Audi A8 3.0 V6 TDI 204 CV tiptronic

Pubblicato il 4 novembre 2014
Ritratto di Flavio Pancione
alVolante di una
BMW Serie 1 125d Msport Steptronic 5 porte
Audi A8
Qualità prezzo
2
Dotazione
4
Posizione di guida
5
Cruscotto
5
Visibilità
3
Confort
5
Motore
3
Ripresa
4
Cambio
4
Frenata
5
Sterzo
4
Tenuta strada
4
Media:
4
Perché l'ho comprata o provata
Buonasera. Questa volta vi parlo di un' Audi A8, l'ammiraglia della famosa casa dai quattro anelli. Ho utilizzato quest'auto per un giorno intero e siccome non ci sono molte recensioni in rete, ho deciso di scrivere qualche informazione utile. Ovviamente visto il limitato utilizzo dell'auto non potrò essere molto preciso. Innanzitutto , si tratta probabilmente di una versione non molto diffusa , ovvero la versione «base» dotata di un 3.0 V6 Tdi, vecchia conoscenza, e della trazione anteriore anzichè della Quattro disponibile sul resto della gamma. Ciò ha ulteriormente suscitato il mio interesse, poichè la Quattro già l'ho conosciuta, e ho ritenuto interessante capire come si comporta una berlina di 5,14 m con la sola trazione anteriore. Anche il 3.0 in configurazione 204 Cv non conoscevo, tra l'altro (quasi) «concorrente» del motore che abitualmente uso. L'auto ad ogni modo, in carrozzeria nera, si presenta senza dubbio imponente. Le forme che senz'altro conoscete sono tipicamente Audi, ma quasi troppo standard se si considera che si tratta della massima espressione del lusso secondo la casa. Inoltre considero questa terza Serie -prerestyling la più elegante e "fuori dal coro", le altre son fin troppo " omologate " stile audi. Comunque l'auto al sottoscritto piace, ciò che la valorizza però non è il design ma l'importanza della carrozzeria. Degno di nota è il telaio in alluminio, il complice più significativo insieme all'assenza differenziale centrale per quanto riguarda il risparmio di peso, a secco difatti dovrebbe pesare sui 1800 kg, traguardo di tutto rispetto.
Gli interni
Fulcro dell'auto. Se fuori si lascia guardare con sguardi di sufficienza dentro impressiona con molta facilità. Raramente mi sono trovato in ambienti simili. Comunque, una volta seduti al volante si è belli comodi e rilassati su poltrone di pelle assai morbide che ricordano il divano di casa mia. Anche i vari passeggeri che ho accompagnato non si sono per nulla lamentati, dietro e avanti lo spazio abbonda e l'ambiente mette tutti a proprio agio. Bellissimo l'abbinamento di alluminio e radica sulla plancia, radica quasi intonata al marrone dei sedili, si sà che comunque Audi offre una personalizzazione notevolissima dell'auto nel caso non piaccia. D'effetto è senza dubbio il navigatore che compare tra le bocchette di areazione , i comandi sono molti e non sempre intuitivi, anzi tra Audi, Bmw e Mercedes che utilizzano similmente una manopola nel piantone della leva del cambio, la confusione è in agguato. Tante le funzioni, anzi tantissime , che sono i soliti automatismi , e onestamente ad eccezione di sedili riscaldabili per fare scherzi, massaggio del sedile per divertimento e il climatizzatore non ho utilizzato altro. Quest'ultimo è un comodo quadrizona, molto efficiente, ma ciò che è sopra la media è la particolare silenziosità quando è in funzione. Peccato inoltre per la configurazione a 5 posti dell'auto, in quattro comode poltrone e in versione «lunga» avrebbe assunto un abitacolo ancora più lussuoso e indicato per il tipo di auto. Singolare ma azzeccata la leva del cambio automatico, dotato anche di comandi al volante. Stranezza riscontrata è la mancanza o non-trovata presa usb , poco male, per la memoria di massa c'è la possibilità di utilizzare delle memory card . C'è anche il lettore DVD, e forse la TV (boh ) roba che non vedevo dalla mia vecchia Classe C, «utile» quando si è fermi nel traffico? No di certo, ovviamente non è possibile visionare nulla nemmeno a bassa velocità. Bagagliaio, coerente alle dimensioni dell'auto, è di 510 litri ed è pieno di comode reti per bloccare gli improbabili bagagli degli invitati del matrimonio. ( non mi sono sposato io )
Alla guida
Come avrete intuito ho utilizzato quest'auto nell'occasione di un matrimonio, insieme alla mia striminzita (rispetto alla A8) Serie 3 hanno fatto da «auto di cortesia», per gli sposi e gli invitati per vari spostamenti. Ovviamente gli sposi hanno lasciato da parte la povera Serie 3, messa in un angolo con 4 fiocchetti. Per cui la priorità era il confort e non certo le curve a tutto gas. Difatti l'avvantaggiata in questo caso è senza ombra di dubbio la A8, con quell'abitacolo spazioso e sontuoso che si ritrova . Quindi, si parte. Avviato il V6 dell'Audi , senza vibrazioni si rende disponibile per la partenza: il classico automatico da molte marce ( 8 ) è tranquillo e lavora senza disturbare, i giri ovviamente si mantengono bassi e non si risparmia il lavoro con repentini cambi di marcia .Inutile dire che l'elettronica influenza la guida, come già abbiamo visto su altre auto, a seconda dei set impostati i cambiamenti su motore, sterzo, cambio , sospensioni sono evidenti. Il motore fluido che ancora non ha ceduto all'irrefrenabile downsizing , è disponibile fin da subito, infatti i suoi (stroncati) NM ( 400 ) sono pronti da poco sopra i 1500 giri. La silenziosità è come ci si aspetta elevata, tuttavia non da primato l'insonorizzazione del motore. Motore che però ha tutto ciò che serve per andare a spasso in completa tranquillità, godendo delle comodità dell'auto. Altro aiuto arriva dalle sospensioni molto ben tarate,le irregolarità sono sempre ammortizzate con garbo, lo sterzo invece non è molto leggero a bassa velocità, ed è un lieve difetto vista la natura dell'auto. Parcheggio: imbarazzante, le dimensioni dell'auto danno luogo a un bisogno prezioso di spazio per incastrarla da qualche parte, anche la larghezza di quasi 2 metri crea disagio nello strettoie, e ad infilare il dito nella piaga c'è una visibilità non ottimale anteriormente. Comunque, il suo lavoro di andare spasso ad andatura tassativamente soft è stato svolto in maniera inappuntabile . Anche la sua «collega» , la piccola Serie 3 con qualche attenzione in più da parte mia si è comportata bene nell'offrire agli invitati un viaggio più confortevole possibile, evitando magari qualche imperfezione della strada e dosando bene il gas per cambiate dolci (con tanto di cambio manuale) . Ed anzi ha anche ricevuto complimenti per quanto riguarda la silenziosità del motore. Torniamo alla A8 e le cose cambiano un po quando gli ansiosi passeggeri non ci sono, spingendo tutto giù sul gas in un percorso sulla costa assai bello e pieno di curve. Infastidito dalla presenza dell'automatico ( però valido ) mi cimento a capire come vada quest'auto in curva; per lo meno con le mani più libere ci si può concentrare sulle sensazioni dello sterzo. Quest'ultimo è davvero un buon amico , è un po pesante ma mi piace ed è molto preciso e diretto, forse lo preferivo solo un po più comunicativo, difetto ormai di molte moderne auto. Per cui facile tranne che per il passo enorme tra le ruote pennellare curve, il motore la sua spinta la dà, ma niente «effetto fionda» all'uscita tipico della spinta sul retrotreno . A mio avviso, è una brutta perdita quella della Quattro, perchè è molto valida e permette traiettorie più piacevoli e soprattutto più precise. Non che non sia precisa, ma c'è sempre quella sensazione di «semplicità» che in un'auto del genere non le dona. Ovvero anticipando il gas in curva non si ha nessuna delle nobili reazioni che si ha con una TP, una quattro o un autobloccante. Il motore ha 204 cv, e sono poco prima dei 4000 giri, nessun regime da record quindi, l'automatico comunque decide la cambiata poco più avanti. La coppia è di soli 400nm, visibilmente stroncata, sono pochi vista la cilindrata. Ad ogni modo non è un'auto lenta ed anzi giudico la cavalleria più che sufficiente per viaggiare veloci e comodi. Ma quando si vuole spingere sul serio per ovvie ragioni di percorso e di fisiologia della macchina, era difficile stare dietro alla Serie 3 guidata da terzi. Confronto scontato, la Serie 3 è ovviamente più agile, anche per l'attitudine a essere «leggera» dietro in inserimento in curva, soprattutto in quelli bruschi , però dato gas tutto è controllabile magnificamente con l'ottimo sterzo e con limiti in curva assai elevati. Facilità di controllo che comunque ha anche la A8, anzi è ancora più prevedibile, perchè «balla» di meno sulle sconnessioni, purtroppo però rimane in toto un'auto poco entusiasmante. Tutto cambia invece in autostrada e simili, l'elevata silenziosità e l'agiatezza che trasmette l'abitacolo fa addormentare ( un bene o un male? ) , fatto è, che non ci sono più problemi di dimensioni e la guida è un po più interessante nei curvoni veloci.
La comprerei o ricomprerei?
Conclusioni: un'auto quindi a cui stento nel fare forti critiche, poichè è ( ci mancherebbe ) molto valida in tutte le situazioni. Ragionavo comunque , sull' utilità di questa categoria di auto. Auto decisamente confortevoli e piene di comodità, perfette per queste occasioni , e perfette come auto di rappresentanza. Le vedo però assai impacciate nel quotidiano per una famiglia, o soprattutto per pendolare, magari per lavoro, guidandole di prima persona. L'ingombro notevole, le superfluità del lusso a bordo ed anche la guida non propriamente coinvolgente rendono queste auto un po sovrabbondanti per tutti i giorni. Rimane inoltre, nello specifico comunque «soltanto» una berlina molto grande diesel, dopo tanti soldi spesi ci si ritrova con un'auto che di certo non è un fulmine, ne impressiona per la ciclistica, ne per il design esterno. Ma ripeto, consigliatissima per chi cerca quei pregi che ho già elencato: confort, rifiniture, interni. Anche se forse con la Quattro inviterebbe a spingere di più, probabilmente non se ne sente il bisogno di più cavalli, è quella che basta per l'utilizzo più consono dell'auto. Personalmente, però, se parliamo di queste dimensioni di auto e di questi prezzi, farei un discorso diverso, ovvero propenso ad un'auto più passionale come può essere una Maserati Quattroporte GTS, tutt'altro discorso di costi di gestione , ma anche tutt'altra cosa.. Piazzerei anche Jaguar XJ per la sua linea ed il particolare motore nella versione più spinta. Scenderei anche di segmento, per una magnifica Serie 5, magari 535i. Avete quindi capito in che direzione va la mia preferenza. Sinceramente, me sottoscritto, potendo spendere queste cifre non saprei che farmene di una A8... Stesso discorso anche per la Classe S che a mio avviso è il punto di riferimento della categoria, pur riconoscendo che probabilmente si tratta del miglior connubio lusso-tecnologia, per ora preferisco altri tipi di auto.
Audi A8 3.0 V6 TDI 204 CV tiptronic
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
2
0
2
2
1
VOTO MEDIO
3,0
3
7
Aggiungi un commento
Ritratto di MatteFonta92
17 novembre 2014 - 17:40
3
Beh, per aver utilizzato l'auto solo per un giorno, devo dire che hai scritto un'ottima prova: completa, dettagliata e lunga il giusto, complimenti! ;-) Riguardo all'auto... non appartiene a una categoria per me molto interessante, a me quindi lascia abbastanza indifferente, pur avendo comunque delle indiscusse qualità, come hai scritto. Però la mia auto ideale si trova praticamente agli antipodi di questa A8: piccola e facile da parcheggiare, con un motore a benzina (o al massimo a GPL), che costi poco e che soprattutto sia semplice da usare, senza inutili aggeggi che complicano la "vita a bordo". Comunque, ancora complimenti per la prova!
Ritratto di Flavio Pancione
17 novembre 2014 - 21:18
7
Piacciano tanto invece , ma quando arrivano a queste dimensioni neppure a me attirano più di tanto. Ap proposito di auto piccole, come sta andando la tua 500?
Ritratto di MatteFonta92
18 novembre 2014 - 11:59
3
Benissimo, grazie per l'interessamento ;-) Ad un anno e tre mesi dall'acquisto ho fatto circa 8000 km senza alcun problema, e anzi, con il GPL si viaggia spendendo la metà rispetto alla benzina, meglio di così...! Certo, è un'auto dall'indole tutt'altro che sportiva, ma per ora va bene, per quel tipo di vetture ci sarà ancora tempo... a proposito, la tua Serie 3 invece come va? Dalla foto la trovo bene...! ;-)
Ritratto di Flavio Pancione
18 novembre 2014 - 13:29
7
un'altra piccola auto in casa può far comodo tra un po', magari sfiziosa come la 500c ( peccato perché non è una vera cabrio ), anche per questo chiedevo. Comunque la 325 , come vedi è in piedi e viva :) E sta in perfetta forma.. a parte un lieve graffio.. ma succede! Per ora non mi ha dato un minimo problema, anche sa ha ormai già (solo ) un anno ( come passa in fretta il tempo ) , è un'auto che fa molti km, ma per fortuna tutto bene. Comunque sono estremamente soddisfatto , per la guida e anche per il motore.. che è un diesel davvero speciale , non l'avrei mai detto che un diesel potesse essere così piacevole.
Ritratto di MatteFonta92
18 novembre 2014 - 18:11
3
Beh, la 500C non l'ho mai provata (anche se mi piacerebbe molto), ma anche se non è una "vera" cabrio, penso che comunque possa essere godibilissima col tetto aperto, d'estate ;-) Per la tua Serie 3, beh, sono contento che vada tutto bene, e per i graffi, è normale, anche sulla mia 500 ce n'è qualcuno, è una cosa quasi inevitabile quando si usano le auto, specialmente in città. Come sai a me i diesel invece non piacciono granché, ma d'altronde faccio talmente poca strada che non ne ho bisogno, se tu comunque ne sei soddisfatto sono contento per te ;-)
Ritratto di Flavio Pancione
18 novembre 2014 - 19:41
7
chi non preferisce un benzina con buone prestazioni a un diesel? Però è un diesel limitato addirittura a 5.500 giri ( per intenderci, i regimi di potenza massina di un piccolo aspirato come il 1.2 fire ) difatti tira fino a 5.000 con una bella cattiveria.. e poco turbolag, le due turbine funzionano proprio a dovere. Poi è comodo per la buona coppia max a 1.500 giri. Per cui non può che piacermi..
Ritratto di Fr4ncesco
18 novembre 2014 - 01:05
Ottima prova, direi quasi professionale. L'auto in questione non mi piace molto. La trovo anonima e di forme un po' datate, inoltre si confonde con la più piccola A6, nonostante le forme assai ingombranti. In quel segmento punterei alla Quattroporte o alla Classe S, anche per la guida che forse qui è troppo "pacchiana". Inoltre per una vettura di questa mole la TA la vedo un po' fuori luogo. Come è fuori luogo anche un utilizzo quotidiano forse, nemmeno io ce la vedo come auto di tutti i giorni anche se comunque non è un auto da far guidare all'autisita (a meno che non sia la versione a passo lungo). A quel prezzo ci si trovano auto di segmento inferiore, quindi più pratiche ma allesiste ugualmente al top, tipo una BMW 550i, anche più potente.
Ritratto di Flavio Pancione
18 novembre 2014 - 13:14
7
io amo la Serie 5 ahah . Si può dire che è la mia auto preferita , insieme alla vecchia Quattroporte ( la nuova devo ancora carburarla ma mi piace )
Ritratto di Fr4ncesco
18 novembre 2014 - 20:44
La Serie 5 era la mia berlina di segmento premium preferita... Poi hanno fatto la Ghibli ed è diventata la seconda ;) PS, non ho valutato la prova perchè meriterebbe 5 volanti, ma per me l'auto ne merita 2.
Ritratto di Flavio Pancione
18 novembre 2014 - 20:52
7
Alla fine l'auto dev'essere giudicata, non la prova. Comunque la Ghibli piace anche a me tantissimo.. Infatti tra serie 5 e ghibli proprio non saprei scegliere
Pagine
listino
Le Audi
  • Audi A4 Allroad
    Audi A4 Allroad
    da € 43.600 a € 57.250
  • Audi A3 Cabriolet
    Audi A3 Cabriolet
    da € 33.300 a € 51.500
  • Audi A6
    Audi A6
    da € 53.850 a € 67.800
  • Audi Q2
    Audi Q2
    da € 25.900 a € 44.180
  • Audi A3 Sedan
    Audi A3 Sedan
    da € 27.550 a € 55.200

LE AUDI PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE AUDI

  • L’Audi Q3, tutta nuova, ha una linea moderna e grintosa, e offre tanto spazio per passeggeri e bagagli. Vivace il 1.5 turbo a benzina, scomodi alcuni comandi. Qui per saperne di più.

  • La versione sportiva dell'Audi Q2 si chiama SQ2 ed è dotata del motore 4 cilindri 2.0 capace di ben 300 CV erogati dal sistema di trazione integrale. Anche il look sottolinea l'indole della vettura.

  • Grinta da vendere per la nuova Audi Q3 che si presenta al Salone di Parigi 2018 completamente rinnovata: completa la gamma motori sin dal lancio.