Land Rover

Land Rover
Range Rover Evoque

da 41.155

Lungh./Largh./Alt.(cm)

437/190/165

Posti

5

Bagagliaio (litri)

472/1156

Garanzia (anni/km)

3/100.000

In sintesi

Anche se le linee sono molto vicine a quelle del modello pensionato nel 2018, questa seconda generazione della Range Rover Evoque è del tutto diversa: della vecchia sono state riprese solo le cerniere delle porte e parte della meccanica. Molto elegante e curata, ha le maniglie di apertura delle quattro porte a filo della carrozzeria: fuoriescono solo quando servono. Invariata la lunghezza “a prova di città” (437 cm), mentre si sono guadagnati un paio di centimetri per le gambe di chi sta dietro (anche chi è alto 190 cm sul divano non sta scomodo) e qualche litro per il bagagliaio (di forma regolare ma non proprio generoso). Un bel passo avanti è stato fatto per le finiture: convincono montaggi e materiali, che possono essere anche eco-compatibili. Al posto della pelle, la Land Rover offre dei pregiati rivestimenti in tessuto fatto con fibre ricavate dall’eucalipto oppure simili al velluto e realizzati con lana e bottigliette in plastica riciclate (ne vengono utilizzate 53 per ogni auto). Tecnologici i due schermi sovrapposti di 10’’ nella consolle: sono ricchi di funzioni, ma si segnalano leggeri ritardi nella loro risposta al tocco. Insomma, l'abitacolo è accogliente, e in più il comfort dinamico (insonorizzazione e capacità di filtrare lo sconnesso) è molto buono. I motori sono dei quattro cilindri a benzina e gasolio, con potenze fino a 300 CV. La diesel da 163 CV è l'unica che si può avere col cambio manuale e le ruote motrici solo anteriori; tutte le altre Range Rover Evoque dispongono di un’efficiente trazione integrale e della trasmissione automatica, nonché di motori ibridi (si tratta di sistemi mild, oppure, nel caso delle P300e, plug-in).

Versione consigliata

Visto il peso rilevante dell’Evoque (le P300e superano i 2000 kg a vuoto, e nessuna scende sotto i 1700), le versioni ibride mild a benzina consumano parecchio. Meglio pensare alle diesel: una D165 2WD se non si lascia mai l'asfalto, una D200 per avere più brio e non trovarsi in imbarazzo anche sui terreni "impegnativi". Da considerare, poi, per chi può ricaricare la batteria senza troppe difficoltà, le P300e. La dotazione, non molto generosa in rapporto al prezzo, può essere integrata attingendo al lungo elenco di optional, che può soddisfare anche i più esigenti. Fra i molti gadget tecnologici, citiamo il ClearSight Rear-View Mirror (lo specchietto interno che integra un monitor e mostra quanto ripreso da una telecamera sul retro dell’antenna del tetto) e il ClearSight Ground View (la telecamera nel frontale e le due sotto gli specchi esterni registrano che cosa avviene davanti, combinano le immagini e mostrano il terreno sotto e immediatamente davanti alle ruote, grazie alla grafica in 3D): una funzione utile tanto in fuoristrada, per sapere su che cosa si sta passando, quanto in città, per evitare di graffiare i cerchi contro i marciapiedi.

Perché sì

Comfort Insonorizzazione e molleggio sono di alto livello, persino con i cerchi opzionali di 20’’.
Fuori strada Come ogni Land Rover, può affrontare ben più di una strada impolverata: si arrampica e guada come pochissime altre suv.
Interni Materiali e montaggi sono davvero curati; il doppio schermo centrale è moderno e non disorienta. Tanto originali quanto belli i rivestimenti eco-compatibili.

Perché no

Bagagliaio Specialmente a divano abbassato, lo spazio non abbonda. Se si sceglie il ruotino, si perde il già piccolo doppiofondo.
Dotazione Si può avere praticamente tutto quel che si desidera, ma pagando: di serie non c'è molto.
Reattività degli schermi L’infotainment è ricco di funzioni e meriterebbe una risposta più immediata ai comandi impartiti sugli schermi touch.

SALIAMO A BORDO

Land Rover Range Rover Evoque
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
87
38
31
34
44
VOTO MEDIO
3,4
3.384615
234

Photogallery