Land Rover Defender 90 2.2 TD4 Station Wagon SE

Pubblicato il 22 ottobre 2019
Qualità prezzo
3
Dotazione
3
Posizione di guida
3
Cruscotto
4
Visibilità
3
Confort
2
Motore
4
Ripresa
4
Cambio
2
Frenata
2
Sterzo
2
Tenuta strada
3
Media:
2.9166666666667
Perchè l'ho comprata o provata
Qualche mese fa abbiamo acquistato questa Land Rover Defender 90. L 'auto in questione non è più in produzione dal 2016. L' esemplare acquistato è stato immatricolato nell' estate del 2015, risultando quindi essere tra gli ultimi Defender prodotti. Aveva 36000 km al momento dell'acquisto, adesso ne ha 44000. Da tempo in famiglia avevamo in mente l'idea di acquistare un Defender, auto dall'indiscutibile fascino e icona assoluta del mondo fuoristrada.
Gli interni
Preferirei dapprima parlare degli esterni. Il Defender è un'auto unica, riconoscibilissima su strada, difficile scambiarla con altre macchine. Frutto di un progetto nato in Inghilterra nell'immediato dopoguerra, il fuoristrada Land Rover ( il nominativo Defender è stato in realtà utilizzato a partire dagli inizi degli anni 90 ) ha mantenuto inalterato, nella sostanza, il suo inconfondibile design per oltre settanta anni. Si sono avvicendate nel tempo svariate versioni e motorizzazioni ma l'auto è rimasta nella sostanza la medesima. Alta ( oltre due metri ), larga, imponente, sono forse gli aggettivi che la descrivono meglio. La spigolosità e la estrema regolarità e pulizia delle linee la rendono, a mio avviso, attuale ancora oggi. Si tratta di un design senza tempo. Passo a questo punto a descrivere brevemente gli interni. Parole d'ordine: spartanità, praticità e robustezza. Il restyling del 2007 si è concentrato in modo particolare sugli interni. Sono state apportate delle modifiche al fine di aggiungere un pizzico in più di confort e di sfruttabilità anche nell'uso quotidiano su asfalto. E' stato introdotto un cruscotto vero e proprio, il condizionatore e la radio. La strumentazione è analogica e facilmente consultabile. Al centro del tunnel trovano posto la lunga leva del cambio a 6 marce e la più corta leva del bloccaggio del differenziale e delle ridotte. La chiave di avviamento è posizionata a sinistra del volante. Dal 2007 in poi il Defender ha perso le tradizionali panche longitudinali per i passeggeri posteriori, in favore di due veri e propri sedili frontemarcia ripiegabili. L'omologazione è quattro posti. L'accessibilità ai posti posteriori è piuttosto difficoltosa in quanto occorre passare dal portellone posteriore. Nel complesso gli interni sono, a mio avviso, ben fatti. I sedili sono comodi per la tipologia di auto, tutte le plastiche sono molto robuste e fatte per durare. Non mancano i portaoggetti: quello montato tra i due sedili anteriori è veramente enorme.
Alla guida
Qui arriva il bello. Il Defender è un'auto che deve essere prima di tutto capita e amata per quello che ha rappresentato e che tuttora rappresenta. Su ASFALTO. E' questo il terreno dove la utilizzo maggiormente. Per noi è una seconda auto a tutti gli effetti, e la usiamo quotidianamente anche in città. La prima volta che ho provato a guidare il Defender sono rimasto dubbioso. La guida è molto diversa da quella delle auto "normali". Il Defender è nato per andare piano. La guida è piuttosto pesante, i comandi (volante, frizione, cambio) non sono esattamente "da signorina". In generale si può dire che il Defender abbia un guida tutta sua. Il motore è un 2.2 diesel turbocompresso di derivazione Ford: ha quattro cilindri, sviluppa 122 cavalli e una ragguardevole coppia di 380 NM. E' un motore adeguato alla macchina; tira fin dai bassi giri, e garantisce riprese molto fluide e elastiche. Il consumo di carburante è elevato, vista la notevole stazza e la aerodinamica praticamente inesistente. Ci si aggira intorno ai 9-10 km/l in media senza forzare il ritmo. Il Defender su strada non invoglia neppure ad alzare troppo il ritmo. Le reazioni sono lente, il volante è impreciso e molto demoltiplicato. Il cambio è anche esso lento, e se utilizzato in modo brusco, tende a grattare. Il quadro generale potrebbe sembrare più sconcertante di quanto effettivamente è. Perchè in realtà, una abituati ed entrati nella filosofia del mezzo, si scopre che il Defender è una macchina certamente utilizzabile tutti i giorni, anche nel traffico cittadino. Se la si ama, si arriva a perdonarle anche alcuni evidenti limiti. La posizione di guida molto attaccata allo sportello e la pedaliera fortemente disassata sono caratteristiche alle quali ci si abitua. In FUORISTRADA: l'auto verrà utilizzata poco in fuoristrada. A volte comunque mi è capitato di fare dei brevi tragitti fuori dall'asfalto. Sarà scontato dire che trovare limiti a un mezzo del genere sia arduo. l'altezza da terra, le marce ridotte, il blocco del differenziale centrale e la notevole altezza da terra sono tutte caratteristiche che fanno del Defender la regina del fuoristrada. Gli angoli di attacco e di uscita sono da primato, cosi come l'escursione delle sospensioni, assicurata anche dalla presenza del telaio a longheroni.
La comprerei o ricomprerei?
La ricomprerei certamente. Abbiamo in mente di tenere a lungo questa macchina. Sono sicuro che essa manterrà comunque un ottimo valore nel tempo. Il defender è un'auto unica, senza rivali dirette, possederne una significa portare in giro un pezzo di storia dell'automobile. Guidarla è per me una soddisfazione. Hai come la percezione di poter andare ovunque, di non avere limiti, di poter arrivare dove altri neppure si sognerebbero. Ripeto, possedere un Defender significa capire che auto è, quello per cui è stata progettata. Solo in questo modo si riesce ad apprezzarne il valore.
Land Rover Defender 90 2.2 TD4 Station Wagon SE
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
5
0
0
0
0
VOTO MEDIO
5,0
5
5
Aggiungi un commento
Ritratto di tody
1 novembre 2019 - 14:34
2
Uno dei pilastri della storia dei fuoristrada! Ottima prova, dettagliata e obiettiva.
Ritratto di Brunipandista
3 novembre 2019 - 17:51
Grazie mille!
Ritratto di verdebiancorosso
4 novembre 2019 - 20:04
mah, se compri un Defender per usarlo su strada ed in città...qualcosa non torna
Ritratto di cubelove
12 novembre 2019 - 13:22
1
mi piace un sacco questo fuoristrada, Land Rover Defender e Jeep Rubicon sono le migliori in circolazione!
Ritratto di Battista1960
13 novembre 2019 - 17:32
Insieme alla Willys il mezzo da fuori strda per antonomasia. Inutile tesserne ulteriormente le doti .E' e restera' un mito . Battista1960
listino
Le Land Rover
  • Land Rover Discovery
    Land Rover Discovery
    da € 58.900 a € 89.094
  • Land Rover Range Rover Sport
    Land Rover Range Rover Sport
    da € 69.100 a € 137.400
  • Land Rover Range Rover
    Land Rover Range Rover
    da € 106.700 a € 299.700
  • Land Rover Range Rover Velar
    Land Rover Range Rover Velar
    da € 59.500 a € 114.260
  • Land Rover Discovery Sport
    Land Rover Discovery Sport
    da € 39.000 a € 67.983

LE LAND ROVER PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE LAND ROVER

  • La Discovery Sport è cambiata molto nella sostanza e poco nell’aspetto. Le 4x4 sono ibride “leggere” e hanno doti di fuori strada non comuni. Il 2.0 a benzina da 249 CV fa poco rumore; e l’assetto privilegia soprattutto la comodità. Qui per saperne di più.

  • Con il presidente di Jaguar Land Rover Italia parliano della novità più importante presentata al Salone di Francoforte, la Defender, completamente rinnovata rispetto alla precedente.

  • La nuova generazione della Defender è un'auto molto diversa dalle precedenti, ma non perde la sua vocazione da off-road: ha la scocca portante e tanta tecnologia al servizio della sicurezza e della guida in fuoristrada.