Toyota C-HR 1.8 Hybrid Active E-CVT

Pubblicato il 1 giugno 2021
Ritratto di Albeyu
alVolante di una
Toyota C-HR 1.8 Hybrid Active E-CVT
Toyota C-HR
Qualità prezzo
5
Dotazione
5
Posizione di guida
4
Cruscotto
5
Visibilità
3
Confort
5
Motore
4
Ripresa
4
Cambio
4
Frenata
3
Sterzo
3
Tenuta strada
5
Media:
4.1666666666667
Perchè l'ho comprata o provata
Dopo aver abbandonato il diesel per problemi relativi a FAP e turbine ho deciso di comprare un'auto ibrida. Sportiva nella linea ma che non comporti grossi sacrifici nella vita di tutti i giorni. L'acronimo CH-R ovvero Coupé High Rider ricalca il concetto dell'auto con coda corta e tagli decisi ma abbinato alla versatilità e alla maggiore altezza del pianale proprie di un SUV. Da quando la guido posso dire di possedere 2 auto in 1. Suv e Coupé senza rinunce sperimentando consumi molto bassi, spazio per 4 persone e una comodità impressionante per la vita di tutti i giorni. Un'auto da apprezzare per le sue doti da ibrida più che per le prestazioni e le primitive sensazioni di guida.
Gli interni
Una volta a bordo si apprezza la comodità della seduta e l'ampia possibilità di regolazioni del sedile associate ad una buona rigidezza dell'imbottitura. Meno positiva la funzione di regolazione dello schienale(funziona un pò a scatti come da tradizione giapponese ma dopo poco ci si abitua). DOTAZIONI E FINITURE- Le dotazioni dell'auto, anche nella versione base da me scelta sono molto ricche. Oltre ai consueti controlli della stabilità e controllo attivo della trazione VSC+TRC, freno di stazionamento ad azionamento elettrico e monitoraggio della pressione degli pneumatici offerte dalla maggior parte delle case automobilistiche abbiamo: cerchi lega 17 pollici, bracciolo anteriore con cassetto portaoggetti, sensore pioggia e crepuscolare, telecamera posteriore, cruise control adattativo, indicatore cambio involontario di corsia (LDA)di serie, riconoscimento segnaletica stradale, sistema smart key, retrovisori elettrici ripiegabili elettricamente e riscaldabili, fendinebbia anteriori, comandi al volante, climatizzatore automatico bizona. Scegliendo le versioni superiori si ottengono cerchi più grandi ed dal design esclusivo, interni in pelle(anche bicolore), sedili elettrici, navigatore, ed altri miglioramenti ritrovabili su auto che valgono almeno il doppio del prezzo di una Ch-r. Alcune pecche su finiture delle portiere e della cappelliera ma si apprezza la buona cura costruttiva generale- PLANCIA E COMANDI- Il display touch screen multimediale permette di configurare i parametri dell'auto(fari, luci abitacolo, regolazioni clima, radio, bluetooth e se presente anche navigatore a mappe). Il cruscotto del guidatore presenta doppia strumentazione circolare (indicatore della velocità a destra e indicatore di sfruttamento della potenza a sinistra. Quest'ultimo quadrante rimpiazza il contagiri tradizionale con le tacchette Power, Eco e Chg. Durante la funziona Chg(Charger) come per esempio le frenate e le discese il motore elettrico viene ricaricato e i consumi sono prossimi allo zero. Tra i due strumenti circolari lo multifunzione all'interno del cruscotto illustra come l'energia circola in maniera continua dal motore termico all'elettrico e viceversa. Una funzione replicabile anche all'interno del display multifunzione in plancia centrale. Plancia dal design giapponese, non piace a chi proviene da radica e superfici calde e chi privilegia gli ambienti tradizionali. ABITABILITA' E BAGAGLIAIO- Abbondante spazio per 4 persone. la seduta posteriore è invece un pò rigida e rialzata ma è così per molte auto. mancano bocchette e una presa accendisigari per i sedili posteriori ma le sedute sono comode. la linea di cintura molto alta e che tende a salire verso il posteriore dell'auto limita la visibilità degli occupanti. Non è un'auto panoramica . Il bagagliaio risulta un pochino sottodimensionato per la categoria a causa della sua irregolarità dovuta alla linea compatta. E' pari a quello di un 'auto media senza la coda. Se viaggiate con cani e figli non è l'auto per voi.
Alla guida
La parola d'ordine per quest'auto? Souplesse! Dotata di una discreta dose di cavalli per muoversi in scioltezza non la si può definire sportiva. Si apprezza più di tutto la dolcezza di funzionamento e di come l'elettrico si combina insieme al termico. Spingendo a fondo l'acceleratore non si ottengono grossi benefici in termini di accelerazione e ripresa. il rumore nell'abitacolo diventa un pò fastidioso e la spinta non risulta troppo vigorosa. PROGRAMMI DI GUIDA- L'auto può essere condotta in Normal Eco e Sport. Il primo risulta quello più equilibrato mentre gli altri sono troppo sbilanciati, uno sui consumi l'altro sulla potenza. Con entrambi si perde fluidità di marcia anche se un piede veramente leggero(non il mio) può sfruttare l'Eco per ottenere consumi eccezionali. In Sport i rapporti si fanno parecchio corti, l'elettrico interviene di continuo per assicurare subito potenza e rumore e consumi aumentano. Se proprio andate di furia...occhio che quest'auto se le tirate il collo vi farà sentire in colpa e allora dovrete chiederle scusa facendo almeno 30 km/l sul prossimo falsopiano... CAMBIO- L'effetto trascinamento del cambio CVT sta alla base del suo funzionamento. E' un cambio con rapporti infiniti dove l'obiettivo del guidatore non è sentire il prossimo stacco di cambiata forzando sul pedale dell'acceleratore ma piuttosto cercare di " veleggiare"(ovvero alzare leggermente il piede e cercare la coppia del motore elettrico anziché quella del termico) mirando all'abbattimento dei consumi e al massimo silenzio di marcia. Il cambio CVT ha bassi costi di manutenzione, si abbina perfettamente al sistema ibrido e permette di affrontare in completa sicurezza le discese più impervie grazie al freno motore offerto dalla funzione B(brake). Si può scendere veramente veloce e la trovo molto utile su fondi ripidi e sconnessi. ASSETTO E SOSPENSIONI- Dopo aver provato sia versione da 18 che da 17 ho scelto la seconda. Non tanto per le doti migliori ma per la comodità e la destinazione di utilizzo su strade sterrate. Entrambe risultano comode e la presenza di sospensioni posteriori a bracci indipendenti assicura un'ottima precisione di guida associate ad un buon comfort. Molte auto(anche di case blasonate) montano sospensioni a ponte torcente e questo impatta molto sulla rigidità dell'assetto se si scelgono cerchi dalle misure large. Rollio quasi inesistente e inserimento in curva fulmineo, assetto piatto e auto sempre ben bilanciata. I controlli risultano un pò troppo invasivi specialmente su superfici bagnate o sconnesse. E' possibile escludere COMFORT- Auto molto comoda. Non è un problema fare anche 700-800 km giorno arrivando riposati. Cambio automatico e sistemi di sicurezza alla guida invitano a proseguire per molte ore alla guida. STERZO- Impostazione turistica, molto leggero nella marcia cittadina si indurisce sopra i 90km/h. La funzione sport è quella che regala più soddisfazioni in questo frangente consegnando un comando degno di un'auto che meriterebbe ben più cavalli. Per cercare il sottosterzo occorre alzare molto i limiti anche perché i controlli entrano in gioco e tagliano la potenza. Meglio condurre senza forzare e ogni tanto utilizzare i tastini dei comandi al volante in morbida pelle. CONSUMI- Ma in autostrada consuma? Andatura autostradale regolare stiamo su i 15km/h quindi un pò più di un diesel 2.0. Non è il suo terreno ideale ma chiamando in causa il motore elettrico e sfruttando falsopiani e traffico(quello è sempre di serie sulle autostrade italiche) è facile mantenere medie di 16/18 km/l. La musica cambia una volta usciti dal casello. Difficile scendere sotto i 28 km/l su strade statali e i 25 km/l in città sono davvero alla portata di tutti. Un risultato che i diesel, anche quelli più moderni si sognano... E il sibilo dell'elettrico vi fa muovere in maniera surreale, attenzione ai pedoni perché non vi sentono! FRENATA- Senza particolari doti. L'auto è sicura, frena in spazi ridotti ma avrei gradito una maggior prontezza al pedale. Anche la modulabilità non è eccezionale e sui fondi sconnessi gli spazi si allungano. E' un impianto pensato più per il recupero energia in frenata che per le pure prestazioni.
La comprerei o ricomprerei?
Certamente. Linea futuristica, grande comfort di marcia, nessun disco o pastiglia cambiata, nessuna turbina o Fap con problemi. Consumi ok no blocchi cittadini. Prestazioni buone consumi ottimi. rete vendita eccellente. Con le auto precedenti non riuscivo neppure a sfruttare metà della potenza. Se ci fosse una versione 2.0 alleggerita e con cerchi da 16 la comprerei. Per adesso tengo la mia.
Toyota C-HR 1.8 Hybrid Active E-CVT
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
3
2
7
3
10
VOTO MEDIO
2,4
2.4
25


Aggiungi un commento
Ritratto di Pintun
14 settembre 2021 - 17:06
Ottima prova, veramente completa. Il sistema ibrido Toyota è moto interessante, ma se dovessi mai valutarlo opterei per la Corolla. Il problema principale è che si perde troppo di baule e la SW è troppo lunga. In più faccio pochissimo urbano che dovrebbe essere l'ambiente ideale per sfruttare al meglio il sistema ibrido, quindi sono ancora un po' scettico, considerando che ora gon un TSI a benzina sono tranquillamente sui 22 di media
listino
Le Toyota
  • Toyota Hilux
    Toyota Hilux
    da € 32.300 a € 43.800
  • Toyota Yaris Cross
    Toyota Yaris Cross
    da € 25.400 a € 35.100
  • Toyota Proace City Verso
    Toyota Proace City Verso
    da € 22.000 a € 33.900
  • Toyota Corolla Touring Sports
    Toyota Corolla Touring Sports
    da € 28.950 a € 35.500
  • Toyota Corolla
    Toyota Corolla
    da € 27.950 a € 36.200

LE TOYOTA PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE TOYOTA

  • La nuova arrivata della gamma della casa giapponese è la piccola crossover ibrida Yaris Cross, che è già prenotabile in attesa delle prime consegne previste a settembre come conferma l'ad di Toyota Motor Italia.

  • Ingengeri e progettisti raccontano il processo di sviluppo che ha portato alla realizzazione della nuova generazione della Toyota Land Cruiser. Qui per saperne di più.

  • Stabilito un record di percorrenza con la Mirai, la berlina della Toyota alimentata a idrogeno. Qui per saperne di più.