Peugeot 106 base

Pubblicato il 25 marzo 2010

Listino prezzi Peugeot 106 non disponibile

Qualità prezzo
3
Dotazione
3
Posizione di guida
3
Cruscotto
3
Visibilità
4
Confort
4
Motore
4
Ripresa
3
Cambio
5
Frenata
3
Sterzo
3
Tenuta strada
4
Media:
3.5
Perché l'ho comprata o provata
Era la macchina di mia madre, quella con cui ho imparato a guidare, che ho condiviso con lei fino a quando non ne ho potuta comperare una tutta mia. Molto carina, dall'aria simpatica, sbarazzina, guardandola parcheggiata sembrava una riedizione della mitica 205 degli anni 80, pur avendo una linea più compatta e moderna. Citycar si, ma con una buona dose di grinta; degna di sfoggiare sul cofano il leone rampante, questa piccola leonessa non fa rimpiangere auto sportive con prestazioni superiori.
Gli interni
Attuali e ben rifiniti gli interni, come da tradizione della casa francese. Lo sterzo, ben centrato, non è regolabile ne in altezza ne in profondità, è fatto con un materiale che si deteriora molto velocemente; ben spaziata la pedaliera. La plancia che sfoggia linee ancora attuali è costruita con plastica rigida, ma tutto sommato ben assemblata, non è mai fonte di rumori o vibrazioni; la strumentazione posta sotto una palpebra davanti al guidatore è limitata allo stretto necessario: tre quadranti principali (tachimetro, orologio analogico, indicatore livello carburante) sono ben visibili, la dotazione di spie è accettabile (apprezzabile la presenza della spia della riserva benzina), grave l'assenza del contagiri e dell'utile termometro dell'acqua. I comandi secondari sono ben disposti ed illuminati, in basso a sinistra del volante è sistemata la rotella per la regolazione del fascio luminoso, al centro plancia, affianco all'accendisigari trovano posto gli altri pulsanti (sbrinatore lunotto, retronebbia e hazard); unico appunto può essere mosso al clacson "alla francese", all'estremità della levetta di sinistra posta dietro al volante non individuabile immediatamente. I comandi della climatizzazione, a centro plancia, sono semplici ed intuitivi da adoperare; composti da una manopola con la quale si regola la portata d'aria e da due leve (dall'aspetto un pò datato peraltro) che regolano rispettivamente le direzioni dei flussi e la temperatura; si sente tuttavia la mancanza del blocco centralizzato e del ricircolo, e, specialmente in estate del climatizzatore. Le bocchette, quattro e di buone dimensioni, sono ben distribuite sulla plancia. Scomodo il vano portaoggetti davanti al passeggero poco capiente e sprovvisto di uno sportello di chiusura lascia in vista e liberi di cadere in ogni momento gli oggetti contenuti in esso, per contro le tasche portaoggetti sulle portiere sono larghe e capienti e il portaoggetti davanti alla leva del cambio è utile per riporre piccoli oggetti. I sedili, abbastanza larghi e comodi, non sono molto profilati, sono rivestiti di tessuto ruvido che cede alla lunga. Un appunto va mosso al meccanismo di ribaltamento dei sedili anteriori che non prevede, rimandando il sedile in posizione d'uso, la memorizzazione della posizione in cui era stato sistemato e bisogna reimpostarla ogni volta; scomoda inoltre la regolazione dello schienale a scatti. In quattro si viaggia comodi: davanti si gode di maggiore spazio, mentre dietro solo in due si sta comodi anche se i più alti toccano i sedili anteriori con le ginocchia; lo schienale del divano posteriore non sdoppiabile, obbliga a fare a meno di tutti i posti dietro nel caso in cui si debba allargare la capacità del vano bagagli (peraltro buona).
Alla guida
Il motore ha 954cc e possiede 44 cavalli, dona alla piccola Peugeot un certo scatto ed una certa briosità; anche a bassi regimi si apprezza la sua prontezza e la sua regolarità nell'erogazione. Agli alti regimi l'auto è rumorosa; l'impianto di scarico contribuisce al disturbo dal punto di vista del confort acustico. Esemplare l'assorbimento delle sospensioni "alla francese", consente di percorrere strade selciate o sconnesse senza trasmettere nessun disturbo ne agli occupanti ne tantomeno agli organi di comando (cambio e sterzo in particolare). Buona la tenuta di strada, anche se in curva si sentono dei fastidiosi dondolii del corpo vettura. lo sterzo, senza servocomando, è abbastanza leggero in manovra e in marcia, anche se alle alte velocità si alleggerisce un po troppo; buono anche il giudizio riguardo l'impianto frenante che permette di arrestare la vettura entro spazi contenuti. Il consumo è una voce che non desta alcuna preoccupazione: l'auto è molto sobria in tutte le condizioni d'uso e si percorrono molti chilometri con un pieno. La visibilità è buona sia in marcia e in manovra, non ci sono angoli ciechi, grazie anche agli specchietti con un'ampia visuale alla linea di cintura bassa e ai montanti sottili.
La comprerei o ricomprerei?
Sempre per restare in famiglia, meglio orientarsi sulla sorella maggiore 206, più grande, meglio rifinita, ma rigorosamente a 5 porte!
Peugeot 106
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
0
0
1
1
1
VOTO MEDIO
2,0
2
3
Aggiungi un commento
Ritratto di DVD84
23 aprile 2010 - 12:15
Anch'io ho imparato a guidare con una 106 954cc di mia madre. Era (dico era perchè l'abbiamo venduta nel 2006 per una Opel Agila) in allestimanto XN (quello base) con la sola aggiunta dei fascioni laterali. Auto indistruttibile con paraurti e specchietti graffiati che più non si poteva, l'abbiamo venduta dopo 13 anni, ma ho saputo che il nuovo acquirente l'ha rottamata dopo altri 2 anni. Non la dimenticherò mai.
listino
Le Peugeot
  • Peugeot 508
    Peugeot 508
    da € 30.350 a € 48.000
  • Peugeot 208
    Peugeot 208
    da € 14.900 a € 21.550
  • Peugeot 2008
    Peugeot 2008
    da € 18.150 a € 28.050
  • Peugeot 308 SW
    Peugeot 308 SW
    da € 22.120 a € 33.870
  • Peugeot 108
    Peugeot 108
    da € 11.850 a € 15.050

LE PEUGEOT PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE PEUGEOT

  • Questa speciale Peugeot 308 GTi ha il motore 1.6 potenziato di 30 CV (per un totale di 302 CV), freni maggiorati e pesa solo 1.155 kg. Qui per saperne di più.

  • La notevole e-Legend Concept proietta nel futuro la casa del Leone ispirandosi apertamente alla Peugeot 504 Coupé degli anni 70.

  • L’auto in verità si era già vista, ma non in versione ibrida plug-in, che la Peugeot ha presentato qui a Parigi. Andiamo a scoprirla.