Seggiolino auto per bambini: come usarlo e cosa dice la normativa

Sicurezza
Pubblicato 05 dicembre 2022

Cosa dice il Codice della Strada sul trasporto bambini in auto, dietro e davanti, quali sono i seggiolini omologati e le sanzioni previste per chi viola la normativa.

Quando si parla di trasporto bambini in auto, stiamo parlando di un tema molto importante e delicato, che è quello della sicurezza. Per essere portati a bordo, i bambini devono disporre di apposite sedute e dispositivi di sicurezza, che devono essere omologati, e inoltre bisogna seguire regole che possono cambiare se il piccolino è seduto sui sedili posteriori e nel sedile anteriore accanto a quello di guida. È dunque fondamentale pensare alla tutela dei bambini piccoli in auto poiché, data la loro fragilità, possono risentire di più eventuali urti o rimbalzi determinati da brusche frenate o da uno stile di guida nervoso (che sarebbe in ogni caso da evitare), e quindi è necessario pensare in primis alla loro sicurezza. Come? Tramite i seggiolini omologati e pensati per le loro esigenze, quindi adeguati al loro giusto peso, ma anche tramite l’uso di altri dispositivi che bisogna avere con sé per legge. 

In questa guida affronteremo tutti questi temi, approfondendo anche il tema legato alle sanzioni previste per chi viola la normativa e concludendo con un paragrafo dedicato ai casi particolari. 

NORMATIVA TRASPORTO BAMBINI IN AUTO: COSA DICE IL CODICE DELLA STRADA

Il riferimento normativo che tratta il tema del trasporto dei bambini in auto è l’articolo 172 del Codice della Strada, dedicato all’utilizzo delle cinture di sicurezza e dei sistemi di ritenuta e sicurezza per bambini. 

Qui troviamo scritto quanto segue: “I bambini di statura inferiore a 1,50 metri devono essere assicurati al sedile con un sistema di ritenuta per bambini, adeguato al loro peso, di tipo omologato secondo le normative stabilite dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, conformemente ai regolamenti della Commissione economica per l’Europa delle Nazioni Unite o alle equivalenti direttive comunitarie”. 

I bambini di età fino a 12 anni di età e a 150 centimetri di altezza sono obbligati ad “accomodarsi” su un seggiolino omologato, mentre i bambini di altezza superiore a 150 centimetri possono salire in auto senza usare la seduta e possono sedersi anche sul sedile anteriore.  

A tal proposito, i bambini non possono essere trasportati in auto su un seggiolino di sicurezza rivolto all’indietro su un sedile passeggeri protetto da airbag frontale, a meno che l’airbag non sia stato disattivato

Bisogna tuttavia precisare la presenza di alcune eccezioni: i bimbi che salgono a bordo di un taxi o di un’auto a noleggio con conducente possono viaggiare senza sistemi di ritenuta, ma devono essere soddisfatte due condizioni: 

  • I bimbi devono essere seduti sul sedile posteriore;
  • I bimbi devono essere accompagnati da una persona over 16.


SEGGIOLINI AUTO E SISTEMI DI RITENUTA PER BAMBINI: LE COSE DA SAPERE

Quando si parla di sistemi di ritenuta per bambini si parla dei classici seggiolini auto e di adattatori, ovvero rialzi o alzatine che permettono ai bambini (da un certo peso in su) di utilizzare le tradizionali cinture di sicurezza di cui l’auto è provvista. 

Per quanto riguarda questi sistemi, bisogna fare riferimento ai Regolamenti UNECE attualmente vigenti, ovvero il Regolamento 44 (Versioni 03 e 04), nonché il Regolamento 129 (Versioni 1 e 2). 

Partiamo dal Regolamento 44, che indica il peso dei bambini e quindi i seggiolini ripartiti in Gruppi in base prevalentemente al peso dei piccoli. 

La classificazione è la seguente: 

  • Gruppo 0: fino a 10 kg (fino a 9-12 mesi circa), si tratta di seggiolini per neonati, noti anche come navicelle, che permettono ai piccoli di mantenere una posizione distesa;
  • Gruppo 0+: fino a 13 kg (fino a 15-18 mesi circa), ovvero di ovetti con rinforzi supplementari per testa e gambe; 
  • Gruppo 1: da 9 a 18 kg (fino a 4 anni circa), parliamo di seggiolini fissati ai sedili passeggeri tramite cintura di sicurezza che passano all’interno della seduta, bloccandola al sedile stesso; 
  • Gruppo 2: da 15 a 25 kg (fino a 6 anni circa), vale a dire sedute comprensive di braccioli e schienali, agganciabili tramite sistema Isofix e bloccabili tramite le classiche cinture di sicurezza;
  • b: da 22 a 36 kg (fino a 12 anni circa), ovvero sedute prive di braccioli, ma con rialzi e schienali, che hanno il fine di “alzare” il piccolo, in modo tale da permettergli di utilizzare correttamente le cinture di sicurezza. 


Le età segnate tra parentesi sono ovviamente indicative, perché al dato anagrafico non è necessariamente assegnato un peso specifico, ovvero chi ha 4 anni e pesa 18-19 kg, dovrà utilizzare un seggiolino omologato del Gruppo 2. 

Inoltre, i seggiolini auto devono essere usati fino all’altezza di 1,50 centimetri. È l’altezza il fattore prioritario che impone l’utilizzo obbligatorio del seggiolino o meno, indipendentemente dall’età del piccolo.

Inoltre, una norma introdotta nel 2017 ha stabilito che tutti i bambini di altezza inferiore a 1,25 metri sono obbligati a usare un seggiolino auto con schienale. Pertanto, i sistemi di ritenuta senza schienale potranno essere usati solo dai bimbi che sono più alti di 125 centimetri. 

Il Regolamento UNECE 129, invece, fa riferimento alla statura del bambino. Questa normativa definita anche i-Size, che si affianca al Regolamento UNECE 44 dando quindi una soluzione alternativa ai genitori in cerca di un seggiolino auto, prevede un aumento degli standard di sicurezza tramite la regolamentazione dei seggiolini auto in base all’altezza del bimbo.

La normativa prevede 3 fasi di sviluppo: 

  • I: regolamentazione dei seggiolini auto per i bambini da appena nati a 105 centimetri, con installazione esclusivamente tramite sistema Isofix. Questa I Fase è in vigore dal 2013.
  • II: regolamentazione dei seggiolini auto per i bambini da 100 a 150 centimetri, che prevede l’installazione in auto anche senza agganci Isofix, ma obbligatoriamente con la cintura di sicurezza a tre punti del veicolo. In vigore dal 2017.
  • III: regolamentazione dei seggiolini auto per i bambini da appena nati a 105 centimetri, con installazione con le cinture di sicurezza a 3 punti del veicolo. In vigore dal 2018.


Tutte le informazioni sull’omologazione sono indicate su un’apposita etichetta che è affissa al seggiolino. Questo certificato contiene alcuni codici e sigle, che hanno dei significati specifici: 

  • Universal: utilizzo universale, ovvero su tutti i veicoli;
  • Kg: indica il peso massimo supportato; 
  • E + Numero: il marchio di omologazione dell’Unione Europea, più il numero che identifica il Paese che ha rilasciato l’omologazione (nel caso dell’Italia, il numero è il 3);
  • 04 + altri numeri: i primi due numeri (04) indicano il riferimento alla normativa, nel caso dello 04 è quella più recente, mentre i numeri seguenti rappresentato il numero progressivo di produzione.


COS’È L’ISOFIX

Il sistema Isofix è un sistema internazionale standardizzato che serve ad ancorare il seggiolino auto per bambini al veicolo stesso. Si tratta di un sistema molto più efficiente e sicuro rispetto a quello più classico delle cinture di sicurezza, perché se queste ultime proteggono prevalentemente il passeggero, il sistema Isofix aggancia l’intero corpo del seggiolino all’auto, diventando a tutti gli effetti un sedile passeggero in più.

TABELLA RIEPILOGATIVA GRUPPI SEGGIOLINI

Riepiloghiamo nella seguente tabella i vari Gruppi omologati di seggiolini esistenti e i criteri che li definiscono. 

GRUPPO

PESO 

ETÀ (FINO A)

NOME/TIPO

0

Fino a 10 kg

9-12 mesi

Navicella/Seggiolino

0+

Fino a 13 kg

15-18 mesi

Seggiolino

1

9-18 kg

4 anni

Seggiolino

2

15-25 kg

6 anni

Seggiolino/Alzata

3

22-36 kg

12 anni

Alzata

 

TRASPORTO BAMBINI IN AUTO DAVANTI O DIETRO?

La migliore posizione per il trasporto dei bambini in auto? Stando alle statistiche è quella posteriore centrale perché è situata lontana dai lati dove possono avvenire impatti, quindi è alla massima distanza da un possibile punto di contatto e collisione.

In realtà, questa posizione è anche la più scomoda, anche perché la sicurezza di questa posizione è garantita soprattutto dal sistema Isofix, e visto che la distanza tra due agganci Isofix segue uno standard universale e il posto centrale è generalmente più stretto rispetto ai due laterali, non è così frequente disporre degli agganci di questo sistema anche nella posizione posteriore centrale. 

La seconda posizione più sicura e sicuramente la più comoda per il trasporto bimbi in auto è quella posteriore lato passeggero o marciapiede. Prima di tutto perché è lontana dai flussi del traffico, se non si contano gli incroci o le rotatorie, in secondo luogo perché è più comodo far accomodare il piccolo e al tempo stesso uscire dal seggiolino. 

La posizione posteriore meno sicura, infine, è quella lato guidatore, perché statisticamente è quella più propensa a ricevere urti e collisioni. 

E il posto davanti, ovvero a fianco del guidatore? La legge non vieta in alcun modo il posizionamento del seggiolino sul sedile anteriore al lato del guidatore, a condizione che l’airbag sia stato disattivato e che il seggiolino sia posizionato in senso opposto a quello di marcia

In ogni caso, la cosa fondamentale alla quale prestare attenzione, oltre ad avere un seggiolino auto omologato in base alle caratteristiche del nostro piccolo, è quella di installarlo correttamente. Una volta sistemato, è sempre bene controllare che non si muova e che sia ben fissato: spesso, questa operazione di controllo è agevolata da alcuni sistemi interni al seggiolino che, in base o al colore o a uno scatto, indicano che la seduta è stata fissata correttamente. 

SANZIONI

L’articolo 172 del Codice della Strada dedica un comma anche alla sanzioni previste per chi non utilizza i dispositivi di ritenuta per bambini: la sanzione amministrativa prevista è una multa di importo compreso tra 83 € e 333 €. In aggiunta a ciò, al conducente, che in quel momento è tenuto alla sorveglianza del minore e all’applicazione delle regole, subirà anche una decurtazione di 5 punti dalla patente

In caso di recidiva nell’arco di un biennio, è prevista anche una ulteriore sanzione amministrativa accessoria, che prevede la sospensione della patente da 15 giorni a 2 mesi

Invece, chi altera i sistemi di ritenuta, sia a livello estetico sia di funzionamento, sarà tenuto a pagare una multa di importo compreso tra 41 € e 167 €. Infine, chi commercializza seggiolini non omologati, sarà tenuto a pagare una multa ben più salata, tra 866 € a 3.464 €

QUANDO SI PUÒ USARE L’ALZATINA IN AUTO?

La cosiddetta alzatina, o rialzo, noto anche come “booster”, appartiene al Gruppo 3 di omologazione, quindi è riservato ai bambini fino a 12 anni di età circa, che hanno un peso da 22 a 36 kg e un’altezza inferiore a 150 centimetri. Queste alzatine, come è facilmente intuibile dal nome, hanno il fine di “alzare” il piccolino, per consentirgli un utilizzo corretto delle cinture di sicurezza. Sono sprovviste di braccioli e per funzionare correttamente e in maniera completa prevedono l’utilizzo delle cinture di sicurezza.

Una recente revisione della normativa europea R44/04 risalente al 2017, ha disposto l’obbligo della presenza di schienale per le alzatine per i bambini di altezza inferiore a 125 centimetri. Se dopo i 12 anni il bimbo non ha ancora superato quest’altezza, allora potrà usare l’alzatina priva di schienale e ovviamente con le cinture di sicurezza adeguatamente e opportunamente fissate. 

E I SEGGIOLINI TRIVALENTI?

Poi ci sono anche i seggiolini trivalenti, che coprono gli ultimi 3 Gruppi (1, 2 e 3), provvisti di schienale, braccioli o rinforzi e protezioni laterali e poggiatesta regolabile. Praticamente supportano da 9 a 36 kg e, a livello anagrafico, partono da 8 mesi/1 anno e arrivano fino ai 12 anni di età.  

Può essere considerato un risparmio importante e una scelta azzeccata, soprattutto se si viaggia molto, tuttavia, come la maggior parte dei dispositivi che tendono a inglobare tutte le esigenze in un solo posto, non sono particolarmente raccomandate, soprattutto per i bambini più piccoli, ovvero al di sotto dei 3 anni di età, perché il livello di protezione può risultare minore rispetto a un seggiolino omologato e pensato proprio per quelle età e per quei pesi specifici. 

QUANDO UN BAMBINO PUÒ VIAGGIARE IN AUTO SENZA SEGGIOLINO?

Un bambino è obbligato a viaggiare in auto a bordo di un seggiolino omologato finché non raggiunge l’altezza di 150 centimetri. Se ha superato l’età di 12 anni, ma è ancora più basso di 1 metro e mezzo, dovrà continuare a utilizzare il seggiolino. Se invece ha meno di 12 anni, ma è già più alto di 150 centimetri, potrà viaggiare in auto senza seggiolino. Insomma, è l’altezza a imporgli l’utilizzo del seggiolino o a liberarlo da esso: fino ai 150 centimetri, si sarà obbligati a usare un seggiolino omologato.

DISPOSITIVI ANTI ABBANDONO: OBBLIGHI E SANZIONI

A causa di alcuni tragici fatti di cronaca che hanno riguardato la morte dei bimbi in auto per abbandono da parte dei genitori, spesso dovuto a dimenticanze, il governo ha deciso di varare una legge per rendere obbligatorio un dispositivo anti abbandono, che potesse allarmare i genitori nel caso in cui si “dimenticassero” del figlio in auto. Se un genitore va via e chiude l’auto e sul seggiolino resta il bambino, il dispositivo rileva la presenza di quest’ultimo e manda un segnale di allarme al genitore e a un altro paio di numeri di telefono. 

Il dispositivo anti abbandono è obbligatorio fino ai 4 anni di età e può essere integrato nel seggiolino auto o essere un accessorio a parte. 

Per non farsi sorprendere dalle forze dell’ordine e da eventuali multe e sanzioni, è molto importante verificare il corretto funzionamento di questo dispositivo, che ovviamente dovrà risultare attivo. 

Il dispositivo dovrà infatti attivarsi automaticamente ogni qualvolta il bimbo si siede sul seggiolino e inoltre deve essere in grado di trasmettere un segnale di allarme, dal punto di vista sonoro, visivo o percettivo (ad esempio come vibrazione) che sia percepibile sia all’interno sia all’esterno dell’auto (generalmente è connesso tramite bluetooth allo smartphone). Ovviamente il dispositivo deve funzionare con il seggiolino, quindi tramite il suo meccanismo di sensori e componenti elettroniche, deve saper riconoscere quando il bimbo è in auto o meno. Altro aspetto più importante è la conformità alla normativa UE e quindi la marcatura CE. 

Le sanzioni per chi non utilizza questo dispositivo è una multa da pagare di importo compreso tra 83 € e 333 €

COME TRASPORTARE 3 O PIÙ BAMBINI IN AUTO

In caso di famiglie numerose le cose si complicano. Magari non ci si pensa, ma tanto per fare un esempio, se si hanno 4 figli, è bene pensare prima della nascita del quarto ad acquistare una macchina più spaziosa e con più posti passeggeri. 

Con 3 bambini piccoli ce la si può ancora cavare, montando un seggiolino sul sedile anteriore lato passeggero e gli altri due sui sedili posteriori, uno lato marciapiede e uno lato guidatore. In questo caso l’altro eventuale adulto sarà costretto a sedersi sul sedile posteriore centrale. Inoltre, è bene sapere che esistono modelli di auto che presentano una parte posteriore più ampia e spaziosa e quindi sono equipaggiati con 3 sistemi Isofix.

L’alternativa è acquistare un’auto più spaziosa e omologata per il trasporto di oltre 5 persone

TRASPORTO BAMBINI IN AUTO IN GERMANIA, SPAGNA, AUSTRIA, ETC. 

La normativa a cui abbiamo fatto riferimento sopra è una normativa europea, quindi è vigente in tutti i Paesi dell’Unione. Possono esserci alcune differenze in merito ai requisiti e ai criteri anagrafici o di altezza da Paese a Paese. 

Ad esempio, in Germania e in Svizzera il regolamento prevede che il bimbo in auto sia seduto su un dispositivo di sicurezza omologato fino all’età di 12 anni e fino all’altezza di 150 centimetri, come in Italia. 

In Spagna, il requisito anagrafico resta quello dei 12 anni, mentre il criterio di altezza scende a 135 centimetri. In Austria, oltre al requisito di altezza (che scende anch’esso a 135 centimetri), sale il requisito anagrafico (14 anni).



Aggiungi un commento
Ritratto di Ricci1972
5 dicembre 2022 - 08:44
Un servizio sulla sicurezza in auto ed in una foto si vede una famiglia allegra in un'auto senza poggiatesta...contenti loro!!
Ritratto di Quello la
5 dicembre 2022 - 10:52
Probabilmente per fare in modo che in foto si vedessero i visi sorridenti dei genitori. Comunque concordo con il caro Ricci: da brividi.
Ritratto di Blueyes
5 dicembre 2022 - 10:32
1
avevo letto che i dispositivi anti-abbandono di fatto non erano obbligatori perchè mancavano dei decreti attuativi, deduco che invece lo siano, giusto?
Ritratto di desiand
6 dicembre 2022 - 00:00
5
Siete sicuri di aver scritto la cosa giusta: “La legge non vieta in alcun modo il posizionamento del seggiolino sul sedile anteriore al lato del guidatore, a condizione che l’airbag sia stato disattivato e che il seggiolino sia posizionato in senso opposto a quello di marcia.” Da come la sapevo io, solo i seggiolini del gruppo 0 vanno messi in senso opposto e di conseguenza bisogna disattivare l’airbag. Gli altri seggiolini vanno mesi nel senso giusto e va tenuto attivo l’airbag, con l’accortezza di tenere il sedile un po’ più indietro. Mi sbaglio?
Ritratto di Blueyes
7 dicembre 2022 - 16:44
1
anche io la so così.
Ritratto di fastidio
6 dicembre 2022 - 13:36
7
“I bambini di età fino a 12 anni di età e a 150 centimetri di altezza sono obbligati ad “accomodarsi” su un seggiolino omologato, mentre i bambini di altezza superiore a 150 centimetri possono salire in auto senza usare la seduta e possono sedersi anche sul sedile anteriore". Quindi mio figlio di 9 anni ma che ormai è alto 150 cm potrebbe stare senza seggiolino? Effettivamente ormai nel seggiolino non ci sta più tanto dentro..
Ritratto di Andre_a
6 dicembre 2022 - 13:53
...e se invece uno non arriva al metro e cinquanta neanche da adulto? Sul seggiolino a vita?
Ritratto di fastidio
9 dicembre 2022 - 13:30
7
Non è sbagliato effettivamente come ragionamento! Qualche anno fa ero andato a vedere una Z3 usata da una signora non troppo alta (sarà stata 140 cm) e sul sedile di guida aveva un accrocchio pericolosissimo fatto di cuscini in modo che potesse vedere fuori dal parabrezza e raggiungere i pedali..forse un seggiolino le sarebbe andato meglio!

DA SAPERE PER CATEGORIA

listino
Le ultime entrate
  • BYD Seal U
    BYD Seal U
    da € 42.890 a € 45.890
  • Peugeot Rifter
    Peugeot Rifter
    da € 26.500 a € 30.600
  • MG 3
    MG 3
    da € 19.990 a € 23.490
  • Dacia Duster
    Dacia Duster
    da € 19.700 a € 27.900
  • Cupra Born
    Cupra Born
    da € 41.700 a € 46.350

PROVATE PER VOI

I PRIMI CONTATTI

  • Mercedes CLE Cabrio 220 d AMG Line Premium Plus
    € 82.012
    La versione cabriolet della Mercedes CLE con il 2.0 a gasolio spinge a dovere ed è silenziosa a tutte le velocità. Sofisticati gli accessori, ma molti vanno pagati a parte.
  • MG 3 1.5 Hybrid+ Luxury
    € 23.400
    La MG 3 è un’utilitaria full hybrid accogliente, brillante e offerta con prezzi allettanti, a partire da 19.990 euro. Poco pratici, però, alcuni comandi.
  • Mhero 1
    € 140.000
    Mossa da quattro motori a corrente, la Mhero 1 porta al debutto il marchio di 4x4 di lusso del colosso cinese Dongfeng. Grande e pesante con 1.088 CV, sull’asfalto è un po’ impacciata, ma brilla nel fuori strada impegnativo.