Lamborghini

Lamborghini
Huracán

da 195.070

Lungh./Largh./Alt.

452/193/117 cm

Numero posti

2

Bagagliaio

100 litri

Garanzia (anni/km)

3/illimitati

In sintesi

La Lamborghini Huracán, la più “accessibile” delle supercar di Sant’Agata Bolognese, è l'erede della Gallardo: infatti adotta un motore con la stessa architettura, un V10 aspirato di 5,2 litri. Il dieci cilindri è montato in posizione posteriore-centrale (alle spalle dell’abitacolo biposto), è costruito dalla Volkswagen e abbinato a un cambio a doppia frizione e sette marce. La Huracán Evo ha la trazione integrale: aiuta a scaricare a terra i 639 CV di potenza (ottenuti a 8000 giri) e i 600 Nm di coppia massima (a 6500 giri). Ma ci sono anche due versioni con la sola trazione posteriore: la Evo RWD, con qualche cavallo in meno (610) e di una trentina di kg più leggera, e la STO, con 639 CV, di impostazione prettamente corsaiola. La Super Trofeo Omologata deriva infatti dalle esperienze compiute nelle competizioni (la Huracán, fra l'altro, ha vinto tre volte la 24 ore di Daytona nella sua categoria) e prevede un'aerodinamica completamente rivista, con prese d'aria aggiuntive, una pinna posteriore per accrescere la stabilità e uno spoiler regolabile manualmente su tre posizioni, per variare l'equilibrio della vettura in base al tipo di percorso e alle preferenze del guidatore. La STO fa poi ampio uso di fibra di carbonio (nella carrozzeria e nei sedili), magnesio (per i cerchi) e altri materiali leggeri, oltre ad adottare un parabrezza più sottile, così da guadagnare 50 kg rispetto alla RWD e arrivare a 1339 kg a secco. Di quasi 30 centimetri più corta della Aventador (la carrozzeria misura 452 cm di lunghezza, è larga 193 cm e alta soltanto 117), la Huracán consente di scegliere fra diversi programmi di marcia per variare la risposta di motore, cambio, sterzo, sospensioni e aiuti elettronici, oltre alla ripartizione della coppia da parte del sistema 4x4 e al funzionamento della sterzatura integrale (anche al retrotreno): si può così privilegiare la reattività nell’uso “estremo” oppure la (relativa) comodità di marcia. Di spiccata impostazione sportiva è anche l’abitacolo, che però non rinuncia a uno stile raffinato e a materiali pregiati: disponibili anche rivestimenti in pelle nappa o Alcantara in numerose combinazioni di colore.

 

Versione consigliata

La Lamborghini Huracán Evo RWD è ottima per chi vuole mettersi alla prova in pista ma al contempo godersi la sua supersportiva anche per qualche viaggetto. La versione a trazione integrale è ancora più prestazionale, ma non necessariamente più intrigante, mentre la STO è l'auto ideale per chi vuole sognare di essere in gara ogni singola volta che la usa, fosse anche per andare al bar. E, ancor più che con le due "sorelle", non correrà proprio il rischio di passare inosservato.  

 

Perché sì

Estetica Alla grinta sfacciata tipica delle “Lambo”, giocata su linee tese e spigolose, si accompagna una notevole armonia d’insieme.

Guida Agile, fulminea in ingresso di curva, con tanti cavalli e ottimamente frenata, è una vettura efficacissima in pista, ma anche relativamente facile su strada.

Tecnologia C’è il meglio in ogni ambito: dal cruscotto digitale ai freni carboceramici, alle sospensioni che si adattano alle condizioni di guida.

 

Perché no

Accessibilità Si sta seduti rasoterra: per calarsi nell’abitacolo serve agilità, considerato pure che il tetto è a soli 117 cm dal suolo.

Praticità Nell’abitacolo può essere un problema anche riporre una giacca, e il bagagliaio è ridotto ai minimi termini.

Visibilità posteriore Il lunotto è quasi orizzontale: indispensabili sensori e telecamera.

 

Lamborghini Huracán
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
304
48
23
18
30
VOTO MEDIO
4,4
4.36643
423

Photogallery