Maserati Ghibli 3.0 V6 Diesel 250 CV

Pubblicato il 2 aprile 2016
Ritratto di rfantoni
alVolante di una
Maserati Ghibli 3.0 V6 Diesel 250 CV
Maserati Ghibli
Qualità prezzo
3
Dotazione
2
Posizione di guida
5
Cruscotto
4
Visibilità
4
Confort
5
Motore
5
Ripresa
5
Cambio
5
Frenata
5
Sterzo
5
Tenuta strada
5
Media:
4.4166666666667
Perché l'ho comprata o provata
Sono un ex cliente Mercedes, marchio per il quale provo solo gratitudine per l'ottimo prodotto e per l'organizzazione dell'assistenza, ho pensato di acquistare di nuovo un prodotto italiano, anzi, della mia città: Modena, Troppe sono state le delusioni avute alle più recenti auto del marchio Lancia, marca che ho scelto fin dal rilascio della patente nel lontano 1970, fino alla K turbo, imparagonabile alle precedenti Fulvia e Statos e Thema dell'era Ghidella) per poi arrendermi, felicemente, alla stella sul cofano. Dopo aver percorso più di 8.500 KM con la Ghibli senza inconvenienti, le migliorie, che non sono poche, rispetto il MY 2013 ed il MY2015 che ho avuto la possibilità di provare, denotano un sensibile miglioramento.
Gli interni
Non sono della qualità che ci si aspetterebbe da un'auto di tale blasone. I sedili sono comodi e trattengono bene in curva la visibilità anteriore è condizionata dai montanti e dalla parte inferiore del retrovisore. Stona ancor di pià che, nell’equipaggiamento di serie, non sia possibile regolare in altezza il sedile del passeggero. L'abilità posteriore accoglie in tutta comodità 2 passeggeri e, vista una certa difficoltà ad inquadrare le auto che seguono, ho rimosso il poggiatesa centrale migliorando la visibilità. Tutti i comandi sono a portata di mano e ben disposti, ma il comando del devioluci è paragonabile al modello che equipaggia modelli di fascia molto più bassa, per non parlare del navigatore, ormai obsoleto vista la diffusione degli smartphone e non aggiornato.
Alla guida
Semplicemente fantastica. Il motore, rispetto alle versioni precedenti, è più “pastoso e progressivo”. Il propulsore penso sia difficilmente migliorabile, tenendo presente che le due bancate sono servite da un unico turbo: sviluppa già così una potenza ed una coppia più sufficienti. Il merito lo attribuirei al disegno delle testate, credo progettate dal team dell’ing. Martinelli. Il cambio ZF è perfetto: mi ricorda quello ad innesti frontali montato sulla mia Lancia Fulvia rallye 1,6 HF “fanalone” e sulla Stratos. L’insonorizzazione è migliorata, rispetto ai MY precedenti, nonostante il rumore di rotolamento maggiore dovuto alle gomme termiche. L’impianto frenante con dischi e pinze Brembo è quanto di meglio si possa trovare sul mercato per efficacia, modulabilità e sicurezza. L’assetto e la tenuta di strada, anche con i cerchi da 18” che ho scelto non per micraniosità ma per ottenere un’omogeneità di risposta nella guida turistica che, dato il volume e la qualità del traffico attuale, è l’unica possibile, sono di prima classe. Le caratteristiche dello sterzo che non mi fanno rimpiangere il perfetto comando Mercedes. I consumi sono eccellenti in ogni condizione: la possibilià di modificare la mappatura del motore è interessante, ma la dolcezza di funzionamento in posizione I.C.E è impagabile, così come poter scegliere l’uso manuale del cambio che, in certe condizioni, migliora ulteriormente i consumi ed aumenta la silenziosità. I vetri Saint Gobain, già presenti nella Lancia Thema dell’era Ghidella, dovrebbero, ma bisognerà aspettare l’esate per esserne certi, filtrare adeguatamente i raggi UVA e quindi ridurre la temperatura interna. Il design è inarrivabile per la concorrenza.
La comprerei o ricomprerei?
A mio parere Maserati dovrebbe essere come un abito di sartoria e non un prodotto con scelte di pacchetti incoerenti e obbligati (es. sensori di parcheggio + navigatore – di scarsissima qualità - e non la retrocamera, anche se non di cristallina qualità). In conclusione: non so se la ricomprerei, ma qualora Maserati intervenisse a mitigare i problemi elencati, sono sicuro che non solo la ricomprerei, ma la consiglierei vivamente.
Maserati Ghibli 3.0 V6 Diesel 250 CV
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
11
6
1
0
0
VOTO MEDIO
4,6
4.555555
18
Aggiungi un commento
Ritratto di Highway_to_Нell
4 aprile 2016 - 05:16
Per violazione della policy del sito.
Ritratto di SuperMaserati
5 aprile 2016 - 16:14
@Higway Ma ti rendi conto di quanto tu sia cafone?? Certo neppure io, come scriverò sotto, condivido la scelta del diesel, ma trovo che ci siano più modi per esprimere un concetto e trovo che esso vada motivato, un'altra volta la tua becera cafonaggine ha trionfato sulla finezza e sulla conoscenza automobilistica.
Ritratto di Beta Montecarlo
4 aprile 2016 - 08:53
Ottima prova, molto precisa e estesa. Concordo praticamente su tutto.
Ritratto di maxstilo
4 aprile 2016 - 12:24
Ottima prova e ottima auto. Descrivi molto bene la vettura e non tralasci i difetti, di solito quando si valuta la propria nuova vettura non si notano difetti, poi con il tempo si diventa più sinceri e si ammettono, tu indichi da subito i difetti della vettura e questo ti fa onore. La vettura è stupenda l'unica cosa che non mi piace è il frontale che trovo molto pesante e non filante come il resto dell'auto (ma questo è un mio gusto personale). Non capisco bene perchè il motore di derivazione VM abbia due versioni da 250cv e 275cv, credo sia per il superbollo anche se non penso che chi acquista questo genere di vetture abbia problemi a pagare quei 25cv in più di extrabollo, considerando che le due versioni vengono vendute allo stesso prezzo. Complimenti hai avuto delle vetture stupende anche in passato. Per quanto riguarda la lancia, purtroppo il gruppo Fiat stà relegandolo alla sola ypsilon. Thema (300c) e flavia (200c) sono la prova che il gruppo Fiat vuole rovinare il prestigio di lancia che ha 110 anni di storia, peccato. Qualcuno cercherà di denigrare la tua vettura, ma è solo invidia, ti assicuro che anche io nutro invidia (quella sana e rispettosa) ma non mi lamento ho una golf tgi 2014 e una stilo jtd 2003 (entrambe acquistate nuove e con sacrifici come la casa con il mutuo) non credo che potrò mai acquistare (e tanto meno mantenere) una vettura di almeno 70 mila euro come la tua e la cosa sarebbe impossibile anche da usata visti i costi di gestione. Ancora complimenti.
Ritratto di rfantoni
4 aprile 2016 - 15:07
I 25 CV di differenza non spostano nulla su di una vettura da 2 tonnellate. Il rapporto peso/potenza assume rilevanza quando si usa un'auto da rallye, come è stato durante la mia vita, per correre nel TNR degli anni 70-80. I 160 CV x 780 kg della Fulvia (contro i 114 CVdi serie) e i 240 x 920 Kg della Stratos contro i 190 di serie CV) facevano la differenza. Proprio perchè ho avuto la fortuna di fare queste esperienze, quando avevo 20 anni, che mi hanno fatto capire quali sono i rischi e come si dovrebbe utilizzare al meglio la potenza e la velocità, ho richiesto una configurazione da "barbone" come recita il primo maleducato e probabilmente incompetente primo commentatore. Nel traffico odierno è impossibile, se non assumendosi responsabilità molto gravi verso se stessi e verso gli altri utenti della strada, godere appieno già dei "miseri" 250 CV. La legge Monti, che impone oltre ad un superbollo anche altri noiosi adempimenti fiscali, penalizza la scelta di altre motorizzazioni. Quanto alle spese di manutenzione il costo è in linea con Mercedes e BMW. Il consumo di carburante, consideriamo che si tratta di un 3.0, medio su 9.381 Km è stato di 588 litri per una media di 15,9 Km/litro. La vera incognita è rappresentata dalla nomenclatura ed il prezzo dei pezzi di ricambio. Per nomenclatura intendo p.es. se rompo un trasparente devo cambiare tutte il gruppo ottico ? ( Mercedes ha una scomposizione molto fine dei particolari, quindi è necessario sostiuire il solo elemento interessato dal guasto). Esitse un sito francese http://www.redparts.it/vehicule-61--maserati-ghibli-v6-3.0l-diesel-auto-2014---.html dove è possibile farsi una idea sufficientemente precisa (sono pubblicati i disegni tecnici e l'esplosione dei particolari). Spero di aver dato ulteriori informazioni che potrebbero risultare utili per considerare la Ghibli come auto del segmento premium e non farsi ingannare dal marchio Maserati che, nell'immaginario, richiama auto, quasi sempre coupè che, a mio parere, oggi, alla mia età, sono anacronistiche
Ritratto di SuperMaserati
5 aprile 2016 - 16:26
Rfantoni, non fraintendere amo la Ghibli, ma trovo che in allestimento diesel perda un po' troppo, certo niente superbollo né consumi da benzina, ma neppure vero spirito Maserati. Io da maseratista purista fatico a sopportare tali novità (diesel e soprattutto suv), ma ne prendo atto come lo presero prima di me nel 1963 i puristi vedendo la Quattroporte, l'auto che ora è il simbolo del marchio. In ogni caso non apprezzo questo desiderio di trasformare la migliore casa automobilistica italiana in un brand di massa con i diesel e i suv (ho anche letto che forse verrà prodotto un suv di piccole dimensioni, ma può darsi sia una bufala). Comunque capisco la tua scelta, come quella di altri, di scegliere un diesel, molto più razionale e mantenibile anche se, qualora dovessi acquistare una Ghibli (eccetto la SQ4 ovviamente) prenderei la S da 275 cavalli, prendendo però una vera Maserati con un gran motore. Inoltre aggiungo che hai indubbiamente ragione sul fatto degli optional, non si possono nel 2016 su una tale vettura mettere a pagamento i sensori, anche se comunque una Maserati la compri per passione e piacere di guida, non certo per la tecnologia. Per curiosità: che colori e finiture interne hai preso?
Ritratto di rfantoni
5 aprile 2016 - 16:48
Il colore è blue emozione e l'interno beige chiaro. Uno dei miei obiettivi era aiutare, con il mio modesto contributo, la diffusione di un'auto italiana, anzi emiliana (il motore VM è costruito a Cento di Ferrara) che potesse offrirmi almeno lo stesso servizio delle mie precedenti Mercedes Diesel.
Ritratto di SuperMaserati
5 aprile 2016 - 17:07
rfantoni E che finiture hai scelto? Legno, alluminio o (dimmi di no) fibra di carbonio?
Ritratto di rfantoni
6 aprile 2016 - 11:59
Lacca
Ritratto di alligatorematto
6 aprile 2016 - 11:36
Auto bellissima. Ma non capirò mai il senso del motore a nafta. Insomma, capisco su una berlina media da famiglia o aziendale...ma una vettura sportiva lo trovo pazzesco. Insomma...potessi permettermi di investire almeno 80.000 su una vettura, sono sicuro non avrei problemi a consumare un poco di più e a pagare qualche tassa in piu.
Pagine
listino
Le Maserati
  • Maserati GranCabrio
    Maserati GranCabrio
    da € 137.250 a € 174.672
  • Maserati GranTurismo
    Maserati GranTurismo
    da € 116.246 a € 169.792
  • Maserati Ghibli
    Maserati Ghibli
    da € 72.187 a € 103.837
  • Maserati Levante
    Maserati Levante
    da € 77.108 a € 106.611
  • Maserati Quattroporte
    Maserati Quattroporte
    da € 104.891 a € 133.129

LE MASERATI PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE MASERATI

  • La base è quella di una Maserati, ma la personalizzazione della carrozzeria è totale e ricorda un modello realizzato dalla stressa carrozzeria Touring negli Anni 60.

  • Ecco la versione aggiornata della potente e muscolosa Maserati Ghibli. A cambiare sono i paraurti e, soprattutto, la mascherina frontale.

  • Svolta epocale per la Maserati che svela al Salone di Ginevra la sua prima suv: l'impostazione è sportiva e la dotazione meccanica promette bene.