Alfa Romeo Giulia 2.2 Turbo 180 CV Super

Pubblicato il 2 giugno 2016
Ritratto di uolchefit
alVolante di una
Chevrolet Orlando 1.8 LT
Alfa Romeo Giulia
Qualità prezzo
4
Dotazione
4
Posizione di guida
5
Cruscotto
5
Visibilità
3
Confort
4
Motore
5
Ripresa
5
Cambio
5
Frenata
5
Sterzo
5
Tenuta strada
5
Media:
4.5833333333333
Perchè l'ho comprata o provata
Come qualcuno saprà, ho avuto modo di provare la Giulia base da 150cv, e la super da 180cv. Butto giù quindi un po' di prime impressioni. La base era nera con interni neri e cerchi da 16''; la super grigia con interni nero-tabacco, cerchi da 18" eleganti, pinze gialle e tutti i pack disponibili installati. Esteticamente dal vivo fa tutt'altra impressione. Anzitutto l'effetto "serie 3" sparisce, la Giulia sembra anzi una "baby-ghibli". La nervatura laterale non è marcata come in foto, e in generale la macchina sembra molto più grande e massiccia. Nera con cromature per me è spettacolare, grigia perde un po'.
Gli interni
Gli interni li conoscerete già, non perdo quindi tempo a descriverli. Dirò piuttosto che i materiali sono generalmente di buon livello fin dalla versione base (plastiche morbide quasi ovunque, pelle, inserti in legno o alluminio), e la macchina può vedersela a testa alta perlomeno con la serie 3. I montaggi mi sono parsi molto solidi, in marcia anche prendendo le buche a 90-100km/h i rumorini (anche meccanici) erano totalmente assenti. Certo bisognerà aspettare di fare più km, ma le premesse ci sono. Le plastiche rigide sono solo nelle zone più basse e non in vista. Un plauso alla posizione di guida, bella sportiva finalmente, con gambe stese e volante vicino. In generale comunque tutti i passeggeri stanno seduti in basso, ben avvolti dai sedili ma non costretti. 4 persone direi che viaggiano abbastanza bene, il 5* come al solito patirà le pene dell'inferno già solo a salire. I sedili in tessuto della versione base non sono un granché, quelli della super in pelle fanno invece un figurone. Il sistema multimediale mi è parso molto buono, sia nella variante da 6.5 che da 8": rispetto allo u-connect è una rivoluzione copernicana. Si legge sempre bene, anche la qualità audio mi è parsa elevata; in generale è intuitivo, ma qualche opzione (come lo split dello schermo) poteva essere messa più "sottomano", invece bisogna smadonnare tra i menù. Era un po' lento ad accendersi, ma forse non era un sistema definitivo. Il pomellone dovrebbe arrivare a breve con la funzione touch. Nota dolente i portaoggetti, davvero scarsi sia nel numero che nella capienza, specie le tasche delle porte davvero minuscole. Il cassetto lato passeggero è a misura "di libretto", invece il cassettino lato pilota (smorzato nella apertura e rivestito) è piuttosto ampio - è però un optional, come nelle tedesche. Il baule mi è parso abbastanza ampio in lunghezza e larghezza, non in altezza dove effettivamente è un po' bassino. La sua moquette non è eccezionale (addirittura mi è parsa più morbida quella del baule della tipo). Sotto al pianale c'è come al solito un minuscolo pozzetto, la batteria invece è dietro la paratia destra. Non mi è chiaro il perché la versione base abbia nel baule una tasca in plastica, mentre la super no.
Alla guida
La guida era la parte che ovviamente mi interessava di più. La 180cv l'ho provata con un sole che spaccava le pietre, la 150cv invece sotto il diluvio universale: posso quindi dire di essermi fatto un'idea abbastanza chiara della Giulia. Dirò anzitutto che la macchina è stabilissima, equilibratissima tra anteriore e posteriore, molto neutra e veloce in in ingresso, percorrenza e uscita di curva. Provando qualche zig-zag a media velocità, la vettura ha risposto in modo immediato, precisissimo e senza fare una piega, anche sul bagnato coi cerchi da 16". Il tutto prova, secondo me, la bontà del telaio, che non necessita di cerchi maxi per restare in strada e divertire. Posso quindi dire che la Giulia mostra un equilibrio, una reattività e una tenuta di strada davvero di alto livello, tanto da sembrare una macchina molto più piccola. L'esp purtroppo non si può disinserire: è molto discreto nel funzionamento ma, per intenderci, scordatevi "traversi" di potenza con le ruote che fumano. Lo sterzo mi è parso eccellente: direttissimo, precisissimo, molto "pulito" nelle reazioni grazie alla tp. Qualcuno lo vorrebbe più pesante, ma a me ha convinto anche così. Il cambio è lo stesso della bmw (fornitori identici sia per MT che AT), e così abbiamo una leva dagli innesti duri corti e precisi. Essendo montata direttamente sulla scatola del cambio, la leva vibra più che in una auto tradizionale, ma a me piace perché da più "feeling meccanico" (le critiche di Omniauto su questo punto le trovo inutili). Anche la frizione è simile a quella bmw: leggera, ma "lunga" e con stacco alto ben modulabile (classica frizione a prova di imbecille). Io avrei preferito un comando più "corto" e pesante, ma forse il cliente medio non avrebbe gradito. La frenata mi è parsa eccezionale su qualsiasi fondo e a qualsiasi velocità, e il pedale elettronico (molto pronto, bisogna abituarsi) è una bella chicca: l'abs non si sente né al pedale né all'udito, aumentando quindi il comfort complessivo. Comfort già di alto livello anche coi cerchi da 18, dato che l'assorbimento è sempre molto molto buono e anche la silenziosità è notevole anche a 190km/h. Solo il motore si fa sentire un po' in accelerazione (è una cosa voluta), ma il suono non è male pur essendo un diesel. A proposito di motori, avendoli provati tutti e due posso dire che questi nuovi 2.2 in alluminio sono davvero ottimi. In D sono molto vigorosi già dai bassi regimi, allungano velocemente perlomeno fino a 4300 giri (oltre non sono andato). La coppia è elevata e i 150cv della versione base bastano e avanzano per incollare al sedile e divertire. La potenza in più del 180cv io l'ho sentita marcatamente solo ai regimi più alti (tra l'altro tra i due motori dovrebbe cambiare solo la centralina). Accelerazione e ripresa in generale mi sono parse ottime. Sui consumi e su come vanno nelle altre modalità non vi so dire nulla. La 180cv è l'unica che ho provato anche in N, e mi è parso spingesse forte anche in quella modalità.
La comprerei o ricomprerei?
In definitiva, gran macchina. Ha saputo entusiasmare anche un amico scettico che mi ero portato dietro. Le carte per vedersela coi tedeschi direi che ci sono più o meno tutte. A livello di guida mi è parsa superiore alle crucche (e in un alfa è ciò che conta), come qualità resta un po' indietro solo rispetto ad Audi -ma l'ultima A4 non è proprio eccellente sotto questo aspetto- e soprattutto rispetto a Mercedes. Anche a livello di sistemi di sicurezza è finalmente una macchina completa (manca a mio dire solo il superfluo, come l'head-up display) Vedremo come il mercato accoglierà questa Giulia. Io la promuovo, e dopo averla provata posso dire quasi sicuramente che sarà la mia prossima macchina.
Alfa Romeo Giulia 2.2 Turbo 180 CV Super
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
33
7
4
0
4
VOTO MEDIO
4,4
4.354165
48


Aggiungi un commento
Ritratto di Gasswagen
5 giugno 2016 - 11:37
Resta il fatto che sono motori da Tank (ovverosia carrarmato)
Ritratto di Pellich
7 giugno 2016 - 15:25
Allora, dato che giustamente viene citata in causa la BMW, perché non dire ciò che in questo strettissimo paragone non è stato ancora riportato poiché scomodo da riferire nel "delirio da kick off"? Bene, nel mio piccolo, proverò ora io a dire delle cose oggettive proprio per evitare fraintendimenti o essere tacciato di faziosità. Iniziamo quindi: qualcuno sa dirmi perché non viene riferito che il sistema multimediale è prodotto, così come per BMW, dalla Magneti Marelli, ma che per quest'ultima è evidentemente più evoluto per numerosità di informazioni, velocità del software, presenza di tasti fisici "funzione" - copiati ultimamente anche da Audi A4 - (completamente personalizzabili, altro che stazioni radio come su Giulia..)? Qualcuno mi spiega perché non viene detto che al posteriore la BMW (anche la Serie 1*) ha un sistema multilink a 5 bracci anziché a 4 leve e mezzo? Qualcuno vorrà dire che la ripartizione delle masse al 50 e 50 fra anteriore e posteriore non è una esclusiva Alfa dato che la BMW fa altrettanto da anni (addirittura la batteria è alloggiata nel bagagliaio per questo motivo)? Qualcuno avrà il coraggio di dire che la mancanza di un tasto per disinserire i controlli è quanto meno un peccato su un'auto del genere (io l'ho detto e non vi dico che malditesta in un altro topic su questo punto)? A qualcuno potrà interessare sapere che questa Giulia non dispone di tecnologie, attuali, alcune delle quali probabilmente non verranno mai imbarcate neanche in futuro? Che i sedili non hanno fianchetti o seduta regolabili neanche sulla Super e che lo schienale si regola a scatti? Fortunatamente ora qualcuno sta dicendo che il motore è rumoroso (il che credo che per una sonorità diesel non sia affatto un pregio) e lo sterzo è fin troppo leggero sebbene pronto e preciso... insomma, l'auto va benone dinamicamente non lo metto in dubbio, ma concordo sostanzialmente con chi dice che di fatto non siamo di fronte ad una rivoluzione copernicana, soprattutto se rapportata al marchio più sportivo o affine della triade tedesca, la BMW appunto che a parità di bontà meccanica offre però ancora qualcosa in più. Ed è proprio riguardo la qualità costruttiva (che non capisco affatto perché non debba essere presa in debito conto da chi stacca un assegno variabile che può arrivare a 50k euro!) che vi invito ad aprire semplicemente la portiera dall'interno e saggiare la "qualità" della maniglia, il rumore, e la dinamica "contrastata" di apertura ad un primo leggero tiraggio.. e ripetere la medesima operazione anche su una Serie 1 per capire l' "antifona" di quanto ci sia ancora da fare in realtà. Perché è proprio questo il punto, Flavio Pancione poc'anzi ha fatto un'ottima osservazione in merito alla "democrazia" del marchio.. la qualità* e cura della Serie 1 si ritrova almeno su buona parte delle sorelle maggiori più prossime "numericamente" e ben più costose (anche di questa neonata Alfa). Ora ditemi come questa Giulia possa essere onestamente migliore di una Serie 4 o anche Serie 3 per essere più pertinenti, in termini di solidità, qualità complessiva, percepita e reale .. scusate il tono retorico della prima parte. Saluti
Ritratto di Flavio Pancione
7 giugno 2016 - 17:49
7
Pellich purtroppo ci sono gli illusi (fan boy marci tedeschi) e i disillusi (fan boy alfa). Il risultato sono tutte le polemiche poco oggettive e soprattutto poco costruttive, che ruotano su questa Alfa Giulia. Che purtroppo dobbiamo subire. C'è chi la stronca in toto, chi la divinizza del tutto. Fortuna c'è ancora qualcuno con cui parlare, scambiandoci opinioni serie come te e pochi altri. Ti dico che concordo con quanto detto da te, aggiungo che quanto sentito sulla Giulia dai vari Mass Media, internet e riviste è sull'onda di una falsa euforia, atta a dire ciò che l' "appassionato" medio vuole sentire. Sia chiaro, sono il primo contento di questo progetto, da italiano, c'è anche possibilitá che io la prenda! Ma da patito di auto, nei fatti, guidandola, posso affermare come da te detto : niente rivoluzione copernicana. Spero infatti di aver ben scritto in qualche commento più sopra le mie impressioni alla guida, mi hai fatto giusto tornare in mente i sedili, dove mi hanno un po deluso (e di solito Alfa era un must in questo), poco contenitivi e molto "normali" nella forma. Con più precisione poi aggiungo che quando più sopra ho parlato di "tenuta laterlale" e freni, che sulla Giulia sono ai vertici sicuramente, ma non esattamente migliori della Serie 3... Certo ha la Giulia è riuscita a prendersi la rivincita in entrata in curva, e parzialmente nello sterzo che È TROPPO LEGGERO PERÒ. Poi come ho sempre ribatito tutto è piuttosto rovinato dal DNA, invadente, oltre che troppo semplicistico e addirittura è impossibile disattivarlo...
Ritratto di uolchefit
7 giugno 2016 - 18:12
si oddio.. non si possono nemmeno fare delle critiche da bar come la presenza di 4 bracci e mezzo e non 5 nel posteriore, dimenticando magari che davanti monta triangoli sovrapposti + barre duomi (tolto che il numero di bracci al posteriore non vuol dire proprio nulla, ci sono trilink ottimi nella gestione dei movimenti), o la consistenza della maniglia della porta, o la mancanza di tasti nell'infotaiment. detto ciò, non mi pare di averla divinizzata, per cui non capisco francamente il commento e addirittura le accuse di una mia presunta "malafede" nella recensione
Ritratto di Flavio Pancione
7 giugno 2016 - 18:30
7
Non credo si riferisse a te, e nemmeno io
Ritratto di uolchefit
7 giugno 2016 - 18:40
Si infatti l'ultima parte del commento era riferito a lui e non a te, spero vi sia stato un malinteso
Ritratto di Pellich
8 giugno 2016 - 10:57
Grazie Flavio, mi fa piacere trovare il tuo riscontro di pensiero e sono d'accordo su quanto aggiungi
Ritratto di ogiad
9 giugno 2016 - 16:10
forse non sai che nelle ultime bmw il tasto per disinserire i controlli non li disinserisce completamente ... che si il multi link dietro della bmw è a 5 bracci ma davanti ha un mec person personalizzato, non un quadrilatero alto (sono entrambi ottimi sistemi, quello alfa è migliore)... che effettivamente tutte le recensioni hanno parlato di finiture a livello delle tedesche ma non certo le migliori in assoluto ... l'infotainament non è ancora al 100 % (in quanto sarà oggetto di prossime upgrade visto che alcune testate hanno pure lamentato qualche impiantamento) ma anche che il prezzo è più basso (di tutte le tedesche) ... lo sterzo leggero sembra una opinione dei non addetti ai lavori, probabilmente di chi è abituato all'idroguida e non all'elettrico (non traspare da nessuna recensione, anche dei più critici, ma c'è spesso nei commenti del popolo)... della rombosità sembra l'abbiano sentito solo quelli di al volante ... non traspare in nessuna recensione che ho visto/letto... e visto che sono in procinto di cambiare la mia audi ne ho lette parecchie e le ho provate personalmente tutte: giulia serie 3 a4 e classe c pure la talisman... posso dire che c'è molta esaltazione attorno alla giulia ... ma se prima non c'era un'alfa romeo a livello delle tedesche ora c'è... ed ad un prezzo sensibilmente più accessibile, per chi ha 40 mila euro e non li trova sotto il cavolo, la giulia è probabilmente quella che da di più al minor costo, senza essere un gradino sensibilmente sotto come invece è per esempio la Talisman
Ritratto di Flavio Pancione
9 giugno 2016 - 19:45
7
Si ok tutto molto bello scambiarsi opinioni con educazione però scambiamocele veritiere, ho una bmw di 6 mesi e col tasto dsc, premendolo per alcuni secondi si disinserisce tutto. Quella funzione che tu narri sará la "solita" "sport +". E fidati che ho guidato sul bagnato, su neve, su asciutto, di traverso e dritto, i controlli sono disattivi. Idem sulla Serie 3.
Ritratto di ogiad
9 giugno 2016 - 20:29
Per quel che ho potuto costatare sulla x3 abs e ripartitore di frenata rimangono e probabilmente anche il ripartitore di coppia ... poi puoi fare tutte le sbandate che vuoi il controllo della trazione viene sicuramente tolto
Pagine
listino
Le Alfa Romeo
  • Alfa Romeo Giulietta
    Alfa Romeo Giulietta
    da € 22.100 a € 30.950
  • Alfa Romeo Stelvio
    Alfa Romeo Stelvio
    da € 53.500 a € 102.000
  • Alfa Romeo Giulia
    Alfa Romeo Giulia
    da € 46.000 a € 92.000

LE ALFA ROMEO PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE ALFA ROMEO

  • L’Alfa Romeo Giulia GTAm (come la “sorella” GTA) ha 540 CV ed è pensata per l’uso in circuito ma non delude su strada. Prestazioni e facilità di guida impressionano; ma qualche regolazione elettronica andrebbe affinata. Qui per saperne di più.

  • Raikkonen e Giovinazzi hanno preso parte allo sviluppo delle berline, lavorando su aerodinamica e assetto. Qui per saperne di più.

  • Per i suoi 110 anni l’Alfa Romeo ha presentato al museo sportivo di Arese la versione più pepata della sua berlina e ha mostrato le sale dell’esposizione non accessibili al pubblico.