Lancia Ypsilon Unyca 1.2

Pubblicato il 25 luglio 2013

Listino prezzi Lancia Ypsilon Unyca non disponibile

Ritratto di lucaveyron94
alVolante di una
Chevrolet Aveo 1.2 86 CV LT 5 porte
Lancia Ypsilon Unyca
Qualità prezzo
4
Dotazione
4
Posizione di guida
4
Cruscotto
4
Visibilità
3
Confort
4
Motore
4
Ripresa
3
Cambio
2
Frenata
5
Sterzo
5
Tenuta strada
3
Media:
3.75
Perché l'ho comprata o provata
Noleggiata in Sicilia per 8 giorni, per un totale di 1200 km circa.
Gli interni
Potrebbero essere definiti con poche, semplici parole: di ottima qualità. Gli assemblaggi sono molto buoni, pochissime le viti a vista e neanche uno scricchiolio nonostante i 70000 chilometri. La maggior parte dell'abitacolo è rivestito in un tessuto morbido del colore dei sedili, mentre il resto delle superfici è coperto con della plastica un po' rigida, ma che non si graffia facilmente. Sottotono le plastiche del tunnel e della zona sotto il volante, che si rigano invece abbastanza facilmente. Di buona qualità la radio, che ha dei comandi intuitivi e ha un suono di ottima qualità. I comandi del climatizzatore sono perfettamente raggiungibili e facilmente manovrabili senza guardare, grazie alla praticissima conformazione dei tasti (nello stesso elemento ci sono una rotella esterna e una manopola interna alla rotella, semplice ed efficace). Il climatizzatore mi ha un po' deluso, perché faticava abbastanza ad abbassare la temperatura dell'abitacolo anche impostato al massimo. I comandi delle bocchette sono ben posizionati tranne quelli del guidatore. Per trovare l'orientamento "alto-basso" della bocchetta vicina al guidatore si va molto a tentoni, rischiando di distrarsi. Ottima la posizione dell'hazard, esattamente al centro della plancia. Il cruscotto, anch'esso al centro, contiene due elementi circolari (tachimetro e contagiri) e il completo computer di bordo, che riporta ora, temperatura esterna, orientamento fari, chilometri totali e segnala se il tasto city (di cui palerò un seguito) è attivo o meno, e a scelta autonomia, distanza dall'ultimo azzeramento, consumo medio e istantaneo velocità media e tempo del viaggio. Decisamente completo. Si manovra dal comando dei tergicristalli, che richiede un attimo di pratica per le tante modalità selezionabili, poi risulta di facile utilizzo. Il cruscotto è coperto da una palpebra che lo protegge dai riflessi del sole, e si legge quasi sempre bene; solo al tramonto la retroilluminazione verde non fa leggere bene le cifre dei due quadranti, mentre di notte è piacevole. Tra i due strumenti circolari, sopra il cdb, c'è l'indicatore della benzina. Manca il termometro dell'acqua, sostituito da una spia che segnala quando il motore è surriscaldato. Il cambio è un po' rialzato e in una buona posizione. I sedili sono comodi, e ampiamente regolabili (quello del guidatore anche nella durezza dello schienale). Manca la regolazione del supporto lombare, ma i sedili sono duri il giusto e non risultano scomodi. Completa il quadro il volante ampiamente regolabile, non si fatica a "cucirsi" la posizione di guida. Degno di nota il grande spazio a disposizione per i posti davanti: io sono alto 1.95 metri, e con il sedile regolato comodamente dietro di me si sta ancora discretamente comodi; ho inoltre quindici centimetri buoni sopra la testa! Nulla da eccepire sullo spazio a disposizione. Dietro si sta comodi in due, strettini in tre. Per quanto riguarda i sedili, sono rimasto deluso dal sistema di ribaltamento a vista, che abbassa un po' il tono generale lasciando scoperta una parte del meccanismo all'interno dei sedili, nella giunzione tra la seduta e lo schienale. Manca il comando per la chiusura centralizzata dall'interno, che si attiva in automatico superati i 20 km/h. Buone le finiture del bagagliaio, che accoglie comodamente tre trolley, due in orizzontale e uno in verticale. Praticamente nulla l'usura degli interni, nonostante i 70000 chilometri e il fatto che fosse una machina a noleggio, quindi abituata a essere "maltrattata". Insomma, pur essendo una citycar, dentro si respira un'aria da categoria superiore.
Alla guida
Dolce e silenziosa sono i primi aggettivi che vengono in mente. Motore non potentissimo, ma con un'erogazione abbastanza lineare, e molto silenzioso. È un po' moscio al di sotto dei 2000 giri, per diventare abbastanza grintoso dai 2500 giri in su. Nulla di spettacolare, ma fa bene il suo lavoro, e in prima e in seconda seconda marcia, se lasciato allungare, è capace di lasciare quella piacevole sensazione di lieve attaccamento al sedile. Nel caso non si voglia fare una gara di accelerazione, è però consigliabile passare al rapporto successivo tra i 2000 e i 2500 giri al minuto. Lì il motore ha una buona spinta, senza far sentire assolutamente la sua voce nell'abitacolo. Appunto la silenziosità è l'altro punto di forza di questo motore, complice l'ottima insonorizzazione dell'abitacolo. Fino a 3000 giri, nulla trapela dal vano motore; è davvero notevole il lavoro dei tecnici Lancia. Non il più piccolo rumore, a parte il rotolamento dei pneumatici, sempre però contenuto. Il cambio è forse la parte che meno mi ha convinto: poco preciso e abbastanza contrastato, specialmente nell'inserimento della seconda e della quinta marcia, oltre che un filino rumoroso. I rapporti lunghi non penalizzano comunque troppo la ripresa, e in quinta a 120 km/h il motore gira ad appena 3000 giri al minuto. Non male per una citycar, considerando ne a quella velocità la macchina è assolutamente silenziosa. Altra cosa che non mi ha soddisfatto particolarmente sono i pedali: molto leggeri, troppo. Non offrono quasi nessuna resistenza, e se da un lato non affaticano minimamente il conducente, dall'altro non si capisce mai bene quanto li si stia premendo. Poi certo è una cosa che va giudicata personalmente, ma io preferisco dei comandi più duri. Lo sterzo è un altro punto a favore della vettura. Solidissimo, non necessità di correzioni, è molto preciso; spostandolo di pochi millimetri la si indirizza esattamente dove si vuole. In montagna in particolare è una goduria. In città può però effettivamente risultare pesante, ma viene in aiuto il tasto city; inizialmente perplesso e diffidente, ho imparato ad apprezzarlo e a non poterne fare a meno. Lo sterzo mantiene la stessa incredibile precisione, ma si manovra con un dito. È di grandissimo aiuto, non solo nelle manovre. A questo proposito, mi sono trovato un po' in difficoltà con gli specchietti: pur essendo molto ampi e offrendo un'ottima visuale, traggono in inganno. Non si riesce a percepire dove finisca la coda, e di lato le distanze che paiono enormi ad un tratto si azzerano. Se per la visuale laterale ci si fa l'occhio, lo stesso non si può dire delle retromarce, per cui ci si trova, ogni tanto, a doversi girare indietro. Certo forse dopo un po' ci si abitua, ma al primo impatto non è così, e io in dieci giorni non sono riuscito a prenderci la mano. Altra lode va al reparto sospensioni: morbide in città, ma non troppo cedevoli fuori, accentuano il rollio solo nel caso di curve prese a velocità eccessive o nel caso di manovre d'emergenza. Nessuna rumorosità sui giunti, dove la risposta è molto morbida. I freni sono un'altro punto a favore della macchina: forse un filino troppo sensibili, ma potenti, danno una grande sicurezza, e l'ABS è invasiva al punto giusto. Entra forse un po' troppo presto il controllo di stabilità, ma del resto non è una macchina concepita per un uso sportivo, quindi va più che bene. In città la vettura di comporta molto bene, con il city inserito si manovra molto facilmente, ed è agilissima. Solo nelle manovre, come già detto, possono creare un po' di difficoltà gli specchietti. La frizione e il cambio non si induriscono con un uso intenso. Fuori città è raro mettere la quinta, almeno per le strade della Sicilia, ma si gioca tra la terza e la quarta marcia; molto fluido e abbastanza ricco di coppia il motore, che non obbliga a continui passaggi da una marcia all'altra. Sia fuori che in città è un po' di ostacolo il montante sinistro, piuttosto inclinato, che nasconde abbastanza la visuale nelle curve più strette. In autostrada salta fuori la quasi perfetta insonorizzazione della vettura: fino a 3000 giri il motore risulta assente, e anche gli pneumatici sono poco presenti nell'abitacolo. A 2700 giri si viaggia a 110 km/h, e si potrebbe andare avanti all'infinito tanto è silenziosa e piacevole. Capitolo consumi: il computer di bordo, dopo 1200 km di uso "misto" segna 19.5 km con un litro di benzina in media. Se fosse reale sarebbe un gran bel risultato, non ho purtroppo potuto verificarlo con l'infallibile "da pieno a pieno". In conclusione una macchina fluida, silenziosa, economa, con un confort da categoria superiore e un ottimo assemblaggio, con un motore dotato di un buon allungo e buona non solo per la città, ma anche per qualche viaggio a medio raggio.
La comprerei o ricomprerei?
Decisamente sì! Ottime finiture, buon motore e gran confort di marcia, e il tutto a un prezzo adeguato...non potrei chiedere di meglio. E, pur non essendo completamente a favore delle macchine così piccole, la potrei prendere in considerazione come macchina non solo da città, ma da uso "totale", dato che si trova a suo agio in ogni situazione. Forse comprerei la nuova versione, che gode della praticità delle cinque porte. Il motore è forte di 15 anni di sviluppo, quindi terrei in gran considerazione la versione da 69 cv che equipaggiava la macchina da me noleggiata. Non si sente la necessita di avere più potenza a disposizione.
Lancia Ypsilon Unyca 1.2
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
2
4
2
1
3
VOTO MEDIO
3,1
3.083335
12
Aggiungi un commento
Ritratto di cris25
26 luglio 2013 - 15:11
1
bravo, hai fatto una prova davvero scorrevole e ben leggibile contenente molti partricolari interessanti. L'auto in questione per me è molto più bella del modello nuovo (non si può guardare), la trovo ancora attuale e decisamente più originale e aggraziata di quella di oggi!
Ritratto di lucaveyron94
29 luglio 2013 - 17:23
Grazie mille!
Ritratto di niko91
28 luglio 2013 - 11:28
interno c'è, solo che è in una posizione nascosta. è sotto la leva del freno a mano. di fianco all'interruttore della luce di parcheggio.
Ritratto di DanieleR
29 luglio 2013 - 12:06
Ti sbagli, il comando della chiusura centralizzata sotto il freno a mano era per le ypsilon pre restyling. Dopo il restyling (2006) si trova nella pulsantiera sotto i comandi del clima.
Ritratto di lucaveyron94
29 luglio 2013 - 17:24
Ove che fosse, non l'ho trovato!
Ritratto di Littlegeek
29 luglio 2013 - 16:29
Confermo la prova: una piccolina di classe, forse meglio di quella attuale. L'unica cosa che ho notato io è che in autostrada a 130Km/h e poco oltre non è stabilissima, ma costringe a continue correzioni in rettilineo: probabilmente a causa delle citate sospensioni morbide. La mia era a noleggio, un bell'azzurro metallizzato col motore 1.3 jtdm prima versione (non ricordo forse 75 CV) che era brioso e consumava davvero poco e dei bei sedili in alcantara.
Ritratto di fabri99
4 agosto 2013 - 11:13
4
Innanzitutto complimenti per la prova: è davvero ben fatta e dettagliata, piacevole da leggere e con tutto ciò che serve, anche di più... Considerando poi che la hai guidata per 8 giorni e 1200 km, non potevi scrivere di più! La Ypsilon, però, devo ammettere che non mi è mai piaciuta, soprattutto per la linea strana, troppo femminile... La Unyca in effetti era anche carina, ma la nuova versione è veramente inguardabile: davanti mi ricorda un water(soprattutto con quel cofano bicolore), mentre dietro sembra un confetto... Dal vivo poi, è davvero sproporzionata con quel sederone alto, non mi piace... Comunque, è una buona auto: internamente è sempre stata curata, anche se in qualche plastica cade un po', come altre auto, è confortevole e anche piuttosto comoda in città... Il motore, lo possiedo anche io sulla Punto 2012, si tratta del 1.2 da 69 cavalli a benzina: beh, non è mai brusco, vero, ma è un po' troppo fiacco, non dovrebbe scattare, certo, ma è come se avesse il fiato corto, non ha una spinta infinita... E poi, in velocità, di rumore nell'abitacolo ce ne è: non è mai fastidioso, ma si avverte più che in altre auto... I consumi mi sembrano piuttosto buoni invece: la mia Punto, con una guida piuttosto attenta, credo faccia 17-18 km con un litro... Perciò sono d'accordo su tutto, ma, vuoi per il peso maggiore della mia Punto, io sento il bisogno di più potenza... Purtroppo l'auto doveva farci risparmiare al massimo, perciò abbiamo scelto il motore meno costoso e più economo, a benzina, dato che non facciamo molti chilometri all'anno con la Punto... Inoltre, il prezzo non è poi così basso, ma per una piccola utilitarietta chic e curata, può anche starci... Ciao e ancora complimenti!
Ritratto di lucaveyron94
12 agosto 2013 - 19:59
Mi scuso per i ritardo, grazie mille! Concordo, la nuova ha una linea un po' strana. Sicuramente le prestazioni sono migliorabili, ma io non ho avvertito il bisogno di più potenza; sarebbe stato interessante avere a disposizione il motore da 95 cavalli a benzina!
Ritratto di fabri99
13 agosto 2013 - 09:51
4
Certo, io sono un amante delle auto americane, quindi sono un po'...malato di potenza, per me non sarebbe mai troppa! Purtroppo però, la prima auto che guiderò quando finalmente potrò fare la patente sarà una Punto da 69 cavalli, quindi dovrò adattarmi... Ciao!
Ritratto di magicafollia
8 agosto 2013 - 22:57
Bella prova ... Mi fa sperare che con il passare dei km anche la mia si sleghi...io in autostrada la ritengo troppo lenta nell allungo.. I consumi ...Wow chissà se arriverò a quei numeri :-)
Pagine
listino
Le Lancia
  • Lancia Ypsilon
    Lancia Ypsilon
    da € 13.600 a € 19.850

LE LANCIA PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE LANCIA

  • Uno slogan che fece la fortuna della Y10, proposta come l'utilitaria di lusso: "piace alla gente che piace" diceva lo spot del 1987, che utilizzava alcuni volti noti di quegli anni, tra cui attori, registi, sportivi e cantanti famosi.

  • Tre nuovi allestimenti per la citycar torinese Lancia Ypsilon, in offerta a partire da 9.500 euro.

  • La nuova versione Mya è la più sfiziosa nella gamma della Lancia Ypsilon: cerchi in lega e sedili specifici in Alcantara e tessuto.

Lancia usate