Lancia Ypsilon 1.2 Argento

Pubblicato il 21 luglio 2010
Qualità prezzo
5
Dotazione
3
Posizione di guida
4
Cruscotto
3
Visibilità
1
Confort
4
Motore
3
Ripresa
2
Cambio
4
Frenata
5
Sterzo
5
Tenuta strada
5
Media:
3.6666666666667
Perchè l'ho comprata o provata
Ho comprato quest'auto innanzitutto per il suo design molto giovanile e allo stesso tempo elegante. La linea e la sinuosità delle forme esterna fanno di quest'auto un bel insieme. Non ci sono spigoli e sembra che anche la vista scivoli sulla sua carrozzeria. Il colpo d'occhio è forte. Mi occorreva un auto utilitaria, per la città e pochi spostamenti in autostrada per motivi di studio. Doveva consumare poco e prenderla ogni giorno anche per brevi tratti.
Gli interni
Si notano subito dei particolari interessanti. Le informazioni di guida (tachimetro, contagiri, spie..) sono nella posizione centrale del cruscotto. Scelta ottima, perché si scrutano meglio tutte le info di guida senza l'ingombro dello sterzo. Inoltre è possibile navigare nel menù con un tasto sulla leva dei tergicristalli dietro al volante. L'unica pecca è che i vari oggetti poggiati sul cruscotto scivolano e possono anche cadere se si fanno sterzate un po’ brusche. Il vano portaoggetti davanti al sedile del passeggero anteriore è abbastanza piccolo e fanno fatica ad entrare gli oggetti ingombranti. Altro particolare: la posizione del cambio, più alto e più avanti rispetto ad altre vetture. Personalmente la trovo una ottima posizione anche quella, molto comoda per inserire le marce. Appena entrati in auto le rifiniture sembrano dare una sensazione ottima, ben curate. Attenzione alla leva che permette il ribaltamento dei sedili: il sedile si sposta anche in avanti e crea molto spazio per accedere dietro, ma è molto "delicata"; ho già rotto due volte il laccio che permette il ribaltamento. Poteva essere curato molto meglio anche l'applicazione del tessuto del soffitto dell'auto. Durante i lavaggi rischiate di staccarlo ai bordi. Molto lo spazio per i due seduti davanti, poco per quelli seduti dietro dove i più alti fanno decisamente fatica. Inoltre il tunnel centrale dell’auto ingombra parecchio per i piedi di chi sta seduto centralmente dietro. Il bagagliaio è davvero piccolo. Questo dimostra come sia un’auto prevalentemente per la città. Fanno fatica ad entrare due valigie.
Alla guida
La posizione di guida è comoda sia per via dei sedili molto ampi e ben imbottiti sia della posizione del cambio e del volante che si regola in altezza. Per la guida vera e propria parto dal presupposto che è un’auto tranquilla con prestazioni tranquille. Nota positiva: il motore è molto silenzioso, anche tenendo il cofano aperto il rumore è davvero minimo. Nell’abitacolo,poi, non lo si sente proprio, come non si sente nessuna vibrazione né al volante, né sotto i piedi. Solo dopo i 3500 giri si inizia ad avvertire un minimo di vibrazione, ma è poca cosa. Quello che manca è forse un po’ di brio. Vero è, che è un 1.2 : nessuno stupore se manca un po’ sia in accelerazione che in ripresa. Anche premendo a fondo sul pedale del gas la potenza viene sempre erogata in modo dolce, quindi nessun comportamento brusco della macchina. Inoltre bisogna far salire di molto i giri del motore se volete potenza, soprattutto a pieno carico (5 persone). La sensazione personale è di sicurezza, tiene bene la strada: anche con sterzate e frenate brusche difficile che la macchina si scomponga. In ogni caso è da evitare la guida sportiva, dove si spreme l’auto. Il cambio entra subito in crisi, fate fatica ad inserire velocemente le marce. Inoltre il pedale della frizione ha una corsa un po’ lunga, che dà qualche problema. A 120-130 km/h la lancetta dei contagiri ha già superato i 3000 giri, il che sforza il motore nei lunghi tragitti in autostrada facendo aumentare anche i consumi. Il volante è molto leggero e con il tasto city diventa veramente una piuma. Attenzione in ogni caso alle manovre di parcheggio. Ha una carrozzeria un po’bombata e inoltre la visuale dietro non è il top per via del lunotto piccolo e dei montanti. Forse questo è il più grande problema. Anche nelle curve ad ampio raggio si fa fatica a seguire con gli occhi la strada.
La comprerei o ricomprerei?
Sì, la ricomprerei. Anche della stessa cilindrata. Questo perché se da un lato manca potenza dall'altro i consumi non sono troppo elevati. Magari opterei per un diesel. (la foto non è della mia auto, perchè non ne ho, ma l'auto è quella)
Lancia Ypsilon 1.2 Argento
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
1
1
2
1
5
VOTO MEDIO
2,2
2.2
10


Aggiungi un commento
Ritratto di MIK_HF
31 luglio 2010 - 00:14
curata negli interni e con un pizzico di eleganza firmata Lancia... ma il 1.2 8 valvole e' decisamente sotto tono (ce l' hanno 2 miei amici)... concordo con condor1 per quanto riguarda l' allestimento... la Momo Design e' proprio bella...
Pagine
listino
Le Lancia
  • Lancia Ypsilon
    Lancia Ypsilon
    da € 15.100 a € 19.900

LE LANCIA PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE LANCIA

  • Luca Napolitano, responsabile del marchio Lancia, ripercorre la storia del brand in un “docufilm”. Lo accompagna, di volta in volta, un ospite d’eccezione: il primo è Jean-Pierre Ploué, capo del design. Qui per saperne di più. 

  • Pensionato il 1.2, sulla Lancia Ypsilon arriva il tre cilindri 1.0 mild hybrid: convince per la regolarità di funzionamento e promette di bere davvero poco. Ancora assenti, però, i moderni aiuti elettronici alla guida. Qui per saperne di più.

  • Uno slogan che fece la fortuna della Y10, proposta come l'utilitaria di lusso: "piace alla gente che piace" diceva lo spot del 1987, che utilizzava alcuni volti noti di quegli anni, tra cui attori, registi, sportivi e cantanti famosi.