Toyota Yaris 1.5 HSD Style

Pubblicato il 12 maggio 2019
Ritratto di alessandro brindisi
alVolante di una
Kia Rio 1.0 T-GDi 100 CV Active
Toyota Yaris
Qualità prezzo
2
Dotazione
3
Posizione di guida
4
Cruscotto
5
Visibilità
3
Confort
4
Motore
3
Ripresa
1
Cambio
2
Frenata
3
Sterzo
4
Tenuta strada
4
Media:
3.1666666666667
Perchè l'ho comprata o provata
Non avevo mai guidato un'ibrida e, avendone ora l'opportunità, ho voluto provarla perchè è un'alimentazione che mi interessa molto.
Gli interni
Strumentazioni a display che forniscono un'infinità di informazioni durante la marcia, materiali di pregio e linee avveniristiche: gli interni della Yaris non sembrano quelli di una segmento B. Menzione speciale la meritano i sedili che sono che sono larghi e comodi come una poltrona ma adeguatamente avvolgenti. Nell'era dell'oversizing delle utilitarie, la Yaris sceglie di mantenere le dimensioni ridotte ma non si capisce, allora, come faccia a ricavare un'abitabilità così ampia.
Alla guida
Basta qualche metro di marcia e già ci si abitua all'assenza del pedale della frizione e a non dover usare l'asta del cambio, come se non avessimo fatto altro fino a quel momento. Richiede più tempo, invece, comprendere il funzionamento dell'auto: fino ai 50 km/h nei tratti pianeggianti, l'auto procede in modalità 100% elettrica; si attiva il motore termico quando la centralina rileva un uso più profondo del pedale del gas, ad esempio in situazioni di sorpasso, di salite più ripide o di aumento sensibile della velocità. Nelle frenate e nelle decelerazioni entra in funzione il meccanismo per il recupero dell'energia dal movimento rotatorio delle ruote, con cui si ricarica la batteria. E' necessario sviluppare un diverso stile di guida: con l'ibrido si parla di "veleggiare", che consiste nel mantenere una costante velocità parzializzando con l'acceleratore e nell'anticipare fermate e rallentamenti evitando di frenare nell'ultimo momento possibile. Con una guida oculata è possibile anche evitare il completo scaricamento della batteria. Mi ha davvero sorpreso come la Yaris renda tutto ciò piacevole: a questo punto, al posto della guida brillante, la nuova sfida quotidiana diventa la ricerca del consumo sempre minore. Complice del piacere di guida è uno sterzo così diretto e deciso che non ti aspetti, e che spesso invoglia a fregarsene del veleggiamento per adottare una guida più dinamica: la Yaris permette anche questo, del resto sono pur sempre 100 cv per un peso inferiore ai 1.200 kg, ma bisogna ricordarsi che affondando di colpo sul gas si ottiene il famoso "effetto scooter" (netto ritardo di accelerazione), quindi è meglio procedere gradualmente sia nell'aumento di andatura che nella ripresa. Tenuta di strada ottimale, anzi esagerata nella fase di veleggiamento, e consumo misto che può arrivare ai 25 km per litro: dato da applausi per un benzina di quella potenza. Rumorosità di percorrenza ai minimi storici.
La comprerei o ricomprerei?
Mi aspettavo un'auto noiosa e, invece, ecco pronta un'altra sorpresa del "piccolo mago" Yaris. Un ibrido così può essere il punto di partenza per un futuro (magari più prossimo di quel che pensiamo) in cui non si rimpiange il diesel. Per chi chiede più dinamicità, forse è più adatto un mild hybrid, ma per gli alti chilometraggi questa Yaris fa sicuramente al caso.
Toyota Yaris 1.5 HSD Style
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
3
1
2
0
0
VOTO MEDIO
4,2
4.166665
6
Aggiungi un commento
Ritratto di NITRO75
4 giugno 2019 - 09:15
MA....non saprei. Dopo un anno di utilizzo mi ritrovo molto nella tua descrizione. Sinceramente io provengo da ben tre precedenti vetture diesel e devo dire che un po' di rimpianto legato alla prontezza di risposta dei motori turbocompressi, ce l'ho decisamente. Il dato è tanto più evidente tanto più si affrontano le salite, dove la piccola Yaris non fa certo i miracoli, vuoi per il sistema di trasmissione indiretta (affidata ad un giunto epicicloidale per riuscire a collegare motore termico, motore elettrico ed inverter) vuoi perchè proprio non è nata per fare le salite. Nelle mie trasferte in montagna ti senti davvero impotente e non riesci mai a dosare il gas come vorresti. Come se fosse un interruttore, o è spenta oppure va a palla. Il discorso cambia in discesa dove invece si ottiene il meglio e si procede a termico spento. In merito ai materiali, be, io non li trovo così eccelsi. Le portiere anteriori, nella zona delle maniglie (dove per altro si appoggio il ginocchio) sono "croccanti" e regalano scricchiolii a tutto spiano. Plauso al tendalino che oscura il vetro del tetto (di serie sulla versione Style) davvero realizzato bene e che permette un utilizzo tutto aperto oppure parzializzato. Ciò che apprezzo di più della mia Yaris è lo spazio nel baule, elevato e ben sfruttato se lo si confronta con altri veicoli anche più grandi. Ciò che apprezzo di meno è la posizione di guida, con il volante troppo in mezzo alle gambe. La ricomprerei? Forse no alla fine e magari mi orienterei sulla più grande Auris e potendo C-HR. Bellissima la Rav4, Corolla…..non saprei….luci e ombre…...
Ritratto di alessandro brindisi
15 giugno 2019 - 16:11
1
nitro grazie per il tuo intervento che denota tanta voglia di discutere, grazie davvero. ti dirò: la posizione di guida è, invece, l'aspetto che più mi ha strabiliato della yaris! sulla guida in salita e la mancanza di prontezza ti capisco perfettamente, ma penso anche altro: la guidi da un anno che può essere tanto tempo e può essere anche poco. sai bene che l'ibrido richiede un concetto di guida completamente diverso e magari, dopo un anno, ancora sei riuscito a carpirne tutti i segreti. io dopo un anno sono riuscito a capire come migliorare l'efficienza di un 3 cilindri benzina, essendo che ero abituato da sempre a guidare tutt'altro tipo di motore: figurati tu con l'ibrido, che è un pianeta a parte... dagli fiducia.
Ritratto di Benky
7 giugno 2019 - 10:30
8
La posseggo da un anno ed è affiancata da una Clio Diesel. Oggi mi chiedo come fa la gente a non innamorarsi di un auto ibrida! Non vedo l’ora di cambiare anche la Clio! Magari con una plugin....
Ritratto di alessandro brindisi
15 giugno 2019 - 16:04
1
magari con una mild hybrid
Ritratto di Giorgio085
23 luglio 2019 - 00:30
mild hybrid = finta hybrid.
Ritratto di freaklondon
12 giugno 2019 - 13:24
"per gli alti chilometraggi questa Yaris fa sicuramente al caso"... alti chilometraggi ma non autostradali aggiungerei...
Ritratto di alessandro brindisi
15 giugno 2019 - 16:03
1
perchè?
Ritratto di freaklondon
15 giugno 2019 - 18:00
I vantaggi della tecnologia ibrida si hanno in città. In effetti è x vocazione una city car
Ritratto di alessandro brindisi
19 giugno 2019 - 17:18
1
tuttavia, la yaris ibrida costa un pò all'acquisto e, affinchè sia una scelta conveniente, ci vogliono alti chilometraggi d'utilizzo per ammortizzare.
Ritratto di NITRO75
2 luglio 2019 - 10:47
In autostrada posso dirti tranquillamente che facendo tratti autostradali di circa 100 km…..Torino / Cuneo, posso confermarti che mi stupisce. A velocità di 110/120 km/h con clima acceso, faccio i 22 km/l, come una buona vettura diesel. Quindi di tutto rispetto. Anche sotto questo punto di vista è inattaccabile.
Pagine
listino
Le Toyota
  • Toyota Yaris
    Toyota Yaris
    da € 15.250 a € 23.350
  • Toyota Supra
    Toyota Supra
    da € 67.900 a € 67.900
  • Toyota GT86
    Toyota GT86
    da € 32.000 a € 37.200
  • Toyota C-HR
    Toyota C-HR
    da € 25.150 a € 36.150
  • Toyota Prius+
    Toyota Prius+
    da € 33.050 a € 36.250

LE TOYOTA PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE TOYOTA

  • Davvero maneggevole e con una coppia generosa, la Toyota Supra dispensa forti emozioni. Ma in pista i freni mostrano presto la corda. Qui per saperne di più.

  • La nuova Corolla è la protagonista dello stand Toyota al Salone di Ginevra, dove sono presenti anche la nuova Rav4 e la Prius restyling. Ne parliamo con l'amministratore delegato della Toyota Italia.

  • La Toyota Supra è un nome ben noto agli appassionati: dal 1979 al 2002 le coupé della Toyota si sono succedute in quattro generazioni. Oggi la Supra è tornata con una vettura dalle forme sinuose.