Fiat 127 0.9 Special

Pubblicato il 19 settembre 2012

Listino prezzi Fiat 127 non disponibile

Qualità prezzo
3
Dotazione
3
Posizione di guida
4
Cruscotto
3
Visibilità
5
Confort
3
Motore
5
Ripresa
5
Cambio
2
Frenata
4
Sterzo
3
Tenuta strada
4
Media:
3.6666666666667
Perchè l'ho comprata o provata
Anno 1979 marzo :ai tempi la 127 2°serie nella categoria medie-piccole era una buona vettura piuttosto spaziosa a 4.700.000 netti.Le altre ad un confronto risultavano o piu care o meno prestanti o meno spaziose ,piu' assetate o meno affidabili (o tutto insieme) ,in piu' l'italianita' ,...ai tempi ,era un valore aggiunto visto il basso costo delle riparazioni e ricambi.....per la ruggine e finiture di basso livello con rumori vari ed affidabilita' anche altre marche non erano superiori su tutto....anzi Le concorrenti erano soprattutto renault 4 e 5 (io presi in considerazione anche la Dyane di 600cc, la visa non c'era ancora NB) ford fiesta ,opel (forse la Kadet city 1000... non ricordo bene) .c'erano anche La Mini inglese piccola e "rigida"(la metro dopo)e la innocenti con identico motore e sospensioni non godevano di ottima fama, e forse qualche cosa della Wokswagewn/audi che comunque non presi neanche in cosiderazione ' viste le mie disavventure avute col precedente maggiolino VW .Ai tempi non avrei sicuramente acquistato VW visti anche i prezzi veramente esosi di ricambi ed assistenza e l'incompetenza dei meccanici generici/ufficiali su vetture tedesche , .Altre erano peugeot talbot/simca alfasud ma erano vetture di altro tipo (la simca 1000 motore posteriore o altre piu' grosse/costose ecc) e c'erano anche la 112 e la mini Innocenti nelle varie versioni ,pompate o meno, come alternativa autarchica nel settore 1000 cc. Visto l'uso la 127 per spazio, prestazioni ,consumo ed economia di esercizio/ricambi la 127 900 era la migliore a mio giudizio ...forse solo le Renault 4-5 potevano appena-appena competere su consumo , spazio,prezzo ,(ma non quello di riparazioni e ricambi)---- ma per prestazioni ed altro la 127 era quasi, "nonostante fosse gia'stata calmata", imbattibile.La R4 850 frenava ed andava di piu' della R4 gtl 1100 cc (solo 34 HP a 4000 giri...110/112 kmh a tavoletta e.... per non molti km - la 4gtl in salita era poco piu che "parcheggiata" mentre in discesa dopo 2 tornanti al max restava senza freni... ) e frenavano male e poco ,la gtl1100 anche meno,la R5 850/950 ( ondeggiante) andava meno del 127 2° serie e consumava anche poco meno a patto di andare piano o non accelerare quasi "mai" .in pratica in autostrada sui 110/120 non c'era una pari cilindrata che consumasse meno ,circa + 17/18 kml (io li facevo!!!),ed in citta' se si andava tranquilli e senza troppe code i 13 kml erano cosa del tutto normale...ai semafori se necessario bastava affondare il piede nella pancia del 127, tirando le marce , e davanti restavano solo i 112 o le mini 1000 innocenti (piu' piccole ,care,e assetate ) e le grosse cilindrate ----da 1300 cc in su--- solo se un po' sportive pero',altrimenti anche parecchi 1600 si contentavano al massimo di vedere i fanalini posteriori della 127 da vicino...e sempre che non ci fossero curve ravvicinate e salite . Lo spazio, viste anche le misere imbottiture dei sedili e rivestimenti delle auto anni 70 ,era abbondante se paragonato alle auto di oggi di dimensioni simili o anche piu grandi esternamente.Anche in 5 era forse piu spaziosa di tutte le medie di oggi.....credo si cOmprenda il motivo del successo avuto dalla 127 negli anni 70 e perche' e'stata una delle ultime auto italiane scopiazzate alla grande da altri costruttori. Per averla dopo aver dato un buon acconto si doveva aspettare anche 4/6 mesi (e beccarsi gli aumenti) se si chiedevano colori o accessori non comuni .A me ando' benino perche in meno di 2 mesi ,visto anche l'allestimento ed il colore standard, era disponibile in meno tempo, per cui : 127 L, blu adriatico con lunotto termico e nient'altro. Per chi non ci fosse mai salito sopra la 127 potrebbe essere lontanamente paragonata alla vecchia panda 45 per prestazioni e praticita' .La 127 rispetto alle prime panda 1980 (secondo me) era superiore per spazio ,interni .finitute , comfort stabilita' e velocita'... per accelerazione consumi era piu vicina al 112 ....poi anche lei e' stata calmata.... La 27 era anche molto gradita ai ladri di auto.
Gli interni
Gli interni erano spaziosi e luminosi con materiali tutto sommato accettabili anche se non proprio duraturi (sedili) con lamiere a vista internamente.Chi aveva piu $$$ poteva scegliere i rivestimenti in stoffa o i vetri posteriori a compasso e pochipochipochi altri picolissimi accessori sul tipo del tappo benzina a "chiave" o il tegilunotto con resistenza per lo sbrinamento (dopo poco tempo una striscia alla volta si interrompeva e serviva piu' a poco) ,le cinture di sicurezza(...non le prendeva "nessuno") o "L'AUTORADIO!" ,molto cara, mono o la "potentissima"stereo 7+7 WATTS ecc.Anche i fili dell'autoradio erano a pagamento. Io optando per la "L"(la piu' sgalfia e senza sedili reclinabili) mi trovai con interni in similpelle (di simile aveva proprio poco poco) nera con bagagliaio appena ricoperto al fondo...ma almeno c'era la ruota di scorta...:durata due giorni a causa dei soliti ignoti. Che devo dire ....: entrare ed uscire era piu facile che nelle vetture medie o piu' di oggi ,dietro c'erano i(ben 2) portacenere di serie e un discreto spazio per 3 amici alti e molta luminosita ,forse la panca era un po' infossata ...ma eravamo piu' giovani e la cosa non pesava come oggi. La versione due porte in pratica aveva i poggiatesta posteriori integrati ,non ancora inventati,in quanto lo schienale che pareva altissimo solo avederlo arrivava fino alla nuca a persone di statura non altissima. Il bagagliaio senza la ruota di scorta era capiente e piu' sfruttabile che nella vecchia 127 ,o altre auto concorrenti ,perche il bordo inferiore era piu basso delle altre marche o della vecchia, in piu' buttando giu' lo schienale ,tenuto in sede da gommini(a questo si agganciavano i seggiolini dei banbini e senza cinture...roba da pazzi!),si aveva a disposizione un mezzo autocarro ,sufficente anche per piccola una attivita' commerciale da mercato o per riempirlo con il necessario per farsi un mese di ferie in campeggio (......ora neanche una settimana...).nella vettura che ho oggi bisogna "smontare" e trovare un posto custodito alla panca posteriore per avere il piano di carico orizzontale......che nostalgiaaaaaaa! La rumorosita' a vettura nuova era discreta....quasi piacevole ma dopo pochi mesi e km aumentava fino a stabilizzarsi ad un livello accettabile,le varie fiesta renault opel erano meglio insonorizzate.Aumentava soprattutto il rumore meccanico del motore (giochi meccanici ,punterie,banco, ecc) e delle sospensioni, gli interni fissando meglio qualche plastica e mettendo spugna qua e la' non davano poi fastidio ...anche perche i pezzi che potevano fare rumore/scricchiolii/vibrazioni erano proprio pochi.... Il comfort andando tranquilli o in statale era accettabile ,comunque il motore faceva sempre sapere che c'era ,anche in autostrada fino a 110/120 kmh si viaggiava dignitosamente ,invece oltre i 130 ,specie per auto con piu'di 50/70.000 km sul groppone , le cose cambiavano perche' si cominciava a strillare come tartari incazzati per comunicare, dopo i 150 di contakilometro --qualunque tentativo di comunicazione era del tutto inutile-- e nessuna autoradio del tempo sarebbe servita a niente. Condizionatore assente ,ma riscaldamento/rinfrescamento/sbrinamento ai tempi ottimo e' piu' efficente che nelle varie renault/peugeot/ford/ecc (provato!!)con solo due levette , poche bocchette e velocita ventola. Interruttori, leve, maniglie ,strumenti : pochi ma tutti in buona posizione visibili e ben azionabili. Visibilita di guida :ottima...eccezzionale se confrontata con molte (tutte??) auto di oggiddi. Il sedile guida era piccolo ed un po' altino dal pavimento per i piu alti di 180 cm e non era assolutamente contenitivo/avvolgente.Io dovetti abbassare (...segare e saldare) il sedile di 3-4 cm perche toccavo con i capelli l'imperiale e sullo sconnesso ci battevo pure la capoccia ...ma bastava aspettare un paio di mesi perche' solitamente si sfondava un po abbassandosi di qualche centimetro. La vettura parcheggiata al sole era un pericolo perche' i sedili in similpelle arrivavano ad 80/90 gradi ustionando (vesciche) le cosce dei passeggeri.
Alla guida
La guida era cosa facile perche' il motore da 1000 giri a quasi 7000 era sfruttabile ,per cui da 20/30 kmh fino a 120 kmh si poteva anche usare solo la 3° marcia volendo . La prima serie 127 che aveva carburatore da 32 e rapporto al ponte piu' corto era anche cattiva ,far stridere le ruote in partenza era cosa comune (e anche in 2°....) ;anche le signore se non dosavano l'acceleratore facevano bei segni neri sull'asfalto.La seconda serie che avevo io era stata calmata soprattutto per diminuire il consumo ma non era cambiata molto visto che aveva una accelerazione ancora ottima ed una ripresa ancora eccellente visto che a 40 kmh "io" avevo normalmente (in caso di poche £ o momento tranquillo) la 4 gia' inserita (suppongo 1000 giri di motore ad occhio) ed accelerando il motorino non si lamentava salendo di giri tranquillamente .Con 5 asini all'interno pero'i 47 cavallini del motorino cominciavano ad essere affaticati per cui era necessario lavorare un po' piu di cambio per muoversi .Vista comunque la manegevolezza e leggerezza del mezzo anche in montagna tenendo allegro il motore , con i 5 asini ricordati sopra, la macchina andava piu' che bene freni compresi in discesa...dischi e pastiglie erano identici su 128 131 e pure 132!! di conseguenza la frenata era piu' che affidabile, ma mancando l'ABS era necessario dosare la forza per evitare blocchi delle ruote al limite o giu' di li'. Le prestazioni di ripresa ed accelerazione difficilmente deludevano anche chi arrivava da vetture piu grosse perche i 47 cavallini del 903 cc su solo 600 KG di auto in pratica somigliano molto ai 70/80 HP su una vettura di 1200/1300 kg di oggi La velocita' max indicata cambiava da 127 a 127 ma era intorno ai 150/160 poco piu' poco meno e dopo un lunghissimo rettilineo (meglio se un po' in discesa) .La mia segnava poco piu' 150 scarica mentre con almeno 4 persone sopra misteriosamente passava 160 dopo luuuungo rettilineo La tenuta di strada aveva un limite nel balestrone posteriore.guidando un po' troppo allegri(eccessivamente....)-ma non veloci- nelle curve il posteriore perdeva all'improvviso e ci andava un vero esperto per riprendere aderenza (non noi comuni mortali..) meglio lasciar perdere in quel caso e mollare il piede dall'acceleratore e mani dal volante ....se c'erano 10 metri disponibili l'aderenza ritornava miracolosamente da se'.Ad andatura veloce oltre 100-110 sterzando bruscamente il posteriore comiciava brutalmente ad andare da una parte di colpo e senza avviso alcuno .Per riprendere la retta via ,sempre che uno avesse sangue freddo,era indispensabile non mollare il piede o meglio accelerare altrimenti rallentando ,o peggio frenando, la vettura faceva un testa coda dopo l'altro o andava a zig zag per mezzo km nella migliore delle ipotesi ....ma erano condizioni non comuni o estreme ,generalmente si poteva contare su una ottima tenuta di strada e stabilita'in tutte le condizioni anche andando allegrotti .Sul lato stabilita' e tenuta e precisione dello sterzo "secondo me" avendo usato/provato anche 112, fiesta, R5 (R4 non era al livello) la 127 era comunque globalmente la migliore sotto questo aspetto...e' charo che quest'ultima e' una valutazione personale. Il cambio con leva ed escursione piuttosto lunga era poco meno che buono per via di qualche difficolta' nell'inserimento della retro e qualche impuntamento sporadico nei cambi .Anche qualche grattatina ogni tanto capitava .in caso non si facesse attenzione in compenso raramente si rompeva qualcosa nella trasmissione(cambio giunti) ,Al limite qualche le cuffie dei giunti trasudavano perdevano qualche goccia di olio dopo alcune decine di migliaia di KM. Il consumo se si faceva appena un minimo di attenzione era basso in tutte le condizioni,se invece si aveva il piede pesante "sempre" e si tiravano le marce "sempre" diventava si alto ma ancora accettabile in quanto qualche concorrente consumava la stessa benzina andando piano.riassumendo i 13 in citta' ,circa 14 misto ,e 17/18 in autostrada senza correre .Chiedendo un po di piu' i consumi salivano di 1-1,5 litri per 100 km ad occhio .Tirando come CANI in citta si facevano comunque i 10 .La serie precedente che ho guidato per lavoro era ' piu assetata nelle condizioni limite ,andando tranquilli cambiava poco. L'affidabilita era ottima visto anche la facilita' con cui si trovavno meccanici che sapevano metterla a punto...il motore derivava dalla topolino-600-850 fiat con 40 anni di riparazioni gia' eseguite per cui ci si levava di impaccio velocemente ed economicamewnte nel malaugurato caso che il motore marcasse visita ...ma anche con 1 cilindro solo ed un po di fil di ferro si riusciva a tornare a casa. La qualita'FIAT pero' non era costante e ogni tanto (fortuna!) qualche esemplare non veniva come doveva ,se era ruggine precoce ---meglio rinunciare-- e liberarsi della 127 se era colpa della meccanica invece con qualche 100.000 al max si tagliava la testa al toro sostituendo il motore e cambio con uno revisionato o incidentato :solo 2 ore o poco piu' di lavoro . Le uniche necessita' urgenti delle 127 erano controllo olio e puntine, candele e cavi accensione se la vettura non partiva immediatamente ,poi se uno era pignolo cambiava anche olio e filtro alla scadenza altrimenti rimandava l'operazione al doppio ,al triplo ,al quadruplo della percorrenza...tanto i rabbocchi rinnovavano il lubrificante, e si sostituiva il necessario quando si rompeva (cinghia alternatore/pompa sempre a bordo!) anche il filtro aria bastava soffiarlo o lavarlo quando la macchina fumava NERO e consumava troppo. Da quel che ho visto nei 127 e 112 si poteva contare almeno su 50/60.000 km tranquillissimi poi cominciava a cedere qualcosa ,sul tipo braccetti ammortizzatori, avvicinandosi a 100.000 km testa , frizione , marmitta e radiatori erano a rischio ma con 100/150mila in economia si risolvevano i primi due e con 15/20.000 £ le ultime.Per gli ammortizzatori , sostituiti a 90.000 km con altri 4 della sport di rotazione ,avevo speso ben .....36000£ da un amico! I freni anteriori ogni 20-30000 km necessitavano delle pastiglie mentre i dischi , freni/tamburi posteriori e pompa freni verso i 100.000 era meglio sostituirli o controllarli bene per evitare di trovarsi malamente .Pneumatici 135 r 13 sulle tele intorno ai 30/35000 km ...meno male che costavono pochino.La catena di distribuzione pur battendo qua' e la'(se di buona qualita'...non lo erano tutte...) arrivava anche a 200.000 e piu'....ma tanto la 127 a quel punto era "normalmente" un ammasso di ruggine e sarebbe stato un problema dello sfasciacarrozze. Ai rimappatori smandruppatori di oggi sembrera' impossibile ma ai tempi con poche 1000 lire si pasticciavano le 127 .se si riusciva a recuperare un collettore di scarico del 112 "abbat" usato ed un carburatore della vecchia serie (con tronchetto ,il doppio corpo del 112 era introvabile) piu' una scatola filtro maggiorata si sfioravano i quasiquasiquasi i 60 hp (un po' meno .......) meglio se la marmitta era gia vuotata per vecchiaia.... per l'assetto qualcuno si arrangiava solo spessorando le molle artigianalmente.I contagiri , strumenti, sedili ,ruote in lega ecc arrivavano da demolitori piu' che dai costosi kit tunnig odierni.
La comprerei o ricomprerei?
Ai tempi non mi pentii dell'acquisto ,qualche problema dopo 5-6 anni me lo diede, ma comunque per quasi 10 anni il suo lavoro lo ha sempre fatto onestamente .Anche se non fosse stata un ammasso di ruggine dopo oltre 9 anni sarebbe stata comunque consumata e ugualmente e da rottamare ed invendibile se non per qualche 100mila e casini per volture ecc NON e' detto che non la ricompro oggi !Sono in pensione e faccio ormai meno di 10000 all'anno ,ho 2 vetture a casa,non e che devo andare a 200 all'ora ,nelle macchine nuove ho scoperto che ho problemi ad entrare ed uscire(non solo io...) e non vedo una mazza in manovra ,oltre a starci stretto e spendere capitali in manutenzione tagliandi(fai da te limitato e problemi misteriosi irrisolti). .Per cui" se trovo una "127" perfetta di carrozzeria" vendo l'ultima auto acquistata e compro il 127 perche mi costerebbe meno di una media economica/base di oggi per assicurazione bollo (127 storica) e manutenzione ed --"udite udite"-- anche il consumo di benzina visto che arrivare a 12-13 sul misto o in autostrada con le auto medie di oggi (1200-1600 cc) e 40 anni di progresso sul motore e' spesso un miraggio ,mentre per l'ecologia un impianto GPL mi risolverebbe il problema.(per Abs cinture si potrebbe intervenire ,e resterebbe solo l'airbag ) Cosa notata anni fa' quando un ex collega acquisto' una vecchia fiat 600 : nessuno degno' una minima attenzione ad un altro collega arrivato al lavoro con un CLK perche' erano tutti con il naso attaccato ai vetri della "lurida" 600.....
Fiat 127 0.9 Special
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
3
3
1
0
1
VOTO MEDIO
3,9
3.875
8
Aggiungi un commento
Ritratto di fabri99
16 dicembre 2012 - 11:36
4
Complimenti, hai scritto una prova davvero completa ed esauriente... La 127 mi è sempre piaciuta(preferivo però la più piccola 126), valida davvero... Anora oggi si vede un po' modificata nei raduni tuning, è proprio vero che le vecchie auto sono le migliori: facili e poco costose da ripare e comprare... Volevo saperne di più sui sedili: qualche giorno fa siamo saliti sulla vecchia panda 4x4 di un amico e i sedili erano neri di finta pelle: non sembrava poi così male, solo un po' appiccicosa... Sai per caso se è la stessa?? Ciao ;)
Ritratto di Manfred
16 dicembre 2012 - 13:53
Idem come per la Fiesta, complimenti vivissimi anche per questa;) Ottima auto ai tempi, e, confermo ciò che dice, anche ora per spostamenti cittadini sarebbe ottima! Queste prove concrete e "passionali" nel bene e nel male sono le migliori, a mio modo di vedere! Voto massimo ovviamente! Saluti e a presto!
Ritratto di tonyadv
18 dicembre 2012 - 17:18
Ancora una bellissima prova. Bravo ziobono!!! Leggendola mi fa tornare alla mente tanti ricordi...quando ero un bambino di 8 anni mio padre ne aveva una rossa...aveva la 1050 CL del 1978...le prestazioni e il rombo di quest'auto hanno contribuito a scatenare in me la passione per i motori! :-)
Ritratto di GM-one
19 gennaio 2013 - 10:23
mio nonno ha la yugo:stessa auto pensare che ancora oggi girano copiose nei paesi dell'est appunto sotto il nome yugo,zastava o lada
Ritratto di maxline65
17 aprile 2016 - 17:51
Complimenti per la prova..personalmente ho avuto come prima macchina..di mio padre per la precisione...una 127 prima serie color verde pastello...sedili beige in finta pelle.. dove effettivamente ti ustionavi le gambe...non ricordo una partenza senza far sgommare le gomme... prima, seconda.. e credetemi.. anche di terza.. sempre al limite... con una amico facevamo dei piccoli rally in periferia.. sentire le ruote anteriori andare a vuoto per alcuni istanti era emozionanti.. a tal punto da rompere i bulloni di supporto del motore con il serio rischio di farlo cadere a terra...confermo tutto per i consumi.. e la tenuta.. tutto sommato buona.... e comunque comodissima anche con le ragazze.. lo spazio era tanto e i sedili.. si abbassavano.. la seconda fiat 127 l'ho avuta a 20 anni con impianto a gas..tutta mia..anche lo stile di guida è diventato quasi normale e le prestazioni erano inevitabilmente scese.. nel complesso è l'auto che amo di più.. il suo rumore.. guidata al limite è un ricordo ancora vivo.. a tal punto da avere nostalgia di qui tempi e anche se ora ho una comodissima ford mondeo.. che mi soddisfa totalmente ho nostalgia delle emozioni della mia 127 di un ragazzo appena patentato.
listino
Le Fiat
  • Fiat Fullback
    Fiat Fullback
    da € 31.782 a € 44.836
  • Fiat Tipo
    Fiat Tipo
    da € 15.800 a € 22.300
  • Fiat 500L
    Fiat 500L
    da € 19.050 a € 25.800
  • Fiat 124 Spider
    Fiat 124 Spider
    da € 28.040 a € 32.340
  • Fiat Tipo Station Wagon
    Fiat Tipo Station Wagon
    da € 18.300 a € 27.550

LE FIAT PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE FIAT

  • La Centoventi è una concept molto innovativa: vediamo quali sono le soluzioni pensate dai progettisti della Fiat per quella che potrebbe essere la sostituta della Panda.

  • Nel quarto episodio della serie di brevi documentari sul dietro le quinte dello sviluppo, la FCA ci porta nella galleria aerodinamica di Orbassano. Qui per saperne di più.

  • Nella terza puntata della miniserie FCA What’s Behind, dove il costruttore mostra il dietro le quinte dello sviluppo delle nuove auto, il centro prove di Balocco. Qui per saperne di più.