Audi A3 1.6 TDI Ambition

Pubblicato il 1 aprile 2020

Listino prezzi Audi A3 non disponibile

Ritratto di marcoveneto
alVolante di una
Audi A5 2.0 TDI 177 CV Ambiente
Audi A3
Qualità prezzo
2
Dotazione
2
Posizione di guida
5
Cruscotto
3
Visibilità
3
Confort
4
Motore
2
Ripresa
2
Cambio
4
Frenata
4
Sterzo
3
Tenuta strada
4
Media:
3.1666666666667
Perchè l'ho comprata o provata
Correva l’anno 2014, in famiglia eravamo propensi a sostituire la vecchia Opel Meriva 1.7 DTI del 2004, auto sicuramente pratica e spaziosa, ma ormai superata. L’idea era di acquistare una segmento C, dal momento che non avevamo più grandi necessità di spazio come in passato. Una classica berlina 5 porte sarebbe andata più che bene. Le alternative su cui ci focalizzammo furono due: Mercedes classe A W176, e Audi A3 8V, entrambe appena lanciate sul mercato. Vuoi per la maggior ariosità interna, vuoi per la maggior cura nei dettagli, alla fine abbiamo optato per la seconda: Audi A3 8V 1.6 TDI Ambition. La scelta del motore è stata praticamente obbligata, dato che cercavamo un diesel con bassi consumi e bassi costi d’esercizio. Cambio rigorosamente manuale. Optional aggiunti (a memoria): fari allo Xeno, navigatore satellitare, clima automatico, cerchi da 17 con disegno a “Y”, pack luci interno, sensori parcheggio posteriori e vernice bianco ghiaccio.
Gli interni
Gli interni (per l’anno in cui è uscito il modello) sono sicuramente innovativi: il concetto predominante è “to be minimal”. Forse anche troppo per certi versi. Lasciando infatti il display chiuso nella plancia, sono quasi poveri visivamente. Andando però a vedere i dettagli non si può che rimanere soddisfatti sotto tanti aspetti. Bocchette di aerazione rotonde, con la regolazione del flusso dell’aria che può essere canalizzato o sparato ad ampio raggio. Effetto WOW quando, girando la chiave, lo schermo del navi esce dalla plancia (soluzione adottata anche nelle ben più costose Audi A6 e A8, non adottata però nella Q3). Luci a led d’ambiente sui piedi sia per i passeggeri anteriori che per i posteriori. Portabibite illuminato con 2 semicerchi a led bianchi. Plafoniere ovviamente a led, anche nella luce del bagagliaio. Di notte tutto questo bianco fa un bell’effetto, soprattutto se unito ai tasti della plancia rossi, un classico per le Audi / VW di 10 anni fa. Le plastiche sono tutte abbastanza morbide, con al più qualche elemento rigidino nella zona dello sterzo e nella parte bassa dei sedili. Sedili che però offrono un sacco di regolazioni (manuali): tra queste anche la lunghezza della seduta (una cosa che non si userà praticamente mai, ma che trovo sportiva). Ottimo il feedback dei tasti, con il “click-Audi” inconfondibile. Per finire, dietro stanno comodi solo 2 adulti, che però possono godere delle bocchette di ventilazione a fine tunnel (un accessorio che era abbinato al clima automatico, e che non si trova nemmeno nel 2020 in concorrenti fresche come Mazda 3 e Honda Civic).
Alla guida
Motore 1.6 TDI con 105 cv, cambio manuale 6 marce. DI certo il motore non è un fulmine di guerra e non brilla né per i cavalli né per la coppia. Dove lo si apprezza è nella regolarità e nei bassi consumi. Vuoto in basso, inizia a spingere da poco sotto i 2000 giri, per morire poco prima del limitatore. Quando gli si tira il collo diventa un po’ rumoroso, senza spingere come ci aspetterebbe dal baccano emesso. Le marce sono ben spaziate e quindi già ai 65 km/h si può inserire la quinta marcia. Cambio ben manovrabile con una levetta abbastanza corta e che non si impunta. Scalando si va dappertutto. Certo, per fare certi sorpassi meglio pensarci 3 volte, perché la potenza in gioco non è tantissima. Lo si apprezza comunque per la regolarità di funzionamento: se non si è fanatici dello 0-100 o di avere centinaia di Nm di coppia è un ottimo motore, che si guida bene. Il volante si impugna bene ed è abbastanza diretto. Peccato solo che non si indurisca a sufficienza con l’aumentare della velocità, e rimanga sempre un po’ troppo tenero. L’impianto frenante è buono (4 dischi, di cui gli anteriori autoventilati) e garantisce spazi di arresto ridotti. I consumi come già detto prima sono ottimi e guidando con parsimonia permettono di superare i 20 Km/l.
La comprerei o ricomprerei?
Tornando indietro non so se la ricompreremmo. Questa macchina la usano quasi esclusivamente i miei genitori e per loro sarebbe stato più pratico qualcosa con la guida più alta, come una Classe B o un SUV. Di certo non posso parlarne male di questa Audi: la linea ancora oggi è molto elegante ed attuale, internamente si è mantenuta bene e il motore consuma poco. Ad un ragazzo della mia età la consiglierei sicuramente, magari in versione S line (che aggiunge un bel po’ di grinta alla linea). E soprattutto la consiglierei con il 2.0 TDI da almeno 150 cv (il 1.6 TDI va bene per chi bada ai consumi). Tra le critiche che posso fare infine citerei la lunga lista degli optional e i pochi accessori di serie (nel 2014 erano a pagamento persino i comandi della radio al volante!)
Audi A3 1.6 TDI Ambition
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
8
7
2
2
4
VOTO MEDIO
3,6
3.565215
23


Aggiungi un commento
Ritratto di marcoveneto
7 aprile 2020 - 11:56
Che BMW hai avuto? Qualcuna con il 2.0 diesel?
Ritratto di Hypercar_
7 aprile 2020 - 12:20
Esatto! X3 2.0d Xdrive, 1a generazione. Cosa accadeva? In autostrada si spegnevano radio, luci ecc. e andava solo il motore. Morale? Centralina da cambiare...
Ritratto di marcoveneto
7 aprile 2020 - 13:36
Credevo avessi avuto problemi con la catena del 2.0 diesel, che era delicatissima e provocava danni ingenti. Penso però che anche di centralina tu non abbia speso poco per sistemarla.
Ritratto di Maurilio65
7 aprile 2020 - 19:55
3
Buonasera. Bella macchina e ottima recensione. A mio modesto avviso però, il 1.6 su certe auto e appena appena sufficiente. E poi rispondo ai colleghi sopra: I problemi alla catenaria di distribuzione del 2000 BMW li ho avuto io.. E già da nuova. In BMW sapevano tutto o quasi del problema ma, diciamo così ci giravano in tondo e, registravano il tendi e via. Salvo poi rimettersi a far un rumore di lattine vuote ogni 2500 km. Ne sono venuto fuori sostituendola con un'altra alra serie 3 sw, ma con motore 3000. E questo motore mi ha letteralmente entusiasmato. Solo il motore purtroppo, visto che il problema avuto dall'amico con la centralina, capito anche a me, oltre a quello dell distacco di una molla dal piantone dello sterzo ad appena un anno di vita. Risolti in questo caso con i termini di garanzia. Però....Voglio dire... Ok a rimanere senza radio, se ne fa anche a meno, ma che ti si scassa lo sterzo dopo 31000 km in una macchina da 50k euri non e ammissibile. Dopo 4 BMW consecutive, questa e stata l'ultima. Ossequi. Maurilio.
Ritratto di Hypercar_
8 aprile 2020 - 00:08
Noi di BMW ne abbiamo avuta una, l'ultima probabilmente. Siamo passati a VW, altra delusione. Siamo passati di nuovo (le avevamo già avute) alle giapponesi... queste ultime mai un problema, veramente ottime. Poi ovvio che si va a fortuna, però noi con entrambe le tedesche abbiamo avuto molti problemi. Mi dispiace Maurilio che anche lei abbia avuto esperienze poco positive. Anche perché non si parla di Panda ma come dice lei di auto che costano quasi come un appartamento
Ritratto di Hypercar_
8 aprile 2020 - 00:10
Il problema della centralina non era certo gravissimo, però in galleria rimanere senza illuminazione del tachimetro di notte magari può essere fastidioso. Certo che il problema allo sterzo è vergognoso...
Ritratto di marcoveneto
8 aprile 2020 - 08:03
Grazie Maurilio per aver letto la prova. Effettivamente il 1.6 è stato preso per consumare poco, non di certo per le prestazioni. Comunque valutandolo a 360° era giusto essere obiettivi il più possibile.
Ritratto di Hypercar_
8 aprile 2020 - 00:05
La centralina, per quanto ricordo (ero praticamente un bambino) ci era costata una fortuna, i tedeschi si fanno pagare in riparazioni. Anche la Golf carissima. Comunque diciamo che le BMW 2005-2010 hanno avuto tanti problemi in generale!
Ritratto di marcoveneto
8 aprile 2020 - 07:58
Purtroppo si, sono state annate complicate dal punto di vista dell'affidabilità per il gruppo BMW.
Ritratto di Hypercar_
8 aprile 2020 - 10:01
Condivido. Sono almeno contento che tu non hai avuto grossissimi problemi con le tedesche. Le Mercedes sembrano dare meno problemi di tutte. Anche le BMW più recenti non hanno i problemi di una volta (un parente ha avuto un 320d per 4 anni e nessun difetto). Comunque ritengo che svedesi e giapponesi siano le migliori per affidabilità.
Pagine
listino
Le Audi
  • Audi A1 Citycarver
    Audi A1 Citycarver
    da € 24.300 a € 29.000
  • Audi Q3
    Audi Q3
    da € 35.000 a € 67.900
  • Audi TT Coupé
    Audi TT Coupé
    da € 41.850 a € 79.400
  • Audi TT Roadster
    Audi TT Roadster
    da € 44.550 a € 82.100
  • Audi Q8
    Audi Q8
    da € 77.600 a € 144.300

LE AUDI PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE AUDI

  • L’Audi Q5 si aggiorna: cambia poco dentro e fuori, ma ora è ibrida “mild”. Valido il nuovo sistema multimediale e di qualità il comfort (tranne che per i sedili sportivi di serie). Qui per saperne di più.

  • La nuova generazione dell’Audi A3 Sportback mantiene le forme sportive e le linee affilate, ma la guida è ancora più precisa e appagante. Nota dolente? Il prezzo pesante. Qui per saperne di più.

  • I nuovi fanali posteriori dell'Audi Q5 restyling sono dotati dell'innovativa tecnologia Oled che consente di realizzare simpatici giochi di luce. Qui per saperne di più.