Alfa Romeo MiTo 1.4 Turbo MultiAir Distinctive

Pubblicato il 15 novembre 2018
Ritratto di edor
alVolante di una
Fiat Grande Punto 1.2 5 porte Active
Alfa Romeo MiTo
Qualità prezzo
3
Dotazione
4
Posizione di guida
4
Cruscotto
4
Visibilità
2
Confort
3
Motore
4
Ripresa
5
Cambio
2
Frenata
5
Sterzo
3
Tenuta strada
4
Media:
3.5833333333333
Perché l'ho comprata o provata
Ho comprato questa Mito come prima auto senza restrizione da neopatentati, cercavo una macchina divertente da guidare, briosa, sportiveggiante ma che comunque non fosse impossibile da gestire nell’uso cittadino (in particolare a Roma, dove tutto è più complesso sempre). Venivo da una GP con il 1.2 fire ma non volevo abbandonare marchi “italiani” e quindi mi sono ritrovato a scegliere tra lei (ero indeciso in particolare tra questa, la 1.4 tjet e la 105 aspirata) o una 147/GT, che però si trovavano solo diesel.
Gli interni
Venendo da una GP non mi aspettavo nulla dagli interni di FCA. In realtà a parte qualche plastica dura e qualche assemblaggio non curato, gli interni fanno subito una buona impressione. I sedili in tessuto sono contenitivi, i rivestimenti in pelle del volante e del cambio per ora reggono, il cassettino si smonta, la console della radio e del clima è talmente anni ‘90 che è monoblocco, non può neanche smontarsi, la parte superiore del cruscotto invece è morbida. La nota peggiore in assoluto restano le leve sui sedili che permettono l’ingresso sui sedili posteriori, sono rotti 9 volte su 10. Piccola nota: se la trovate prendetela con il tettuccio apribile, funziona bene e dà molta luce all’abitacolo.
Alla guida
Il Multiair Turbo da 135 è una versione molto meno diffusa rispetto al più famoso tjet nel gruppo FCA: regge il confronto? Direi di sì, ho guidato entrambi: il Multiair (sviluppato anche alcuni anni dopo il tjet) mi è sembrato più fluido nell’erogazione e nella spinta. Il suono è fantastico soprattutto ai bassi giri, sembra quasi un’Alfa vera. La spinta è costante, soprattutto a Dynamic, a partire da poco sotto i 1500 giri, praticamente un diesel. Le note dolenti sono lo sterzo e il cambio: il primo non è francese, ma è decisamente poco comunicativo rispetto a quello della 147; il vero dramma è il cambio, carente della sesta (e in autostrada si sente), gommoso, spesso si impunta, gli innesti sono poco fluidi e troppo lunghi per un’auto che è propriamente “da guidare”. Invece la frizione è molto leggera, analoga a quella della cugina GP. Archiviata la pratica guida “sportiva”, in città è un’utilitaria agile anche se RIGIDISSIMA (attenzione, la visibilità è poca e sono utili i sensori di parcheggio) e i consumi sono onesti, in un percorso misto città-autostrada (anche tirandola in Dynamic) ho rilevato circa un consumo massimo di 12 km con un litro.
La comprerei o ricomprerei?
Probabilmente sì, la ricomprerei. Se potessi scegliere, la prenderei probabilmente nera e con i cerchi da 17. Questa piccola trazione anteriore ha decisamente delle doti dinamiche, nonostante alcuni difetti. Pro: doti dinamiche, motore, plancia Difetti: rigidità dell’assetto in città (si “tocca sotto” molto facilmente), visibilità, cambio
Alfa Romeo MiTo 1.4 Turbo MultiAir Distinctive
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
2
0
0
1
0
VOTO MEDIO
4,0
4
3
Aggiungi un commento
Ritratto di negus
2 dicembre 2018 - 16:39
Io l'ho guidata e onestamente: motori ok (a parte il 78cv), design anche. Però assemblaggi e qualità complessiva davvero sottotono, cambia davvero poco rispetto alla cugina Punto, se non il fatto che l'abitacolo della Fiat sembra abbastanza grande, quello della Mito appare molto più piccolo e con meno visibilità. Rapporto Qualità-prezzo non competitivo. Grande pecca, la sola versione 3 porte e non averne prevista una a 5 come la Punto.
listino
Le Alfa Romeo
  • Alfa Romeo Giulietta
    Alfa Romeo Giulietta
    da € 24.500 a € 31.000
  • Alfa Romeo 4C Spider
    Alfa Romeo 4C Spider
    da € 75.550 a € 81.600
  • Alfa Romeo Stelvio
    Alfa Romeo Stelvio
    da € 47.500 a € 96.600
  • Alfa Romeo MiTo
    Alfa Romeo MiTo
    da € 13.900 a € 26.500
  • Alfa Romeo Giulia
    Alfa Romeo Giulia
    da € 39.350 a € 86.100

LE ALFA ROMEO PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE ALFA ROMEO

  • L'Alfa Romeo 4C è una vettura senza compromessi, che ha riportato la passione nella gamma del Biscione in attesa dei modelli di grande serie, Giulia e Stelvio. A cinque anni dal suo debutto torniamo a guidarla e vediamo come ha retto al passare del tempo.

  • Abbiamo partecipato alla celebre “hillclimb” di Goodwood con un’auto d'eccezione: ecco il racconto di una giornata indimenticabile.

  • Serie speciale di 108 esemplari per ogni modello destinate ai collezionisti e in omaggio alle eccellenti prestazioni e relativi record fatti segnare dalle Quadrifoglio sulla pista del Nürburgring. Qui per saperne di più.