Volkswagen Golf e-Golf

Pubblicato il 26 dicembre 2017
Ritratto di Ivan92
alVolante di una
BMW Serie 3 Active Hybrid 3
Volkswagen Golf
Qualità prezzo
2
Dotazione
5
Posizione di guida
4
Cruscotto
5
Visibilità
4
Confort
5
Motore
5
Ripresa
5
Cambio
5
Frenata
5
Sterzo
5
Tenuta strada
4
Media:
4.5
Perché l'ho comprata o provata
Ho fatto un giro di prova di 3 ore con una e-Golf per provare personalmente l'esperienza di guidare un veicolo elettrico, in passato ho provalo la Renault Twizy ed è stata un esperienza abbastanza deludente, quindi ho voluto riprovarci con una vera automobile.
Gli interni
L'abitacolo è curatissimo in ogni particolare, il cruscotto è piacevole sia alla vista che al tatto, il climatizzatore bi-zona fa egregiamente il suo lavoro anche con il freddo nonostante non ci sia una fonte di calore, i sedili sono comodi, riscaldabili e regolabili con i comandi elettrici, il computer di bordo e il sistema di navigazione sono eccellenti, i comandi vocali funzionano alla perfezione, il tachimetro è completamente digitale e permette di impostarlo a proprio piacimento facendo comparire anche li le mappe del navigatore, dati sull'automobile quali consumi, autonomia, ecc..
Alla guida
Il motore acusticamente è impercettibile, il silenzio nella guida è totale, anche il comfort è eccellente, a differenza della mia Astra OPC le imperfezioni stradali su questa e-Golf non si sentono minimamente. Il motore dispone di 136 cv e 290 nm di coppia, potrebbero sembrare pochi, ma a differenza di un motore termico sul quale per sfruttare una potenza del genere bisogna tirare ogni marcia al limitatore sprecando carburante e facendo molto rumore su questa e-Golf basta affondare l'acceleratore per venire sparati in avanti con tutta la forza disponibile senza fare nessun rumore e senza attirare l'attenzione di nessuno, la ripresa è immediata in qualsiasi condizione e permette di spingere l'auto fino alla sua velocità massima di 156 km/h di tachimetro senza il minimo calo di potenza, velocità limitata elettronicamente per non stressare la batteria. In città la differenza fra questa e-Golf e un auto con motore termico è netta, i consumi della batteria sono bassi, l'accelerazione e la ripresa sono eccellenti e quando ti avvicini ad un semaforo invece di sprecare energia come sulle altre vetture basta tirare la leva del cambio indietro per azionare un freno motore potentissimo per fermarsi senza mai toccare il freno, rigenerando la batteria (si può impostare su 3 livelli, quello più potente è il migliore secondo me), usciti dalla città sulle strade extraurbane l'accelerazione e la ripresa continuano ad offrire un ottimo spunto in ogni situazione, la stabilità della vettura è elevata nonostante la massa maggiore rispetto alle altre Golf e permette di viaggiare allegramente e in sicurezza nonostante questo esemplare monti dei pneumatici invernali stretti (195 65 R15). Come tenuta di strada non ha nulla da invidiare alle altre auto di simile potenza. Anche in queste occasioni il freno motore è una componente geniale e permette di arrivare forti prima di una curva e rallentare senza mai toccare il freno, ma rigenerando la batteria, più forte si va (diminuendo l'autonomia) e più energia si immagazzina nella batteria (aumentando l'autonomia), praticamente l'esatto opposto di ciò che succede quando con un auto con motore termico decidi di divertirti un po'. Anche in autostrada il motore si dimostra brillante e permette di spingere fino al limitatore a 156 km/h (velocità da ritiro patente in Svizzera) senza sentire nessun rumore nell'abitacolo, se non quello del rotolamento dei pneumatici (per nulla fastidioso). Ora parliamo dell'autonomia, il mio test è durato circa 3 ore durante le quali ho guidato molto in città (con abbastanza traffico), un po' sulle strade extraurbane e circa 50 km in autostrada. Non ho mai adottato uno stile di guida ecologico ed ho disattivato il freno motore automatico mantenendo solo il freno motore azionabile manualmente con la leva del cambio. In queste condizioni l'autonomia dell'auto è stata di 220 km, un dato assolutamente positivo considerando che ho usato molto frequentemente tutta la potenza a disposizione.
La comprerei o ricomprerei?
Alla domanda “la comprerei” ho deciso di non rispondere con un semplice si o no, bensì di approfondire il discorso motivando la mia opinione. L'esemplare che ho provato io costa (con tutti gli optional, molti dei quali non ho neanche elencato nella prova) ben 47'500 CHF (oltre 40'000 euro con il cambio attuale), questo prezzo è assolutamente eccessivo per giustificarne l'acquisto. Un prezzo che mi susciterebbe un serio interesse per questa vettura sarebbe di non oltre 35'000 CHF (circa 30'000 euro con il cambio attuale), con gli stessi optional e in condizioni nuove (mai immatricolata), perciò con il prezzo attuale alla domanda “la comprerei” rispondo di no. Tuttavia un auto così fa riflettere su quanto sia rivoluzionaria l'auto elettrica e su quanto la tecnologia futura sarà interessante considerando i risultati attuali, una futura auto ibrida magari su un auto simile alla VW Arteon a trazione integrale con un 2.0 TSI da 280 cv + motore elettrico da 136 cv con lo stesso meccanismo per rigenerare l'energia tramite freno motore sarebbe un auto geniale che prenderei immediatamente in considerazione per affiancarla alla mia attuale automobile. Ad oggi invece l'unica auto completamente elettrica che mi suscita un serio interesse è la Tesla Model S con 772 cv (che sia la P85D, la P90D o la P100D vanno bene tutte) perchè è l'unica auto elettrica con un autonomia realmente sufficiente e con un sistema di ricarica “supercharged” che permette di ricaricare l'80% della batteria in 45 minuti, quindi anche i viaggi di oltre 1000 km non sarebbero un problema. Ma soprattutto perchè ha delle prestazioni eccezionali a costo zero (per gli esemplari immatricolati prima di gennaio 2017) e con uno sconto del 75% sull'imposta di circolazione (quello che in Italia si chiama bollo), in pratica dopo l'ingente somma di denaro spesa per l'acquisto il risparmio futuro è netto, ad iniziare dal prezzo del carburante dove ogni 30'000 km (il mio chilometraggio annuale e superiore) il risparmio sarebbe di almeno 6'000 CHF di carburante spesi per un auto di eguali prestazioni (circa 5'130 euro), che in 10 anni fanno 60'000 CHF, cioè 51300 euro, in pratica il prezzo d'acquisto della Tesla sarebbe ammortizzato della metà solo con il denaro risparmiato per il carburante, senza però rinunciare alle elevatissime prestazioni. E questo fa riflettere parecchio se vale la pena ancora investire denaro per l'acquisto di un auto tradizionale oppure se è arrivato il momento di guardare oltre e pensare al futuro. Vi ringrazio per aver letto la prova.
Volkswagen Golf e-Golf
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
3
3
4
0
2
VOTO MEDIO
3,4
3.416665
12
Aggiungi un commento
Ritratto di Francesco_93
28 dicembre 2017 - 17:16
Bella la prova e molto dettagliata, ma continuo a rimanere perplesso sulle auto elettriche. Parli di un risparmio di 51300 euro in 10 anni di mancato acquisto di carburante: considerati i 30000 km annui e un costo della benzina di 1,5€/l, mi viene un' auto che percorre circa 8/9 km/l. Non citi il prezzo dell' energia elettrica (0,25€/kwh in media?) che moltiplicato per un consumo di 1 kwh per 5 km (consumo medio preso da web) sono circa 15000 euro in 10 anni spesi per l'energia elettrica. Più o meno ciò che spenderesti per il carburante di una Golf a metano (che da listino costa la metà della e-Golf). L'elettrico sposta l'emissione di C02 dalle città ai luoghi di produzione, ma non fa risparmiare follie. Ecco perchè sono dubbioso - i miei dati sono ordini di grandezza, non precisi al centesimo, quindi un po' potrei sbagliarmi.
Ritratto di Ivan92
28 dicembre 2017 - 18:20
6
Ciao Francesco, grazie mille per aver letto la prova. Condivido pienamente il tuo parere quando si tratta di auto come questa e-Golf, i miei conti si riferivano ai modelli Tesla immatricolati prima di metà gennaio 2017 che possono usufruire gratuitamente in tutto il mondo delle colonnine Supercharger (sarebbero come dei “benzinai” gratis dove fare benzina con l'auto normale) e che sono in grado di fare il pieno in poco più di mezzora. Nel mio caso avrei a disposizione un Supercharger a 15 minuti da casa perciò la differenza di spesa per il carburante fra una Tesla Model S da 772 cv ed un altra qualsiasi automobile berlina di eguali prestazioni sarebbe talmente elevata da giustificarne l'acquisto sia dal punto di vista economico (dopo 300'000 km per esempio) sia dal punto di vista pratico (prestazioni, comodità, ecc...). Per questa ragione mi sto seriamente chiedendo se è arrivata l'ora di guardare avanti e acquistare (come prossimo veicolo) un automobile come la Tesla Model S (con il Supercharger gratuito) oppure se bisogna aspettare ancora per vedere in quale direzione si rivoluzionerà l'industria automobilistica (e di conseguenza anche l'alimentazione delle automobili), buona serata!
Ritratto di bridge
28 dicembre 2017 - 21:18
1
@Ivan ma in Svizzera non ci sono dei bonus per chi acquista auto elettriche?
Ritratto di Ivan92
29 dicembre 2017 - 12:20
6
Ciao bridge, purtroppo no, il vero vantaggio lo si ha dopo l'acquisto ad iniziare dall'imposta di circolazione (una tassa equivalente al bollo italiano) che varia da Cantone a Cantone. In Ticino la formula per calcolarla è "[fr. 158 + ( Peso X Potenza KW ) / 560 ] X coefficente 0.7 = " e poi sul totale ottenuto in base alle emissioni si applicano dei bonus o malus, nel caso di un veicolo a emissioni zero si applica uno sconto del 75%, nel caso di un auto come la mia Astra OPC invece si applica un automento del 40%. Questa formula verrà sostituita entro il 2019 con un nuovo calcolo che (e ancora una bozza di legge) prenderà in considerazione solo due criteri per il calcolo dell'imposta di circolazione, per il 70% del calcolo influiranno le emissioni di co2, per il 30% invece il peso della vettura, perciò diventerà estremamente economico avere un auto elettrica performante (per quanto riguarda l'imposta di circolazione) dal momento che la potenza del motore non sarà più un criterio preso in considerazione e grazie alle emissioni zero i vantaggi saranno ancora più netti di adesso.
Ritratto di Leonal1980
25 marzo 2018 - 22:46
3
Scusa e invece delle CO2 non te ne può fregare di meno? Che inciviltà e poco amor per il prossimo.
Ritratto di bridge
28 dicembre 2017 - 21:21
1
Comunque ottima prova. Chiara, precisa, completa e piacevole da leggere.
Ritratto di Ivan92
29 dicembre 2017 - 12:20
6
Grazie mille :-)
Ritratto di Anonimo
Anonimo (non verificato)
31 dicembre 2017 - 15:30
Commento rimosso a seguito della cancellazione dell'utente dal sito.
Ritratto di Ivan92
2 gennaio 2018 - 13:33
6
Grazie mille per aver letto la prova :-) Hai pienamente ragione, anche io trovo molto più pratica la GTE rispetto alla e-Golf, visto che con i suoi (teorici) 50 km di autonomia totalmente elettrica riesce a coprire una buona parte del fabbisogno giornaliero ad emissioni zero senza però il rischio di rimanere senza energia (rischio comunque nullo anche con la e-Golf visto che in giro è pieno di colonnine per la ricarica). Mi dispiace solo che per ora ci sia unicamente l'accoppiata 1395cc da 150 cv + elettrico, con il 1984cc da 245 cv + elettrico sarebbe davvero una bomba mantenendo comunque bassissimi i consumi e le emissioni. Saluti Fxx88
Ritratto di marcoluga
1 gennaio 2018 - 23:37
Complimenti per la prova. Spero che il nuovo sistema di calcolo dell’imposta di circolazione mi porti bene, ho ordinato da poco una c-hr ibrida ;o)
Pagine
listino
Le Volkswagen
  • Volkswagen T-Roc
    Volkswagen T-Roc
    da € 23.100 a € 34.650
  • Volkswagen Arteon
    Volkswagen Arteon
    da € 46.800 a € 55.600
  • Volkswagen Polo
    Volkswagen Polo
    da € 13.600 a € 25.650
  • Volkswagen Touareg
    Volkswagen Touareg
    da € 61.000 a € 76.500
  • Volkswagen Golf
    Volkswagen Golf
    da € 20.700 a € 46.800

LE VOLKSWAGEN PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE VOLKSWAGEN

  • Volkswagen: allo studio una piccola rivoluzione per fari e fanali. Diventeranno sempre più elemento attivo di sicurezza perché possono comunicare informazioni utili. Qui per saperne di più.

  • La Touareg se l'è cavata senza incertezze anche nell'impegnativo deserto marocchino, dove l'abbiamo messa alla prova in offroad. Qui per saperne di più.

  • Si è svolta a “casa” del marchio tedesco la seconda edizione del raduno GTI Coming Home, un grande ritrovo con oltre 4.000 auto. Qui per saperne di più.