Lancia Lybra base

Pubblicato il 16 luglio 2017

Listino prezzi Lancia Lybra non disponibile

Qualità prezzo
3
Dotazione
4
Posizione di guida
5
Cruscotto
4
Visibilità
3
Confort
4
Motore
4
Ripresa
3
Cambio
3
Frenata
5
Sterzo
5
Tenuta strada
5
Media:
4
Perché l'ho comprata o provata
Ho avuto modo di guidare la Lybra in molte occasioni e in molte circostanze, essendo l'auto di mio padre. Sarà che non ha mai avuto la stessa passione che nutro io per il mondo delle quattro ruote, sarà che preferisce guidare generalmente la moto, ma da quando ho la patente preferisce star seduto lato passeggero con me al volante. L'ho più volte guidata per piccole scampagnate fuori città, viaggi autostradali e anche semplicemente per recarmi all'università la mattina quando piove. Ho definito questa auto "lunatica" nel titolo: termine sicuramente strano, non convenzionale, e non vi nascondo che ho dovuto riflettere per bene prima di usarlo al fine di descriverla nella sua assoluta generalità. Ma serviva un termine che potesse portare a galla caratteristiche come "stranezza", "discontinuità", ma anche che potesse richiamare una certa "curiosità", perché generalmente curioso mi rende chi è lunatico. Esteriormente, mi piacque tantissimo sin da piccolino, l'auto è del 2000 e io del '95. Le forme sono eleganti (in famiglia abbiamo la berlina), che la si guardi di lato, dal muso alla coda. Proprio il muso dell'auto mi colpisce tutt'ora, un richiamo ai modelli passati misto ad una voglia di modernizzare il tutto passando sempre dalla classicità e dalla morbidezza delle linee. Il retro forse è la parte più anonima, caratterizzato da fanali senza infamia e senza lode ma comunque sempre da linee morbide che completano la forma generale dell'auto, assolutamente armoniosa e riuscita sempre a mio modesto parere. Rimpiango soltanto i cerchi "base" con copri ruota, pertanto non in lega, e quelle bellissime maniglie che si azionano... verso l'alto e non tirando come la loro forma lascerebbe intuire (non che sia un problema per me, siamo chiari, ma andate a dirlo ad ogni passeggero che non conosce la macchina ...).
Gli interni
Qui arriva la nota dolente. La Lybra sfodera tutto il suo saper essere "incostante", "discontinua". Non parlo della disposizione generale degli interni: l'interno è un saloncino con (quasi) tutto l'occorrente. Computer di bordo con tutte le info di base (schermo piccolo e poco definito, ma parliamo di un'auto di inizi 2000), stereo con impianto Grundig molto valido (bassi molto buoni) in configurazione tweeter + woofer nell'anteriore, e due casse dietro il divano posteriore, capaci, ripeto, di avere dei bassi sorprendenti, bocchetta posteriore del clima automatico bizona, inserti in finta radica di noce e 4 airbag. Tutto bene, si potrebbe pensare, ma ecco che ai richiami moderni si unisce quella incostanza data dalle manovelle per alzare/abbassare i finestrini posteriori, dai tasti della console centrale e del clima in plastica "delicata" (spezzatasi in alcuni tratti negli anni), da materiali che seppur ottimi in alcuni punti (la plastica usata per la parte superiore della plancia è di qualità e morbida al tatto), fanno rabbrividire in altri. L'esempio perfetto sono le plastiche inferiori, quelle dove si poggiano le gambe, quelle dove è presente il cassetto portaoggetti, ma anche il cambio, il regolatore (elettrico) degli specchietti retrovisori, il freno a mano e spostandosi indietro il piccolo vano porta oggetti e la bocchetta del clima posteriore, la cui plastica si è squagliata intorno ai 10 anni di età. Nel duro scontro tra me, munito di acquaragia e acetone, e quelle plastiche appiccicose hanno purtroppo perso la vita qualche paio di jeans e un vestitino di mia madre ... Scherzi a parte è davvero un peccato, considerato che proprio quelle plastiche (color grigio nel nostro modello) creavano un contrasto di colore con le plastiche superiori (nere), ora non più presente poiché, eliminandole pian piano, è venuto alla luce un colore interamente nero. Ho letto di parecchi altri casi come questo, che hanno a quanto pare afflitto molti modelli costruiti tra il '99 e i primissimi del 2000. Non ho informazioni sugli ultimi modelli prodotti. Questa cosa ha avuto del ridicolo, quando ci penso rimango sempre con una domanda in testa: "Perché, Lancia (FIAT). Perché!?". Ma andiamo oltre, perché nonostante ciò che ho scritto, i pregi non sono mancati. Concludo la parte relativa agli interni affermando che i sedili sono comodi (tessuto grigio, nella nostra, ergo niente pelle/alcantara) ma poco contenitivi quelli anteriori. Davanti ci si sta bene, io sono alto 190cm e riesco a trovare la giusta posizione (ben leggibile la strumentazione anche se non è presente alcun display fornito di informazioni, presenti invece in quello nella console centrale), mentre dietro il divano è ampio (con tanto di bracciolo e porta bevande), ma tre persone della mia stazza cominciano ad essere un po' sacrificate. Abbastanza capiente per una famiglia di 3/4 persone al massimo il bagagliaio.
Alla guida
1.8 litri (1.737 reali), 131 cavalli e 16 valvole, ergo bisogna farla salire di giri (ottenendo per altro un bel suono) per ottenere tutta la coppia disponibile (di circa 150Nm). Il motore però è bello fluido, la potenza a disposizione viene erogata in maniera lineare (anche a GPL, come nel nostro caso) ma attenzione con le marce: durante un sorpasso, in base alla velocità, fate bene i dovuti conti e valutate di scalare in caso: 131 cavalli saranno un bel numero, ma l'auto non è leggera pur avendo un ottimo coefficiente aerodinamico (cx di 0,31 per la berlina se ben ricordo: un ottimo valore per una vettura del '99/primi del 2000). Ci si rende conto del reale peso dell'auto sopratutto in salita, durante una andata in paesi sopraelevati magari, dove vi troverete a giocare un bel po' col cambio. Al cambio mi ricollego subito: è una unità manuale a 5 marce ben spaziate. Peccato manchi una sesta, in autostrada avrebbe fatto comodo come marcia di riposo considerato che in quinta, a 3000 giri circa, siamo a poco più di 100km/h. Gli innesti inoltre potrebbero essere più fluidi, meno contrastati, a favorire una certa sportività alla quale l'auto strizza l'occhio pur non essendo - lo sottolineo per bene - la sua vocazione. La frenata è ottima, garantita da ben 4 freni a disco le cui pinze mordono in maniera decisa già ad una pressione non esagerata del pedale. Garantito l'intervento dell'ABS nel caso di una frenata "improvvisa" o comunque impegnativa. Lato sospensioni comincio col dire che sono tarate morbide. Prendendo qualche curva in maniera moderatamente "allegra" l'auto tende un po' a coricarsi senza mai però perdere stabilità. Rimane sempre e comunque un'auto ben piantata per terra e con uno sterzo abbastanza preciso, lineare e leggero il giusto (non troverete pulsante City né nient'altro). Mancano finezze come i sensori di parcheggio o altri tipi di sensori/radar. Nel complesso, non lo nascondo, è un'auto che mi diverte. Mi piace il suo comportamento in strada, mi piace quando sale di giri, mette subito le sue qualità principali nelle tue mani dicendoti: "questo è quello che posso fare", altre qualità invece te le fa scoprire poco alla volta. Meccanicamente ben riuscita, a mio parere.
La comprerei o ricomprerei?
Eccoci qua, al punto di partenza. Porca miseria, tutto quello che mi aveva fatto rabbrividire all'interno, quasi quasi (QUASI QUASI) se lo fa perdonare. Tutta questa incongruenza, discontinuità, torna a far da padrona e alla fine ti lascia perplesso. Curioso per certi versi. Come quelle ragazze che a vederle comportarsi in una determinata maniera ti lasciano un "Boh" in testa, ma alla fine torni a pensarle, a volerle incontrare di nuovo, forte di una curiosità che una volta cominciata, non ti lascia andar via. E poi chissà... Scusate la recensione immensa/sfogo personale, e perdonatemi se, stradafacendo, saranno presenti eventuali "strafalcioni" grammaticali. Buona giornata a tutti.
Lancia Lybra
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
0
1
1
1
0
VOTO MEDIO
3,0
3
3
Aggiungi un commento
Ritratto di cris25
29 agosto 2017 - 13:06
1
La Lybra mi è sempre piaciua, anche se la preferisco di gran lunga la variante SW. Una persona di famiglia ne possiede una con il tuo stesso motore, berlina, del 2003, bordeaux, e devo dire che tenuta in modo maniacale come la sua, fa ancora la sua figura, anche se ormai si nota quanto sia un'auto nettamente superata, sia dentro che soprattutto fuori. Per il resto devo dire che hai fatto una gran bella prova, complimenti...
Ritratto di LuNico
16 ottobre 2017 - 23:21
Grazie mille, cris25!
Ritratto di grande_punto
31 ottobre 2017 - 16:38
3
Ottima prova!
Ritratto di LuNico
4 gennaio 2018 - 16:04
Grazie mille!
listino
Le Lancia
  • Lancia Ypsilon
    Lancia Ypsilon
    da € 13.600 a € 19.850

LE LANCIA PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE LANCIA

  • Uno slogan che fece la fortuna della Y10, proposta come l'utilitaria di lusso: "piace alla gente che piace" diceva lo spot del 1987, che utilizzava alcuni volti noti di quegli anni, tra cui attori, registi, sportivi e cantanti famosi.

  • Tre nuovi allestimenti per la citycar torinese Lancia Ypsilon, in offerta a partire da 9.500 euro.

  • La nuova versione Mya è la più sfiziosa nella gamma della Lancia Ypsilon: cerchi in lega e sedili specifici in Alcantara e tessuto.

Lancia Lybra usate