Opinione

Pubblicato il 9 gennaio 2012
Qualità prezzo
4
Dotazione
4
Posizione di guida
4
Cruscotto
4
Visibilità
3
Confort
4
Motore
4
Ripresa
4
Cambio
4
Frenata
4
Sterzo
4
Tenuta strada
4
Media:
3.9166666666667
Perchè l'ho comprata o provata
Ho comprato la mia Mazda 3 nell'autunno del 2006. Era appena uscita la versione new lift, e, dopo aver scartato la Mazda 6 a causa del suo famigerato filtro anti-particolato (rimasi scosso da una puntata di "Mi manda Rai 3"), decisi di prendere questa nuova versione 1.6 td 110 cv Active con pacchetto extra: il tutto per 18.400 euro, allettato anche da una garanzia quinquennale. Dotata di filtro anti-particolato, nella fattispecie parliamo del FAP, questo sistema anti-particolato è stato sviluppato dai tecnici del gruppo PSA, la prima a montare questo affare, a mio avviso, fonte solo di costi e inefficienza, o meglio inefficacia. Prima dell'acquisto avevo girato un po per le varie concessionarie al fine di fare una valutazione tra le diverse offerte che c'erano in quel periodo. Alla fine caddi su questa berlinetta 2 volumi dagli occhi a mandorla ma con cuore e carrozzeria tipicamente occidentali: si distingueva molto per bellezza rispetto alle varie Corolla, Civic e altre giapponesine di allora. Scartai a priori le tedesche e puntai dritto al sol levante. Il colore scelto fu il Galaxy Grey micalizzato.
Gli interni
Gli interni sono caratterizzati da buon livello qualitativo sebbene molti particolari siano un pò economici (plastiche dure nella parte bassa del cruscotto, alcune componenti satinate facilmente rigabili, sterzo un pò rovinato col passare del tempo). Da rilevare anche il completo consumo del poggia piede accanto alla frizione. Il montaggio delle varie parti invece è molto curato e preciso e, a parte qualche scricchiolio derivante dalla sportellino, e qualche cigolio della presa cintura di sicurezza e della cappelliera, per il resto tutto è ancora ok e al suo posto senza evidenti segni del tempo. Un altro aspetto che non mi ha reso molto entusiasta è dato dalla scarsa insonorizzazione dell'abitacolo. Inoltre, alcune componenti come lo sterzo e il pedale dell'acceleratore risentono troppo della ruvidità e delle vibrazioni derivanti dal motore mentre si è in marcia: l'acceleratore in particolare fa da riverbero a qualsiasi ruvidità e vibrazione che si verifica durante la guida compresa la risonanza dovuta al clacson. L'abitabilità invece è molto buona, l'M3 è un'ottima compagna di viaggi e gli spazi interni sono da classe superiore.
Alla guida
L'auto dimostra un buon temperamento. Il motore non è un fulmine, ma sale di giri con regolarità. Peccato la mancanza di una sesta marcia che avrebbe favorito maggiore ripresa e consumi più bassi in autostrada. Un aspetto molto importante riguarda proprio la voce consumi: in media si fanno intorno ai 17 km/l. Tuttavia questo propulsore non mi ha soddisfatto proprio in pieno: sebbene non abbia mai dato gravi grattacapi in 160.000 km (grat grat per il futuro), è comunque un lucernario di vibrazioni, rumori strani, ruvidità, stridii che non si addicono ad un auto di questa categoria. Ammetto di essere un po esigente forse però qualche accortezza in più si poteva fare. La tenuta di strada invece è ottima, sebbene nelle curve molto strette il posteriore tende un po ad andarsene per conto suo e l'ESP non entra tempestivamente in funzione: mi è capitato un paio di volte, si pensi alle rotonde, con asfalto bagnato, di correggere dei sovrasterzi. L'anteriore invece è molto preciso ed intuitivo negli inserimenti. Nel complesso è un buon telaio, utile molto più nei curvoni veloci che nelle pieghe da montagna. Le sospensioni sono tarate al punto giusto, ne troppo rigide ne troppo morbide, da rilevare solo lo scoppio di un ammortizzatore (credo su un passaggio al livello.........non ancora cambiato).
La comprerei o ricomprerei?
Prima di dare una risposta definitiva faccio l'elenco delle noie, problemi e spese che ho avuto in questi anni. Non molti a dir la verità! - fino a 60.000 km: tutto ok a parte qualche vibrazione e ruvidità di troppo del motore a certi giri e in quinta marcia, mai risolti (è normale, officina Mazda docet) - a 60.000 km: prima grande spesa per il rabbocco della cerina (l'additivo che serve al funzionamento del FAP), 70 euro al litro - intorno agli 80.000 km: rottura di un sensore dell'ABS, sostituito in garanzia - intorno ai 100.000 km: sostituzione del sensore del climatizzatore in garanzia - a 120.000 km: sostituzione (come da programma) del FAP, 850 euro puliti puliti + tagliando - da120.000 km fino ad oggi: sostituzione della valvola EGR a seguito di un continuo stridio a minimo (in garanzia, dopo tante richieste da parte del sottoscritto); dubbi sul funzionamento del nuovo FAP (rigenerazione più frequente, è normale, officina Mazda docet) - poco prima dei 160.000 km: attivazione dell'auto-protezione dovuta al filtro anti-particolato (la centralina aveva calcolato male la quantità di cerina nel serbatoio, forse a causa di un errore nell'aggiornamento al tagliando precedente.....l'auto non andava a più di 120 km/h); cedimento della batteria (ancora originale, è durata 5 anni e 3 mesi) Chiudendo, nonostante in questi anni abbia avuto tanti dubbi e incertezze dovute a stridii, rumori, vibrazioni puntualmente ridimensionati dall'officina con un "è normale", tutto sommato la Mazda 3 mi ha soddisfatto molto. Spero ancora di fare tanti km, il mio obiettivo è di arrivare almeno intorno ai 220.000 km e poi provare a venderla. La ricomprerei? Si, ma la 3a generazione casomai o il SUV X5. L'M3 attuale non mi piace molto. L'unico motivo che mi spingerebbe a non ricomprare Mazda è dato dall'assistenza: non basta essere gentili e disponibili (grazie per questo, a fronte di tanta arroganza in giro), ma i dubbi e i difetti vanno risolti realmente. Ora ho cambiato officina: si spera per il futuro.
Mazda 3 1.6 DE Active
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
3
1
0
1
0
VOTO MEDIO
4,2
4.2
5


Aggiungi un commento
Ritratto di lucios
28 marzo 2017 - 23:13
4
Ah.......dimenticavo, sto a quota 282.000 km.
Ritratto di studio75
29 marzo 2017 - 22:07
5
Valuta la civic pre ultima serie. Ha un bagagliaio mostruoso e la 120cv diesel magari la trovi ancora a km/0
Ritratto di lucios
8 luglio 2017 - 11:39
4
Mi garba anche la nuova. Attendo la versione diesel 1.6. Peccato abbia preso solo 4 stelle euroncap!
Pagine
listino
Le Mazda
  • Mazda MX-5 Roadster
    Mazda MX-5 Roadster
    da € 33.500 a € 36.100
  • Mazda 3 Sedan
    Mazda 3 Sedan
    da € 26.800 a € 35.500
  • Mazda CX-30
    Mazda CX-30
    da € 24.750 a € 38.150
  • Mazda 6 Wagon
    Mazda 6 Wagon
    da € 35.000 a € 46.600
  • Mazda 6
    Mazda 6
    da € 35.000 a € 44.600

LE MAZDA PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE MAZDA

  • Le linee nette e personali sono quelle di sempre ma nei contenuti la suv di medie dimensioni Mazda CX-5 si è aggiornata. Abbiamo guidato la più potente delle versioni diesel con il 2.2 da 184 CV abbinato al cambio automatico e alla trazione integrale. L'allestimento è il più ricco Signature che, a un prezzo ragionevole, include una dotazione completa. Tutti dettagli nel nostro video test.

  • Miataland è un luogo unico dove un collezionista italiano ha radunato decine di esemplari di Mazda MX-5 molto speciali. Lo abbiamo visitato a bordo della spiderina giapponese.

  • Con l'amministratore delegato di Mazda Motor Italia affrontiamo i temi caldi di questo periodo di difficoltà economica nel quale le concessionarie sono chiuse.