Alfa Romeo MiTo 1.3 JTDm 85 CV Distinctive

Pubblicato il 15 gennaio 2016
Qualità prezzo
4
Dotazione
5
Posizione di guida
5
Cruscotto
4
Visibilità
4
Confort
5
Motore
5
Ripresa
4
Cambio
5
Frenata
5
Sterzo
5
Tenuta strada
5
Media:
4.6666666666667
Perché l'ho comprata o provata
L'ho comprata perché è un'auto che mi ha sempre affascinato osservandola passare sulle strade, perché cercavo una vettura giovanile, sicura, con una linea sportiva e allo stesso tempo bella esteticamente, per questo la scelta è ricaduta sulla piccola Alfa Romeo, che queste caratteristiche le soddisfa tutte appieno. Come già precedentemente accennato, esteticamente è davvero fantastica, 4 metri di pura grinta con muscoli filanti che dall'inimitabile trilobo frontale si diramano sul cofano proseguendo poi per le portiere fino a giungere a fanali posteriori a led. Ho trovato di grande effetto la parte inferiore del muso, con le prese d'aria appena separate dal trilobo, al di sotto delle quali si delinea una cornice dalle forme davvero uniche. I fari anteriori seguono lo svilupparsi del cofano, peccato non siano anche questi con tecnologia led. Nel complesso la MiTo esteriormente ha stile da vendere!
Gli interni
Gli interni non sono da meno! La grinta della piccola sportiva trasuda dalla personalità della plancia carbon look, dal volante inconfondibilmente Alfa Romeo con i comandi vocali e il controllo della musica e delle chiamate, dai sedili avvolgenti, dal cambio, dal sistema D.N.A., dal batticalcagno in alluminio marchiato e dal quadro di bordo sportivo e immediato. L'impianto audio lo trovo particolarmente riuscito, con inoltre la possibilità di regolare il volume della radio al variare della velocità. Punti negativi da segnalare sono: il display, la levetta del D.N.A. e i comandi del clima troppo bassi e non così facili da raggiungere, l'attacco della cintura è parecchio indietro (a causa della grandezza della portiera). Peccato anche per il 5 posto (optional), mentre buona risulta la capacità del bagagliaio. I sedili sono molto confortevoli, il volante con la sua impugnatura ben studiata e con i comandi è facile da gestire, la connessione del telefono al sistema UCONNECT è molto intuitiva e facile da utilizzare, i comandi sono attivabili anche con riconoscimento vocale e l'interfaccia bluetooth permette la lettura degli SMS ricevuti, la composizione vocale di un numero o di un contatto da chiamare e con il sistema Audio Streaming si possono ascoltare i file musicali presenti sul telefono o presenti sul web, il tutto senza gli ingombranti fili.
Alla guida
Ecco che arriva il pezzo forte della MiTo: il piacere di guida. La cambiata è rapida, la ripresa è buona, la tenuta è davvero eccezionale: non perde un colpo neanche a velocità sostenute e nemmeno in curva, neppure accelerando decisi in uscita da questa, con ogni tipo di condizione atmosferica. Niente, sempre ruote salde a terra, precise e con ottima aderenza. Questo è quando più mi ha sorpreso di questa vettura. Insomma, un totale controllo per un piacere di guida senza confronti, dettato anche grazie al già citato sistema Alfa D.N.A., il selettore di guida, che agendo su motore, freni, sterzo, cambio, sospensioni e acceleratore si adatta in maniera impeccabile alle condizioni della strada e dell'asfalto. In modalità Dynamic si vive l'essenza della sportività in prima persona: i sistemi di controllo elettrico della trazione si attivano in maniera più discreta, il motore e i freni sono più pronti e reattivi, lo sterzo più diretto e sportivo. Assicuro che questa è la ricetta per generare delle vere emozioni di guida. Spostando poi la levetta in Natural si attiva la modalità urbana, con i consumi più ridotti e la taratura risulta più neutra. Infine la modalità All Weather fa sì che l'intervento di tutti i dispositivi di sicurezza sia anticipato (e devo dire che avendolo provato su neve con gomme non invernali, ho potuto apprezzare anche l'efficienza di questa modalità). Unica nota negativa da segnalare: consumi decisamente più elevati di quelli indicati dalla casa costruttrice. Ma cosa sono i consumi alla fine se paragonati alle emozioni che questa auto è in grado di far provare?
La comprerei o ricomprerei?
Sì, la ricomprerei assolutamente.
Alfa Romeo MiTo 1.3 JTDm 85 CV Distinctive
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
6
1
3
2
1
VOTO MEDIO
3,7
3.69231
13
Aggiungi un commento
Ritratto di Damien Gelmini
20 gennaio 2016 - 00:43
4
Mi sembri un po' troppo generoso nelle valutazioni, alla fine è un utilitaria diesel da 85 cv, non una sportiva. Se non ci fosse scritto a parte dalla prova penserei che si tratti di una 147 GTA dalle parole che usi nella sezione "guida".
Ritratto di MastraPasqua
23 gennaio 2016 - 16:42
Ciao Damien, come fai a dire che non sia sportiva? Su cosa è basata la tua affermazione? Grazie del commento
Ritratto di Mattia Bertero
20 gennaio 2016 - 13:14
3
Bella prova. La MiTo c'è l'ha una mia cara amica però è il 1.4 70 cv. Avevo apprezzato molto il comportamento della vettura grazie ad un ottimo telaio. Però continua a non piacermi ed ormai è vecchia come concezione, in giro ormai la concorrenza offre di meglio. Tra l'altro non avrà un'erede. Un saluto.
Ritratto di RIOC
20 gennaio 2016 - 14:07
Dall'entusiasmo che traspare, direi che la hai comprata da poco. Si, è una buona macchinina, sportiveggiante, originale nelle forme che richiamano il passato remoto dell'Alfa, divertente da guidare perché dotata di una ottima tenuta di strada, e nel caso delle motorizzazioni spinte, veloce. Ma come ogni prodotto, o meglio auto, deve fare i conti con i soliti cigolii e rumori vari dovuti alla usura, che spesso possono diventare fastidiosi. Non condivido il pensiero per ciò che riguarda il sistema audio, che è molto scarso per ciò che riguarda la qualità sonora. Cosa tra l'altro risolvibile sostituendo la fonte sonora, e i trasduttori, con l'aggiunta di una unita per i bassi profondi. Abbastanza razionale la distribuzione dei comandi, anche se non molto ergonomica, sarebbe bastato mettere alcuni comandi come il pulsante per i fendinebbia nel tunnel vicino al freno a mano. Ottimi i sedili sportivi, ma auto comoda solo per due. La ricompreresti subito, usala ancora un po' di tempo. La pensavo come te, ma sinceramente diciamo che molte cose nella bilancia del gradimento comincia a propendere per il no. Comunque rimane una ottima macchina, forse troppo costosa, io la presi perché con la rottamazione la pagai poco più di 12000€, alcuni optional me li regalavano percui fu un interesse, e lo è ancora oggi. Ma a prezzo intero, mah......
Ritratto di carletto86
21 gennaio 2016 - 10:55
sono felice che la tua nuova Mito ti soddisfi, però da quello che hai scritto sembra che tu abbia provato una 4C, è una semplice utilitaria che si guida bene come una Punto o una Corsa, nè più nè meno. ciaoo
Ritratto di MastraPasqua
22 gennaio 2016 - 14:59
Ciao Carletto, devo precisare che anche io la pensavo come te "auto carina, ma non tanto meglio della Punto".. Ma è stato solo provandole entrambe che ho scoperto quanto di più la Mito valesse rispetto alla Punto! mi riferisco in particolare a tenuta, comodità di guida, estetica interna ed esterna, cura dei dettagli, e più che mai la modalità Dynamic di cui già ampiamente parlato. Grazie del commento!
Ritratto di osmica
21 gennaio 2016 - 13:54
DNA - Non sapevo che il dispositivo Dna agisce anche sulle sospensioni! Bella novita'
Ritratto di Buddyz
26 gennaio 2016 - 20:28
2
Mi sembra che agisca sulle sospensioni solamente la versione Quadrifoglio Verde, che ha appunto gli ammortizzatori a controllo elettronico (Alfa Active Suspension).
Ritratto di IloveDR
22 gennaio 2016 - 09:18
4
una prova buona e molto piacevole da leggere, per quanto riguarda l'auto, la ritengo ormai obsoleta e tutto sommato un "giocattolo" per neopatentati...la MiTo ha una linea particolare che si rifà troppo alle AlfaRomeo degli anni '50 (io preferisco la linea più cattiva della 159), però con un alcuni elementi raffinati e unici in auto di questa categoria, come i cristalli delle portiere senza cornice...si vabbè anche la Mini ce li ha...10 anni fa qualcuno ci ha messo tanta passione e tanta professionalità nel progettarla...poi qualcuno negli anni successivi non l'ha saputa vendere, al contrario di Mini...anzi il Capo della Baracca non ha perso occasione per disdegnarla. Buona MiTo...Ciao
Ritratto di Emmanuel Wönhart
22 gennaio 2016 - 15:23
Un mio caro amico ne aveva una full optional,1.4 turbo da 155cv,per carità è un'utilitaria che si guida bene e che da qualche soddisfazione però non la definirei sportiva,anche perché esteticamente sembra un tapiro...sono comunque d'accordo con gli interni perché il carbon look della plancia mi è sempre piaciuto e i sedili erano comodi
Pagine
listino
Le Alfa Romeo
  • Alfa Romeo Stelvio
    Alfa Romeo Stelvio
    da € 47.450 a € 95.050
  • Alfa Romeo Giulietta
    Alfa Romeo Giulietta
    da € 23.250 a € 38.500
  • Alfa Romeo 4C
    Alfa Romeo 4C
    da € 65.550 a € 74.600
  • Alfa Romeo MiTo
    Alfa Romeo MiTo
    da € 13.900 a € 26.500
  • Alfa Romeo Giulia
    Alfa Romeo Giulia
    da € 37.300 a € 86.050

LE ALFA ROMEO PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE ALFA ROMEO

  • L’Alfa Romeo 4C è una sportiva “radicale”, compatta (è lunga 399 cm e alta soltanto 118) e leggera (920 kg: meno di un’utilitaria).

  • L'Alfa Romeo 4C è una vettura senza compromessi, che ha riportato la passione nella gamma del Biscione in attesa dei modelli di grande serie, Giulia e Stelvio. A cinque anni dal suo debutto torniamo a guidarla e vediamo come ha retto al passare del tempo.

  • Abbiamo partecipato alla celebre “hillclimb” di Goodwood con un’auto d'eccezione: ecco il racconto di una giornata indimenticabile.