Lancia Delta 1.4 T-Jet Argento

Pubblicato il 21 agosto 2009

Listino prezzi Lancia Delta non disponibile

Ritratto di Pio
Lancia Delta
Qualità prezzo
0
Dotazione
0
Posizione di guida
0
Cruscotto
0
Visibilità
0
Confort
0
Motore
0
Ripresa
0
Cambio
0
Frenata
0
Sterzo
0
Tenuta strada
0
Media:
0
Perché l'ho comprata o provata
Da anni Lancia era assente nel panorama delle auto di segmento "C", per intenderci quello di Golf e affini. Con la nuova Delta ha segnato un grande ritorno in un settore da sempre combattuto: quello delle auto medie, preferite da una buona percentuale di utenti. La Delta si è ripresentata in grande stile: elegante, moderna, con un pizzico di sportività e con dimensioni leggermente "extra" per il segmento di appartenza. L'imapatto visivo è di quelli che non passano inosservati: la Delta ha uno stile personale e fuori dai "luoghi comuni". Frontale grintoso e incisivo, perfetto connubio tra eleganza e dinamismo con un accenno di hi-tech dato dalle luci di posizione a led ed i fari che imitano gli aggressivi occhi di un rapace; la mascherina, dalla tipica forma a scudo con listelli verticali rappresenta un tributo alle più belle Lancia. Vista laterale fluida con una forte caratterizzazione della fiancata e la particolarità della linea di cintura che risale fino al terzo finestrino laterale a mò di curva. La parte posteriore appare compatta e sfuggente, solcata dai due fanalini e dal lunotto bombato che scende giù quasi fino all'allogiamento della targa, disegnando così una linea che fa un "tutt'uno" con il tetto, interrotta dalla presenza discreta di un piccolo spoiler. Dunque, di soluzioni originali non ne mancano, alcune rasentano l'azzardo, come il tetto che sembra solo appoggiato ai montanti, oppure il "taglio" che incide la fiancata e termina con i fanalini posteriori. La ricercatezza estetica, talvolta estrema, trae un pò in inganno l'occhio di chi la osserva. Vista di 3/4 anteriore emerge il lungo cofano che sembra quasi cadere a picco sulla mascherina. Vista di 3/4 posteriore, è evidente il passo più lungo del solito, al punto da far apparire la parte posteriore un pò piccola rispetto all'ampiezza delle portiere; nonostante ciò, resta confermata la grande personalità estetica e la ricerca di un "qualcosa di nuovo" da parte dei designer Lancia. Personalmente, a livello estetico l'auto mi piace parecchio, anche se, devo ammetterlo, su una linea così "studiata" il colore della vernice può essere determinante, così come le dimensioni e lo stile dei cerchi. Io la preferisco nera,oppure grigio scuro, con i cerchi da 17" "elegant".
Gli interni
L'interno è accogliente, di sobria eleganza e assai ben concepito. Come per lo stile esterno, non mancano soluzioni originali, come il design dei sedili, più simili a poltroncine da salotto. La plancia è stata ripresa dalla Bravo e questo è evidente, nonostante gli sforzi attuati per renderla più consona ad un ambiente maggiormente ricercato. I comandi principali sono ben raggiungibili, mentre è un pò fuori vista la posizione dei comandi che gestiscono la climatizzazione, ubicati in basso e quindi in posizione poco visibile. Molti particolari hanno rifinitura tipo alluminio, piacevole alla vista, perchè creano un certo distacco cromatico con il nero dominante della plancia, un pò meno al tatto, perché trattasi di plastica verniciata. Si notano inserti cromati che elevano il tono dell'atmosfera a bordo: hanno parti cromate il perimetro delle bocchette, le maniglie di appiglio alle portiere e quelle apriporta, la maniglia di apertura del cassetto portaguanti e le ghiere che regolano la temperatura del climatizzatore; altri comandi sono in plastica traslucida. Piacevole anche l'illuminazione del quadro strumenti, di colore blu elettrico, lo stesso che illumina la plancia, donandole un ulteriore tocco di raffinatezza. Le plastiche adottate per rivestire la plancia sono molto piacevoli al tatto: sono plastiche di un certo pregio che (il materiale si chiama "Benova" ed ha la caratteristica di imitare al tatto la pelle), solitamente, rivestono interni di auto ben più costose. Non manca qualche particolare rifinito in modo più economico, come alcuni comandi secondari e la parte bassa della plancia, rivestita in plastica dura al tatto. In generale, l'ambiente assume maggiore eleganza optando per i rivestimenti in pelle e la plancia bicolore. Lo spazio interno è abbondante e i passeggeri che occupano il divano posteriore godono di un confort da ammiraglia: il divano, diviso in parti asimmetriche è ampiamente regolabile, notevole, poi la distanza fra questo e i sedili anteriori. Alcune note dolenti provengono dagli assemblaggi non sempre precisi e da particolari che sono stati un pò tralasciati: inspiegabile, ad esempio, l'assenza della regolazione in altezza delle cinture di sicurezza e criticabile il rivestimento interno delle portiere che lascia a vista le lamiere lungo il perimetro. Il bagagliaio ha forma regolare ma non è molto capiente; alta la soglia di carico.
Alla guida
Confortevole, morbida di sospensioni, la Delta fa di tutto per garantire un ottimo confort ai passeggeri. E' ben isolata, assorbe bene le imperfezioni della strada ed i fruscii aerodinamici non diventano mai invadenti. Ovattata, dunque, ma manca di quella "compattezza" e di quella percezione di qualità tipica delle avversarie più quotate. I comandi sono piacevoli da azionare, solo la frizione è un pò pesante. Lo sterzo restituisce un discreto feeling, il cambio è ben manovrabile e la vettura è ben frenata. Difficoltosa la visibilità ai laterale, a causa dei montanti del parabrezza piuttosto larghi; problematica anche la visibilità posteriore, a causa del lunotto bombato e della linea di coda sfuggente; consigliabili i sensori di parcheggio. L'auto da me provata era motorizzata col 1.6 td multijet da 120 cv: un propulsore silenzioso, fluido, parsimonioso. Le qualità di questo propulsore vengono un pò filtrate dal peso consistente della vettura, pertanto, non bisogna aspettarsi scatti flulminei e riprese mozzafiato. Tuttavia, per le caratteristiche intrinseche della Delta, che è un'auto soprattutto confortevole e turistica, il motore non appare sottodimensionato; solo se si cerca di riprendere con i rapporti più alti del cambio va un pò in affanno. La coppia c'è e viene fuori subito, da poco meno di 1800 giri, il che si traduce in una buona prontezza di risposta all'acceleratore. La tenuta di strada è sicura, al limite sottosterzante. Il rollio è elevato, ma mai preoccupante: piuttosto bisogna abiutarsi un pò alla sensazione di ondeggiamento del corpo vettura, ma ciò non inficia la sicurezza. L'esp interviene correttamente, senza anticipare troppo il suo intervento.
La comprerei o ricomprerei?
Considero la Delta una vettura interessante: attraente stilisticamente, spaziosa, elegante e molto comoda. Il 1.6 td è il propulsore ideale per chi non bada troppo alle prestazioni e desidera una vettura signorile, comoda e gestibile dal punto di vista economico (consumi bassi e spese rca non esorbitanti). La comprerei, ma il prezzo è un pò elevato. Aggiungendo poche centinaia di euro in più si acquisterebbero auto di categoria superiore: ford Mondeo, Opel Insignia, Vw Passat. Avrei preferito, inoltre, qualche dettaglio più curato all'interno dell'abitacolo e dotazioni di accessori più ricche: inspiegabile l'assenza dell'airbag a protezione delle ginocchia del guidatore, presente invece su vetture del Gruppo ben più economiche (fiat 500 in allestimento base); avrebbero potuto inserire nella dotazione di serie anche i sensori di parcheggio posteriori, visto il prezzo. Lo spazio all'interno del baule non è elevato in relazione alle dimensioni dell'auto.
Lancia Delta 1.4 T-Jet Argento
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
0
1
0
0
0
VOTO MEDIO
4,0
4
1
Aggiungi un commento
Ritratto di 911gt2
23 agosto 2009 - 17:08
1
la delta mi piace moltissimo e costa relativamente poco per quello che offre, dietro è molto originale. ottima scelta!!
Ritratto di Gorilla78
28 agosto 2009 - 18:23
veramente è bella macchina!
Ritratto di Alfieri Fabio
2 settembre 2009 - 10:31
macchina stupenda ma secondo me non per tutti,innanzitutto e nella categoria di una golf,ma superiore al livello di audi a3 per intenderci,e non costarelativamente poco anzi si pensiche una fiat bravo con il motore 1.6 mjet da 120cv di listino la più accessoriata viene 23.000 euro senza aggiunta di di ultriori accessoti o optional,stesso discorso per la delta ma con 27.000 euro di listino,se poisi agiungono altre cose si sale ancora,cmq senza dubbio una macchina che vale e adatta per tutte le situazioni.
Ritratto di Pablo
4 ottobre 2009 - 21:08
Caro Pio se sei contento dell'auto mi fa piacere...A me non è mai piaciuta. Come ho gia detto ad un tuo"collega" proprietario identico di questo finto gioiello l'azienda Fiat ha perso un opportunità per fare denaro a quintali. Che dico? semplice, come per la 500 c'e stata una forte volontà di ricreare il mito degli anni 60 anche qui andava fatta la stessa operazione riproponendo una vettura leggermente piu lunga e piu larga della mitica Delta degli anni 80....e a seguire una splendida HF integrale: ovvero l'anti Audi/Golf. Credimi anche con sta crisi gli italiani l'avrebbero prenotata e attesa per mesi... ciao!
Ritratto di nuf82
28 dicembre 2009 - 00:19
non sono d'accordo con la tua dichiarazione di finto gioiello in quanto la ritengo un auto dai grandi contenuti stilistici.l'unico errore del gruppo fiat 'è stato quello di dargli un nome che non gli appartiene.con un altro nome avrebbe sicuramente destato meno polemiche ma come si dice bella o brutta che sia è sempre pubblicità e chiamarla delta ha sicuramente incuriosito molti italiani che magari avrebbero impiegato molto più tempo ad apprezzarla.
Ritratto di Pio
29 dicembre 2009 - 15:05
Se l'avessero curata un pò di più, sia nell'estetica della plancia che in alcuni particolari ancora un pò "sottotono" e se l'avessero proposta a un prezzo più accessibile, alla Lancia ne avrebbe vendute sicuramente di più.
Ritratto di bmw750m
3 aprile 2010 - 03:42
auto stupenda ma il 1.4 da 120 cv fa pietaaa....e un auto legermente pesante x un motore da 120 cv....il 1.9 twinturbo da 190 cv si ke e una freccia... costa 9 mila euro di piu ma sii ke ne vale la pena...
Ritratto di MASSIMO69
10 aprile 2010 - 08:13
Sei entrato in questo forum solo per criticare? Vediamo la prova della tua auto se ne hai una? e impara a scrivere che fai ridere!
Ritratto di Pio
3 maggio 2010 - 09:46
Come da oggetto: la prova era riferita alla 1.6 multijet Platino, non alla 1.4 t 120 cv Argento
listino
Le Lancia
  • Lancia Ypsilon
    Lancia Ypsilon
    da € 13.600 a € 19.850

LE LANCIA PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE LANCIA

  • Uno slogan che fece la fortuna della Y10, proposta come l'utilitaria di lusso: "piace alla gente che piace" diceva lo spot del 1987, che utilizzava alcuni volti noti di quegli anni, tra cui attori, registi, sportivi e cantanti famosi.

  • Tre nuovi allestimenti per la citycar torinese Lancia Ypsilon, in offerta a partire da 9.500 euro.

  • La nuova versione Mya è la più sfiziosa nella gamma della Lancia Ypsilon: cerchi in lega e sedili specifici in Alcantara e tessuto.