Lancia Y base

Pubblicato il 31 ottobre 2009

Listino prezzi Lancia Y non disponibile

Qualità prezzo
4
Dotazione
5
Posizione di guida
4
Cruscotto
4
Visibilità
4
Confort
4
Motore
3
Ripresa
2
Cambio
3
Frenata
3
Sterzo
4
Tenuta strada
4
Media:
3.6666666666667
Perchè l'ho comprata o provata
Alla fine del 2000, quando l’auto è stata comprata, la Y era appena stata sottoposta ad un lieve ma efficace restyling che l’aveva aggiornata sia negli interni che negli esterni. Tra tutte le concorrenti del periodo (vedi Clio, Fiesta, Punto, Yaris ecc) la Y era sicuramente la più curata ed elegante con una dotazione paragonabile ad auto di categoria superiore. Anche il motore non era male: un modesto 1.2 a benzina con 8 valvole e 60 CV di potenza massima che certo non rende l’auto sportiva ma garantisce bassi costumi (17 km/l).
Gli interni
Gli interni della Y hanno una forma moderna e originale e soprattutto nella versione in questione (la versione LS: la top di gamma) presentano una grande cura e materiali pregiati: la plancia e i sedili sono rivestiti da una morbida Alcantara blu che anche dopo dieci anni è ancora in ottime condizioni, la strumentazione al centro della plancia è completa e ha una grafica semplice e leggibile. La dotazione come ho già detto è completa e comprende tra l’alto Air bag frontali, climatizzatore, fendinebbia, volante regolabile, sedile lato guidatore con regolazione lombare, alzavetro e specchietti elettrici e poggiatesta posteriori. In cinque l’abitabilità è buona mentre il bagagliaio è leggermente sotto la media ma si può ampliare reclinando il divano posteriore o del tutto o parzialmente.
Alla guida
La Y si guida facilmente e grazie al servosterzo l’auto è molto agile in città e può essere parcheggiata anche in piccoli spazi grazie alle dimensioni contenute (poco più di 370cm). Il motore è abbastanza brillante e silenzioso anche se con il clima acceso e con tutti i passeggeri a bordo l’auto fatica e non poco! Fuori città la Y si dimostra sicura e con una buona tenuta di strada, nelle curve l’auto ha un assetto piatto e non si scompone nemmeno nelle frenate d’emergenza grazie all’abs.
La comprerei o ricomprerei?
Naturalmente oggi le utilitarie sono più moderne, più grandi e anche più sicure ma la Y continua tutt’ora ad avere una linea originale ed attuale e ciò è confermato dalle buone quotazioni che ha nel mercato dell’usato. Ricomprerei quindi l’auto nonostante i vari “problemucci” che ha avuto in questi nove anni ma che sono sempre stati risolti senza grosse seccature.
Lancia Y
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
0
1
2
0
1
VOTO MEDIO
2,8
2.75
4


Aggiungi un commento
Ritratto di iako89
17 dicembre 2009 - 18:46
in parte concordo con quello che dici, però per il semplice fatto che il mio modello di y abbia gli stessi accessori della tua ma un motore più potente, mi fa pensare che tu sia stato un pochino di manica larga con i voti.. specialmente nella dotazione.. e nella tenuta di strada.. quel modello di y che sostanzialmente è lo stesso che ho io, insieme a tutte le utilitarie di quel periodo, necessitano di un assetto sportivo. allora se ne può parlare di tenuta.. la tenuta di strada con assetto originale di questa auto non è di certo coerente con il voto che hai dato..
Ritratto di lluuiiggii91
17 dicembre 2009 - 18:55
i voti sono messi non con criteri assoluti ma confrontando la y con altre utilitarie...è ovvio che se paragoni la tenuta o la dotazione della y con quella di un bmw o di un mercedes si dovrebbero usare mezze stelline...ma se si prende come riferimento la tenuta della mini (che credo sia la migliore tra le utilitarie) e si da 5 stelle a questa 4 alla y ci possono stare.....
listino
Le Lancia
  • Lancia Ypsilon
    Lancia Ypsilon
    da € 15.100 a € 19.900

LE LANCIA PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE LANCIA

  • In questa terza parte del docufilm sulla storia della Lancia si analizza l'attività sportiva, che ha portato il costruttore ad essere uno dei più vincenti non solo nei rally, e il legame con il mondo del cinema della "Dolce vita".

  • Luca Napolitano, responsabile del marchio Lancia, ripercorre la storia del brand in un “docufilm”. Lo accompagna, di volta in volta, un ospite d’eccezione: il primo è Jean-Pierre Ploué, capo del design. Qui per saperne di più. 

  • Pensionato il 1.2, sulla Lancia Ypsilon arriva il tre cilindri 1.0 mild hybrid: convince per la regolarità di funzionamento e promette di bere davvero poco. Ancora assenti, però, i moderni aiuti elettronici alla guida. Qui per saperne di più.