Alfa Romeo 147 1.9 JTDm 3 porte Black Line

Pubblicato il 11 luglio 2014

Listino prezzi Alfa Romeo 147 non disponibile

Qualità prezzo
4
Dotazione
3
Posizione di guida
5
Cruscotto
5
Visibilità
4
Confort
3
Motore
5
Ripresa
4
Cambio
3
Frenata
5
Sterzo
5
Tenuta strada
5
Media:
4.25
Perché l'ho comprata o provata
Avevo urgente bisogno di un'auto: la cercavo compatta, con buone prestazioni, un buon comportamento stradale e, soprattutto, usata che costasse non più di 5/6 mila euro visto che sarebbe stata una soluzione temporanea di un annetto. La scelta ricadeva fra una 120d del 2006, venduta il giorno prima che chiamassi il proprietario, una Peugeot 207 1.6 THP full optional con tetto panoramico, interni in pelle, impianto stereo JBL, sensori di parcheggio ecc. del 2007 e una Alfa Romeo 147 del 2008. Scartata la francesina per il tiro ridicolo del 1.6 (e gli elevati consumi) e per l'assetto rigido come una panca di legno, provai la 147 e non ebbi più dubbi, visto anche il prezzo stracciato e i pochi km. Si tratta di una 1.9 JTDm 16V Black Line 3p, versione da 150 cv di base, azzurra metallizzata con tetto nero e specchietti satinati. Il particolare allestimento prevedeva inoltre il tetto ed il montante centrale in nero lucido, lo spoiler posteriore, il terminale maggiorato e cromato, i cerchi in lega a fori diamantati da 17” con pneumatici 215/45 che sono veramente un piacere per la vista, oltre alla pedaliera in alluminio della GTA e alcune soluzioni sportive come i sedili bicolore o una grafica dedicata del cruscotto.
Gli interni
Gli interni sono il giusto mix di sportività ed eleganza. Seduta di guida molto bassa, sedili comodi ma anche avvolgenti che trattengono bene il busto in curva, buona abitabilità davanti, un po' meno dietro a causa del tetto basso e dello spazio per le ginocchia non eccellente. Prevale il nero, volante e pomello cambio in pelle, finiture di buon livello considerando età e categoria del mezzo, assemblaggi buoni ma non impeccabili. La strumentazione è sportiva e completa, retroilluminata di bianco con lancette rosse. Rosso è anche lo schermo del computer di bordo, ben leggibile in ogni circostanza. Nella consolle centrale troviamo in alto la radio con lettore CD, in basso le 3 manopole del clima e fra le due cose un cassettino portaoggetti e un portabicchieri. Il bracciolo anteriore ingloba un portaoggetti ed è mobile (lo si può alzare su verticalmente). Discreto l'impianto audio con 8 altoparlanti, ma non ai livelli del Bose che purtroppo il precedente proprietario non mise come optional.
Alla guida
Veniamo alla parte migliore, la guida. Innanzitutto il motore dispone di una doppia mappatura dall'interno molto comoda, 160 o 200cv. Come facilmente intuibile la prima non è mai stata usata. Il motore è il solito 1,9 litri turbodiesel JTDm 16V che va in coppia a 1750 giri (oltre 400Nm, anche se il picco è a zona 3000) ed eroga la potenza di 200 cv reali testati a banco pochi giorni fa a poco più di 4200 giri. La zona rossa del contagiri inizia a zona 4500, ho riscontrato personalmente che la cambiata ideale nella prime 3 marce è a zona 4700, mentre nelle restanti 3 è meglio restare entro la zona rossa altrimenti il gioco non vale la candela. La ripresa sopra i 1500 giri è ottima, si tengono dietro auto più grosse e blasonate, mentre al di sotto della soglia citata è meglio scalare anche per allungare la vita del gruppo frizione/volano. Dal momento che ho citato la frizione, sottolineo che è una delle più dure che abbia mai provato. Bella maschia, va premuta con decisione come nelle auto più sportive. lo scatto da fermo è ottimo, grazie anche al peso piuttosto ridotto (1290 Kg), le testate all'epoca testarono da 8"1 a 8"4 con i 150 cv di base, con la mappatura più cattiva siamo attorno ai 7 secondi. Velocità di punta: molto veloce fino ai 210km/h, ha un calo fino ai 220, poi senza troppa fretta raggiunge e oltrepassa i 230 km/h di tachimetro. Veniamo un attimo alla parte tecnica: sospensioni anteriori a doppio quadrilatero alto deformabili, mentre al retrotreno troviamo i McPherson. Già la Black Line è ribassata di suo, in più la mia prevede un ulteriore ribassamento, il tutto condito dagli ammortizzatori della GTA. L'assetto è veramente rigido e fermo, anche a 230 all'ora la stabilità della vettura è impressionante e sembra davvero incollata all'asfalto anche quando si prendono gli odiosi scoli dell'acqua in autostrada. Il pacchetto assetto/sospensioni prevede un rollio nelle curve praticamente assente nelle curve e un beccheggio in frenata pressochè inesistente. Il cambio è ben spaziato e gli innesti sono abbastanza precisi e solitamente fluidi, anche se il vero difetto è, a mio giudizio, la 4a marcia, che è troppo lunga e nella guida al limite si impunta qualche volta nel passaggio 3a-4a. Le prime 3 marce sono cortissime, appena si schiaccia il gas attorno a zona 2000 giri si viene incollati al sedile , anche se purtroppo i giri sono quelli di un diesel e bisogna cambiare subito. In partenza se si esagera troppo il controllo di trazione lavora in modo non indifferente, infatti disattivandolo l'auto sgomma in modo evidente tra 1a e 2a e in modo un po' meno marcato tra 2a e 3a. Lo sterzo è abbastanza duro in città, ma in extraurbano è una libidine, di una precisione chirurgica grazie al comando ancora di tipo idraulico, sembra di avere le ruote anteriori fra le mani. Il pedale del freno è molto modulabile, tipico delle Alfa, ed aziona un comando idraulico con due circuiti indipendenti incrociati. I dischi anteriori sono autoventilanti e le pinze di serie sono flottanti in alluminio a 2 pistoncini, marchiate Lucas. La tenuta di strada è ottima, i limiti di aderenza laterale sono elevati per un'auto di questa categoria, anche se alzando troppo il ritmo a mio parere il posteriore si rivela troppo leggero. L'inserimento in curva dell'anteriore è molto preciso e , anche se la tendenza al sottosterzo è inevitabie , l'auto rimane sempre ben controllabile, basta togliere il gas per far riprendere aderenza all'avantreno e terminare la curva come sui binari. Ma oltre ad una meccanica di buon livello, anche la parte elettronica non è male: oltre all'ASR, l'auto dispone del VDC (Vehicle Dynamic Control), che è una reinterpretazione Alfa dell'ESP, e dell' MSR, un dispositivo che, nelle scalate più violente, ridà coppia al motore evitando che le ruote vadano al bloccaggio. L'ASR, se rileva il bloccaggio di entrambe le ruote motrici, diminuisce l'angolo di apertura della farfalla, riducendo così di conseguenza la potenza nelle condizioni più estreme. Se invece perde aderenza una sola ruota, il freno interviene singolarmente su di essa, simulando il comportamento di un differenziale autobloccante. Il VDC lascia ampio margine di divertimento al guidatore e interviene soltanto quando le condizioni si fanno disperate. Tramite sensori verifica la velocità lungo l'asse di imbardata dell'auto e, se tramite una centralina si è appurato che l'auto ha superato i propri limiti di aderenza, frena singolarmente la ruote opportune e taglia la potenza del motore, quel tanto che basta per riportare l'auto in sicurezza ma conservare il divertimento di una guida al limite, a differenza di molte altri dispositivi ESP che ti "inchiodano" letteralmente l'auto. Ciò può far sembrare inizialmente che il dispositivo sia blando e lento nell'entrare in azione, ma in realtà la cosa è voluta e non compromette un ottimo livello di sicurezza alla guida.
La comprerei o ricomprerei?
La ricomprerei assolutamente, anzi la consiglio a chi vuole un'auto ancora attuale come design (non la cambierei con nessuna seg. C attuale) , piacevole da guidare e soprattutto a prezzi da discount visto che l'uscita della Giulietta ha fatto svalutare non poco la 147.
Alfa Romeo 147 1.9 JTDm 3 porte Black Line
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
12
9
2
0
2
VOTO MEDIO
4,2
4.16
25
Aggiungi un commento
Ritratto di PariTheBest93
22 luglio 2014 - 19:46
3
Ottima prova, ma come mai non l'hai scelta subito nel 2009?
Ritratto di Subaru_Impreza
23 luglio 2014 - 02:12
Essenzialmente perchè di lì a poco sarebbe uscita la Giulietta (che si doveva chiamare inizialmente 149), quindi non volevo nè un'auto il cui progetto fosse troppo vecchio, nè aspettare un anno. Poi la Bravo era più pratica e spaziosa, costava forse anche qualcosa in meno avendo molti accessori che ora non ho: USB, Bluetooth, clima bizona, sensori di parcheggio posteriori, cruise control... ma sinceramente non mi manca, cosa che invece farà sicuramente la musona quando verrà sostituita, mi mancherà toccare sotto a ogni rampa tanto che è bassa, prendere scossoni alla schiena in autostrada tanto che è rigida e bruciare un treno di P Zero Nero dopo nemmeno 5 mila km tanto che ti invoglia a spingere ahahah
Ritratto di PariTheBest93
23 luglio 2014 - 11:20
3
Okay grazie. Un peccato per la gt86, ne sembravi molto attratto. Dal vivo fa una gran figura...
Ritratto di Subaru_Impreza
23 luglio 2014 - 15:26
Ne sono ancora molto attratto, ma per i miei gusti è troppo lenta... la curvatura di potenza è ridicola, rimpiangerei addirittura il mio attuale 1.9 a gasolio che di sportivo non dovrebbe avere nulla. Vedrò più avanti se la troverò a prezzi bassi, sicuramente aggiungerei una 50 ina di cv e rivedrei l'assetto, troppo blando. In fondo basta il 318is per fare i traversi, con la differenza che se scasso quella me ne frego, avendola pagata 0€.
Ritratto di PariTheBest93
23 luglio 2014 - 16:17
3
L'anno prossimo dovrebbe arrivare una versione potenziata, al ring girano dei muletti interessanti, magari potresti comprare direttamente quella tra un po' ahah :)
Ritratto di Moreno1999
23 luglio 2014 - 09:51
4
Buone prova e auto. A me la 147 è sempre piaciuta, più della Giulietta. Peccato per il crash test che è stata una vera e propria ecatombe di manichini.
Ritratto di Subaru_Impreza
23 luglio 2014 - 16:02
Ti ringrazio. I crash test io non li tengo neanche in considerazione per diversi motivi. Mi scappa da ridere quando vedo la sicurezza di un' auto giudicata dall'investimento di un manichino o dalla mancata avvertenza di allacciare le cinture posteriori. LA rigidità della scocca invece è un discorso a parte, ma per strada in un frontale tra una Up! che ha 5 stelle contro un suv che pesa 25 quintali e ha 3 stelle, io preferirei essere sul suv (sulla carta meno sicuro), non so te.
Ritratto di Moreno1999
24 luglio 2014 - 20:39
4
Si beh anche io penso che alcuni crash test siano particolarmente ridicoli, specie quelli del 2014 che non servono a una beatissima mìnchìà...va ridere vedere la Megane valutata 3 stelle solo perché non frena da sola mentre nel 2009 era risultata la migliore della sua categoria...di questo passo penso che tra 10 anni nessuno saprà più guidare, ma per ora passiamo oltre... Comunque la 147 ha preso 3 stelle nel 2000, la scocca si era sfracasciata e accartocciata manco fosse carta stagnola. Ha preso 3/16 nell'urto frontale, il che per me vuol dire pericolo di morte, adesso probabilmente non sarebbe nemmeno omologabile.
Ritratto di Subaru_Impreza
24 luglio 2014 - 21:17
Non voglio difendere per partito preso la 147, ma ci sono alcune precisazioni che è d'obbligo fare. Innanzitutto come mai un'auto così "insicura" nell'impatto frontale è riuscita a prendere 18/18 in quello laterale? C'è chi dice addirittura che il modello del 2000 fosse un preserie, ma mettiamo che sia solo una scusa... c'era un problema di saldatura al montante centrale e un problema alla chiusura della portiera lato guida, poi subito dopo risolto, che ha fatto aprire la portiera stessa durante l'impatto , che è in questo modo venuta meno nell'assorbimento dell'urto frontale e ha permesso la deformazione del montante anteriore. Ecco da cosa deriva il pessimo 3/16 ... in ogni caso la mia versione del 2008 non è la stessa del 2000 e , anche se è sicuramente un gradino sotto in termini di sicurezza rispetto ad alcune rivali, non avrebbe di certo preso 3 stelle nel 2000, visto che ci sono state 2 migliorie ufficiali a livello strutturale, entrambe nel 2003, e lo stesso problema alla portiera e al montante era stato risolto poco dopo il crash test, proprio in seguito di esso.
Ritratto di Moreno1999
31 luglio 2014 - 21:56
4
Sicuramente sarà migliorata, ma avrebbero fatto meglio a ripetere il test secondo me. Ho letto che hai intenzione di sostituirla, con cosa la cambierai?
Pagine
listino
Le Alfa Romeo
  • Alfa Romeo Giulietta
    Alfa Romeo Giulietta
    da € 24.500 a € 31.000
  • Alfa Romeo 4C Spider
    Alfa Romeo 4C Spider
    da € 75.550 a € 81.600
  • Alfa Romeo Stelvio
    Alfa Romeo Stelvio
    da € 47.500 a € 96.600
  • Alfa Romeo MiTo
    Alfa Romeo MiTo
    da € 13.900 a € 26.500
  • Alfa Romeo Giulia
    Alfa Romeo Giulia
    da € 39.350 a € 86.100

LE ALFA ROMEO PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE ALFA ROMEO

  • L'Alfa Romeo 4C è una vettura senza compromessi, che ha riportato la passione nella gamma del Biscione in attesa dei modelli di grande serie, Giulia e Stelvio. A cinque anni dal suo debutto torniamo a guidarla e vediamo come ha retto al passare del tempo.

  • Abbiamo partecipato alla celebre “hillclimb” di Goodwood con un’auto d'eccezione: ecco il racconto di una giornata indimenticabile.

  • Serie speciale di 108 esemplari per ogni modello destinate ai collezionisti e in omaggio alle eccellenti prestazioni e relativi record fatti segnare dalle Quadrifoglio sulla pista del Nürburgring. Qui per saperne di più.