Motori delle auto: le principali tipologie

Tecnica
Pubblicato 03 giugno 2024

In un panorama molto variegato di soluzioni tecniche per i motori vediamo quali sono le configurazioni più diffuse, i loro pregi e difetti.

UNA GRANDE VARIETÀ - L’elettrificazione ha introdotto schemi nuovi che combinano in vario modo motori a combustione con quelli elettrici ma anche la possibilità muoversi soltanto con l’energia contenuta nella batteria, rinunciando del tutto a quella dei carburanti. Questo ha arricchito un panorama già variegato di soluzioni tecniche per i motori e quindi andiamo a vedere pregi e difetti delle varie configurazioni.

MOTORI A GASOLIO

Il motore a gasolio è efficace nel suo funzionamento: la compressione repentina ed elevata scalda così tanto l'aria che tutto il gasolio iniettato si accende contemporaneamente, generando quindi una combustione velocissima e di alto rendimento. È chiaro che un processo così istantaneo rende il funzionamento del motore piuttosto ruvido perché si ha un grande picco di pressione in camera di scoppio ma il Common rail, brevetto italiano, ha rimediato a questo inconveniente immettendo il carburante in camera di scoppio con iniezione successive di piccola portata. Un buon turbodiesel di oggi è fluido come un benzina, ma ha una curva di coppia decisamente più “robusta” e consumi minori di circa il 20%. 

La combustione tende a produrre fuliggine e particolato mentre le alte temperature/pressioni in camera di scoppio creano ossidi di azoto: quindi per arrivare agli attuali notevoli livelli di pulizia dei moderni turbodiesel occorrono sistemi di trattamento dei gas di scarico complicati: in certi casi, oltre ai consueti catalizzatori e filtro antiparticolato, si possono trovare anche due sistemi SCR (che usano l’AdBlue) e due valvole EGR. Questa complessità incrementa i costi di manutenzione e rende questi motori adatti a chi fa molti km l’anno, dato che il consumo ridotto permette di ammortizzare questa spese. L’usato diesel, anche con omologazione Euro bassa, è comunque molto richiesto nelle aree non soggette a limitazioni della circolazione.

MOTORI A BENZINA

La combustione dei motori a benzina è molto più “morbida” perché la miscela aria-carburante si accende a partire dalla candela (candele se sono più di una) per poi propagarsi in tutta la camera di combustione come un fronte di fiamma più che uno scoppio. È quindi un processo più graduale e meno energetico rispetto a quello del motore a gasolio ma è anche meno efficiente dal punto di vista termodinamico. Il minor rapporto di compressione rende inoltre il motore a benzina meno ricco di coppia rispetto a quello a gasolio. 

Anche i dispositivi di pulizia dei gas di scarico sono molto più semplici ma ormai la diffusione della sovralimentazione, guidata dal downsizing, e l’iniezione diretta hanno reso necessario il ricorso a dispositivi per l'abbattimento degli ossidi di azoto e del particolato. Probabilmente il motore a benzina resterà in produzione più a lungo perché meno complesso e particolarmente adatto all’ibridizzazione, dato che il boost elettrico viene in soccorso ai bassi regimi, lì dove il benzina è più “vuoto”. La manutenzione è più semplice ma a parità di prestazioni il motore a benzina consuma di più, rivelandosi quindi poco adatto ai grandi viaggiatori.

MOTORI A GAS

Una scelta adatta a chi percorre molti km e non vuole usare veicoli a gasolio. In effetti sia il Gpl sia il metano promettono spese vive piuttosto contenute con il Gpl reperibile praticamente ovunque. Altro vantaggi dei Gas di Petrolio Liquefatti sono il mantenersi liquidi a temperatura ambiente e il prezzo, più stabile di quello del metano. Il Gpl è da considerare per il risparmio che promette: anche se i consumi aumentano del 30% la differenza nei prezzi - 1,871 contro 0,710 euro/litro - è in grado di più che compensare questo svantaggio. Ora è anche diventato più facile installare l’impianto perché basta l’attestazione di un meccanico qualificato. Il metano ha perso, con la crisi energetico degli anni scorsi, il vantaggio economico del prezzo conservando la maggior complessità di un impianto che prevede, per esempio un serbatoio ad alta pressione da revisionare periodicamente: il prezzo dell’usato ne ha risentito e forse è possibile fare buoni affari.

MOTORI MICRO E MILD HYBRID

Questa configurazione è la forma più semplice di elettrificazione: un piccolo motore elettrico, un BSG (Belt Starter Generator) ovvero di un alternatore capace di funzionare anche come motore, “aiuta” il motore a scoppio in accelerazione e recupera energia in frenata. Il tutto è affiancato da una piccola batteria che accumula e restituisce energia a seconda della situazione. Le soluzioni a bassa tensione non danno vantaggi sostanziali se non il fatto di essere considerate ibride e godere dei benefici accordati a questo tipo di vetture. Più efficaci sono invece le configurazioni a 48 volt perché il BSG può erogare 15/20 CV, una potenza in grado di fornire un contributo avvertibile, anche perché questa configurazione comporta un aggravio di peso non rilevante. In ogni caso questo tipo di motori rendono al meglio in città e nel misto, condizioni nelle quali il recupero di energia è continuo; in autostrada e nelle strade a scorrimento veloce il funzionamento e i consumi sono quelli di una vettura normale.

MOTORI FULL HYBRID

Un gradino più sopra delle mild troviamo le full hybrid, nate nel 1997 con la prima serie della Toyota Prius. Anche in questo caso il rendimento massimo si riscontra nell’uso urbano e su strade miste: la batteria più grande e il motore elettrico prestante permettono infatti brevi percorrenze in puro elettrico impossibili per le ibride mild. Anche in questo caso il contributo elettrico viene a mancare completamente nei tragitti veloci e con pochi rallentamenti, con l’aggravante di pesi maggiori dei componenti elettrici rispetto alle ibride micro e mild. In queste ultime situazioni i consumi salgono sensibilmente e sono simili a quelli di una normale auto non ibrida.

MOTORI IBRIDI PLUG-IN

Questa tipologia di automobile aumenta sia la potenza dl motore elettrico sia la capacità della batteria, rendendo possibili percorrenze in solo elettrico di diverse decine di km (si sfiorando i 100 in alcuni casi). In questo modo le emissioni nel ciclo di omologazione WLTP scendono di molto. L’aggravio di peso, così come la complessità del tutto - occorre aggiungere anche un caricabatteria con relativi cablaggi - crescono però molto: la massa aggiuntiva è di almeno 150 kg. In alcuni casi il powertrain elettrico è usato per realizzare la trazione integrale e l’aggravio di peso è parzialmente compensato dall’assenza del ripartitore e dell’albero di trasmissione. In città e nel misto queste automobili sono quindi molto valide, perché permettono di andare quasi sempre in elettrico, a patto di partire sempre con la batteria carica, mentre in autostrada, esaurita la carica della batteria, il peso aggiuntivo si fa inesorabilmente sentire e incide sui consumi.

MOTORI ELETTRICI

Questa tecnologia ha diversi punti di forza: emissioni locali zero, fluidità della marcia, una coppia generosa disponibile sempre, rumore e vibrazioni ridottissimi e un’efficienza energetica irraggiungibile per gli altri motori. Considerando che l’energia contenuta in 1 litro di gasolio è di circa 10 kWh, con questa energia una buona elettrica percorre infatti circa 50-60 km. Le auto elettriche promettono costi di manutenzione ridotti e godono di agevolazioni sul bollo e dell’accesso alle ZTL e ai parcheggi con le strisce blu. 

Fra i punti deboli delle elettriche a batteria c’è una certa sensibilità delle percorrenze alle temperature esterne e la ricarica che può essere problematica. Le colonnine pubbliche sono ormai molte, ma la loro distribuzione è disomogenea e spesso sono occupate o non funzionanti. Anche il costo del “carburante” è quantomai incerto: dal “quasi zero” se si ricarica a casa con il fotovoltaico o gratis in ufficio (e in generale presso esercizi commerciali che offrono questo servizio) a prezzi a kWh, nelle colonnine fast, che rendono il costo/km - per quel riguarda il carburante - meno competitivo rispetto al diesel. 

Un altro fattore di incertezza, comune a tutte le tecnologie nuove, è una possibile rapida obsolescenza dei modelli: la Tesla Model S, la prima elettrica moderna, è del 2012 e quindi nei prossimi anni ci si possono aspettare grandi cambiamenti. Da ridimensionare invece la questione dell’autonomia: più del 90% degli italiani percorre 20-30 km al giorno e quindi un’elettrica economica e con una batteria da 40 kWh o anche meno sarebbe sufficiente per una settimana di utilizzo.



Aggiungi un commento
Ritratto di Oxygenerator
3 giugno 2024 - 11:54
Insomma i motori elettrici sono su un altro pianeta rispetto ai motori termici. “Questa tecnologia ha diversi punti di forza: emissioni locali zero, fluidità della marcia, una coppia generosa disponibile sempre, rumore e vibrazioni ridottissimi e un’efficienza energetica irraggiungibile per gli altri motori. Considerando che l’energia contenuta in 1 litro di gasolio è di circa 10 kWh, con questa energia una buona elettrica percorre infatti circa 50-60 km. Le auto elettriche promettono costi di manutenzione ridotti. “ A mio avviso, il futuro.
Ritratto di Quello la
3 giugno 2024 - 12:25
Anche secondo me, caro Oxygenerator, saranno il futuro. Però non è ancora chiaro quando. Forse tra una decina d’anni le elettriche saranno il 30% del venduto, ma mi pare ottimistico. A meno che i produttori non scommettano all in su questo. Alcuni già lo fanno, altri che avevano pensato stanno traccheggiando, altri proprio non ci pensano. Chissà chi ha ragione.
Ritratto di Beppe_90
3 giugno 2024 - 12:31
Tecnologia del futuro? C’è scritto sopra .. sono in vendita dal 2012 le tesla.. dopo 12 anni fanno il 3% scarso.. si dai se si va avanti così nel 2050 arriveranno al 6% se va bene.. il bello che siete ancora convinti
Ritratto di Luca F
3 giugno 2024 - 12:43
A margine, aggiungo che (per quanto sia personaggio imprevedibile e non immune a giravolte a seconda del momento) uno che ha sempre dichiarato di non vedere realizzabile per limiti oggettivi una diffusione di massa della mobilità elettrica auspicando la presenza contemporanea delle diverse soluzioni è proprio chi le Tesla le ha create.
Ritratto di Oxygenerator
3 giugno 2024 - 12:50
Quindi vediamo. Quando il personaggio in questione dice cose che condividete lo citate. Per il resto è un tossico abbruttito. Il fatto che sia un visionario non vuol dire che abbia sempre ragione, o che possa immaginare tutti i possibili scenari futuri di una tecnologia.
Ritratto di Oxygenerator
3 giugno 2024 - 12:50
in espansione.
Ritratto di Alsolotermico
3 giugno 2024 - 13:55
Elon Muskio un visionario solo sotto l'effetto di sostanze allucinogeni. Eh diciamole queste cosettine!!!.
Ritratto di Quello la
3 giugno 2024 - 14:02
È importante, secondo te, che fosse sotto effetto di sostanze allucinogene, caro Alsolo?
Ritratto di Luca F
3 giugno 2024 - 14:14
Scusami Oxygenerator, se lo spirito è quello del cazzeggio ti potrei rispondere che se c'è arrivato persino un tossico abbruttito come lui, magari qualche dubbio ogni tanto potresti fartelo venire invece di essere tu quello che ha sempre ragione...se invece parliamo seriamente, mi sembra un ragionamento abbastanza elementare quello per cui il fatto di poter contare su più opzioni ed esplorare più strade sia il metodo che ha più possibilità di generare un progresso (se il metodo scientifico è rimasto quello che ho studiato io e non si è trasformato, come talvolta pare intuire, in approccio fideistico). O sbaglio?
Ritratto di Quello la
3 giugno 2024 - 14:19
Bello il post del carissimo Luca, che condivido.

DA SAPERE PER CATEGORIA

listino
Le ultime entrate
  • Audi A8
    Audi A8
    da € 106.100 a € 171.500
  • Audi A7 Sportback
    Audi A7 Sportback
    da € 69.050 a € 157.960
  • Audi A6 Avant
    Audi A6 Avant
    da € 61.350 a € 151.100
  • Audi A6 Allroad
    Audi A6 Allroad
    da € 70.100 a € 86.350
  • Audi A6
    Audi A6
    da € 58.950 a € 99.600

PROVATE PER VOI

I PRIMI CONTATTI

  • Dacia Spring Extreme 65
    € 19.900
    Aggiornata a fondo dentro, fuori e nei contenuti per la sicurezza, l’elettrica Dacia Spring convince per il prezzo e il comfort in città; migliorato, ma non molto preciso, lo sterzo. Da rivedere certi comandi.
  • Jeep Renegade 1.3 Turbo 241 CV Trailhawk 4xe
    € 46.900
    La versione più “estrema” della crossover compatta è una plug-in hybrid da 241 CV, che non teme il fuoristrada impegnativo. Col recente aggiornamento cambia poco nello stile ma tanto nell’infotainment, ma si sono dimenticati la telecamera davanti.
  • Alfa Romeo Junior 280 Veloce
    € 48.500
    Coinvolgente tra le curve e scattante, l'Alfa Romeo Junior Veloce è un’elettrica con 280 CV tutta da guidare, grazie anche al differenziale autobloccante. Ma non costa poco. E la batteria…