Peugeot 2008 1.6 e-HDi 92 CV Allure S&S

Pubblicato il 22 febbraio 2014
Ritratto di MatteFonta92
alVolante di una
Fiat 500 1.2 EasyPower Lounge
Peugeot 2008
Qualità prezzo
5
Dotazione
5
Posizione di guida
3
Cruscotto
4
Visibilità
3
Confort
4
Motore
5
Ripresa
3
Cambio
2
Frenata
4
Sterzo
5
Tenuta strada
5
Media:
4
Perché l'ho comprata o provata
A grande richiesta (specialmente da parte di PariTheBest93) ho deciso di scrivere la prova della Peugeot 2008 che ho avuto occasione di guidare a giugno del 2013 con il team di collaudatori di alVolante assieme ad altre tre piccole crossover. L’auto in questione (identica a quella che vedete in foto) è appunto una Peugeot 2008 nella versione di punta (per quanto riguarda l’allestimento) Allure, equipaggiata con il quattro cilindri turbodiesel e-HDi da 1.6 litri e 114 CV.
Gli interni
Tra le quattro crossover da me provate quel giorno, la Peugeot 2008 è senza dubbio quella dall’abitacolo più curato ed elegante. Appena saliti a bordo, infatti, si percepisce immediatamente la grande qualità dei materiali usati: il piccolo volante è rivestito in morbida pelle, così come i sedili e il comando del freno a mano, ed è piacevolissimo (oltre che comodo) da impugnare; la plancia è rivestita in plastica morbida con un motivo che simula la fibra di carbonio, mentre un po’ ovunque nell’abitacolo (sulle porte, sul cambio, sul volante, ecc.) sono presenti degli inserti in finto alluminio molto piacevoli da vedere, ma che hanno un piccolo effetto collaterale: dato che sono comunque in metallo, si scaldano molto facilmente se si lascia l’auto parcheggiata per diverso tempo sotto il sole estivo, tanto che quando ho impugnato per la prima volta il pomello del cambio ho istintivamente ritratto la mano, perché era rovente! E se tanto mi dà tanto, immagino che d’inverno si verifichi il problema opposto, se si lascia l’auto parcheggiata fuori al freddo… insomma, il classico esempio di una cosa molto “scenografica” ma che in termini di praticità non è il massimo. La zona del cruscotto (così come quella della consolle centrale) ha un rivestimento nero laccato molto piacevole ed elegante, ma che in estate contribuisce non poco a “surriscaldare” l’atmosfera a bordo. In questi casi la migliore cosa da fare è affidarsi all’efficiente climatizzatore automatico bizona; non è facile però individuarne al primo colpo i comandi sulla consolle, perché sono tutti piuttosto piccoli e simili tra di loro. Beninteso, non è nulla di impossibile, bisogna semplicemente farci l’abitudine. Lo stesso dicasi per la curiosa disposizione del quadro strumenti, posizionato in alto ma parzialmente coperto dalla corona del volante. Qui si va a gusti, può piacere oppure no; per quanto mi riguarda non mi sono trovato male, anche se effettivamente per vedere bene il cruscotto il volante va abbassato di qualche centimetro, e i più alti rischiano di ritrovarselo tra le ginocchia. Rispetto alla “cugina” 208, comunque, trovo che questo difetto sia stato in parte ridotto. Il tachimetro e il contagiri hanno un design direi quasi “tagliente”, con i numeri piuttosto piccoli e sottili, ma comunque leggibili. Più classica (anzi, forse pure troppo) la grafica del computer di bordo. Per quanto riguarda l’abitabilità, è ok per chi viaggia davanti, mentre i passeggeri del divanetto posteriore hanno a disposizione uno spazio più limitato (specialmente in tre).
Alla guida
Così come è accaduto con la Renault Captur, anche per questa Peugeot 2008 l’impressione che ho avuto è quella di guidare una normale utilitaria. Le dimensioni compatte e il passo piuttosto corto (identico a quello della 208, avendo il medesimo telaio), la rendono agile anche nei percorsi tortuosi: l’auto è davvero efficace negli inserimenti in curva e non si riscontra il minimo rollio, anche per via delle sospensioni ben tarate e dell’altezza da terra non eccessiva. Promossi a pieni voti lo sterzo, leggerissimo e preciso, e la frizione: il pedale è morbido da azionare e non affatica la gamba. Peccato non poter dire lo stesso del cambio: come accade sulla stragrande maggioranza delle vetture del gruppo PSA, la corsa della leva è lunga e gli innesti sono contrastati. C’è da dire che rispetto alla precedente generazione di vetture Peugeot (ho provato sia la 207 che la 307) si riscontra qualche miglioramento, ma vedendo i grandi passi avanti fatti sulle ultime Peugeot in termini qualitativi, mi auguravo che questo difetto venisse completamente eliminato, ma purtroppo non è stato così. Comunque, ci si può “consolare” con il motore, che, pur faticando un po’ nella ripresa sotto ai 1.800 giri/min, con i suoi 114 CV dispone sempre di una buona verve garantendo al tempo stesso consumi ridotti (specialmente con il sistema Start&Stop attivato e seguendo i consigli dell’indicatore di cambiata sul computer di bordo, che però finisce inevitabilmente per penalizzare le prestazioni). Chiudo con un appunto riguardante i sedili: la seduta è confortevole e trattiene bene il corpo in curva, ma nel mio caso ho notato che lo schienale era eccessivamente rigido, tanto che quando sono sceso dall’auto mi faceva male la schiena. Non so se sia una caratteristica comune a tutte le 2008 o piuttosto una particolare regolazione del sedile di guida, fatto sta che questo schienale così rigido non è proprio il massimo per il confort.
La comprerei o ricomprerei?
Prima di dare la mia ultima opinione sull’auto, ecco di seguito la solita “pagella”. PREGI --> _Finiture: sicuramente il punto forte dell’auto. Gli interni sono costruiti con materiali di qualità, piacevoli alla vista e al tatto e anche gli assemblaggi sono ottimi. Sembra davvero di trovarsi a bordo di un’auto di lusso. _Sterzo: leggerissimo e preciso, si sposa bene con le ottime qualità dinamiche dell’auto, rendendo la 2008 una vettura davvero piacevole da guidare. _Motore: la cubatura non eccessiva, unita al buono spunto dei suoi 114 CV e ai consumi contenuti lo rendono quasi perfetto per questa vettura, specialmente per chi fa molta strada. DIFETTI --> _Cambio: il noto punto debole delle Peugeot/Citroën, anche in questo caso si rivela ruvido e dagli innesti contrastati. _Dettagli: alcuni particolari (come gli inserti in metallo e in vernice nera laccata), seppur belli da vedere, in condizioni di estremo caldo o freddo possono rivelare degli spiacevoli “effetti collaterali”. _Volante: è comodissimo da impugnare, peccato che la corona nasconda un po’ la vista del quadro strumenti, e così si è costretti ad abbassarlo; per i più alti non è il massimo della comodità. Tirando le somme, questa Peugeot 2008 si è rivelata una valida crossover, costruita con molta cura e con la piacevole sorpresa di un ottimo comportamento dinamico, cosa non scontata per un’auto di questo tipo. Se non fosse per la linea un po’ troppo in stile SW e per la mancanza (per il momento) di un valido motore a benzina, potrei anche farci un pensierino. Spero che la prova sia stata di vostro gradimento! Saluti da MatteFonta92.
Peugeot 2008 1.6 e-HDi 92 CV Allure S&S
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
13
3
0
0
1
VOTO MEDIO
4,6
4.588235
17
Aggiungi un commento
Ritratto di MatteFonta92
9 marzo 2014 - 22:22
3
Grazie mille! Saluti anche a te :-)
Ritratto di fabri99
9 marzo 2014 - 20:03
4
Purtroppo credo anch'io che dovremo aspettare una nuova RCZ, ma, chissà, magari ci stupiranno...
Ritratto di MatteFonta92
9 marzo 2014 - 22:27
3
Chissà, magari per farla si ispireranno alla concept Onyx, che a me era piaciuta molto... se non sbaglio era quella con la carrozzeria rivestita di rame che, mano a mano che si ossida, diventava blu...!
Ritratto di fabri99
10 marzo 2014 - 19:50
4
Sarebbe interessante vederla adesso in blu...
Ritratto di Moreno1999
11 marzo 2014 - 20:39
4
L'auto non mi piace affatto. Tanto curata ma scivola sulle banalità, esteticamente poi sembra un furgone (a parte il frontale).
Ritratto di MatteFonta92
12 marzo 2014 - 10:47
3
Grazie! :-) Esteticamente concordo con te, il posteriore così massiccio e squadrato non è il massimo, specialmente in confronto al frontale, più filante. Gli interni a mio parere sono fantastici per design e qualità dei materiali, peccato appunto per qualche "inconveniente" causato dagli inserti in finto alluminio, belli, ma forse non molto pratici. Un saluto!
Ritratto di cris25
15 marzo 2014 - 18:43
1
Devo dire che la prova è davvero completa e illustra le svariate caratteristiche della 2008 in questione! Venendo appunto alla 2008, devo dire che mi piace parecchio, l'unica cosa che mi rende perplesso e che secondo me potevano evitare è quel tetto rialzato, alquanto bizzarro a primo impatto! Cmq tutto sommato l'auto e la prova mi piacciono, ti faccio i miei complimenti!
Ritratto di MatteFonta92
15 marzo 2014 - 21:01
3
Ti ringrazio moltissimo, troppo buono!!! Concordo su tutto quello che hai detto, la forma del tetto effettivamente lascia un po' perplessi, perché quella piccola "gobba" unita alle barre portatutto fa un po' troppo station wagon, e su un'auto che vorrebbe essere una crossover elegante e modaiola non è un bel vedere. Nel complesso comunque anche a me questa 2008 piace molto! Saluti, e grazie ancora per tutti i tuoi complimenti! :-)
Ritratto di cris25
16 marzo 2014 - 11:09
1
e appunto per lo stesso motivo da te citato quel tetto mi sembra un po' fuoriluogo! Cmq nel complesso la 2008 mi piace abbastanza ;)
Pagine
listino
Le Peugeot
  • Peugeot 5008
    Peugeot 5008
    da € 29.080 a € 42.330
  • Peugeot 308 SW
    Peugeot 308 SW
    da € 22.750 a € 34.400
  • Peugeot 508 SW
    Peugeot 508 SW
    da € 31.630 a € 51.000
  • Peugeot 208
    Peugeot 208
    da € 14.950 a € 38.200
  • Peugeot 508
    Peugeot 508
    da € 30.730 a € 48.000

LE PEUGEOT PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE PEUGEOT

  • Con il direttore generale del Groupe PSA Italia parliamo della nuova generazione della Peugeot 208, ma anche della DS e della Citroën.

  • Ormai pronta per il debutto nelle concessionarie, la versione ibrida plug-in della crossover francese infatti sfrutta ben due motori elettrici.

  • La nuova 208 è una rivoluzione vestita di tutti gli elementi che ci si aspetta da una piccola della Peugeot.