Alfa Romeo Giulia 2.2 Turbo 210 CV Veloce Q4 AT8

Pubblicato il 28 dicembre 2017
Ritratto di elakos
alVolante di una
Opel Astra GTC 1.4 16V Enjoy
Alfa Romeo Giulia
Qualità prezzo
4
Dotazione
4
Posizione di guida
5
Cruscotto
4
Visibilità
3
Confort
4
Motore
5
Ripresa
5
Cambio
5
Frenata
5
Sterzo
5
Tenuta strada
5
Media:
4.5
Perché l'ho comprata o provata
PRECISAZIONE: la Giulia in foto non è quella da me provata, ma una foto del medesimo colore e del medesimo allestimento presa da internet. Inutile negarlo: sin da quando sono circolate in rete le prime immagini, la Giulia ha risvegliato la curiosità di molti, appassionati e non. Tanta era la curiosità di vederla dal vivo, toccare con mano gli interni e soprattutto provarla su strada. Il mese scorso mi sono recato al concessionario di un mio amico che prontamente ha acconsentito ad un lungo test drive. La versione in prova era in allestimento Veloce, equipaggiata col motore diesel 2.2 210cv e trazione integrale. Esteticamente si presentava in una interessante colorazione grigio scuro metallizzato, con cerchi bruniti da 19'. Debbo essere sincero: non mi sono soffermato molto sulla dotazione, quanto sulla qualità costruttiva generale, sul comfort e sul piacere di guida.
Gli interni
Saliti a bordo, il colpo d'occhio è senz'altro notevole: plancia, consolle e tunnel centrale hanno forme avvolgenti e sportive, con elementi ben raccordati tra di loro (ben integrato soprattutto l'ampio display centrale). Belli gli strumenti a binocolo e un plauso particolare al volante a tre razze: piccolo e ben sagomato. L'auto è anche dotata di una pedaliera sportiva in alluminio con gommini antiscivolo. Gli inserti su plancia e portiere imitano la fibra di carbonio e sono ben assemblati: assenti scricchiolii. La parte superiore della plancia e delle porte è in plastica morbida e gradevole al tatto, di aspetto curato e di buona lavorazione. Le note dolenti arrivano però dai particolari: Le bocchette di aerazione laterali e centrali, per quanto belle da vedere, sono realizzate in plastica rigida e di aspetto fragile. A conferma di ciò i numerosi scricchiolii che immancabilmente si presentano toccandole con mano. Altra nota dolente la plastica rigida e scricchiolante della plafoniera e quella non eccelsa del tunnel centrale. Anche il bracciolo tra i sedili, per quanto rifinito con un buon tessuto, non comunica una idea di solidità a livello strutturale. Altro capitolo poco convincente il livello qualitativo dei comandi del climatizzatore: le tre manopole sono quelle presenti sulla Giulietta Restyling e non hanno un feeling propriamente "premium": evidenti i "giochi" una volta impugnate. Buone invece le cartelle presenti sugli sportelli: la parte superiore è in gradevole plastica morbida e ben lavorata, così come il rivestimento in pelle centrale. Rigida invece la parte inferiore, con le tasche portaoggetti sprovviste di rivestimento (gli eventuali oggetti ivi contenuti, farebbero giocoforza rumore). I sedili si presentano con un elegante rivestimento in pelle di buona qualità, con forme gradevoli e sportive e fianchetti ben pronunciati. Provvisti di ampie regolazioni elettriche, compresa quella lombare ed uniti alle ampie regolazioni del volante, permettevano di trovare una ottima posizione di guida anche per chi, come il sottoscritto, è alto quasi 2 metri. Per quanto riguarda lo spazio a bordo, davanti non ci sono problemi e anche dietro risulta sufficiente, quattro persone viaggiano comode, il quinto deve stare un poco sacrificato. In compenso sono presenti delle comode bocchette di areazione anche per chi si accomoda sul divano, assieme a due tasche portaoggetti sulle portiere. Il bagagliaio, con apertura da telecomando elettrica, risulta ben rifinito e abbastanza regolare.
Alla guida
Premendo il bel pulsante di accensione sul volante (espediente d'effetto, lo ammetto) e tenendo comodamente le chiavi in tasca, il motore si avvia prontamente. L'insonorizzazione al minimo è curata e premendo l'acceleratore, coadiuvati dal cambio automatico, la marcia si avvia fluida e senza strattoni. I cambi di marcia sono docili e il motore ronza silenzioso, ben filtrato dall'abitacolo. La ripresa è pronta e corposa, i sorpassi sono immediati e coppia non manca mai. Passando alla guida tramite palette al volante, la sensazione di trovarsi in una macchina davvero sportiva è amplificata: le marce si inseriscono in un batter d'occhio, affondando il piede sull'acceleratore la lancetta del contagiri schizza rapida alla zona rossa e anche scalando rapidamente prima di una curva, non si avvertono incertezze da parte della trasmissione. La cosa che impressiona di più è comunque lo sterzo: si tratta di un comando estremamente chirurgico, tanto che sulle prime era quasi difficile tenere una traiettoria rettilinea. Poco demoltiplicato, è senza dubbio lo sterzo più diretto che abbia mai avuto piacere di provare: i tornanti si affrontano al volo e richiedendo brevi movimenti del volante e si ha sempre la sensazione di percepire cosa fanno le ruote. Gli inserimenti in curva sono fulminei e la trazione in uscita fenomenale. All'altezza i freni, pur non potendoli mettere alla frusta a lungo, si sono sempre rivelati potenti e ben modulabili. In conclusione, può sembrare il solito clichè ma non lo è: Giulia è un'auto che si acquista col cuore prima che con la ragione. La linea sportiva e la sua guida entusiasmante sono i veri punti di forza. A livello qualitativo i livelli sono senza dubbio migliori della Alfa Romeo precedenti, lo sforzo si nota nel complesso, ma non siamo ancora ai livelli delle rivali tedesche.
La comprerei o ricomprerei?
Se ne avessi la possibilità, pur con i suoi punti deboli, personalmente la acquisterei visto che metto al primo posto piacere di guida e fascino. Bisogna anche tenere conto però che molti hanno altre priorità ed FCA dovrà impegnarsi ancora a lungo in questa (buona) strada.
Alfa Romeo Giulia 2.2 Turbo 210 CV Veloce Q4 AT8
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
13
0
1
0
1
VOTO MEDIO
4,6
4.6
15
Aggiungi un commento
Ritratto di Fxx88
31 dicembre 2017 - 15:23
3
Bella prova, ho avuto modo di provare una Giulia 150cv a gasolio e mi ritrovo nelle tue sensazioni sulla dinamica di guida ma anche sulla minore qualità degli interni rispetto alla triade tedesca.
Ritratto di elakos
1 gennaio 2018 - 06:59
Grazie mille! Si ancora non siamo al top come qualità costruttiva, si poteva osare di più in quel senso.
Ritratto di Pellich
4 gennaio 2018 - 10:02
Ottima prova! Complimenti. L'auto mi piace moltissino e non dubito delle sue doti tecniche e meccaniche. Finalmente tuttavia, attraverso la tua onestà intellettuale (sempre più rara tra i frequentatori dei forum), cade il taboo della qualità costruttiva in termini di materiali e assemblaggi che a sproposito è stata forzatamente fatta credere come equivalente a quella della tirade tedesca e secondo il quale fino a poco tempo fa non si poteva dire il contrario! A tal proposito, alla tua disamina, avrei anche aggiunto il rotore del menù sul tunnel centrale che, al pari dei comandi da te descritti, non restituisce ancora una volta la stessa qualità di feedback di quello di Audi, BMW e Mercedes.
Ritratto di elakos
5 gennaio 2018 - 13:09
Non hai fatto in tempo a scriverlo, che uno degli ultras si è palesato, evidentemente un analfabeta funzionale che non è riuscito ad estrapolare dalla mia prova la stima che ho verso l'auto, pur ammettendone i difetti.
Ritratto di silvano1978
8 gennaio 2018 - 10:38
guarda dalla tua prova ho estrapolato solo il fatto che hai scritto cose che non corrispondono a prove di molti giornalisti di settore.....e pure falsità tipo le manopole.....che poi tu stimi o meno l'auto a me non frega nulla..potrebbe anche giustamente non piacerti e non rispondere alle tue esigenze, ma le balle sono altra cosa.
Ritratto di elakos
8 gennaio 2018 - 13:22
hahhah cose che non corrispondono?? ho detto che si compra per le prestazioni e le emozioni che ti da guidandola e mi sembra che siamo in linea con le principali testate. Ho anche detto che la qualità rispetto alle vecchie alfa è migliorata ma non siamo ancora a livello delle tedesche, cosa che si legge tra le righe in svariate riviste, anche se sempre sottovoce. Per il resto secondo me tu non ci sei mai salito e non sai assolutamente di cosa stai parlando.
Ritratto di silvano1978
5 gennaio 2018 - 11:38
mah...non entro in merito al discorso sulla qualità inferiore o superiore ad una tedesca.....sarà anche pessima la giulia non saprei...anche perchè se si giudicano due auto sicuramente vi sono tante cose migliori in una e peggiori nell'altra come vicevrsa.......chiaramente trattandosi di alfaromeo si evidenziano subito i dettagli negativi senza nemmeno nominare tanti dettagli davvero ben fatti e anche migliori delle rispettive tedesche. Poi si parla di onestà intellettuale dei paladini della giustizia sulle finiture....va bene tutto..ma uno che scrive una prova ed in essa scrive che le manopole del clima sono le stesse della giulietta restyling evidentemente o non ha mai provato la giulia oppure non conosce il significato in italiano del termine "onestà intellettuale"....qui non è questione di tifo o meno, è solo che certe falsità sono illeggibili e ancora piu illeggibili sono i paladini sotto che esaltano questa inesistente onestà.
Ritratto di elakos
5 gennaio 2018 - 13:07
Osservando le foto in rete ammetto l'errore, sebbene siano molto simili, pare che in effetti siano diverse. È stato un errore in buona fede. Invece di concentrarti su questo stupido particolare e mettere indiscussione gli aspetti reali della mia prova, esci di casa e vai a provarla, vedremo chi ha ragione e chi scrive solo per tifo,come te. Dopotutto uno che nemmeno ci è salito e si permette di criticare chi invece si è alzato e si è creato una propria opinione, è a malapena degno di risposta. Che siano manopole della Giulietta o meno, fatto sta che sono ballerine e di scarsa qualità, il discorso non cambia. Saltaci dentro e fatti una opinione prima di permetterti di mettere in dubbio la buona fede altrui.
Ritratto di silvano1978
6 gennaio 2018 - 19:09
bè se ho notato la cazz...ta che hai scritto è forse perchè la conosco?..daltronde critichi in particolare bocchette e clima...ok anche i vani non rivestiti...che cmq vanno benissimo anche quando non sono rivestiti su segmE tedesche no?...mah...
Ritratto di silvano1978
7 gennaio 2018 - 09:09
..e poi....scrivere che le manopole del clima sono quelle della giulietta.....ed in realtà essendo completamente diverse....proprio non centrano nulla....sembra quasi che sia tu a non esserci mai salito......o magari salitoci per curiosità e già stracarico di pregiudizi come molti in italia.....che peraltro continuano a negare pareri di riviste autorevoli provenienti da ogni dove....
Pagine
listino
Le Alfa Romeo
  • Alfa Romeo Giulia
    Alfa Romeo Giulia
    da € 37.300 a € 86.050
  • Alfa Romeo Stelvio
    Alfa Romeo Stelvio
    da € 45.900 a € 95.050
  • Alfa Romeo Giulietta
    Alfa Romeo Giulietta
    da € 23.250 a € 38.500
  • Alfa Romeo 4C
    Alfa Romeo 4C
    da € 65.550 a € 74.600
  • Alfa Romeo MiTo
    Alfa Romeo MiTo
    da € 13.900 a € 22.275

LE ALFA ROMEO PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE ALFA ROMEO

  • Abbiamo partecipato alla celebre “hillclimb” di Goodwood con un’auto d'eccezione: ecco il racconto di una giornata indimenticabile.

  • Serie speciale di 108 esemplari per ogni modello destinate ai collezionisti e in omaggio alle eccellenti prestazioni e relativi record fatti segnare dalle Quadrifoglio sulla pista del Nürburgring. Qui per saperne di più.

  • Può una suv andare forte sul circuito del vecchio Nürburgring: sì se si chiama Stelvio Quadrifoglio con il suo 2.9 V6 da 510 CV e un telaio sviluppato anche su questo tracciato. Qui per saperne di più.