Alfa Romeo Giulia 2.2 Turbo 150 CV Business ECO AT8

Pubblicato il 2 aprile 2018
Ritratto di Dr.Torque
alVolante di una
Volvo V60 D3 Summum
Alfa Romeo Giulia
Qualità prezzo
4
Dotazione
4
Posizione di guida
4
Cruscotto
4
Visibilità
3
Confort
2
Motore
4
Ripresa
4
Cambio
4
Frenata
4
Sterzo
5
Tenuta strada
5
Media:
3.9166666666667
Perché l'ho comprata o provata
"Certo, abbiamo la sua prenotazione ma non c'è la Peugeot che ha riservato sul sito… mi dispiace, le va bene una Giulia?" queste le parole che mi sono sentito rivolgere al desk dell'autonoleggio. Beh, rifiutare un tale invito da una gentile signorina sarebbe stato quantomeno scortese. Ed allora prendiamo le chiavi e prepariamoci per due giorni sulle strade ed autostrade della Sicilia al volante della 2.2 da 150 CV. La prima cosa che mi colpisce al parcheggio è la distanza da terra: davvero ridottisima, strano che non l'avessi mai notato nelle Giulia che ho visto in giro fino ad oggi.
Gli interni
Ma l'impressione di conferma quando salgo a bordo, infatti sarebbe molto più corretto dire "scendo a bordo". L'allestimento è quello base ma l'impressione generale è buona, anche se lontana come disegno, finiture e materiali dalla migliore concorrenza. Comunque il tocco dei comandi è gradevole, il sistema multimediale gestito dalla grossa rotella che sembra ormai divenuta una standard, il volante ha la giusta dimensione ed impugnatura, la strumentazione analogica chiara (mentre le indicazioni della temperatura dell'acqua e del carburante sono costituite da segmentini invisibili… mi chiedo che diavolo stesse pensando il dirigente che l'ha approvata), lo schermo non è enorme ma ben leggibile e di facile navigazione, il sedile piuttosto sportivo e con la giusta consistenza per sentire la macchina con il fondoschiena.
Alla guida
Si preme il pulsante e il motore prende vita, un minimo di acclimatamento con il funzionamento del cambio automatico e sono pronto a partire. Alla prima curva fuori dal parcheggio rischio di schiantarmi sia per la velocità che l'auto ha acquistato in poche centinaia di metri senza che me ne rendessi conto sia per l'impressionante risposta dello sterzo. Ora capisco cosa intendevano i giornalisti quando descrivevano una sterzo preciso e reattivo! Parlando di trazioni posteriori BMW serie 3 è molto divertente da guidare ma ragazzi, questa fa paura! Una minima rotazione di volante e l'avantreno imposta la curva come un bisturi sicurissimo e preciso seguito diligentemente da un retrotreno che, una volta prese le misure, aiuta a chiudere la traiettoria con il gas. Certo le strade siciliane non sono propriamente un biliardo e l'assetto rigido mostra spesso il rovescio della medaglia con fondo corsa a tampone che regalano colpi secchi al telaio ed agli occupanti, forse un po' troppo specialmente considerando che l'esemplare in prova (e vabbé, concedetemi di giocare al giornalista) era dotato di cerchi da 16" con pneumatici dalla spalla davvero alta (e anche bruttina esteticamente). Non voglio pensare alle versioni con i 19". Meglio non uscire dalla pista. Il motore pur non fenomenale ha un'ottima risposta e la potenza che serve per divertirsi. Il cambio è molto fluido, in posizione Dynamic fa acquistare rapidamente velocità senza strappi. Le cambiate non sono fucilate come nei doppia frizione ma tutto appare equilibrato, fluido e confortevole: coerente con il motore di questa versione. Nelle altre modalità il tutto si addolcisce ulteriormente per finire in una pigra diluizione in modalità ecologica. A velocità autostradali l'auto è molto silenziosa (se non ci sono buche): a 130km/h il motore gira tranquillo a 1900rpm e l'abitacolo è ben isolato dai rumori esterni, la visibilità è buona in generale ma dietro la telecamera non avrebbe guastato oltre ai fin troppo timorosi sensori che cominciano a lanciare il "moriremo tutti" quando ancora manca un palmo al contatto. L'abitacolo è spazioso per 4 persone ma i giri porte sia anteriore che posteriore sono parecchio sacrificati e l'accesso può essere difficoltoso per chi ha mangiato un po' troppo. Il bagagliaio è molto campiente con una notevole estensione in lunghezza. Consumi medi intorno a 6,8l/100km tenendo andature moderate, non proprio economica ma neppure un pozzo senza fondo.
La comprerei o ricomprerei?
Quando torno al parcheggio dell'autonoleggio per restituirla dopo 400km percorsi insieme me la riguardo bene e mi chiedo "ma ti vorrei nel mio garage?" beh se le nostre amministrazioni si degnassero di sistemare le strade italiane forse sì, ci sarebbe posto anche per te. Adesso no, meglio di no. Ma i sorrisi che mi hai regalato non me li dimenticherò facilmente.
Alfa Romeo Giulia 2.2 Turbo 150 CV Business ECO AT8
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
13
5
0
1
3
VOTO MEDIO
4,1
4.09091
22
Aggiungi un commento
Ritratto di Moro42
9 aprile 2018 - 20:05
Complimenti, prova davvero coinvolgente soprattutto alla voce " alla guida" e "la comprerei" un po' scarna, invece, quella relativa agli interni. Hai reso davvero bene l'idea sul confort delle sospensioni e della seduta troppo bassa, note negative che ho riscontrato pure sulla mia Golf 7 e che anche a me ha portato alla decisione che non la ricomprerei.
Ritratto di Dr.Torque
17 aprile 2018 - 14:27
Grazie ad entrambi (Moro42 e Pellich), mi fa piacere di essere stato in grado di trasmettere un minimo di emozione oltre che freddi dati. Per quanto riguarda gli interni non ho avuto sinceramente modo di "viverli" per un tempo sufficientemente lungo da parlarne in modo più approfondito. Ho dato un flash cercando di essere obiettivo. Un'auto è uno sforzo di progettazione e industrializzazione enorme, giusto riconoscere i meriti ma anche valutare e criticare gli aspetti meno riusciti nella speranza che siano di sprone per fare meglio al prossimo restyling.
Ritratto di Leonal1980
6 maggio 2018 - 10:43
3
Concordo con la prova "complimenti" , ma anche con pellich, quando in sto sito parliamo delle pecche sul comfort e le rifiniture gli alfisti si arrabbiano, ma quando l'ho provata proprio queste 2 cose mi sono mancante e arrivate subito come senzazione negative. Poi c'è un mare di senzazioni positive che regala quest'auto, ma il problema delle nostre strade è grave, e se in auto ci stai molto il comfort e le finiture delle tedesche la rendono MOOOOOLLTOOO più premium. Anzi per me la giulia non è premium, perche gli manca la parte fondamentale ; LA COMODITA DI VIAGGIO che è data anche da riniture e tecnologia oltre che dal comfort e silenziosità
Ritratto di Anonimo
Anonimo (non verificato)
12 aprile 2018 - 17:25
Commento rimosso a seguito della cancellazione dell'utente dal sito.
Ritratto di Dr.Torque
17 aprile 2018 - 14:28
Ah! mi consolo per non essere stato il solo. Grazie per il complimento, apprezzato.
Ritratto di EnzoCn
19 aprile 2018 - 02:12
Complimenti davvero per la descrizione molto vicina,anzi direi proprio da lettore di “Al Volante”. Comunque la Giulia è una macchina straordinaria da come ne sento parlare. Ho in garage una 159 e credo che questa sia la sua degna erede,speriamo solo che in alfa mantengano la tradizione e riscoprano le vecchie glorie in chiave moderna,magari con la tanto attesa “Alfetta”.
Ritratto di Dr.Torque
24 aprile 2018 - 09:13
Grazie. Giulia ha una personalità spiccata, ed è giusto a mio parere che Alfa faccia proprio questo: auto con personalità che si distinguano dal resto del mercato. Spero sia così anche per il futuro.
Ritratto di Alfa1967
25 aprile 2018 - 15:41
Dopo tre Alfa 159 jtdm ,ho comprato la Giulia 150cv atm8 Ad oggi ho percorso 74000 km,problemi zero. Auto sportiva,quasi mai la utilizzo in modalità Dinamica, silenziosa con tenuta di strada favolosa. Rispetto alla 159 e' un'altra categoria. Gli interni li avrei preferiti con più spazi per carte penne ecc. Nel,complesso grande Giulia
Ritratto di Pellich
2 maggio 2018 - 12:40
Seppur buoni, 150 cv non bastano a far definire un'auto come "sportiva", neanche se avesse un corpo vettura più piccolo e leggero (naturalmente non disturbiamo per eccesso le “super leggere”, come la Lotus su cui bastavano i 1.8 da 120 cv, qui parliamo di auto "normali"). Tutto il resto invece è a livello, dal cambio allo sterzo, dall'assetto alla tenuta di strada.. non dubito.
Ritratto di Alfa1967
2 maggio 2018 - 18:29
Un'auto sportiva non e' fatta di soli cavalli ma e' il giusto mix tra design,prestazioni,tenuta di strada e piacere di guida. La Giulia le ha tutte anche con 150cv.
Pagine
listino
Le Alfa Romeo
  • Alfa Romeo Stelvio
    Alfa Romeo Stelvio
    da € 47.450 a € 96.550
  • Alfa Romeo MiTo
    Alfa Romeo MiTo
    da € 13.900 a € 26.500
  • Alfa Romeo Giulia
    Alfa Romeo Giulia
    da € 37.300 a € 86.050
  • Alfa Romeo Giulietta
    Alfa Romeo Giulietta
    da € 24.450 a € 30.950
  • Alfa Romeo 4C Spider
    Alfa Romeo 4C Spider
    da € 75.550 a € 81.600

LE ALFA ROMEO PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE ALFA ROMEO

  • L'Alfa Romeo 4C è una vettura senza compromessi, che ha riportato la passione nella gamma del Biscione in attesa dei modelli di grande serie, Giulia e Stelvio. A cinque anni dal suo debutto torniamo a guidarla e vediamo come ha retto al passare del tempo.

  • Abbiamo partecipato alla celebre “hillclimb” di Goodwood con un’auto d'eccezione: ecco il racconto di una giornata indimenticabile.

  • Serie speciale di 108 esemplari per ogni modello destinate ai collezionisti e in omaggio alle eccellenti prestazioni e relativi record fatti segnare dalle Quadrifoglio sulla pista del Nürburgring. Qui per saperne di più.