Opel Agila 1.2 16V Comfort

Pubblicato il 31 maggio 2015

Listino prezzi Opel Agila non disponibile

Ritratto di PongoII
alVolante di una
Ford Galaxy 2.0 TDCi 140 CV Business
Opel Agila
Qualità prezzo
5
Dotazione
3
Posizione di guida
4
Cruscotto
3
Visibilità
4
Confort
3
Motore
3
Ripresa
2
Cambio
3
Frenata
4
Sterzo
3
Tenuta strada
3
Media:
3.3333333333333
Perché l'ho comprata o provata
Con la nascita della prima figlia (2003) cominciammo a pensare a “rinnovare il parco auto familiare” e la prima ad essere sostituita fu l'auto della moglie, una la Corsa tre porte del ’98. Grottescamente muniti di passeggino e seggiolino per tastare con mano e centimetri se le dotazioni della bimba entrassero o meno agevolmente nelle auto, facemmo il giro delle concessionarie per visionare delle utilitarie: Yaris Verso, no perché a fine carriera; Panda, no perché il passeggino non entra nel bagagliaio... vinse l'Agila, 1.2. benzina 75 cv/55 kw, allestimento Comfort, a fine serie per la nomenclatura in quanto presto sostituito dal "Cosmo". Abitabilità comoda anche in 5, bagagliaio ben proporzionato, ingombri minimi (3,5 metri di lunghezza, ovvero un solo metro in più di una Smart di allora), motore collaudato... Fu presa in pronta consegna e complici gli ululati della pargola non si riuscì a strappare il "prezzaccio" ma in ogni caso portammo a casa un discreto giocattolino: vernice metallizzata, cerchi in lega, ABS, 2 air bag, clima manuale, fendinebbia. La moglie era contenta, la bimba più sicura e più facile da trasportare grazie alle 5 porte ed alla seduta rialzata. Proprio in quel periodo l'Opel la pubblicizzava come la più piccola auto comoda per 8, facendoci salire 4 donne incinte...
Gli interni
Sedili accoglienti, come detto comodi anche in 5 (tuttora ci si viaggia con dietro tre bimbi, di cui due su seggiolino). Il divano è abbattibile 60/40, particolare che non ci impediva in tre di effettuare anche la spesa più grande. La strumentazione è teutonicamente razionale seppur spartana: cruscotto con contagiri e tachimetro, temperatura acqua e livello carburante; comando luci, fendi & retronebbia a sinistra del volante; clima a destra, sormontato dal display con data, ora e temperatura esterna. Da piccola monovolume, entry level dello specifico segmento Opel che proseguiva con Meriva e Zafira, si difende per capacità di carico: a volte la paragonai al Tardis del Doctor Who, più grande dentro che fuori... Sotto i sedili anteriori dei cassettoni, utili principalmente a dimenticarci dentro quello che vi si ripone…
Alla guida
Capiamoci, cilindrata e cavalleria dovrebbero non far preoccupare, se non fosse per l'aerodinamica in pieno stile furgoncino che a livello prestazionale ha fatto un po' rimpiangere la Corsa. Il motore è onesto, ma se si vuole dare un senso al nome della vettura occorre avere una mano sempre sul cambio e, a lungo andare, anche un'altra sul portafogli, quindi meglio capire che è un'utilitaria e godersela come tale. L'altezza rapportata alla larghezza non è eccessiva e montando di serie degli pneumatici un po' più larghi del modello base la tenuta di strada è accettabile, ferma restando la precedente considerazione... Le marce sono "cortine" e non è difficile trovarsi in 5ª già a 50 km/h. Poi, nei percorsi extraurbani, l'allungo non è fulmineo e viaggiando a velocità massima consentita il propulsore twinport si comincia a sentire ed inizia a scendere il livello del carburante....
La comprerei o ricomprerei?
Anche quest'auto è stata comprata p.n.f. (per necessità familiari) e non ci pentiamo della scelta, anzi! L'Opel e le sue concorrenti nel segmento non sono riuscite a mantenere e sviluppare la bontà del progetto di una vettura capiente, comoda e poco ingombrante. Quando, saputo dell'arrivo del 4° figlio, provammo a metterla in vendita privatamente per prendere una vettura un po' più grande fummo subissati di contatti e la frase più gettonata fu "cerco proprio quell'auto perché così pratiche non ne fanno più", tanto che ci decidemmo a lasciar stare ed a spenderci qualche centinaio di euro (pompa acqua, gomme e batteria) per rimetterla al 100%. E ce la terremo a lungo!
Opel Agila 1.2 16V Comfort
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
0
1
3
2
1
VOTO MEDIO
2,6
2.57143
7
Aggiungi un commento
Ritratto di panda07
10 giugno 2015 - 23:48
1
Macchina che conosco molto bene, solo con il 1.0 12v da 60,cv del 2005 in versione intermedia, auto onesta ma sinceramente la odio, apparte il motore che non è morto di più, la panda con la stessa potenza sembra un Ferrari, il 1.0 è praticamente morto a ogni regime pure tirando Nada de Nada, poi l effetto torre di pisa che fa a ogni curva presa anche piano non mi piace, gli interni l ho trovati molto grigi, un suo punto a favore è lo spazio enorme per una segmento A! Visto che particolari esigenze di spazio noi non le abbiamo se dovrei fare una scelta tra questa e la panda (essendo oggettivo) preferisco la panda sia per il motore più corposo e per le doti dinamiche più convincenti, nel senso che se si alza il ritmo difficilmente si riesce a mandarla in crisi diciamo che l agila è la monovolume delle city car e la panda è la classica berlina hahahaha comunque è sotto certi aspetti valida e prima del2003 una delle migliori se non la migliore del mercato per flessibilità! Ciao ;)
Ritratto di panda07
10 giugno 2015 - 23:49
1
Scusa il correttore hahaha
Ritratto di PongoII
11 giugno 2015 - 08:16
7
Non sei il primo che loda le mie prove: avrei dovuto impegnarmi di più come giornalista invece di abbracciare un'altra professione... Si, come segmento A è tuttora indiscussa la sua capienza e non capisco perché la nuova sia stata stravolta in tal senso. Andammo a vedere anche la Panda ma non ci entrava nel bagagliaio il passeggino pagato 400 €, quindi abbiamo optato per l'Agila. La Panda la conosco bene, mia madre ne ha avute due, una del 2005 e attualmente l'ultima 4x4. Comunque il 1.2 dell'Agila non è morto, come ci fu detto in raffronto al 1.0 in sede di acquisto, e certamente l'aerodinamioca non aiuta, ma ha pur sempre 75 cv... Ciao!
Ritratto di panda07
11 giugno 2015 - 12:14
1
penso vada un po meglio del 1.0 che è bello che defunto!!!! motore da evitare assolutamente!
Ritratto di panda07
11 giugno 2015 - 12:15
1
penso vada meglio! il 1.0 è da evitare
Ritratto di M93
11 giugno 2015 - 09:41
Ciao Gabriele, ottima prova, piacevole da leggere come di consueto ;) Al pari di quella di Galaxy e 155, ho apprezzato molto il "connubio" (che personalmente, per inciso, io non saprei fare) tra la descrizione dell'auto e il "risvolto" famigliare che l'acconpagna. L'Agila A, come viene chiamata dagli "addetti ai lavori", mi piace e, nonostante sia una vettura ormai datata, si incontra ancora piuttosto facilmente sulle nostre strade, data la validità del mezzo: anche sui mercati extraeuropei, nelle sue numerose varianti (Suzuki Solio, Chevrolet MW etc) ha avuto grande successo, principalmente per le doti che hai evidenziato anche tu, quali praticità e spaziosità. Colgo l'occasione per fare a te (e tutta la famiglia) i miei auguri per il nascituro/la nascitura. Un saluto.
Ritratto di PongoII
11 giugno 2015 - 11:12
7
Grazie Marco, come sempre. Peronalmente trovo quanto fatto da Opel & soci una scelta commerciale sbagliata l'aver abbandonato l'evoluzione del progetto, passando a tutt'altra vettura con la versione "B". Quando la misi in vendita fui tempestato di chiamate e quasi ci fu l'asta al rialzo, tutti che mi dicevano "cercavo proprio quella", "non ne fanno più così"... tanto che, essendo Euro 4 e con solo 80k km, decidemmo di mettere mano al portafogli per cambio gomme e batteria e di tenercela stretta. Almeno ancora per un po'. Ti ringrazio anche a nome di Laura (scadenza 4 luglio) per gli auguri. Ciao
Ritratto di Moreno1999
11 giugno 2015 - 13:39
4
Cancro, lo ripeto, resta il segno dei migliori!! L'Agila è un'auto che per quanto semplice esteticamente è perfetta per la città: senza orpelli, buona visibilità, piuttosto stretta ma comunque spaziosa. Il fatto che sia euro4 la avvantaggia non poco, i km tra l'altro non sono nemmeno molti, quindi tenetevela fino a quando la pressa dello sfasciacarrozze non se la porterà via. Io continuo a vedere la Mazda2 parcheggiata sotto casa e mi fa troppa tenerezza, poverina! Molto scorrevole e completa anche la prova
Ritratto di PongoII
11 giugno 2015 - 13:54
7
Grazie Moreno, per tutto. Ci hanno detto che, in un'epoca ove ci si sbizzarrisce anche con poco gusto a dare i nomi ai propri figli, abbiamo scelto per tutti dei bei nomi (Sara, Marco, Alice). Quantomeno sia semplici, sia di genere e quel tanto che basta per essere "globalizzati". Inoltre con Laura (se non anticipa troppo) avremo la IV stagione. Anch'io (18) sono di luglio, ma di tanti anni fa... Per l'auto la tua disamina è perfetta e concorde con la mia prova. Ce la terremo stretta. Inoltre ringrazio anche te per essere l'ennesimo che loda le mie prove... mi farete montare la testa o pentirmi della scelta lavorativa che feci a suo tempo... Ciao da Gabriele.
Ritratto di Moreno1999
11 giugno 2015 - 14:19
4
E come nomi sia io che la mia gemella (Viola) siamo piuttosto strani, ma perlomeno sono italiani! C'è io per scelta personale non chiamerei mai mio figlio con certe "inglesate" visto che ormai vanno molto di moda! (Ma sicuramente di tempo ce n'è ancora!)
Pagine
listino
Le Opel
  • Opel Insignia Grand Sport
    Opel Insignia Grand Sport
    da € 30.100 a € 43.950
  • Opel Astra Sports Tourer
    Opel Astra Sports Tourer
    da € 19.450 a € 29.000
  • Opel Astra
    Opel Astra
    da € 18.450 a € 28.100
  • Opel Insignia Sports Tourer
    Opel Insignia Sports Tourer
    da € 31.250 a € 42.350
  • Opel Mokka X
    Opel Mokka X
    da € 20.300 a € 32.850

LE OPEL PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE OPEL

  • Sono 90 le versioni di modelli Opel che rispettano già oggi i futuri limiti sulle emissioni Euro 6d Temp in vigore da settembre 2019. Qui per saperne di più.

  • Sorella della Citroën Berlingo, questa nuova Opel Combo è disponibile in due lunghezze e si può avere anche a 7 posti.

  • Domande a tutto campo per l'amministratore delegato della General Motors Italia: dalla suv di medie dimensioni Grandland X, alla versione sportiva dell'Astra GSi, senza tralasciare le alimentazioni alternative.