Gpl, un amico contro il “caro-pieno”

Vivere con l'auto
Pubblicato 29 settembre 2022

A differenza del metano, anche in questi mesi di prezzi “pazzi” il Gpl non ha deluso. I nostri consigli per scegliere e guidare “al risparmio”.

IL METANO È METANO SCHIZZATO SU

Sono tempi duri per chi deve usare l’auto. La “bastonata” del prezzo di gasolio e benzina (negli scorsi mesi schizzato oltre i due euro al litro) è stata mitigata solo dalla riduzione di 25 centesimi delle accise, imposte che gravano pesantemente sul prezzo di questi carburanti. Ancora peggio è andata col metano: in pochi mesi il prezzo, per anni costante su 1 euro al kg, è più che raddoppiato, azzerando la convenienza (oggi si trova tra circa 2,8 e 3,4 euro al kg). E non si è salvato neppure chi usa un’elettrica, o un’ibrida plug-in: anche il costo della corrente, pur difficile da quantificare date le innumerevoli tariffe disponibili, in media ha fatto un grande balzo.

BUONA CARTA DA GIOCARE

Tuttavia, in questa girandola di rincari, almeno un carburante è rimasto “amico” del portafogli: il Gpl. Costa più di prima (oggi si trova a circa 0,79 euro al litro), ma senza perdere il consueto, netto vantaggio rispetto a benzina e gasolio (pur se l’auto ne consuma il 20-30% in più rispetto a quando funziona a “verde”). Anche in un’ottica futura questa costanza di prezzo è tranquillizzante, e l’offerta di modelli nuovi (piccoli e medi) alimentati con questo gas è piuttosto estesa. Ecco allora tutto quanto occorre sapere su questo carburante.

REGIONI E COMUNI, QUALI VANTAGGI?

Dato che usare il Gpl invece della benzina limita le emissioni allo scarico della CO2 (per molti esperti all’origine del “clima pazzo”) del 5-10%, alcune amministrazioni premiano le auto che lo impiegano. Le vetture nuove non pagano il bollo per i primi 5 anni in Basilicata e Puglia, e per 4 in Liguria (qui l’esenzione vale anche se si monta l’impianto in una vettura usata). Niente tassa di proprietà in Trentino-Alto Adige, ma solo per un anno (auto con emissioni di CO2 fra 96 e 135 g/km) o due (61-95 g/km). A volte, poi, i veicoli a Gpl possono circolare anche in caso di blocchi del traffico per inquinamento o nelle ztl, come l’Area B di Milano (pure le auto vecchie “trasformate”).

IL GAS SI AFFIANCA ALLA BENZINA

Le auto nuove a Gpl derivano da quelle a benzina. L’impianto di alimentazione (nella carrellata qui sotto le parti principali) è montato “in parallelo” e permette di scegliere quale carburante usare (ma avrebbe senso rinunciare a quello più economico?). Se il gas finisce, il passaggio alla “verde” è automatico. Alcune versioni a Gpl sono prodotte dalla casa, con modifiche al motore per una miglior resa. In altre, l’impianto è installato prima della consegna. Quasi sempre, le auto a Gpl mantengono il serbatoio della benzina del modello d’origine: sono, cioè, bifuel. Le monofuel, invece, portano meno di 15 litri di “verde”, da usare solo come riserva; fra i loro vantaggi c’è il bollo, ridotto o azzerato, ma la praticità d‘uso è minore. Questo sistema è preferito nelle vetture a metano: qui un serbatoio ridotto fa comodo perché lascia spazio a bombole che sono più grandi.

LE COMPONENTI DELL'IMPIANTO


La bombola

Il Gpl (allo stato liquido) sta in una bombola toroidale (“ciambella”) in acciaio spesso 3,5 mm. Posta nel vano nato per la ruota di scorta, regge oltre 30 bar, ma non “lavora” oltre i 15.

Il bocchettone

Il bocchettone per caricare il Gpl affianca quello per la benzina e sfrutta un adattatore che in altri Paesi (come Germania e Spagna) è diverso da quello usato in Italia. Se serve, costa € 10-30.

La valvola di sfiato

Nella bombola c’è una valvola che evita il rischio di esplosione: se la temperatura o la pressione salgono troppo, si apre lasciando fuoriuscire poco gas per volta.

La centralina

La gestione dell’impianto a Gpl (degli iniettori, in particolare) è affidata a una centralina elettronica che sfrutta le informazioni degli stessi sensori usati nel funzionamento a benzina.

Il commutatore nella plancia

Un tasto nella plancia commuta dal gas alla benzina e include i led che mostrano il livello del Gpl. Nelle auto con impianto montato in fabbrica, l’indicatore è nel cruscotto.

La valvola di sicurezza

Una valvola di sicurezza blocca il flusso del Gpl sotto il cofano quando il motore viene spento.

Gli inettori

Di solito, il gas arriva nei cilindri tramite una serie di iniettori specifici (che lavorano a 1-1,5 bar) inseriti nei collettori di aspirazione.

Il filtro

Dopo il riduttore c’è un filtro (che va cambiato a ogni tagliando): ferma eventuali impurità, presenti nel gas, che potrebbero danneggiare gli iniettori.

Il riduttore

Elemento fondamentale di quasi tutti gli impianti è il riduttore. Qui, il Gpl liquido che arriva dal serbatoio è trasformato in gas per poter essere utilizzato nel motore.

PER TRASPORTARLO DIVENTA LIQUIDO

La sigla Gpl sta per gas di petrolio liquefatti: a temperatura ambiente, una pressione di pochi bar basta per portarli allo stato liquido, riducendone drasticamente il volume. È per questo che una piccola bombola riesce a garantire centinaia di km di autonomia. Il Gpl è una miscela di idrocarburi, in massima parte propano e butano. Si ricava durante l’estrazione dal sottosuolo di metano o di petrolio, oppure durante la raffinazione di quest’ultimo (che serve principalmente a ottenere benzina, gasolio o cherosene). In media, da un barile di greggio si ricava il 3-4% di gas.

MONTARLO DOPO? PERCHÉ NO?

Il buon numero di modelli a Gpl offerti direttamente dalle case limita la necessità di rivolgersi a uno specialista per installare l’impianto nella propria auto. Oltre a offrire vantaggi in termini di integrazione del sistema e di garanzia (per dire, eventuali danni al motore potrebbero dare origine a un rimpallo fra l’installatore e la casa). Ciò detto, praticamente tutte le auto a benzina si possono trasformare, e spesso i componenti sono gli stessi usati dalle case; la spesa va da 1.000 a 2.500 euro. Può convenire a chi usa una vettura di qualche anno in buono stato, e nelle zone in cui ci sono vantaggi (come l’accesso alla Ztl) per le auto a Gpl.



Aggiungi un commento
Ritratto di JC
29 settembre 2022 - 16:48
in piemonte per i primi 5 anni il bollo è gratuito, poi si paga il 25 % del valore a benzina
Ritratto di Alvolantino
29 settembre 2022 - 17:11
E poi ci sono sono quelli come me che ricaricano gratis con i pannelli solari, grazie al 110% ⚡ nessun inquinamento e ricarica sempre disponibile!
Ritratto di giulio21
29 settembre 2022 - 17:47
se c'è sole...
Ritratto di NITRO75
29 settembre 2022 - 18:22
E soprattutto di notte........
Ritratto di Orwell
29 settembre 2022 - 18:35
Beh, la differenza di costo tea una Zoe e un'analisi Clio GPL è di circa 15.000 euro, che equivalgono a circa 19.000 litri di GPL che permettono di percorrere sicuramente più 200.000 km. Insomma, pure se ci metti i minori costi di gestione dell'elettrico ed hai i pannelli solari avuti con bonus etc... occorre del tempo per ritenere economicamente conveniente la Zoe. La promozione dell'auto elettrica non può essere fatta sulla base del fattore economico (almeno per le auto piccole o medio-piccole) ma su gli altri vantaggi propri dell'auto elettrica.
Ritratto di Orwell
29 settembre 2022 - 18:36
"Tra un Zoe e un'analoga Clio"
Ritratto di negidio
29 settembre 2022 - 19:25
Poi il motore di ogni auto gpl lo puoi anche rettificare con 2/2,5mila euro dopo 300mila km come ho fatto io risparmiando sull auto nuova, mentre dopo 300mila km le batterie dell auto elettrica lale devi buttare e con esse pure la macchina Al diavolo le auto elettriche
Ritratto di Vincenzo1973
30 settembre 2022 - 11:32
ho un'auto a GPL ma l'analisi che avete fatto mi sembra un tantino ottimistica per il GPL e pessimistica per l'elettrico
Ritratto di bangalora
30 settembre 2022 - 21:02
Si ma il collaudo con il GPL lo devi fare annualmente ad un costo non proprio popolare.
Ritratto di Taddeus77
1 ottobre 2022 - 05:55
Il collaudo segue esattamente le norme per le auto a benzina o diesel, stesse tempistiche e prezzi. L' unica differenza è che le bombole devono essere sostituite a 10 anni. Se invece intendi il tagliando annuale, costa un po' di più, ma risparmi anche tanto in carburante in un anno!

DA SAPERE PER CATEGORIA

listino
Le ultime entrate
  • Ford Capri
    Ford Capri
    da € 42.750 a € 58.000
  • Volkswagen T-Roc Cabriolet
    Volkswagen T-Roc Cabriolet
    da € 38.250 a € 43.050
  • Volkswagen ID.7 Tourer
    Volkswagen ID.7 Tourer
    da € 61.600 a € 73.750
  • Volkswagen ID.7
    Volkswagen ID.7
    da € 60.800 a € 72.950
  • Volkswagen Touareg
    Volkswagen Touareg
    da € 83.500 a € 105.200

PROVATE PER VOI

I PRIMI CONTATTI

  • Bentley Bentayga V8 S 5 posti
    € 242.769
    La versione più “atletica” della lussuosa Bentley Bentayga ha potenza da vendere grazie al 4.0 V8 biturbo ma conquista per il comfort di marcia e un abitacolo impareggiabile per materiali e finiture. Le sviste? Sono veramente poche…
  • Hyundai Santa Fe 1.6 T-GDI HEV XClass AWD
    € 56.350
    Grande fuori e dentro, con il suo look tosto e squadrato la nuova Hyundai Santa Fe non passa inosservata. Il comandi del “clima” e l’agilità lasciano un po’ a desiderare, ma la trazione 4x4 e il molleggio curato fanno viaggiare sicuri e comodi.
  • Dacia Spring Extreme 65
    € 19.900
    Aggiornata a fondo dentro, fuori e nei contenuti per la sicurezza, l’elettrica Dacia Spring convince per il prezzo e il comfort in città; migliorato, ma non molto preciso, lo sterzo. Da rivedere certi comandi.