Pubblicato il 18 marzo 2011

Listino prezzi Fiat Punto Evo non disponibile

Qualità prezzo
5
Dotazione
5
Posizione di guida
4
Cruscotto
4
Visibilità
4
Confort
4
Motore
4
Ripresa
3
Cambio
5
Frenata
3
Sterzo
4
Tenuta strada
5
Media:
4.1666666666667
Perché l'ho comprata o provata
Dopo cinque anni passati con la mia Panda 1.2 Dualogic, era arrivato il momento del fatidico cambio macchina. Girando fra tanti concessionari, alla ricerca di una piccola a cambio automatico che fosse un giusto connubio fra brillantezza ed economia, alla fine ho scelto la Punto Evo. Ero partito prevenuto, pensando che tale macchina non fosse all’altezza delle mie aspettative, ma guardandola bene da vicino, mi ha stupito il grande passo in avanti fatto dalla casa Fiat. Sedili avvolgenti, dettagli ben rifiniti, plastiche piacevoli al tatto ed un allestimento molto intrigante come lo Sport alla fine mi hanno fatto convinto. Anche perché nella fascia dei 20000€ di prezzo di listino nessun’altra casa mi ha fatto uno sconto superiore. La macchina l’ho portata infatti a casa firmando un contratto di 13300€ aggiungendo qualche optional che mi intrigava.
Gli interni
Non appena si apre la portiera molto voluminosa di questa piccola a 3 porte, non si può non notare la grande attenzione che è stata fatta per la realizzazione degli interni. Il volante in pelle, profilato per un appoggio ottimale della mano su di esso, arricchito con cuciture bianche a vista, è molto piacevole al tatto, con i comandi per la radio chiaramente visibili e le palette del cambio robotizzato Dualogic facilmente raggiungibili e molto pratici. È piacevole inoltre che il tutto, segni + e – del cambio inclusi, siano illuminati con una luce ambrata soffusa. Il cruscotto come già detto stupisce per il notevole passo in avanti fatto in termini di qualità. I rivestimenti intermedi, in gomma morbida traforata, sono piacevoli al tatto e alla vista. La parte superiore e inferiore, pur essendo realizzata in una maniera ottimale, fa notare ad un occhio più attento la scarsità della qualità della plastica utilizzata. L’assemblaggio complessivo nonostante tutto rimane gradevole e delle plastiche lucide e piacevoli al tatto con bocchette dell’aerazione ben strutturate e ben rifinite rendono l’abitacolo superiore alla norma. La strumentazione è chiara e ben leggibile, retroilluminata di luce ambrata e ben protetta dai colpi di luce. Elemento molto accattivante è l’Ambient Light, una luce soffusa che parte dal centro del cruscotto e dalle maniglie delle porte per creare un’effetto molto piacevole. Inoltre l’allestimento Sport comprende dettagli in plastiche lucide verniciate di bianco iridescente che crea un’immagine ancora più sportiva nel suo complesso. Il portaoggetti, pur essendo illuminato e refrigerato, delude in termini di spazio, rimanendo anche poco pratico per via della sua strutturazione. Questo elemento però è controbilanciato dalla presenza di numerosissimi portaoggetti e di ben 5 portalattine. I sedili di questa Punto Evo Sport sono veramente di ottima fattura, con spugne non troppo morbide e un contenimento del corpo in curva notevole. Il sedile lato guida è facilmente regolabile sia in altezza che in profondità mentre a quello del passeggero manca la regolazione in altezza (optional). L’abitabilità posteriore inoltre stupisce per le dimensioni della macchina. Si viaggia comodamente anche in cinque persone senza che il tunnel centrale sia di grande ingombro. Il tutto è rifinito inoltre con cuciture bianche che seguono lo stile di quelle sul volante. Elemento di grande impatto scenico su questa piccola vettura è sicuramente lo Skydome, il tetto in cristallo che offre una vista verso il cielo anche per i passeggeri che stanno dietro. La parte anteriore inoltre è completamente apribile elettricamente, lasciando una vista en plen air che emoziona. La visibilità invece è buona anteriormente , ma pecca per le retromarce in quanto il lunotto posteriore non offre un’ottima visuale, soprattutto per gli ostacoli più bassi. Si consigliano infatti i sensori di parcheggio (optional un po’ troppo caro per la categoria). Infine il baule è nella norma della categoria e permette di caricare anche le valigie per 5 persone. Pecca però di un’altezza non indifferente della soglia di carico e di una notevole profondità del bagagliaio.
Alla guida
Una volta acceso il motore, si nota subito una grande silenziosità di questo piccolo multijet di seconda generazione. Ai minimi infatti l’abitacolo è molto silenzioso. La cosa cambia invece quando si è in marcia. Dopo i 70 km/h i fruscii creati dagli specchietti iniziano a diventare fastidiosi e superati i 150 km/h l’abitacolo inizia a diventare molto rumoroso anche per la voce del piccolo 1.3. Alla guida, questa vettura è molto piacevole raggiungendo un ottimo equilibrio fra sportività e comfort. Il motore infatti spinge bene a partire dai 2000 giri al min. e non mostra segni di perdita di potenza fino ai 4000, 4100 giri al min. I 95 cavalli si fanno sentire e permettono una briosità alla guida che da molte soddisfazioni anche per chi ha qualche prurito sportivo. Anche il cambio robotizzato a 6 marce offre una sensazione di notevole sportività per la presenza delle palette sul volante che, superati i 3200 giri/min offrono cambiate molto veloci, con innesti dei rapporti accurati e decisi. E quando si guida impostato sull’automatico vi sono 2 programmi. Il normale permette una guida briosa con cambiate sugli alti e scalate molto repentine, mentre il programma Eco effettua cambiate anticipate e scalate tardive per un risparmio di carburante. In termini di risparmio di carburante è da apprezzare lo Start & Stop che ad ogni semaforo spegne la macchina. Complessivamente con una guida vivace si consuma una media di 16 km/l. L’assetto e i cerchi da 17” creano una sensazione di controllo del mezzo notevole, pur esagerando fra le curve. L’Esp e l’Asr (controllo di trazione) inoltre correggono le nostre esuberanze con l’acceleratore e lo sterzo rendendo anche la guida più vivace molto sicura correggendo sottosterzi e sovrasterzi. Allo stesso tempo filtrano bene buche e dossi ma senza esagerazioni in quanto i cerchi da 17 si fanno sentire. Anche lo sterzo è abbastanza ben tarato. Sulle basse velocità infatti è morbidissimo permettendo manovre complesse con movimenti molto agevoli e non appena si aumenta di velocità si irrigidisce dando un’ottima risposta sulle mani. Il passaggio da questa morbidezza alla rigidità però non è molto fluida.
La comprerei o ricomprerei?
Molto probabilmente sì in quanto è un giusto compromesso fra sportività ed economia di gestione. Ma mi sarebbe piaciuto la disponibilità di questo cambio, ottimo a mio parere pur essendo un automatico, sul 1.6 multijet da 120 cv, che avrebbe enfatizzato l’anima sportiva di questa macchina, come sulla Fiat Bravo.
Fiat Punto Evo 1.3 Multijet 16V 95 CV Sport 3p S&S DPF Dualogic
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
0
0
0
1
0
VOTO MEDIO
2,0
2
1
Aggiungi un commento
Ritratto di Claus90
22 marzo 2011 - 21:26
La punto evo sport non è malvagia il piccolo 1.3 deve essere un po brioso anche se monta i cerchi da 17 poi hai avuto un super sconto da record secondo me hai raggiunto questa soglia perchè gli hai dato anche la panda indietro.
Ritratto di Blisard87
24 marzo 2011 - 12:23
3
In quanto uso l'agevolazione della legge 104 che fa l'IVA al 4% e non al 20%. e la fiat è la casa costruttrice che oltre all'iva al 4% che ti da per legge, ti fa anche uno sconto ulteriore del 20% sul prezzo di listino!!! io ridando indietro la mia Panda 1.2, valutata 3000€, ho firmato il contratto a 10300€.
Ritratto di negus
22 marzo 2011 - 19:43
anche se credo sia dovuto alla permuta dell'usato ed al fatto che questa auto sta vendendo meno di quello che si erano preventivati in Fiat. Per il resto la punto rimane una utilitaria economica, per carità! complimenti alla tua auto, ma se la inserisci nella categoria delle auto sportive il confronto rimane comunque deludente. Io stesso posseggo una Punto Evo, dynamic e non la ritengo così EVOluta...
Ritratto di fogliato giancarlo
26 marzo 2011 - 03:52
Il commento è stato rimosso perché l'utente è stato disattivato per violazione della policy del sito. La redazione.
Ritratto di mike1polo
23 marzo 2011 - 07:29
Bella prova. Ottimo il prezzo a cui l'hai presa, praticamente una full-optional!
Ritratto di Blisard87
24 marzo 2011 - 12:25
3
Volevo mettere anche i sedili in pelle e il clima bizona... ma sarebbe salita di 1500€ di listino... Mi sono limitato al bracciolo, allo skydome, ai cerchi da 17 bruniti, ai specchietti verniciati nero metallizzato e ai sedili con poggiatesta anticolpo di frusta...
Ritratto di lollo76
23 marzo 2011 - 10:03
1
non e' per mandartela ma da un cambio automatico della fiat c'e' da aspetarsi piu' dolori che gioie...........
Ritratto di querelle61
23 marzo 2011 - 18:20
ma no, dai.....se fosse un cambio nuovo appena uscito, sarei d'accordo con te, ma ormai sono anni e annorum che esiste il cambio dualogic, ormai è collaudato....
Ritratto di Blisard87
24 marzo 2011 - 12:27
3
Con la panda a 120000 km il cambio era ko... infatti l'ho dovuto far rettificare e cambiare la frizione. Ma è stata molto anche colpa mia che facevo il tirone con cambiate sempre al palo... su questa per evitare eventuali problemi ho allungato la garanzia a 5 anni...
Ritratto di alfamito82
23 marzo 2011 - 15:00
Bella prova molto dettagliata sono d'accordo con te sulla qualità delle plastiche che definirei PESSIME come daltronde quelle della 500.
Pagine
listino
Le Fiat
  • Fiat 124 Spider
    Fiat 124 Spider
    da € 28.040 a € 32.340
  • Fiat Tipo 5 porte
    Fiat Tipo 5 porte
    da € 16.050 a € 25.050
  • Fiat 500X
    Fiat 500X
    da € 19.250 a € 31.000
  • Fiat Qubo
    Fiat Qubo
    da € 14.500 a € 21.250
  • Fiat 500L Wagon
    Fiat 500L Wagon
    da € 19.050 a € 25.600

LE FIAT PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE FIAT

  • In vendita da quattro anni, la Fiat 500X si rinnova e cambia in pochi dettagli all'esterno. Ma ci sono nuovi motori e tecnologie. Qui per saperne di più.

  • Fiat 500 Spiaggina ‘58 by Garage Italia: l'intervista a Lapo Elkann, che l’ha voluta fortemente.

  • Realizzata in 1958 esemplari, la serie speciale Fiat 500 Spiaggina ‘58 ha un look vintage e richiama l’utilitaria da “spiaggia” Jolly Spiaggina. Qui per saperne di più.