3.0 TD6 Vogue Foundry

Pubblicato il 3 ottobre 2013
Qualità prezzo
5
Dotazione
5
Posizione di guida
4
Cruscotto
5
Visibilità
5
Confort
5
Motore
4
Ripresa
4
Cambio
3
Frenata
3
Sterzo
4
Tenuta strada
4
Media:
4.25
Perché l'ho comprata o provata
L’auto è un autentico sogno, nonostante i 10 anni di età ha una linea accattivante, interni molto attuali e curati, ed una serie di caratteristiche che vi racconterò fra poco, che la rendono assolutamente unica. Ad un prezzo ad oggi molto contenuto, si acquista tanto tanto valore. Ma faccio subito una sintesi dei pregi e dei difetti. Pregi: Spaziosa e Confortevole Finiture di pregio Dotazione ricca Ottima in fuoristrada Difetti: Pedale freno spugnoso Cambio automatico che scala troppo Consumo elevato Sottosterzo nelle curve strette
Gli interni
Da fuori: la linea ricalca in chiave moderna (anche se da 1 anno e’ uscito il modello nuovo) i fasti della Range Rover “classic”. Maestosa, imponente, bella da ogni angolatura. A bordo: si entra in un salotto di lusso, con sedili e pannelli porte in pelle, rifiniture in ciliegio, plastiche di ottima qualità. Per entrare, se si tiene schiacciato il bottone di apertura del telecomando, si aprono tutti e 4 i finestrini e, se si continua con la pressione, anche il tetto apribile. Il contrario avviene nella procedura di chiusura. Molto comodo. Appena girata la chiave il volante viene elettricamente verso di noi ed assume la posizione impostata. Quando si toglie la chiave arretra in modo da agevolare la discesa e la salita. Gli accessori sono davvero tanti, e la dotazione rimane ancora invidiabile per tante ammiraglie attuali. Clima tri-zona, navigatore-tv-telefono, specchio interno elettrocromico, sensori pioggia, parcheggio sol per citarne alcuni. Ah, tutti e 4 gli alzacristalli hanno apertura e chiusura automatiche (non solo quello guida!).
Alla guida
Guida in città: la Range è ovviamente impacciata date le dimensioni, anche se l’ottima visibilità in tutte le direzioni ed il cambio automatico morbido aiutano parecchio. Eccessivo il sottosterzo nelle rotatorie. Tuttavia trovare parcheggio in città a quest’auto è veramente un’impresa, nonostante i fondamentali sensori sia davanti che dietro. Anche nei posti a lisca di pesce la larghezza influisce negativamente ed è difficile trovare uno spazio adatto. Utile la funzione di abbassare l’auto grazie alle sospensioni regolabili, per facilitare la salita e discesa. Comodi gli specchietti ripiegabili elettricamente. Consumo proibitivo. (intorno ai 6 km/l). Guida extraurbana: comportamento stabile e sincero, anche se la reazione delle ruote al comando dello sterzo è lenta. Eccessivo il sottosterzo nelle curve strette, mentre in quelle a medio ed ampio raggio non c’è nessun problema. Il cambio automatico sfrutta molto il variatore, quindi parte della coppia si perde nelle varie “sfrizionate” che il cambio fa, a vantaggio della morbidezza. Si può selezionare tuttavia la modalità “sport”, che rende l’attacco un po’ più diretto (se sfruttato al max tira le marce fino a 5.000 giri (anziché 4.200), oppure la modalità sequenziale. Sufficientemente brillante e fluido il motore. Consumi intorno ai 10 km/l. Guida autostrada: molto comoda e silenziosa, nonostante si senta il bisogno di una sesta marcia. A 130 km/h infatti il motore lavora a 2.800 giri, un regime accettabile ma che potrebbe essere ben inferiore vista la generosa coppia ai bassi regimi del 3.000 common rail BMW. Cruise control di serie, che consente di viaggiare in relax, contenendo i consumi, ed evitare autovelox e tutor. Le sospensioni regolabili, si impostano automaticamente su “autostrada”, abbassando di un paio di cm la vettura che diviene molto più stabile e diretta sui curvoni. Schiacciando un pulsante è possibile bloccare l’auto su questa configurazione, che la rendo molto più gradevole anche sull’extraurbano. Fino a 180 km/h il motore spinge con vigore. Dopo, la stazza dell’auto (quasi 3 tonnellate) e l’aerodinamica non favorevole, rendono l’ulteriore progressione molto più lenta. Il consumo a velocità di codice si attesta intorno ai 9 km/l. Negativo il feeling con i freni. In caso di frenata improvvisa e violenta ad alta velocità (ad esempio coda dietro la curva) l’impressione è da cardiopalma. Poi invece la decelerazione è buona. L’impianto comunque risulta sottodimensionato per la massa della vettura. Guida fuoristrada: le sospensioni possono essere regolate su “offroad” posizione nella quale l’auto si alza di 5 cm dalla posizione standard. Sono inoltre disponibili le marce ridotte ed il comodissimo HDC, ossia high discent control, che permette di affrontare discese ripide con fondo scivoloso (anche neve) facendo gestire tutto all’elettronica. Praticamente viene mantenuta una velocità di 7 km/h, ed il conducente non deve far altro che gestire lo sterzo. Sui percorsi accidentati, fangosi o nevosi, si arrampica dappertutto dando al pilota una sensazione di enorme sicurezza. Tanto che a volte si è tentati a spingersi “oltre”. Perfetta la sintonia con l’ottima coppia ai bassi del motore, che tira veramente come un mulo (ho tolto dai guai un trattore impantanato trainandolo…). Fondamentale la possibilità di disinserire completamente i controlli di stabilità e trazione con un solo tasto, facilmente raggiungibile anche in una eventuale fase di emergenza. Eccezionale.
La comprerei o ricomprerei?
L'auto è stata quasi un'eredità. La ricomprerei subito!!!! Tanto più che ho comprato anche una vecchia Range Classic, l'ho elaborata tutta per fuoristrada estremo... Fantastica.
Land Rover Range Rover 3.6 TDV8 Vogue DPF
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
4
1
1
0
0
VOTO MEDIO
4,5
4.5
6
Aggiungi un commento
Ritratto di gattus
14 ottobre 2013 - 13:46
Bella prova e ottima auto, complimenti! non sono un patito del genere (e meno che mai di suv) ma tra tutte le varie X5-X6. ML, Cayenne considero la Range una spanna sopra. L'unica vera ammiraglia con doti uniche di fuoristrada! insomma, un classico, un autentico evergreen... Che senso ha costruire macchinoni che non possono eguagliare le emozioni di una sportiva e su uno sterrato appena più difficile della stradina per l'agriturismo sono lasciate indietro da una Panda 4x4?! secondo me nessuno, per questo la Range si discosta da questi orribili esempi di machismo automobilistico ( Bmw X6 su tutte) per rappresentare un'autentico passepartout per ogni terreno col massimo del confort!
listino
Le Land Rover
  • Land Rover Discovery
    Land Rover Discovery
    da € 52.700 a € 85.900
  • Land Rover Range Rover
    Land Rover Range Rover
    da € 106.700 a € 299.700
  • Land Rover Discovery Sport
    Land Rover Discovery Sport
    da € 37.300 a € 59.860
  • Land Rover Range Rover Sport
    Land Rover Range Rover Sport
    da € 68.100 a € 136.400
  • Land Rover Range Rover Evoque Convertibile
    Land Rover Range Rover Evoque Convertibile
    da € 51.300 a € 69.800

LE LAND ROVER PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE LAND ROVER