Peugeot 208 1.6 8V e-HDi 115 CV Allure Stop&Start 5p

Pubblicato il 23 settembre 2016
Ritratto di Niko46
alVolante di una
Peugeot 208 1.6 8V e-HDi 115 CV Allure Stop&Start
Peugeot 208
Qualità prezzo
5
Dotazione
5
Posizione di guida
4
Cruscotto
4
Visibilità
3
Confort
5
Motore
4
Ripresa
4
Cambio
3
Frenata
3
Sterzo
5
Tenuta strada
4
Media:
4.0833333333333
Perché l'ho comprata o provata
Acquistata più per "coincidenza" che per vera e propria volontà; Mentre giravo per concessionarie e per siti alla ricerca di un'auto per mia madre, sono incappato nel sito delle auto in pronta consegna della Peugeot (le occasioni del Leone), dove ho trovato questa 208 quasi full optional col 1.6 diesel più potente. Forte della sicurezza che un'auto con quella dotazione molto difficilmente viene venduta, sono andato, più per curiosità che per interesse vero, ad informarmi sulla stessa. Il concessionario mi ha offerto oltre otto mila euro di sconto supervalutando la mia "pessima" Grande Punto (in totale disfacimento, grazie alla "sopraffina" qualità dei materiali e dei montaggi Fiat...), assieme ad altri sconti ed al fatto che evidentemente volevano togliersi dalla concessionaria l'auto, l'ho portata a casa con quasi 10.000 euro di sconto dal prezzo di listino. Avere un'auto di quel tipo (di listino 21.900€ circa), al prezzo di una Panda (circa 12.000€) era un'offerta impossibile da rifiutare.
Gli interni
Gli interni si presentano molto bene, la qualità percepita è veramente elevata, non sembra di stare su un'utilitaria. Questa versione, inoltre, ha i sedili parzialmente rivestiti in similpelle nera, molto bella e morbida. Ciò che invece dei sedili anteriori continuo a non apprezzare è la regolazione dello schienale a scatti, troppo imprecisa e scomoda: ti costringe a giocare con tutte le regolazioni disponibili per trovare la posizione giusta. Questa mancanza in parte vanifica la bontà dell'idea progettuale del cruscotto. Nonostante non sia molto apprezzato, personalmente trovo estremamente comodo il volante piccolo e la disposizione del cruscotto: sono altro 184 cm e ciononostante ho trovato un'ottima posizione di guida, il cruscotto è sempre visibile (ammesso che si tenga una corretta posizione delle mani sul volante) ed il piccolo volante non mi sfiora nemmeno le ginocchia, con l'unica eccezione degli scarponi da montagna, in tal caso, in effetti, qualche difficoltà nel salire l'ho, ma una volta "in posizione" vale il discorso precedente: nessun problema. Ovviamente bisogna ripensare la propria posizione di guida, inutile pretendere di mantenere le “indicazioni” delle altre auto, in questa le cose sono diverse e bisogna adeguarsi, altrimenti tanto vale cercare un'altra auto. Trovata la posizione, ci si trova subito a proprio agio, i comandi sono disposti con criterio e si raggiunge quasi tutto senza mai doversi allungare o distrarre, solo il comando che regola l'altezza degli anabbaglianti è posizionato in maniera posticcia e distante dal guidatore, inoltre – fatto strano – non è illuminato, così di notte (quando serve) è quasi introvabile a meno di non conoscerne già la posizione o di accendere le luci dell'abitacolo. Pure i passeggeri posteriori riescono a stare comodi, lo spazio per le gambe c'è, grazie anche ad un attento studio degli ingombri dello schienale dei sedili anteriori. Nel caso di quattro persone abbastanza alte i problemi rimangono, come del resto in molte auto di questa categoria o di quella superiore. In tre sul divano si può stare anche per viaggi medio-lunghi, tre persone di corporatura media si toccheranno con le spalle, ma non si ritroveranno in una situazione di particolare disagio. Per quanto concerne le “comodità” va detto che il clima non è un vero bi-zona, si può solo regolare la temperatura in maniera separata, ma flussi, e potenza sono unici, il che rende un po' inutile la regolazione precedente. Il clima comunque è ben dimensionato per l'auto e l'automatico riesce a gestire mediamente bene i flussi, con l'eccezione dei piedi: in “soft” tende a concentrare tutto il flusso sui piedi e questo alla lunga invece di creare benessere infastidisce perché va a ghiacciare le articolazioni, peccato. Passando invece al “sistema multimediale” dopo un primo momento di interesse ci si domanda, a tutti gli effetti, quale sia veramente il suo scopo. È sinceramente inutile, il navigatore (che costerebbe la bellezza di oltre 500€) svolge maldestramente il suo compito, non sempre è chiaro nelle indicazioni, non è esente da sbagli e, soprattutto, ha un concetto della navigazione estremamente originale: se gli chiedi un itinerario breve ti ritrovi a percorrere mulattiere ed improbabili stradine vicinali, il tutto per risparmiare qualche centinaio di metri, al contrario, se ne chiedi uno veloce, ti indirizza sulle autostrade, anche quando non vi è il bisogno, alla fine, se invece vuoi il compromesso, riunisce gli aspetti peggiori di entrambi e finisce che torni alle vecchie cartine. A sua discolpa però va detto che nel 97% dei casi ti porta a destinazione, posto che non si prenda per oro colato ciò che dice il sistema. Navigatore a parte, le uniche altre due funzioni disponibili non avrebbero richiesto un sistema simile, la radio (che non è DAB e nemmeno da la possibilità di un aggiornamento) ha una ricezione al limite del mediocre, il lettore cd, separato e sistemato nel vano portaoggetti (così da vanificarne l'ottima ampiezza) teoricamente supporta il cd text, in pratica fa ciò che ritiene opportuno sul momento, in compenso ha una buona qualità e non salta praticamente mai, nonostante le sconnessioni della strada, infine, il lettore MP3 ha una grafica carina ma molto scarna, ci sono radio decisamente migliori che hanno fatto meno clamore alla loro presentazione al pubblico. Infine vi è il computer di bordo, praticamente inutile visto che è una mera rappresentazione a tinte blu di quello che si trova nel cruscotto, inoltre è molto povero nelle informazioni: consumo istantaneo, minuti in “eco” (la funzione di star&stop), autonomia residua e consumo medio. Insomma, lo SMEG, per quanto mi concerne è totalmente inutile. Non fornisce alcun vero supporto al guidatore, le sue funzioni sono ridotte all'osso e per avere poco altro (una schermata con delle app) si deve comprare una pennina usb che va ad occupare l'unica entrata usb presente nell'auto, ed ovviamente necessita di un abbonamento internet. Già alla sua uscita c'era di meglio e non si sono preoccupati di migliorare la situazione. Passando invece agli aiuti alla guida, considerando che è un'auto del 2012 (benché io l'abbia acquistata a febbraio 2014), da optional ci sono cruise control e limitatore di velocità, tergi automatico e accensione fari automatica, specchio interno elettrocromico. Non molto a dire il vero, ma devo ammettere che tutti questi sistemi funzionano a meraviglia, giusto il tergi alterna pigrizia nell'attivazione ad euforia nel funzionamento. Ogni tanto si avverte qualche scricchiolio dovuto, probabilmente, a carenze progettuali poiché i montaggi sono ottimi e difficilmente saranno gli interni a scricchiolare ma bensì le portiere o i sedili (tutto risolvibile con regolazioni minime).
Alla guida
Nella guida si riconosce subito il carattere tipico delle piccole Peugeot: un avantreno saldo e deciso (ma non troppo) ed un retrotreno docile ma assai ballerino, una volta capito come si comporta risulta anche divertente perché aiuta a chiudere meglio le curve. Il piccolo volante rende invece una gioia percorrere strade molto tortuose, anche senza eccedere nella foga, benché un po' artificiale nel trasmettere al guidatore ciò che passa sotto alle ruote, è molto svelto e preciso nei cambi di direzione, il tutto viene assecondato da un ottimo telaio che non da mai la sensazione di essere al limite o di non avere il pieno controllo dell'auto. Nota di merito va anche al controllo della stabilità, per alcuni potrà risultare invasivo, ma la solerzia con cui richiama all'ordine l'auto da un senso di sicurezza molto rincuorante, alle volte è un po' brusco nel riallineare l'auto però e non concede troppo al divertimento, ma d'altronde questi sono sistemi progettati per garantire la sicurezza di chi guida, non per farli divertire in situazioni di probabile pericolo, quindi va bene così. Stesso discorso per il controllo di trazione, non cerca di strozzare il motore, ma di ottimizzare al meglio la potenza scaricata a terra, raramente si sente strattonare per un'accelerata troppo irruenta. Purtroppo, su questo modello, manca il sistema anti arretramento: non la reputo una grave mancanza perché comunque il freno di stazionamento è sempre “a mano” ma reputo strano che non ci sia, un'auto che si può spegnere in folle e che ci muove sotto ai 20km/h a motore spento dovrebbe avere un sistema del genere. Il cambio, punto dolente delle Peugeot, rimane anche qua un problema irrisolto: benché il 6 marce sia molto migliore del 5, rimane un cambio duro, contrastato e non sempre cristallino nelle cambiate, di conseguenza le scalate rapide non sempre riescono e anche usando il cambio con dolcezza ci vuole una certa forza per inserire le marce. Ciò detto, è ben spaziato e le marce lunghe (molto lunghe) consentono di avere delle medie di tutto rispetto: difficilmente in autostrada si scende sotto i 15 km/l e sulle extraurbane, con un po' di attenzione, si sta sempre sopra i 20. A fronte di un cambio così “lungo”, il motore ne risente meno di quanto si pensi, in virtù della sua struttura, è un 1.6, ad 8 valvole, già questo è indicativo del fatto che non sia un motore particolarmente sportivo, però ha una coppia robusta anche in basso ed è estremamente elastico, questo consente di non risentire troppo del cambio, ma al contempo fa capire che non si possono avere riprese “furiose” con questa accoppiata. Questo non significa assolutamente che sia un'auto pigra, al contrario, il motore è comunque brioso e la coppia garantisce una bella spinta anche a velocità autostradali. Certo, per le motivazioni precedentemente dette non da l'impressione di avere 115cv, però se si spinge a fondo sull'acceleratore si capisce che invece di forza ne ha più che a sufficienza anche per divertirsi e nel complesso, giocando col cambio, riesce anche ad essere decisamente veloce, fermo restando che si parla di un'auto a gasolio, non di un turbo benzina. A livello di assetto si sente la classica morbidezza francese ben lontana però dal “mollacciume” di altre auto simili, in curva c'è un po' di rollio, ma niente di fastidioso o inficiante della guida sportiva, solo le ruote da 17” con la spalla ribassata vanificano in parte il comfort che regala quest'auto, ma è un piccolo sacrificio per avere un'auto più svelta nei cambi di direzione ed esteticamente più attraente. I freni sono un po' la spada di Damocle di quest'auto: nell'immediato sono molto potenti e garantiscono degli ottimi spazi di frenata, anche l'abs è tarato abbastanza bene e riesce a frenare l'auto al meglio delle sue possibilità (benché, sul bagnato, dia la fastidiosa sensazione di non frenare, quando invece è l'esatto contrario), ma non hanno una gran resistenza alla fatica, già dopo la terza frenata “robusta” perdono di mordente e se si insiste si va sempre peggio, probabilmente la qualità di pasticche e dischi non è delle migliori e cambiandoli si potrebbe guadagnare qualcosa. Nel complesso però, l'auto è veramente divertente da guidare quando si vuole andare spediti o ci si vuole divertire su qualche strada di montagna (ma attenti ai freni), gli ottimi sedili anteriori con i fianchetti pronunciati trattengono veramente il corpo in curva rendendo meno faticosa la guida e risulta un'ottima passista se si vogliono intraprendere dei lunghi viaggi autostradali, l'abitacolo confortevole ed accogliente non stanca ne chi guida ne i passeggeri; in città, al netto della scomodità sulle sconnessioni secche, risulta piacevole e lo start&stop è eccezionale, consente di arrivare per inerzia al semaforo a motore spento ed è fulmineo nel riavviare il motore. Chi, nella stampa di settore, diceva che questo era il miglior sistema in circolazione, aveva ragione; se non è il migliore è comunque tra i migliori mai prodotti. Al capitolo consumi solo buone notizie, in media non si scende mai sotto i 18.5; in autostrada, a 110 km/h, si sta oltre i 20 ed a velocità di codice è difficile stare sotto i 16; il meglio lo da nelle extraurbane, qua i 23/24 km/l non sono quasi mai un sogno, a tutto vantaggio dell'autonomia. Nel complesso quindi è un'ottima auto, dalla linea stravagante forse, ma che riesce a mettere insieme tanta sostanza, qualità e “fronzoli” senza portare il prezzo a vette “tedesche”.
La comprerei o ricomprerei?
Probabilmente si, solo ora stanno tornando le altre case a produrre motori di questo tipo su queste auto (ossia diesel di media cilindrata con più di 100cv e cambio a 6 marce), ma la qualità costruttiva e dei materiale rimane comunque migliore sulla Peugeot, oltre ad essere più originale. Ciò che mi delude invece è l'aggiornamento, ad oggi l'auto è fondamentalmente vecchia, non ha fari a led (strano visto che sono stati tra i primi ad offrirli di serie), il sistema multimediale è rimasto scarso e tanti aiuti elettronici latitano (nuovamente strano, visto che la Citroen è sempre stata una sorta di portabandiera degli angeli elettronici). Ciononostante, per il momento, penso che sia ancora quella a vantare il miglior rapporto qualità/prezzo/prestazioni, quindi si, la ricomprerei.
Peugeot 208 1.6 8V e-HDi 115 CV Allure Stop&Start 5p
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
3
1
0
1
0
VOTO MEDIO
4,2
4.2
5
Aggiungi un commento
Ritratto di ct46
17 ottobre 2016 - 03:11
Buona prova,bella ed ottima auto..tutto ok,ma non riesco propio a capire come ti sei portato a casa una 208 ehdi 115 cv allure (unico allestimento disponibile prerestyling con quella potenza)nuova, a meno di 12 mila euro.o la macchina aveva qualche problema ed era ferma al conce da mesi o mi sembra impossibile.lo dico per esperienza personale.mio padre ha il tuo identico modello e meno di 17 mila euro non siano riusciti a strappare all'epoca(per giunta con rottamazione).perdonami i miei dubbi,ma e' un prezzo completamente fuori mercato,per questo allestimento e motorizzazione.
Ritratto di C200
17 ottobre 2016 - 15:25
Ha detto di aver dato dentro la grande punto;) magari era recente quindi è normale 10.000 euro di sconto più valutazione dell'usato. Comunque ottima auto la 208
Ritratto di Rav
17 ottobre 2016 - 23:38
2
Ottima prova e ottima auto. Ero curioso di leggere impressioni sulla 115cv. Sono felice di vedere che tutto sommato la macchina si comporta come la mia da 92cv, solo avrà quel po' di potenza in più per divertirsi maggiormente e la sesta marcia che nella mia manca, e in autostrada si sente! Comunque il sistema di anti arretramento dovrebbe averlo, o almeno sulla mia avevano detto che c'è un aiuto elettronico che, una volta abbassata la leva del freno a mano, trattiene l'auto per qualche secondo prima che inizi ad indietreggiare. Però è pur vero che sono andato in montagna una volta sola e ho accuratamente evitato di parcheggiarla in salita, quindi non ne ho avuto la prova.
listino
Le Peugeot
  • Peugeot 2008
    Peugeot 2008
    da € 18.180 a € 28.080
  • Peugeot 3008
    Peugeot 3008
    da € 26.980 a € 39.730
  • Peugeot 208
    Peugeot 208
    da € 14.930 a € 21.580
  • Peugeot Rifter
    Peugeot Rifter
    da € 21.550 a € 29.700
  • Peugeot 308 SW
    Peugeot 308 SW
    da € 22.150 a € 275.600

LE PEUGEOT PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE PEUGEOT

  • Questa speciale Peugeot 308 GTi ha il motore 1.6 potenziato di 30 CV (per un totale di 302 CV), freni maggiorati e pesa solo 1.155 kg. Qui per saperne di più.

  • La notevole e-Legend Concept proietta nel futuro la casa del Leone ispirandosi apertamente alla Peugeot 504 Coupé degli anni 70.

  • L’auto in verità si era già vista, ma non in versione ibrida plug-in, che la Peugeot ha presentato qui a Parigi. Andiamo a scoprirla.