frontale è leggermente diverso. Lo stesso motore in Europa era abbinato al cambio automatico di vecchia generazione con sole 4 marce. Condivido tutti i commenti positivi sulla macchina.
Ritratto di davitonin
12 agosto 2016 - 18:34
1
Infatti, nel tunnel (mobiletto) centrale, dietro la leva del freno a mano, erano posizionati sia la manopola del clima dedicato ai passeggeri posteriori, e i pulsanti per i comandi degli alza cristalli posteriori. appena possibile cercherò di prendere qualcuna di occasione, sia diesel che GPL.
Pagine
listino
Le Citroën
  • Citroën Grand C4 SpaceTourer
    Citroën Grand C4 SpaceTourer
    da € 27.050 a € 37.000
  • Citroën C5 Aircross
    Citroën C5 Aircross
    da € 25.700 a € 36.700
  • Citroën C-Zero
    Citroën C-Zero
    da € 30.740 a € 30.740
  • Citroën C3 Aircross
    Citroën C3 Aircross
    da € 15.700 a € 24.600
  • Citroën E-Mehari
    Citroën E-Mehari
    da € 27.300 a € 28.200

LE CITROëN PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE CITROëN

  • Con la C5 Aircross anche la Citroen avrà la sua crossover media. Lunga quattro metri e mezzo, ha forme personali, specie nel frontale.

  • Rimasta in produzione ben 42 anni, la Citroën 2CV ha attraversato il secolo scorso caratterizzandone la storia automobilistica. Ne sono state prodotte oltre 5 milioni. Qui per saperne di più.

  • Si può già ordinare, ma le consegne della nuova Citroën Berlingo inizieranno a settembre 2018: 26 le versioni in gamma, con prezzi da 20.450 euro. Qui per saperne di più.