Opinione

Pubblicato il 30 novembre 2011
Qualità prezzo
4
Dotazione
4
Posizione di guida
4
Cruscotto
4
Visibilità
2
Confort
4
Motore
5
Ripresa
5
Cambio
4
Frenata
5
Sterzo
5
Tenuta strada
5
Media:
4.25
Perchè l'ho comprata o provata
Come ogni acquirente prima di effettuare la scelta della propria auto mi sono documentato su quasi tutti i modelli che rispondevano alle mie esigenze e al mio budget. Cercavo un'auto di dimensioni comprese tra 4,00-4,50 m di lunghezza e con un motore diesel da 1,5 o 1,6 litri. Dopo aver effettuato un'ampia analisi tra le varie auto (anche grazie alla ricerca avanzata offerta online da "Al Volante"), quelle prese in considerazione alla fine sono state 5: Audi A1, Audi A3 Sportback, Renault Megan Coupè, Volkswagen Golf VI e Alfa Romeo Giulietta. Così mi sono recato nelle varie concessionarie ufficiali e dopo aver fatto un preventivo ho avuto il piacere di fare un test drive sull'Audi A3 Sportback (in allestimento Ambition), sulla Volkswagen Golf (in allestimento Highline) e sull'Alfa Romeo Giulietta (in allestimento Distinctive). La Renault Megan e l'Audi A1 sono state subito da me scartate principalmente perché avevano un divano posteriore poco accogliente e comodo per i passeggeri. I vari test drive mi hanno permesso di apprezzare i pregi delle tre auto (tutte equipaggiate con un 1600 da 105 cavalli) e inaspettatamente a colpirmi di più è stato il MultiJet di casa Fiat. Infatti rispetto alle due tedesche aveva quello sprint in più, ottenuto in modalità Dynamic grazie all'aumento della coppia, che mi ha fatto letteralmente innamorare della Giulietta. Dal sound sembra un'auto di cilindrata superiore ed altrettanto anche per l'accelerazione e la tenuta di strada che da una grande sensazione di sicurezza. Infine ad aiutarmi ancora nella scelta, oltre alle sensazioni ricevute dai test drive, mi sono state utili altre considerazioni più o meno rilevanti. Infatti, siccome sono un giovane molto attento alla moda e al design, ho subito pensato che a breve (nel corso del 2012) sarebbero uscite nuove versioni delle attuali Audi A3 e Volkswagen Golf, per cui nel giro di anno (dato che l'auto è stata acquistata nel mese di giugno del 2011) molto probabilmente mi sarei ritrovato con un modello oramai fuori commercializzazione. Il lancio della Giulietta invece risaliva a poco più di un anno prima ed il design è un vero misto di sportività ed eleganza tipico delle Alfa Romeo. Le linee sono ben disegnate, i fari anteriori e posteriori (a led) si integrano bene nel design dell'auto rendendola più "accattivante". Dopo un'attenta analisi ho confrontato i tre preventivi completi dei vari optional che ritenevo "utili" per la mia auto e sono arrivato alla conclusione che l'Alfa Romeo Giulietta era proprio l'auto che faceva per me!! La tedesca di casa Volkswagen era quella che più si avvicinava al prezzo della Giulietta mentre il prezzo dell'Audi A3 lievitava considerevolmente con l'aggiunta di alcuni optional a mio avviso irrinunciabili per un'auto del genere.
Gli interni
Gli interni della Giulietta sono ben fatti, i materiali di alta qualità e ben assemblati ed i sedili sportivi ed avvolgenti sono comodi sia per il guidatore che per i passeggeri. La posizione di guida è ottimale e gli elementi sul cruscotto (che forniscono tutte le informazioni necessarie grazie al computer di bordo posto tra il tachimetro e il contagiri) sono ben visibili sia di giorno che di notte (merito anche all'illuminazione matrix di serie). Il sistema di radionavigazione è del tipo a scomparsa (optional) e si integra bene con il cruscotto dell'auto che è composto di una fascia di acciaio scuro (optional presente nel pacchetto Style), la quale dona di un tocco di sportività l'interno del veicolo. Inoltre è possibile sapere se tutte le cinture di sicurezza sono allacciate grazie ad un piccolo display posto centralmente in alto sopra lo specchio retrovisore. La visibilità anteriore è buona mentre lascia a desiderare quella posteriore a causa del lunotto di piccole dimensioni. Sono di obbligo i sensori di parcheggio (di serie già dalla versione Distinctive). Il baule dell'auto ha una buona capacità e una soglia più o meno bassa che facilita il carico/scarico di bagagli pesanti.
Alla guida
Sin da quando ci si siede al volante della nuova Giulietta si ha una sensazione diversa. Come da vera Alfa il "piccolo" 1,6 litri ha sorpreso sin da subito le mie aspettative. È come se si avessero due auto in una. Infatti con il sistema "dna" è possibile gestire la modalità di guida dell'auto. In modalità N (che sta per Natural) l'assetto dell'auto è di tipo "normale" ed adatto cioè al traffico cittadino di tutti i giorni. Già in questa modalità il motore spinge forte sin dai 1500 giri grazie all'efficiente motore multijet che eroga una coppia di 280 Nm. I consumi sono da berlina e sfiorano i 15 km/l in città ed i 22 km/l in autostrada. A tenere sotto controllo i consumi affinchè si possano ridurre il più possibile c'è un indicatore di cambiata che suggerisce quando cambiare la marcia per consumare di meno. Inoltre in città il sistema Start-Stop taglia consumi ed emissioni al semaforo. Davvero niente male!! In modalità D (ovvero Dynamic) la Giulietta si trasforma erogando una coppia di 320 Nm a 1750 giri. È qui che ci si sente alla guida di una vera Alfa. Le sospensioni si irrigidiscono, lo sterzo diventa più preciso, la risposta del motore diventa più veloce ed aumenta anche la prontezza della frenata grazie anche al nuovo sistema a "Pre-fill". I consumi in questa modalità aumentano inevitabilmente soprattutto se si tende a schiacciare fino in fondo l'acceleratore... Infine la modalità A (ovvero All Weather) si inserisce esclusivamente se si sta marciando su fondi a bassa aderenza. Infatti i sistemi di sicurezza (come il VDC e l'ASR) intervengono più velocemente e il controllo della trazione viene accentuato per garantire una migliore tenuta di strada in condizioni di scarsa aderenza. A mio giudizio credo proprio che non si possa richiede di più ad un'auto che si adatta ad ogni genere e condizione di guida.
La comprerei o ricomprerei?
Beh scontata la risposta. . Comprerei e consiglierei quest'auto a qualsiasi persona, che come me, è amante dell'eleganza e della sportività, del design e della sicurezza (5 stelle Euro NCAP) e che... (ahimè) fa attenzione ai consumi anche se bisogna comunque saper dosare bene l'acceleratore perché divertirsi troppo in modalità Dynamic costa un numero maggiore di soste al distributore!! Testatela per provare le emozioni che solo una vera Alfa vi sa regalare e condividere così i piaceri di guida (anche a me oscuri prima dell'acquisto della Giulietta) che solo un alfista può provare!!!
Alfa Romeo Giulietta 1.6 JTDm Distinctive
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
18
7
3
0
1
VOTO MEDIO
4,4
4.413795
29


Aggiungi un commento
Ritratto di raf992
12 febbraio 2012 - 11:32
Eh si Tony hai ragione per quanto riguarda il navigatore in quanto potrebbe creare problemi di visibilità ai "più bassi" ma forse regolando un pò il sedile in altezza si riuscirebbe ad ottenere una migliore visuale. Giusta osservazione per quanto riguarda la "N" che sta per NORMAL. Anche io prima di provarla credevo che il 1.6 jtdm da 105 cavalli fosse sottodimensionato ma mi sono subito ricreduto anche se schiacciando troppo l'acceleratore i consumi, rispetto al 2.0 da 140 cv, lievitano tantissimo!! Infine aggiungo che dopo circa 9 mesi anche io sono ancora convinto di aver fatto la scelta giusta e sono contentissimo della mia auto!! =D
Ritratto di delfino84
26 febbraio 2012 - 10:17
bella prova, ottima scelta, il motore un pò meno.
Ritratto di werdas1
2 marzo 2012 - 18:01
é un'alfa? si certo ha il marchio Alfa è un ottima auto ma dove sono i quadrilateri anteriori i pesi 50/50 il cambio posteriore i dischi sospesi le valvole al sodio alimentazione singola basamento in alluminio barre di torsione invece che le molle, tutto questa tecnologia negli anni ottanta era molto sofisticata e piena di problemi come tutte le cose sofisticate,pero' si distingueva da altre auto piu' semplici forse piu' prestazinali ma meno sportive,oggi qesta tecnologia si puo' trovare sulla C8(maserati) esagerata in quanto a costi. Comunque brava Fiat a diversificare pero' ci vorrebbe piu' coraggio!
Ritratto di Gioker
6 luglio 2012 - 21:13
ciao! vorrei farti 1 domanda: il sedile del passeggiero anteriore è regolabile in altezza, anche solo manulamente? (nell'allestimento distintive liscio senza optional)
Ritratto di raf992
7 luglio 2012 - 17:25
no, purtroppo nn lo è
Ritratto di Eccellenza
23 novembre 2012 - 20:55
Come auto di tutti i giorni ho comprato una Giulietta 1.6 a gasolio in allestimento progression. Devo dire che sono entusiasta. E' perfetta e la ricomprerei in allestimento exclusive . Guidarla, anche e soprattutto per lavoro, è divertentissima. E dire che ho una classe c sw superaccessoriata comprata nuova nel 2011 per le lunghe distanze .... E' la mia seconda Alfa - prima avevo una 156 sw - e devo dire: complimenti avanti così. La fantascienza fumogena delle auto tedesche è solo uno specchietto di limitata superiorità. Ottima auto.
Pagine
listino
Le Alfa Romeo
  • Alfa Romeo Giulietta
    Alfa Romeo Giulietta
    da € 22.100 a € 30.950
  • Alfa Romeo Stelvio
    Alfa Romeo Stelvio
    da € 48.000 a € 100.500
  • Alfa Romeo Giulia
    Alfa Romeo Giulia
    da € 46.000 a € 90.500

LE ALFA ROMEO PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE ALFA ROMEO

  • L’Alfa Romeo Giulia GTAm (come la “sorella” GTA) ha 540 CV ed è pensata per l’uso in circuito ma non delude su strada. Prestazioni e facilità di guida impressionano; ma qualche regolazione elettronica andrebbe affinata. Qui per saperne di più.

  • Raikkonen e Giovinazzi hanno preso parte allo sviluppo delle berline, lavorando su aerodinamica e assetto. Qui per saperne di più.

  • Per i suoi 110 anni l’Alfa Romeo ha presentato al museo sportivo di Arese la versione più pepata della sua berlina e ha mostrato le sale dell’esposizione non accessibili al pubblico.