Toyota Auris Touring Sports 1.8 VVT-i Hybrid Active Plus

Pubblicato il 9 settembre 2015

Listino prezzi Toyota Auris Touring Sports non disponibile

Ritratto di Flavio Pancione
alVolante di una
BMW Serie 1 125d Msport Steptronic 5 porte
Toyota Auris Touring Sports
Qualità prezzo
4
Dotazione
3
Posizione di guida
4
Cruscotto
3
Visibilità
3
Confort
5
Motore
3
Ripresa
3
Cambio
2
Frenata
3
Sterzo
4
Tenuta strada
4
Media:
3.4166666666667
Perché l'ho comprata o provata
Rieccomi qui, parlo oggi di Toyota Auris Touring Sports Hybrid Active+. Ho noleggiato e quindi avuto quest'auto per una settimana. Non nascondo che l'ho scelta appositamente per provare un sistema ibrido, che fin ' ora non avevo avuto occasione di guidare. Prima di iniziare, voglio dare il mio punto di vista: non ho mai apprezzato il sistema ibrido toyota che ho conosciuto in Lexus da passeggero. Non l'ho mai apprezzato perchè scollegato dal guidatore e non permette una guida "affilata" tra le curve. Complici di questa sensazione sono il cambio e-cvt, l'impostazione generale dell'auto ed i motori. Vediamo quindi se l'auto in questione mi ha fatto cambiare idea.
Gli interni
<<Prima di entrare>> l'auto ha una linea piuttosto classica nei volumi ma i lineamenti sono abbastanza complessi, sinceramente non la trovo brutta anzi il frontale mi piace ma non mi fa di certo impazzire per la bellezza. Il bianco in questione forse non le dona molto, ma i cerchi neri e specchiati migliorano la situazione, gommatura però piccola 205, 55, r16. Saltiamo dentro, la portiera si chiude silenziosamente e la seduta è comoda e corretta nella posizione, sia per chi ama guidare in alto e chi in basso. Solitamente il sottoscritto difficilmente trova agio ma qui ho subito trovato la mia posizione di guida. Comunque, voglio immediatamente aprire e chiudere il discorso sulle finiture: per me sono ok, nel complesso non si notano economie e tutto sembra solido. Anzi mi piace anche la finta pelle ( o ecopelle) sulla plancia, con cuciture a contrasto, è molto morbida e piacevole. Spesse volte, non sono in accordo alle pignolerie varie alla ricerca di plastiche più o meno rigide. Qualcosa da ridire invece c'è nel design della plancia non propriamente azzeccato per quanto mi riguarda. Passiamo al confort: molto buono, è un'auto comoda e molto spaziosa, me l'attendevo più larga nel divano posteriore, ma non ci si può lamentare. Lo stesso per il baule, decisamente funzionale e capiente. Niente da rilevare per la tecnologia di bordo, gli accessori sono i soliti: la comoda telecamera posteriore, un buon climatizzatore, un decente impianto multimediale con uno schermo però poco visibile al sole.
Alla guida
Allora, per chi si mette alla guida per la prima volta su un sistema cvt + motore elettrico , le sensazioni inizialmente dipendono molto da come ci si pone. Io mi sono posto con molta curiositá.  Comunque con un po di abitudine la si apprezza e la si inizia a conoscere. Per cui, il tasto di accensione è dietro il volante e non ci resta che premerlo. Tuttavia pur se premuto non accade nulla ma l'auto è pronta comunque a partire nel silenzio totale del motore elettrico e a ricevere comandi dal mini-joistick al posto della leva del cambio. La sensazione di viaggiare in elettrico è piuttosto simpatica le prime volte e innaturale per i più. Utile anche per stupire qualche amico. Subito si nota quindi la conformazione turistica dell'auto perchè ci troviamo uno sterzo davvero leggero, l'assenza di marce e quindi una estrema fluiditá e infine una mansueta progressione del motore. La gestione dei due motori è ovviamente totalmente controllata dall'elettronica, a basse velocitá (circa minore di 50km/h) il motore elettrico è spesso prediletto e questo aiuta tantissimo a risparmiare benzina in cittá oltre a migliorarne il confort. Senza mezzi termini in cittá, a mio avviso, grazie alle caratteristiche descritte non c'è di meglio; si riesce a guidare con estrema disinvoltura poichè la guida è molto facilitata. Preseguendo fuori cittá a velocitá più alte il motore a benzina ovviamente è protagonista nella spinta ed è quasi sempre aiutato dal motore elettrico che solo raramente, a batterie completamente scariche, abbandona per un pò. Quando l'elettrico si arrende, il calo di potenza è sensibile. Ad ogni modo, a velocitá alte si apprezza ancora lo sterzo che grazie alla servoassistenza elettrica migliora la precisione. Questo sterzo non è esente da difetti, ci si accorge di una certa "artificialitá" specie in accellerazione dove si indurisce appositamente in maniera troppo invadente. Frenata nella media con un pedale dal feeling non sempre uguale, forse per artizi tecnici utili alla ricarica delle batterie. Il CVT, anche con non molta pressione sul gas cerca di alzare parecchio i giri e ciò rovina un pò il confort, perche il (fastidioso) ronzio entra all'interno e probabilmente questa propensione a salire i giri , è anche indice di un motore termico non propriamente vispo. Parzialmente utile la modalitá "power" dove l'acceleratore diventa più pronto, ma, l'auto non è assolutamente in accordo con la guida veloce tra le curve. Anche la modalitá "B" che aumenta il freno motore per ricaricare le batterie non produce benefici, e in uscita dalle curve il cvt produce una leggera latenza nell'attesa che i giri salgono. Comunque in curva è facilissima da condurre, è sicura e la tenuta laterale sufficiente ma è molto semplice sentir stridere le gomme e a dirla tutta il preciso sterzo prima citato non è un granchè in queste situazioni più "estreme" forse anche per via delle strette gomme (205). Al limite la risposta dell'autotelaio è neutra-sottosterzante, anche forzando gli inserimenti in curva e questo aiuta notevolmente nelle situazioni di pericolo. Ora volevo parlarVi dell'erogazione del motore e delle sue prestazioni: il motore, o meglio i motori, sono sempre pronti a spingere ed è l'elettrico quello piu vispo ed ha anche più coppia (207nm contro 142nm) e aiuta a rendere piena la spinta nella breve attesa che il cvt spari i giri al massimo e spingano a pieno regime insieme. Il tutto però per la modesta potenza di 136 cv, difatti questa erogazione è molto progressiva ma per nulla impressionante. Sulle famose autobahn tedesche ho potuto notare che è autolimitata a 200 km/h di tachimetro. Consumi? Ok lo ammetto non ci ho fatto caso, il computer segna una buona media di 16km/l ma quasi mai mi sono impegnato nel guidare ecologico.
La comprerei o ricomprerei?
Per le conclusioni mi allaccio alla particolare attitudine del sistema ibrido per la cittá. Ma la Auris Touring Sports è un'auto grandicella strutturalmente e adatta al fuori della cittá, magari per viaggiare o per i pendolari. Proprio in quelle situazioni dove il sistema ibrido non da il massimo. Per un "privato" come me, che non percorro strada in cittá e abito in zone poco affollate, non ho fondamentante sfruttato in fondo le qualitá cittadine del sistema ibrido toyota. Per un tassista per portare clienti dall'aeroporto al centro cittá con i loro bagagli sembra cucita addosso.. In citta mi piacerebbe maggiormente una piccola ibrida come la yaris hybrid piuttosto che un'auto così grande.
Toyota Auris Touring Sports 1.8 VVT-i Hybrid Active Plus
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
5
2
4
4
5
VOTO MEDIO
2,9
2.9
20
Aggiungi un commento
Ritratto di pt74
23 novembre 2015 - 11:35
Non so gli altri, né le riviste che l'hanno provata. Io in 35000 km sono a 25,5 km/l di media e sono sceso sui 21 solo andando in vacanza con l'autostrada. Per le strade che faccio io va più che bene e basta dare un pestone che schizza via e il rumore non è che sia sto gran che. Condivido l'insoddisfazione per la plancia, come design e assemblaggio.
Ritratto di Flavio Pancione
23 novembre 2015 - 11:45
7
Dipende moltissimo dal percoso
Ritratto di pt74
23 novembre 2015 - 12:11
Tipicamente due viaggi al giorno di 30 km ciascuno alla media di 40-45 km/h, misto città e extraurbano lento. Conta molto lo stile di guida, comunque, perché incontro molti piloti assatanati che immancabilmente non guadagnano 1 minuto su di me alla fine del percorso.
Ritratto di danynap
16 febbraio 2017 - 15:19
Ogni tanto mi trovo alla guida di questa vettura. La trovo pesante, poco reattiva e dura sullo sconnesso, colpa credo delle batterie e del vano motore a dir poco affollatissimo. Il sistema ibrido di questo modello (nemmeno plug-in) forse è utile solo in città in coda, o per stupire gli amici. Come si inizia a viaggiare, il motore 1.8 benzina inizia a farsi sentire e a bere, anche per la doppia fatica di muovere la pesante auto e ricaricare il pacco batterie.. Ha i fari full-led ed ogni automatismo immaginabile, ma le finiture interne non sono al livello di un'auto da quasi 30000 euro.
Ritratto di danynap
16 febbraio 2017 - 15:22
Dimenticavo il cambio a variazione continua... fa letteralmente gridare il motore, come succede sugli Zip o sui Ciao ! Ma i gusti son gusti... :-)
Pagine
listino
Le Toyota
  • Toyota Supra
    Toyota Supra
    da € 67.900 a € 67.900
  • Toyota Rav4
    Toyota Rav4
    da € 35.450 a € 44.350
  • Toyota GT86
    Toyota GT86
    da € 32.000 a € 37.200
  • Toyota C-HR
    Toyota C-HR
    da € 25.150 a € 36.150
  • Toyota Prius+
    Toyota Prius+
    da € 33.050 a € 36.250

LE TOYOTA PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE TOYOTA

  • Davvero maneggevole e con una coppia generosa, la Toyota Supra dispensa forti emozioni. Ma in pista i freni mostrano presto la corda. Qui per saperne di più.

  • La nuova Corolla è la protagonista dello stand Toyota al Salone di Ginevra, dove sono presenti anche la nuova Rav4 e la Prius restyling. Ne parliamo con l'amministratore delegato della Toyota Italia.

  • La Toyota Supra è un nome ben noto agli appassionati: dal 1979 al 2002 le coupé della Toyota si sono succedute in quattro generazioni. Oggi la Supra è tornata con una vettura dalle forme sinuose.