Toyota Aygo 1.0 68 CV Now Connect 5 porte

Pubblicato il 7 gennaio 2015
Ritratto di Mattia Bertero
alVolante di una
Kia Stonic 1.0 T-GDI 120 CV Energy
Toyota Aygo
Qualità prezzo
5
Dotazione
4
Posizione di guida
4
Cruscotto
3
Visibilità
5
Confort
4
Motore
4
Ripresa
3
Cambio
3
Frenata
4
Sterzo
5
Tenuta strada
5
Media:
4.0833333333333
Perché l'ho comprata o provata
Questa è l'auto nuova di mia madre, presa da un giorno al momento della scrittura della prova. Alla fine, dopo un'attenta analisi su quale auto andava a cercare e dopo aver esaminato bene le possibilità economiche, siamo passati da un'utilitaria ad una citycar per il suo nuovo acquisto. Dopo aver girato i concessionari della mia città, Mondovì in provincia di Cuneo, abbiamo trovato questa Aygo prima serie 5 porte (stessa versione e colore della foto) in un concessionario Toyota. E' del 2011 ed ha percorso solamente 16.000 km, tenuta in un perfetto stato a parte qualche riga sugli specchietti retrovisori. E' stato un bel acquisto. L'ho provata in un pomeriggio per poco più di 50 Km in un percorso vario, fatto di città, colline e pianura.
Gli interni
Partirò dagli ESTERNI (AlVolante dovrebbe mettere anche questa voce nelle prove dei lettori): devo ammettere che questa Aygo è la migliore delle tre sorelle in termini di design, risulta molto giovanile e con una linea filante considerate le dimensioni esterne della macchina. Un bel frontale aggressivo ci porta verso un posteriore futuristico con il particolare disegno del lunotto e dei fari posteriori. Il colore bianco poi le dona molto. Da notare una certa economicità nel mettere i ganci del baule in bella vista, coperti solamente da una copertura in plastica nera e dalla presenza di un solo e grande tergicristallo anteriore. Passiamo agli INTERNI: anche qui si respira un'aria molto giovanile, con un design curvilineo e morbido. Dopo esserci seduti al posto guida si nota una certa disposizione della strumentazione di bordo incentrata verso il tunnel centrale: Più a sinistra si trova solamente il comando della regolazione dei fari anteriori ed una piccolo vano portaoggetti utile per le cose piccole, davanti a noi ecco comparirci il volante rivestito con una plastica lucida e leggermente morbida. Quest'ultimo risulta molto compatto con un'impugnatura molto ben profilata anche per una guida un po' allegra, oltre di esso troviamo un grande contachilometri analogico (il contagiri non è previsto in questa versione Now, si cambia alla vecchia maniera, usando solamente le orecchie), con vicino un piccolo schermo digitale con l'indicatore del livello carburante ed i Km totali (un po' troppo piccolo). Al fianco del volante ecco le due leve delle frecce a sinistra e dei lavavetri sulla desta: nella prima citata sono presenti anche i comandi per le luci; bisogna un po' prenderci la mano per il fatto che, a parere mio, i comandi sono troppo concentrati. Proseguendo verso destra troviamo la plancia. In questa versione è previsto il navigatore Tom-Tom di serie, posizionato nella parte più alta del cruscotto e utilizzabile tramite un cassetto, che chiuso, si integra perfettamente con la plancia. Un buon sistema di navigazione che trova subito il segnale GPS e la posizione giusta, inoltre è rapido a calcolare i percorsi. Più in basso ecco la radio CD-MP3 con la presa USB che spunta all'interno del cassetto del passeggero (scomodo per il guidatore). L'impianto audio è bello potente nonostante siano presenti solo due casse sopra il cruscotto all'altezza della grande presa di sbrinamento del parabrezza, su i due lati della macchina; per via dello spazio interno dell'auto non troppo ampio il suono si distribuisce molto bene. Procedendo troviamo i grandi tasti dello sbrinamento del lunotto, il comando degli hazzard e quello del climatizzatore, regolabile con i comandi più in basso completamente illuminati dal comando delle luci, la regolazione della direzionalità dei flussi e della temperatura risultano un po' duri da azionare, (forse per via di quella particolare forma simile a grosse manovelle laterali) così come il comando della regolazione della velocità del flusso. L'impianto risulta molto potente anch'esso e il climatizzatore incide già a poche decine di secondi dalla sua attivazione. Infine, davanti al sedile del passeggero troviamo un cassetto portaoggetti molto piccolo, utilizzabile solamente per i documenti della macchina ed altre cose più piccole. I comandi dei tergicristalli anteriori non sulle portiere un po' troppo in basso rispetto alla posizione del braccio. Il tutto si presenta con una certa cura degli assemblaggi e una patina verniciata sopra la plastica rigida del cruscotto la rende piacevole al tatto; inoltre il tutto risulta molto arioso e illuminato grazie ad un'ampia superficie vetrata. Qualche economia però e visibile come le lamiere in vista delle portiere oppure con il rivestimento del soffitto stampato o ancora dai vetri a scomparso posteriori per arrivare al filo per lo sbrinamento del lunotto in bella vista in stile telefono di casa anni 60. I sedili sono costituiti da un piacevole tessuto sintetico e risultato comodi ma molto poco contenitivi, un po' inadatti per i viaggi lunghi. La cosa che mi ha impressionato di più è lo spazio a bordo, grazie ad un passo notevole rapportato alle dimensioni esterne, in cui davanti si sta comodamente in qualsiasi regolazione (che riesce a far passare al guidatore la pecca del volante regolabile solo in altezza) mentre dietro si sta comodi solo in due senza particolari problemi per le ginocchia o per la testa dei più alti. Tutto questo a scapito di un bagagliaio molto piccolo, utile solo per due buste della spesa. D'altronde con 3,5 metri di lunghezza ed un notevole spazio a bordo, qualcosa doveva essere sacrificato
Alla guida
Ho ritrovato una mia vecchia conoscenza: il 1.0 69 Cv che avevo montato sulla mia Yaris seconda serie, la mia prima macchina. Devo ammettere che ho provato una certa nostalgia....Ho ritrovato tutti i suoi pregi e difetti: fluido nell'erogazione, con dei consumi molto contenuti (20Km/l veri di media) contro una ripresa lenta e una gestione dei rapporti delle marce basse un po' discutibile (dalla prima alla seconda il cambio risulta troppo marcato verso il basso, si ha troppi pochi giri in seconda per uno scatto decente). La sua voce si fa sentire solo quando lo si tira grazie da una insonorizzazione dell'abitacolo molto efficace che ci fa sentire dei suoni "ovattati" all'interno dell'abitacolo. La Aygo risulta agilissima e divertente da guidare viste le dimensioni ed il peso contenuti, sempre sicura come tenuta di strada anche ad andature veloci, molto equilibrata nel comportamento nonostante una non elevata gommatura in fatto di dimensioni. In una strada piena di curve ci si diverte molto contrariamente la non elevata potenza del motore possa presagire. Il volante è ottimo, molto reattivo nei cambi di direzione e trasmette molto bene il manto stradale, così come nelle manovre che diventa leggero rimanendo preciso. Il cambio è una nota negativa: è preciso negli innesti, si trovano subito senza impuntamenti, ma è presente un gioco enorme tra un inserimento e l'altro come se fosse il cambio dei simulatori di guida nelle sale giochi. Per un uso normale va abbastanza bene, per un uso intensivo va un po' in crisi e si rischia di non trovare subito le marce. L'impianto frenante, due dischi anteriori combinati con due tamburi posteriori, risulta potente e ben equilibrato anche per le frenate di emergenza, Le sospensioni sono morbide, infatti trasmettono poco delle asperità del manto stradale, ma hanno anche un ottimo comportamento in caso di guida sportiva, un giusto compromesso di comodità e di rigidità utile per una buona guida. Insomma è una vettura che trasmette molta sicurezza, che ci si può divertire davvero oppure fare anche in comodità dei viaggi brevi, quelli lunghi li sconsiglio visto che i sedili dopo un po' diventano un po' stancanti per le gambe (dalle mie parti ho a pochi chilometri le colline delle Langhe con delle strade bellissime per provare la guida sportiva, dove sono andato a provare questa Aygo). Non c'è altro da aggiungere vista la natura della macchina, non si parla di qualcosa di particolare.
La comprerei o ricomprerei?
Io no per via che ho bisogno di spazio a bordo maggiore rispetto a quello che una citycar può offrire ma di certo per mia madre, che deve fare i suoi chilometri per lo più in città con qualche viaggetto in provincia, va più che bene. Inoltre l'ha pagata 7600 euro con 4 gomme invernali e la voltura inclusa, per la dotazione ed il chilometraggio basso il prezzo risulta ottimo, poi è stata trattata molto bene a parte qualche particolare che ho già accennato in precedenza. Un saluto da Mattia.
Toyota Aygo 1.0 68 CV Now Connect 5 porte
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
0
1
4
0
1
VOTO MEDIO
2,8
2.833335
6
Aggiungi un commento
Ritratto di M93
16 gennaio 2015 - 12:41
Ottima prova Mattia, complimenti. Ho avuto occasione anche io di provare una Aygo similare e l'ho apprezzata molto, sopratutto per la guida divertente e lo sterzo ottimo, leggero ma preciso, mentre non ho apprezzato la poca fluidità del cambio e gli interni un po' troppo spartani per i miei gusti. Io l'ho guidata in città ed è davvero eccellente, molto maneggevole e agile. Un saluto. Marco
Ritratto di Mattia Bertero
16 gennaio 2015 - 15:02
3
Grazie Marco. Questa macchina mi ha davvero divertito quando l'ho provata, oltre che in città permette una bella guida anche in mezzo alle curve dove è sempre sincera e permette davvero di osare qualcosa in più in tutta sicurezza. Si, il cambio è proprio una parte poco azzeccata della macchina. Un saluto anche a te. Mattia.
Ritratto di cris25
17 gennaio 2015 - 12:43
1
hai elencato davvero dettagliatamente le caratteristiche dell'auto, che devo dire si rispecchiano molto con le mie. Anche io come te la preferisco rispetto alle due sorelle francesi, esteticamente parlando. Sono salito parecchie volte e devo dire che gli interni sono sì spartani con lamiere a vista, ma almeno sono sbarazzini e "non" seriosi come altre rivali. Ed anche io non la comprerei un'auto così, ma solo perché ho bisogno di più spazio e di un briciolo di comodità...
Ritratto di Mattia Bertero
17 gennaio 2015 - 13:46
3
Grazie Cris. Come citycar la Aygo è davvero ottima in molti aspetti. Per quello che l'ho provata fino ad adesso mi ha trasmesso davvero delle belle sensazioni. Un saluto Mattia.
Ritratto di ercolefour
3 dicembre 2018 - 17:00
Ciao Mattia, stamattina ho avuto modo di provare il modello di Aygo che hai provato e descritto nel forum. Ho avuto molta difficoltà a capire lo stacco della frizione. Volevo tanto comprare questo modello. Non sono riuscito a guidarla x nulla.
listino
Le Toyota
  • Toyota Land Cruiser
    Toyota Land Cruiser
    da € 42.800 a € 69.750
  • Toyota Corolla Touring Sports
    Toyota Corolla Touring Sports
    da € 28.350 a € 34.900
  • Toyota Aygo
    Toyota Aygo
    da € 12.000 a € 16.950
  • Toyota Prius
    Toyota Prius
    da € 29.750 a € 42.250
  • Toyota Hilux
    Toyota Hilux
    da € 32.300 a € 43.800

LE TOYOTA PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE TOYOTA

  • Davvero maneggevole e con una coppia generosa, la Toyota Supra dispensa forti emozioni. Ma in pista i freni mostrano presto la corda. Qui per saperne di più.

  • La nuova Corolla è la protagonista dello stand Toyota al Salone di Ginevra, dove sono presenti anche la nuova Rav4 e la Prius restyling. Ne parliamo con l'amministratore delegato della Toyota Italia.

  • La Toyota Supra è un nome ben noto agli appassionati: dal 1979 al 2002 le coupé della Toyota si sono succedute in quattro generazioni. Oggi la Supra è tornata con una vettura dalle forme sinuose.