Pubblicato il 22 novembre 2010
Qualità prezzo
4
Dotazione
2
Posizione di guida
4
Cruscotto
3
Visibilità
5
Confort
3
Motore
4
Ripresa
2
Cambio
4
Frenata
3
Sterzo
3
Tenuta strada
3
Media:
3.3333333333333
Perché l'ho comprata o provata
In famiglia eravamo a caccia di una GPL senza troppe pretese per brevi tragitti casa-lavoro e piccole uscite fuoriporta. L'idea era quella di un mezzo semplice e pratico che facesse il suo mestiere senza troppi problemi e così la Dacia Sandero è stata un'opzione allettante fin da subito. La prima cosa di cui parlare è il prezzo, anche perchè è la sua caratteristica più interessante: con gli incentivi statali e qualche sconto abbiamo portato a casa la versione Laureate GPL nuova a meno di 8000 euro...è il prezzo di una utilitaria usata, praticamente. E qui si aprono le discussioni: qualcuno ritiene che Renault sia impazzita di generosità e stia facendo dei regali attraverso il marchio Dacia, qualcun altro pensa che, a queste cifre, le auto del produttore rumeno non possano che essere dei catorci. La verità, come spesso accade, sta nel mezzo: nessuno ti regala niente, questo è dato di fatto. E infatti Dacia non fa regali: sulla Sandero tutto è optional, la versione base per intenderci non ha neanche il servosterzo! Il concetto di fondo è lo stesso della compagnia aerea Ryanair: si offre un servizio di base alla portata di chiunque, con costi bassissimi e nessun 'fronzolo'. Chi vuole qualcosa in più può ovviamente averlo, pagando. La cosa funziona, anche perchè la Sandero in fin dei conti si rivela essere una buona macchina. Le linee esterne sono piuttosto banali, ma in accordo con i canoni moderni: non è la classica auto low-cost con l'estetica da ex blocco sovietico. Si presenta anzi come un'utilitaria qualsiasi, non si fa notare troppo e la cosa già di per sè è un punto di forza. Andando a vedere nel dettaglio senz'altro alcuni piccoli elementi tradiscono la natura economica del progetto, come il pulsante di apertura del bagagliaio o alcuni bordi della carrozzeria che non sembrano troppo solidi, ma in ogni caso l'effetto generale è buono e la Sandero supera bene la prova del primo sguardo. Un punto dolente, per quanto riguarda la mia esperienza, è da attribuire al concessionario Renault che ce l'ha venduta: i continui ritardi nella consegna sono stati spesso giustificati con riferimenti neanche troppo eleganti al fatto che stessimo acquistando un'auto low-cost. In casa abbiamo altri 3 veicoli quindi non ci siamo particolarmente offesi, ma di certo sottolineare davanti al cliente la natura 'economica' del proprio acquisto non è nè molto elegante nè molto intelligente, tanti altri al nostro posto avrebbero potuto reagire molto peggio.
Gli interni
Tornando all'auto, bisogna dire che se l'esterno convince abbastanza, l'interno non è da meno: cruscotto semplice, un po' troppo plasticoso ma tutto sommato ben rifinito. Posizione di guida piacevolmente alta, sedili abbastanza comodi. Gli interni meriterebbero anche qualche nota di merito in più se non fosse per alcuni dettagli estetici poco curati: le levette per regolare gli specchietti, ad esempio, sono proprio stilizzate, così come il pomello del cambio. Si tratta di inezie ma è un peccato perchè un po' di attenzione in più a questi piccoli elementi avrebbe dato all'abitacolo un'aria più seria senza incidere sul prezzo finale dell'auto. Comunque l'impressione nell'insieme è buona, e la cosa che colpisce di più sono gli spazi: la Sandero dentro sembra davvero molto spaziosa, anche grazie alle plastiche discrete e poco bombate che non rubano spazio ai volumi interni. Anche il bagagliaio è generoso, e questo fa della Sandero una buona candidata anche come piccola famigliare economica.
Alla guida
Il motore 1.4 parte silenziosamente in modalità benzina. La posizione di guida è abbastanza comoda, il parabrezza ampio offre una ottima visuale e la strumentazione è semplice ma tutto sommato completa. L'impianto GPL è firmato Landi Renzo e funziona in modo molto semplice: un piccolo tasto quadrato si trova vicino al freno a mano e consente di passare da benzina a GPL anche durante la marcia. Normalmente il motore freddo parte con benzina e passa automaticamente a GPL dopo qualche minuto. Dei piccoli led intorno al pulsantino indicano l'attuale alimentazione, il livello del serbatoio del GPL ed eventuali malfunzionamenti. Le istruzioni dell'impianto possono apparire un po' complicate, soprattutto per interpretare le varie combinazioni dei led che possono segnalare problemi diversi, ma durante il normale utilizzo è tutto pressochè automatico e richiede ben poche attenzioni. La frizione è sufficientemente morbida anche se non offre subito grande confidenza visto che stacca praticamente subito e bisogna un po' abituarsi, tant'è che inizialmente pensavo a un problema di regolazione. Il cambio è preciso ma un po' rumoroso negli innesti. Il motore 1.4 da 75cv è abbastanza pigro e non offre grandi spunti, anche se volendo spingere sul gas a tutti i costi qualcosa lo si tira fuori. Si sente subito, comunque, che è pensato per fare il suo lavoro senza offrire chissà quali prestazioni. Comunque la velocità massima è pur sempre intorno ai 160km/h e in autostrada a velocità di codice c'è sempre un buon margine per sorpassare. Globalmente la vettura è un po' pesante nei movimenti, soprattutto nelle partenze da ferma e nei cambi di direzione: lo sterzo è lento e non troppo preciso, e la cosa può risultare un po' fastidiosa soprattutto in città o nei percorsi tortuosi. Buona invece la frenata, che inizialmente sembra avere poco mordente e invece subito dopo il primo contatto dà subito una sensazione di sicurezza e controllo.
La comprerei o ricomprerei?
E' un'auto economica, umile e versatile, che secondo me trova la sua principale ragione d'essere proprio nelle versioni GPL: a un prezzo assolutamente competitivo si può avere un'auto bifuel che praticamente si ripagherà da sola. Certo, bisogna accettare qualche compromesso: di serie non c'è quasi niente, e molti dettagli sono migliorabili... comunque la meccanica è Renault e i primi dati concreti sulle Dacia parlano di un'ottima affidabilità. Vi ricordate la vecchia Panda, quella semplice semplice che costava poco e faceva un po' di tutto? Questa Sandero secondo me è un po' la Panda del terzo millennio: prezzo basso, semplicità e praticità. Certo i tempi sono cambiati, per cui questa Dacia appare decisamente meno spartana della vecchia Panda, meno robusta e più incline alla tranquilla vita urbana piuttosto che al lavoro pesante. Comunque io mi sento di consigliarla: si svaluterà presto, ma resta un'auto affidabile e davvero economica, che fa il suo lavoro senza problemi e non disdegna anche le trasferte autostradali. E' spaziosa, è discretamente comoda, e nella versione GPL si viaggia davvero con pochi euro: vale tutto il suo prezzo. Non è solo un'auto per neopatentati, insomma, e d'altronde se sta avendo tanto successo un motivo ci sarà. Globalmente dal mio punto di vista non eccelle in nessun ambito, ma allo stesso tempo non ha grossi difetti: è questo il suo punto di forza, un prezzo basso e molta concretezza.
Dacia Sandero 1.4 Ambiance GPL
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
0
0
0
3
2
VOTO MEDIO
1,6
1.6
5
Aggiungi un commento
Ritratto di Paolo-pg
26 marzo 2011 - 13:47
Ho letto la prova del veicolo e le sensazioni espresse sono simili a quelle da me provate comprando questa auto, con la differenza che io l'ho presa base. Altra differenza il concessionario che non ha mai fatto riferimenti al fatto che l'auto fosse economica, anzi quando ho detto che volevo la versione base, il venditore si è manifestato subito concorde con la mia volontà di avere l'auto nuda e cruda. Il concessionario è uno dei tre che ho girato e gli altri due, invece sentendo che volevo la versione base, subito l'hanno criticata cercando di invogliarmi a cambiare allestimento. Quindi la mia scelta del venditore è stata determinata dalla serietà che lo stesso ha dimostrato nel soddisfare le mie esigenze. L'auto è arrivata puntuale alla data stabilita, ogni mio capriccio successivo all'acquisto è stato tempestivamente risolto e il costo dei tagliandi appuratamente limato ad arte per un cliente che cerca minuziosamente il risparmio. La mia esperienza con la mia auto ed il concessionario è molto positiva, tanto che quest'ultimo appena gli arriva un nuovo modello dacia mi contatta per invitarmi a provarlo!!! Non solo vengo contattato dopo ogni intervento in officina per sapere se tutto è andato come volevo.
Ritratto di gig
3 settembre 2011 - 16:32
http://www.alvolante.it/opinioni/dacia_sandero_gpl
Ritratto di Paolo-pg
16 gennaio 2012 - 23:20
Ho letto la tua prova, ma se tuo nonno è soddisfatto, credo che non sia un gran dramma. Ognuno è libero di comprare il mezzo che più gli piace, contento lui, contenti tutti no?
Ritratto di gig
30 maggio 2012 - 19:47
Paolo carissimo, o mi son spiegato male io o tu non hai capito bene: il discorso è questo: lui ha acquistato un' auto il cui valore commerciale era di 5900 euro circa, pagandola 11000 euro. Inoltre, è un' auto non destinata al nostro mercato nè tantomeno con dotazioni europee. Quindi è stato truffato. Capisco che vedendolo anziano se ne sono approfittati, ma resta il fatto che ha regalato alla Dacia 6000 euro! Comunque io reputo la Sandero un' ottima vettura: robusta, affidabile, ben dotata (se presa al top di gamma con in aggiunta vetri posteriori elettrici, clima e cerchi in lega!) e poco costosa (il conto sarebbe di 9900 euro, che scenderebbero a circa 8000 con gli sconti: un affare!). Forse sarà la mia prossima auto, fra quattro anni, se non la toglierenno di prodizione. Cordiali saluti
Ritratto di pirelli
16 marzo 2012 - 15:14
voi la consigliate la dacia sandero? se è si ditemi il perchè se è no lo stesso grazieeeeeeee
listino
Le Dacia
  • Dacia Logan MCV Stepway
    Dacia Logan MCV Stepway
    da € 13.400 a € 14.400
  • Dacia Sandero Stepway
    Dacia Sandero Stepway
    da € 11.850 a € 13.000
  • Dacia Logan MCV
    Dacia Logan MCV
    da € 8.700 a € 13.100
  • Dacia Sandero
    Dacia Sandero
    da € 7.450 a € 11.050
  • Dacia Lodgy
    Dacia Lodgy
    da € 10.400 a € 13.500

LE DACIA PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE DACIA

  • Nel video la prova della Dacia Duster. Abbiamo scelto la versione 1.5 dCi con 109 CV (ne esiste anche una con 90 CV) dotata del cambio manuale e della trazione integrale 4x4.

  • Di primo acchito, la Dacia Duster non cambia molto con questa terza serie, ma in realtà le novità sono tante.

  • Con un video virale fatto circolare sui social, la Dacia celebra l’arrivo del 2017 e il (leggero) restyling della Sandero Stepway.