Alfa Romeo 159 2.2 JTS Selespeed Distinctive

Pubblicato il 11 gennaio 2010

Listino prezzi Alfa Romeo 159 non disponibile

Ritratto di Zack TS
alVolante di una
Toyota Celica 1.8 16V VVTL-i T Sport
Alfa Romeo 159
Qualità prezzo
0
Dotazione
0
Posizione di guida
0
Cruscotto
0
Visibilità
0
Confort
0
Motore
0
Ripresa
0
Cambio
0
Frenata
0
Sterzo
0
Tenuta strada
0
Media:
0
Perchè l'ho comprata o provata
L'auto in questione è una Alfa Romeo 159 2.2 JTS Distinctive del 2007. Non è mia, ma di mio padre (la mia è una Toyota Yaris TS di cui ho già pubblicato la prova: http://www.alvolante.it/opinioni/toyota_yaris_zack_ts ) però a volte mi capita di guidarla. La cosa che più colpisce di quest'auto è la linea (disegnata da Giugiaro), elegante e sportiva allo stesso tempo, sicuramente riuscita e che distingue la 159 dalle sue concorrenti dello stesso segmento: i gruppi ottici del frontale hanno tre faretti ciascuno che sembrano convergere al centro verso il classico scudetto Alfa Romeo. Anche il disegno delle fiancate è molto buono e i passaruota larghi danno l'impressione di un'auto ben piantata a terra. Il tutto è completato dalla coda affusolata con i due terminali di scarico cromati. Il colore scelto al momento dell'acquisto è stato il nero metallizzato.
Gli interni
Una volta saliti a bordo si nota subito il salto di qualità rispetto alla 156, modello mandato in pensione dalla 159: i materiali utilizzati per gli interni sono quasi tutti buoni e gli accoppiamenti sono abbastanza precisi. Lo spazio per chi siede davanti è buono, mentre per i passeggeri posteriori è solo discreto: i sedili anteriori sono comodi e ben profilati e garantiscono anche un buon contenimento laterale in curva. Una parte veramente ben fatta dell'abitacolo è senza dubbio il cruscotto: il tachimentro e il contagiri di impostazione classica e il display digitale del computer di bordo posto tra di essi sono chiari e ben leggibili. Gli strumenti che indicano temperatura dell'acqua e dell'olio e livello del carburante sono nella consolle centrale rivestita in alluminio e orientata verso il guidatore. Non manca però qualche pecca: il portacenere dietro la leva del freno a mano è realizzato in economia e il cassetto di fronte al passeggero anteriore non è molto capiente e non è provvisto di chiusura a chiave come si vorrebbe su una vettura di questa categoria. Inoltre la posizione dei comandi del climatizzatore non è molto indovinata, infatti si rischia di urtarli azionando la leva del cambio (specialmente passando dalla seconda alla terza). La dotazione di serie della Distinctive è buona: sette airbag, controllo di stabilità e trazione con assistenza per partenze in salita disattivabile, sensori di parcheggio posteriori, cerchi in lega a raggi da 17", volante e pomello del cambio in pelle, radio con lettore cd/mp3, climatizzatore automatico bizona (con bocchette per i passeggeri posteriori), fari allo xenon. Come optional la vettura ha il sistema blue&me con porta usb e l'impianto audio Bose con sub-woofer.
Alla guida
Alla guida l'Alfa Romeo 159 dimostra di avere un'ottima tenuta di strada grazie all'ottimo autotelaio che permette di pennellare curve in sicurezza. L'auto si comporta molto bene nei percorsi tortuosi e ricchi di curve delle strade extraurbane, dotata di uno sterzo preciso e di una frenata potente con una buona resistenza nell'uso intenso. L'ottima tenuta di strada però non è servita bene da motore e cambio che non sono all'altezza di questa vettura. La corsa della leva del cambio è molto lunga e non soddisfa se si vuole passare velocemente da una marcia all'altra guidando sportivamente; inoltre gli innesti risultano un po' gommosi. Per quanto riguarda il motore, un 2.2 quattro cilindri 185 CV di origine GM, sembra che non riesca a dare velocità alla vettura, per avere un po' di brio bisogna tirare parecchio le marce e non è certo paragonabile ai gloriosi motori Alfa Romeo di un tempo. I dati dichiarati sono: 0-100 km/h in 8.8 sec. e velocità massima di 222 km/h. Dati sicuramente non pessimi, ma da 185 CV ci si aspetta molto di più. Questo motore non è brillante anche a causa dell'elevato peso dell'auto: infatti l'autotelaio è molto pesante, pur lavorando bene (l'auto è del 2007, successivamente tutte le 159 dal 2008 in poi hanno subito un alleggerimento che ha migliorato leggermente le pestazioni). Quindi le prestazioni velocistiche non sono ottime però come già detto l'auto si comporta molto bene, nei tragitti autostradali i sorpassi non sono un problema (anche se le riprese non sono fulminee), si viaggia comodi e in sicurezza con un buon comfort a bordo. Come tutte le berline di questo segmento in città la 159 è poco maneggevole e in manovra dietro non si vede praticamente nulla a causa del piccolo lunotto e dei montanti larghi: fortunatamente ci sono i sensori di parcheggio posteriori che aiutano nei parcheggi. Comunque in ambiente cittadino si apprezza il buon assorbimento di buche e irregolarità dell'asfalto, grazie alle sospensioni tarate per garantire un buon compromesso tra tenuta di strada e comfort. Infine il capitolo consumi: questo motore si rivela anche sprecone, l'auto consuma parecchio in città e fuori e il consumo medio di 10,6 km con un litro dichiarato è un miraggio.
La comprerei o ricomprerei?
Se dovessi comprare una Alfa Romeo 159 a benzina, sicuramente non la sceglierei con questo motore. Il consiglio è quello di orientarsi sulla 1750 TBi (che è entrata a listino nel 2009), più potente e veloce che consuma anche meno della 2.2. Altrimenti per chi la vuole diesel c'è ora la 2.0 jtdm da 170 CV che è una buona via di mezzo tra la 1.9 e la 2.4.
Alfa Romeo 159 2.2 JTS Selespeed Distinctive
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
4
0
0
0
0
VOTO MEDIO
5,0
5
4
Aggiungi un commento
Ritratto di ste85gangy
14 gennaio 2010 - 18:00
sai l'auto è molto pesante... e i motori sono poco potenti.. la macchina di linea è davvero molto bella sopratutto il muso cattivo solo rosico perchè l'alfa una volta faceva macchine da paura adesso so pesanti e lente per essere alfa.. io ho guidato la mjet della brera 200 cv e non cammina sembrava un 150 cv della vw.. peccato cmq complimenti per la recensione
Ritratto di Zack TS
14 gennaio 2010 - 19:35
1
non è che manca la potenza 185 cv non sono pochi...... è che sembrano 30 di meno.... questi motori gm non sono un granché. Almeno tenuta e frenata vanno bene. comunque grazie per i complimenti :-)
Ritratto di ste85gangy
14 gennaio 2010 - 20:08
no dicevo sono poco potenti per il peso elevato
Ritratto di Zack TS
14 gennaio 2010 - 19:37
1
mi raccomando commentate bene ;)
Ritratto di Etneo
15 gennaio 2010 - 10:05
+ bello del suo segmento. Bellissimo, aggressivo. Formidabile! wow
Ritratto di Zack TS
15 gennaio 2010 - 10:59
1
sicuramente è il punto di forza di quest'auto
Ritratto di Zack TS
15 gennaio 2010 - 10:58
1
nel paragrafo "alla guida" c'è un "pestazioni" anziché "prestazioni"
Ritratto di Pablo
15 gennaio 2010 - 18:38
nel 2010 a comprare un'auto a benzina, sapendo che dopo due anni ti vale la metà, poi in tutto questo scopri che la famosa auto degli inseguimenti anni 70 ha poco motore e dulcis in fundo tante pecche a livello di finiture o assemblaggi... bah credo proprio che un'alfa non la coprerò mai...
Ritratto di Zack TS
15 gennaio 2010 - 19:54
1
per prima cosa l'auto non è mia e non l'ho comprata io.......... poi "come si fa a compare un auto a benzina"..... a mio padre piacciono le alfa e i motori a benzina..... che ti devo dire sono gusti, nell'articolo infatti ho detto che io non avrei preso questa (tra l'altro sono un fan delle auto giapponesi). infine non ho capito "in tutto questo scopri che ecc...": la prova di un auto serve a questo, non trovi?
Ritratto di futureal
24 gennaio 2010 - 12:22
semplicemente per il piacere di guida che un diesel per quanto moderno sia è pur sempre un trattore rumoroso
Pagine
listino
Le Alfa Romeo
  • Alfa Romeo Giulia
    Alfa Romeo Giulia
    da € 40.500 a € 90.500
  • Alfa Romeo Giulietta
    Alfa Romeo Giulietta
    da € 22.100 a € 30.950
  • Alfa Romeo Stelvio
    Alfa Romeo Stelvio
    da € 48.000 a € 100.500

LE ALFA ROMEO PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE ALFA ROMEO

  • Per i suoi 110 anni l’Alfa Romeo ha presentato al museo sportivo di Arese la versione più pepata della sua berlina e ha mostrato le sale dell’esposizione non accessibili al pubblico.

  • In questo video la presentazione delle Giulia e Stelvio Quadrifoglio 2020 ad opera dei manager che ne hanno seguito lo sviluppo. Qui per saperne di più.

  • La GTA è la variante ancora più sportiva della Giulia Quadrifoglio: pesa 100 kg in meno e ha 30 CV in più. “Estrema” nelle linee, c’è anche in versione GTAm, con due soli posti e ulteriori alleggerimenti. Qui per saperne di più.