PRIMO CONTATTO

Kia Cee'd: accogliente e rifinita alla tedesca, ma non ama le curve

Davvero spaziosa e curata negli interni, la nuova Kia Cee’d rappresenta un bel passo avanti rispetto all’attuale generazione. Poco sensibile lo sterzo, mentre non delude il primo cambio robotizzato a doppia frizione della casa coreana.

18 aprile 2012

Listino prezzi Kia Cee'd non disponibile

  • Prezzo (al momento del test)

    22500 circa  circa
  • Consumo medio

    16,4 km/l
  • Emissioni di CO2

    140 grammi/km
  • Euro

    5
Kia Cee'd
Kia Cee'd 1.6 GDI Platinum DCT
Ha una bella grinta

La nuova Kia Cee’d condivide poche cose con quella in vendita dal 2007 e ormai prossima al pensionamento: alcuni motori, il generoso passo di 265 cm, che promette tanto spazio all’interno, e il luogo di nascita (lo stabilimento slovacco di Zilina). Disegnata e progettata in Europa e per l’Europa, la vettura è lunga 431 cm (cinque in più di prima) e condivide pianale e meccanica con la nuova Hyundai i30. Rispetto a quest’ultima, però, ha un aspetto sensibilmente diverso: più aggressivo, col parabrezza molto inclinato (pare un proseguimento del cofano), la linea alla base dei finestrini che risale verso la coda, il terzo vetro laterale davanti agli specchietti e un diverso taglio dei finestrini posteriori. Inoltre, il muso con la prominente griglia nera e i fari che sembrano un po’ degli occhi accigliati, donano a questa Kia una bella grinta. In Italia la nuova Cee’d arriverà nelle concessionarie a fine maggio (il porte aperte è previsto per il 19 e il 20), seguita a settembre dalla versione famigliare e, a inizio 2013, da una coupé (che monterà anche un potente 1.6 turbo da circa 200 cavalli); per tutte, garanzia di sette anni o 150.000 chilometri.

Mai allestimenti "poveri"

Numerosi i motori: per la Cee’d si potrà scegliere fra due propulsori a benzina (un 1.4 da 99 cavalli e un 1.6 a iniezione diretta da 135, oggetto di questo primo contatto) e due a gasolio (un 1.4 da 90 CV e un 1.6 con 110 o 128 cavalli). Anche se i nomi dei tre allestimenti non sono stati ancora comunicati, tutte le Cee’d avranno di serie il climatizzatore, i fendinebbia, l’Esp, la radio cd con lettore mp3, presa Usb e comandi al volante, sei airbag e anche il servosterzo con tre tarature selezionabili; morale, la vettura con allestimento base e motore 1.4 a benzina (l’alternativa è il diesel con la stessa cilindrata) dovrebbe costare poco meno di 15.000 euro. Salendo di prezzo, la versione intermedia si arricchirà principalmente di volante in pelle, cerchi in lega di 16’’ e alzacristallo elettrici posteriori, e si potrà richiedere anche col 1.6 a gasolio da 110 cavalli. L’allestimento più ricco (abbinabile a tutti i motori tranne il 1.4 diesel) aggiungerà il climatizzatore automatico, il vivavoce Bluetooth, i sensori di parcheggio anteriori e posteriori, le luci diurne a led, il cruise control e i rivestimenti interni bicolore. A richiesta si potranno montare anche optional “di pregio”, come il sistema di parcheggio semiautomatico, il tetto panoramico in vetro, il sistema di avviso di superamento involontario della linea di corsia e i fari allo xeno adattivi.

Abitacolo ben rifinito

A dispetto delle “vecchie” coreane, l’interno di questa nuova Kia Cee’d è piuttosto curato: non solo l’abitacolo è spazioso (chi è alto 190 cm ha, sul divano, abbondante spazio per le gambe, anche se davanti ci sono due persone della sua stessa taglia) ma offre materiali e finiture di buon livello. La plancia è morbida e si può scegliere nera o beige, e le plastiche della consolle e del tunnel sono gradevoli al tatto e non “ballano”. Apprezzabili anche l’apertura frenata per lo sportello del cassetto di fronte al passeggero anteriore, refrigerato e illuminato; inoltre, le guide dei sedili e i bulloni delle cinture di sicurezza sono coperti per non graffiare le scarpe e, chi siede dietro, può contare su due bocchette dell’aria condizionata orientabili. Quanto al bagagliaio, è interamente rivestito, ha un doppio fondo ben sfruttabile, una presa a 12 V, dei gancetti per le borse e una rete fermabagagli. Peccato solo per la sua non elevata altezza (dal fondo alla cappelliera ci sono appena 40 cm). In compenso, reclinando lo schienale si ottiene un piano di carico completamente piatto.

Sa essere ricca

Chi si pone alla guida della nuova Kia Cee’d può contare su un sedile regolabile anche in altezza e nel supporto lombare, mentre per l’inclinazione c’è una pratica rotella: facile “ritagliarsi” la propria posizione di guida. Il cruscotto ha forme sportiveggianti, con un elemento circolare al centro (nell’allestimento più ricco è uno schermo a colori di 7’’, dove compaiono la lancetta del tachimetro e le informazioni del computer di bordo), con contagiri e indicatore del carburante ai lati. Nella consolle, l’esemplare guidato aveva un navigatore con schermo di 7’’ a sfioramento (dalla grafica accattivante e moderna) che visualizza anche che cosa accade dietro l’auto in retromarcia, grazie alla telecamera nel portellone. Il freno a mano a comando elettronico, infine, libera molto spazio sul tunnel: al capiente vano sotto la consolle (dotato di due prese a 12 V) si aggiungono, infatti, due portalattina, un vano protetto da serranda e uno piccolo aperto; un altro è nel bracciolo centrale.

Il primo a doppia frizione

La nuova Cee’d porta al debutto anche il primo cambio robotizzato a doppia frizione della Kia (chiamato DCT), riservato al 1.6 a iniezione diretta di benzina GDI da 135 cavalli. Per essere una prima volta, questo cambio fa bene il suo dovere: è veloce, impercettibile nei passaggi di marcia e si può azionare con i comandi al volante (di serie). Tuttavia, secondo i dati ufficiali, fa peggiorare sia le prestazioni sia i consumi: la scheda tecnica parla di 10,8 secondi per passare da 0 a 100 km/h (sono 9,9 con la stessa vettura dotata di cambio manuale) e di 16,4 km/l di percorrenza media (contro i 17,2 dell’auto col manuale). Immutata, invece, la velocità di 195 km/h. Su strada, la Cee’d 1.6 GDI DCT non impressiona per le doti di tiro ma si fa apprezzare per la regolarità dell’erogazione e per la silenziosità. A dispetto delle forme grintose, l’auto è più a suo agio nei panni della comoda berlina: ha sospensioni non rigide, ce assorbono con una certa efficacia le asperità dell’asfalto (anche se con i cerchi di 17’’ della vettura del test, quelle più marcate filtravano nell’abitacolo). Anche lo sterzo non ha alcuna velleità sportiva, nonostante sia possibile regolare la servoassistenza su tre livelli tramite un pulsante: piuttosto demoltiplicato, in modalità Comfort è leggero quasi come un volante dei videogiochi, mentre in Sport diventa inutilmente pesante. Inoltre, la sensibilità del comando non è esemplare: all’inizio della rotazione lo sterzo è “inerte”, mentre poi si fatica un po’ a capire che cosa facciano davvero le ruote. Il pedale del freno, invece, comanda un impianto piuttosto pronto ed efficiente.

Secondo noi

PREGI
> Abitabilità. Lo spazio è abbondante in ogni direzione, anche per chi siede dietro.
> Finiture. Più che una coreana, questa Kia pare una tedesca: quasi tutto quel che si tocca e vede è gradevole; inoltre, è curata anche in molte parti nascoste.

DIFETTI
> Motore. Ai bassi regimi non ha il brio dei moderni motori turbo e, anche tirando le marce, non è mai grintosto.
> Sterzo. Ha tre modalità di utilizzo, tutte poco convincenti: lo si vorrebbe più preciso

 

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1591
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 99 (135)/ 6300
Coppia max Nm/giri 165/4850
Emissione di CO2 grammi/km 140
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 (robotizzato a doppia frizione) + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 431/178/147
Passo cm 265
Peso in ordine di marcia (provvisorio) kg 1301
Capacità bagagliaio litri 380/1318
Pneumatici (di serie) 225 / 45 R17
Kia Cee'd
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
66
85
85
50
61
VOTO MEDIO
3,1
3.129685
347
Aggiungi un commento
Ritratto di Rossi Tommaso
18 aprile 2012 - 17:24
il posteriore assomiglia a quello della ibiza 3 porte
Ritratto di Motorsport
19 aprile 2012 - 16:06
però cara kia bisogna fare ancora tanta strada... poi costa anche tanto.. più di 22mila euro per una kia.... 19mila era già molto meglio secondo me
Ritratto di MaCiao5
1 maggio 2012 - 14:55
3
Avete fatto una piccola svista scrivendo i difetti: dovevate scrivere "grintoso" e non "grintosto" Saluti. L'utente MaCiao5
Ritratto di MaCiao5
1 maggio 2012 - 14:58
3
Il nome mi ha sempre fatto un po' ridere... L'auto è molto migliorata in tutti i sensi... l'ho vista a Ginevra questo marzo e devo dire che la SW è spettacolare. Come berlina media, invece, mi piace di più la i30
Ritratto di Anonimo
Anonimo (non verificato)
18 aprile 2012 - 17:30
Il commento è stato rimosso a seguito della cancellazione dell'utente dal sito.
Ritratto di paolo22to
18 aprile 2012 - 18:37
davvero bella linea, più originale della i30, interni ben fatti e di grande qualità, il gruppo hyundai-kia sta facendo cose straordinarie davvero
Ritratto di gig
18 aprile 2012 - 18:43
Meglio le Hyundai...
Ritratto di Andry9188
18 aprile 2012 - 19:04
ci fanno un mazzo così.
Ritratto di JDeeeeM
18 aprile 2012 - 19:07
22500€ per un auto a benzina? una kia? ma manco se ci mettevano il cambio a tripla frizione sarebbe stata conveniente...
Ritratto di domycol
19 aprile 2012 - 10:36
considera che full optional!!!! navigatore, cambio doppia frizione, freno elettrico.... cmq preferisco la i30
Pagine