Toyota Yaris 1.0i 16V 5 porte Sol

Pubblicato il 28 maggio 2013
Ritratto di christian catera
alVolante di una
Toyota Yaris 1.0i 16V 5 porte Sol
Toyota Yaris
Qualità prezzo
4
Dotazione
4
Posizione di guida
3
Cruscotto
4
Visibilità
3
Confort
4
Motore
3
Ripresa
2
Cambio
2
Frenata
4
Sterzo
2
Tenuta strada
4
Media:
3.25
Perché l'ho comprata o provata
Comprata usata con pochi chilometri, la Yaris 1.0 benzina 5P nasce come seconda auto di famiglia qualche anno fa, quando ancora non possedevo la patente. Adesso è diventata la mia auto.
Gli interni
Gli interni sono piuttosto ben fatti; quasi tutti gli elementi hanno resistito al passare del tempo. Non si avvertono schricchiolii o altre magagne. Questa toyota nel 2003 era tra le auto piu' innovative del settore (e non solo). I sedili non sono profilatissimi, ma piuttosto comodi; il volante è regolabile in altezza e il cruscotto digitale in posizione centrale, bel visibile e mai avaro di informazioni. I comandi di clima e radio (questi ultimi ripetuti sul volante) sono semplici ma efficaci. Bocchette rotonde, clima potente. Buono lo spazio per quanto riguarda i portaoggetti. Dietro si sta comodissimi in due, strettini in tre: ma ci sta. Il bagagliaio, per una utilitaria di tre metri e sessantotto, se la cava. Si vede che gli ingegneri e i progettisti giapponesi hanno sfornato davvero un "Piccolo Genio".
Alla guida
Passiamo alla guida. Il motore 1.0 da 68 cavalli è silenziosissimo: in pochi si accorgono della sua accensione. Tuttavia,il cambio è un po' contrastato negli innesti e lo scatto è "moscio", cosi' come la ripresa. Nel traffico, la frizione e lo sterzo leggerissimi aiutano a non affaticare i muscoli e i consumi rimangono molto bassi. Fuori città, tra le curve, la tenuta di strada è ottima, ma lo sterzo diventa poco preciso e il motore va tenuto un po' su di giri per affrontare i saliscendi. Il consumo medio si assesta sui 16-17 km al litro. In autostrada si possono raggiungere (dopo un lunghissimo lancio) i 160 km/h: il rumore sale a dismisura in modo esponenziale all'aumentare dei giri. La frenata è davvero ottima e sempre efficace.
La comprerei o ricomprerei?
Se avessi potuto scegliere dal principio la mia auto, è chiaro che non l'avrei scelta, preferendo una piccola piu' sportiva. Comunque sono molto soddisfatto della durata dell'auto, dei bassissimi costi di gestione e della facilità di guida. La consiglio a chi vuole spendere poco e avere una vita al volante molto tranquilla.
Toyota Yaris 1.0i 16V 5 porte Sol
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
1
3
4
0
0
VOTO MEDIO
3,6
3.625
8
Aggiungi un commento
Ritratto di MASSIMO69
2 giugno 2013 - 14:33
Identica, stesso colore stesso anno. Complimenti per la prova dettagliata al punto giusto. Condivido pienamente i pregi e di difetti che hai descritto. La sua ha solo 81000 km il motore è perfetto come la carrozzeria.
Ritratto di christian catera
2 giugno 2013 - 15:15
Ho cercato di essere imparziale! A presto per altre prove ;)
Ritratto di cris25
4 giugno 2013 - 18:01
1
nonostante la Yaris sia arrivata ormai alla terza generazione, in quanto ad estetica la tua 1° serie è quella che tuttora preferisco, sembra non invecchi mai specialmente i modelli prodotti dal 2003 al 2005 che all'epoca hanno subito il restyling... quindi che dire buona prova e auto niente male come risulta dal mio giudizio complessivo ;)
Ritratto di christian catera
5 giugno 2013 - 21:05
Grazie per l'apprezzamento ;)
Ritratto di Rav
10 luglio 2013 - 21:01
3
e dopo il piccolo restyling è anche migliorata. In seguito, secondo me, è stata "normalizzata" fino a diventare una macchina come le altre. La prima invece era gradevole e soprattutto innovativa. Mia madre ne ha una dal 2005 e a parte l'ordinaria manutenzione non ha mai dovuto far niente, tanto che qualche anno fa ne abbiamo comprata una usata (1°serie pre restyling) per i miei nonni che fanno pochissimi km l'anno, non arrivano nemmeno a 1000km, quindi ne abbiamo trovata una con 95mila km e va ancora benissimo, solo i freni hanno bisogno di scaldarsi visto che appena accesa le prime due o tre frenate ti spiaccicano sul parabrezza =D ma dopo si comporta normalmente. Ci sono auto che a 90mila km iniziano già a dare segni di squilibrio col motore, l'elettronica, l'usura dei materiali... quella no. Non sono molte le auto che reggono così per tanti anni anche se tenute bene.
Ritratto di cristian palato
13 agosto 2013 - 22:47
2
sono un felice possessore di una 1 serie 1000 sol 3p,acquistata nuova nel lontano '99...al di la dei gusti estetici circa i restyling sono straconvinto che la prima serie resti la migliore di sempre per almeno 2 motivi;1: l'esclusività/originalità/innovazione del modello,i restyling sono rivisitazioni e non sempre migliori sia esteticamente che meccanicamente...;2 : la prima serie e SOLO LA PRIMA SERIE è made in japan,con tutta la qualità,affidabilità,ecc che ne consegue.....ad oggi posso affermare che sia la macchina migliore che abbia mai avuto(e ho ancora..),mai visto affidabilità migliore (MAI UN PROBLEMA)e un motore così piccolo ma straordinariamente generoso e elastico(puoi viaggiare sempre in quinta e non si imballa MAI!!certo non in caso di fermate e ripartenze...)
Ritratto di cristian palato
13 agosto 2013 - 22:49
2
dimenticavo:quasi 200000km ormai....
Ritratto di Renys84
17 giugno 2014 - 15:37
Anch'io sono un felice possessore di una Yaris I° generazione, nel mio caso di fine serie, quindi con (pochi e irrilevanti) difetti di gioventù già risolti da tempo. Tanto per dirne una sull'elevata qualità e affidabilità di quest'auto, solo alla soglia dei 130000 km e dopo quasi 10 anni di onorato servizio ho sostituito per la prima volta la batteria che era ancora quella originale. Poi certo... Le esigenze cambiano col tempo, quindi non disdegnerei una vettura più potente e dinamica su strada, ma francamente non ho proprio nulla da ridire: indistruttibile e fedele compagnia di viaggio su ogni tipo di percorso. Detto questo, estendendo il discorso in generale, si può discutere sulle finiture non eccelse e sullo scarso appeal estetico delle giapponesi, ma per affidabilità e qualità delle auto siamo sui livelli della migliore concorrenza europea (tedesca in primis), sperando di non essere accusato di blasfemia. :D
Ritratto di Francescobrizz65
18 febbraio 2016 - 17:18
Un piccolo genio!! Devo dire che dopo aver acquistato una Yaris 5 porte 1000 Sol del 2000 con 88.000 km,precedentemente provata da un amico,non ho avuto altro che conferma di quello che aspettavo.A parte vuoi gli anni i problemi ho sentito dire tra l'altro,congeniti del modello,quali i motori delle aperture centralizzate,saltati,la chiave del telecomando che funzionava solo all'apertura,e non alla chiusura,sono pienamente soddisfatto.Un altro problema da segnalare ,e fatto sentire dal cap officina Toyota della mia zona,che mi ha confermato che anche lui ne ha una dello stesso anno ma con 195.000 k.m.e' il rumore della trasmissione in decelerazione dalla 5 alla quarta marcia.Mi ha spiegato che e' un problema riscontrato su alcune serie ma non pericoloso ai fini di affidabilita'.L a cose buone che gia' si sanno,silenziosita' manovrabilita',sono i consumi davvero buoni,si riescono con attenzione grazie al motore elastico che permette di sfruttare le marce alte anche alle piccole velocita',percorrere 18,19,5 km al litro in media su percorsi extraurbani ed in parte urbani.Cosa dire.....''Yaris forever'''!!!!!
listino
Le Toyota
  • Toyota GT86
    Toyota GT86
    da € 31.800 a € 37.000
  • Toyota Hilux
    Toyota Hilux
    da € 27.200 a € 45.800
  • Toyota Auris
    Toyota Auris
    da € 24.500 a € 29.800
  • Toyota Yaris
    Toyota Yaris
    da € 14.450 a € 22.450
  • Toyota Aygo
    Toyota Aygo
    da € 11.850 a € 15.900

LE TOYOTA PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE TOYOTA

  • Per l’erede della Auris la Toyota rispolvera un nome storico: Corolla. La nuova media a cinque porte sarà nelle concessionarie da marzo 2019.

  • Per l’erede della Auris la Toyota rispolvera un nome storico: Corolla. La nuova versione station wagon si chiama Touring Sports e sarà nelle concessionarie da marzo 2019.

  • La Toyota Rav4 adotta una stile squadrato che ne enfatizza la grinta e cresce molto in termini qualità degli interni e dotazioni di sicurezza.