Autovelox mobili e fissi 2022: multe e come evitare sanzioni. La mappa

Legge e burocrazia
Pubblicato 22 luglio 2022

Sono tanti gli autovelox presenti in Italia, sia mobili sia fissi. Andiamo a vedere dove si trovano e come evitare multe e sanzioni grazie alla mappa e alla tecnologia.

COME FUNZIONA L’AUTOVELOX?

L’autovelox è un sistema che permette di rilevare la velocità di un’automobile. Il suo meccanismo è piuttosto semplice, anche se non tutti sanno come funziona esattamente. L’autovelox si basa su due fotocellule laser: la prima si attiva quando si riflette sul muso dell’automobile e fa scattare una sorta di timer. Quando l’auto viene rilevata dalla seconda fotocellula, il timer viene bloccato. Il lasso di tempo tra il passaggio davanti alla prima e alla seconda fotocellula è quello in cui viene rilevata la velocità dell’automobile. Il meccanismo di calcolo è basato sul tempo che l’automobile rilevata impiega a percorrere un determinato spazio, che è il raggio rilevato dalla coppia di fotocellule. Se l’auto in questione ha superato il limite di velocità consentito, allora scatta la sanzione. 

MULTE AUTOVELOX 2022: LIMITE 50 E 90, IMPORTO E COSA SI RISCHIA

I limiti di velocità nel nostro Paese sono regolamentati dall’articolo 142 del Codice della Strada. Qui sono indicati anche gli importi delle multe da pagare per chi oltrepassa i limiti. Gli importi variano in base alle eccedenze. 
Il Codice della Strada stabilisce i limiti di velocità delle automobili su tutti i tipi di strade nel nostro Paese, riassumibili nella seguente tabella:

TIPO DI STRADA

LIMITE DI VELOCITÀ

Strade urbane

50 km/h

Strade extraurbane di tipo secondarie e locali

90 km/h

Strade extraurbane principali

110 km/h

Autostrade

130 km/h


Si precisa che i limiti di velocità variano per i neopatentati, i quali, nei primi 3 anni dal conseguimento della patente (categoria A2, A, B1 e B), dovranno rispettare limiti di velocità inferiori rispetto a quelli tradizionali, come stabilito dall’articolo 117 del Codice della Strada, e che risultano i seguenti: 

  • Strade extraurbane: 90 km/h
  • Autostrade: 100 km/h. Inoltre, in caso di pioggia, i limiti di velocità scendono a 110 km/h sulle autostrade e a 90 km/h sulle strade extraurbane principali. 


I limiti di velocità cambiano anche per altri tipi di veicoli, vale a dire: 

  • Ciclomotori: 45 km/h;
  • Autoveicoli e motoveicoli usati per trasporto merci: 50 km/h fuori dai centri abitati e 30 km/h nei centri abitati;
  • Macchine agricole e macchine operatrici: 40 km/h se montati su pneumatici e 15 km/h negli altri casi;
  • Quadricicli: 80 km/h fuori dai centri abitati;
  • Treni formati da un autoveicolo e da un rimorchio: 70 km/h fuori dai centri abitati e 80 km/h sulle autostrade;
  • Autobus e filobus > 8 tonnellate: 80 km/h fuori dai centri abitati e 100 km/h sulle autostrade;
  • Autoveicoli usati per trasporto cose con massa complessiva a pieno carico a 3,5 t e fino a 12 t: 80 km/h fuori dai centri abitati e 100 km/h sulle autostrade;
  • Autoveicoli usati per trasporto di cose con massa complessiva a pieno carico superiore a 12 t: 70 km/h fuori dai centri abitati; 80 km/h sulle autostrade;
  • Autocarri di massa complessiva a pieno carico superiore a 5 t: 70 km/h fuori dai centri abitati e 80 km/h sulle autostrade;
  • Mezzi d’opera a pieno carico: 40 km/h nei centri abitati e 60 km/h fuori dai centri abitati. 


Veniamo ora alle sanzioni per gli automobilisti che superano i limiti di velocità sulle strade urbane e sulle strade extraurbane locali e di tipo secondario, quindi rispettivamente 50 km/h e 90 km/h. Anche gli importi delle ammende sono consultabili sul già citato articolo 142 del Codice della Strada: andiamo a sintetizzarle nella seguente tabella:

SUPERAMENTO LIMITE DI VELOCITÀ

IMPORTO MULTA

Sotto 10 km/h

Da 42 € a 173 €

Oltre 10 km/h, ma non oltre i 40 km/h

Da 173 € a 694 €

Oltre 40 km/h, ma non oltre i 60 km/h 

Da 543 € a 2.170 € e sospensione della patente da 1 a 3 mesi

Oltre 60 km/h

Da 845 € a 3.382 € e sospensione della patente da 6 a 12 mesi

 

LA TOLLERANZA CHILOMETRICA

Come stabilito dal D.M. del 29 ottobre 1997 (articolo 1), “nell’impiego del presente apparecchio (l’autovelox, ndr), per gli accertamenti della velocità, al valore rilevato della velocità deve essere applicata una riduzione pari al 5%, con un minimo di 5 km/h. Nella riduzione è compresa anche la tolleranza strumentale”.

In sintesi, viene applicata una riduzione di 5 km/h, ma con un minimo di tolleranza del 5% del valore che eccede il limite. Inoltre, se sono presenti decimali, si andrà ad arrotondare per difetto.

Quindi, riassumiamo i margini di tolleranza nella seguente tabella: 

LIMITE DI VELOCITÀ

SOGLIA DI TOLLERANZA

LA MULTA SCATTA A

50 km/h

5 km/h

56 km/h

70 km/h

5 km/h

76 km/h

90 km/h

5 km/h

96 km/h

110 km/h

5,5 km/h

116 km/h

130 km/h

6,5 km/h

137 km/h



Nei primi tre casi, il 5% del limite di velocità (50 o 70 km/h) non arriva al minimo di 5 km/h, per cui la soglia di tolleranza aumenta automatica a cinque chilometri orari. Nel quarto e nel quinto caso, il decimale viene arrotondato per difetto.

DIFFERENZA TRA AUTOVELOX MOBILI E FISSI

Esistono diversi tipi di autovelox: ci sono gli autovelox fissi e gli autovelox mobili. Quali sono le differenze?

Gli autovelox fissi sono collocati in delle piccole strutture chiamate autobox e si trovano sul lato della carreggiata. Il funzionamento dell’autovelox fisso è quello che abbiamo descritto nei paragrafi precedenti. A volte gli autobox non hanno un autovelox al loro interno e funzionano solo a scopo dissuasivo. Molti, però, ne sono provvisti e funzionano anche di notte. Gli autovelox fissi possono essere muniti di flash (se superi il limite di velocità consentito, lo strumento scatterà una foto all’auto facendo partire un lampo, e l’automobilista “beccato” si accorgerà immediatamente di essere stato preso), oppure di un sistema a infrarossi, che non fa scattare alcun flash, ma che rivela comunque l’infrazione (in questo caso l’automobilista non si accorge di niente nell’immediato). 

A differenza dei fissi, gli autovelox mobili prevedono la presenza di una pattuglia delle forze dell’ordine. L’autovelox mobile può essere uno di questi due: 

  • Videovelox: è posizionato sulla vettura della pattuglia e funziona come l’autovelox fisso, con la targa dell’auto che commette l’infrazione che viene registrata al momento dell’infrazione. Il videovelox funziona anche in movimento. 
  • Telelaser: si tratta di una pistola laser, che può essere utilizzata su qualsiasi tipo di strada e che funziona tramite due principi chiave: Effetto Doppler: quando la pistola viene puntata su un’autovettura in transito, emette un fascio laser che colpisce il veicolo e poi rimbalza sullo strumento stesso. La frequenza del laser è variabile in base alla velocità dell’autovettura, la cui velocità viene calcolata nell’immediato. Calcolo istantaneo della distanza: questo metodo di calcolo si basa sulla formula Distanza = Velocità (della luce) X Tempo. In questo caso la distanza alla quale si trova il veicolo è calcolata sul tempo che impiega la luce per andare verso il veicolo e tornare indietro. Tramite i calcoli (momento per momento) sulla distanza del veicolo, si arriva a calcolare la velocità. 


Un altro autovelox mobile è il Telelaser TruCam, che invece di realizzare foto, come fa il Telelaser semplice, realizza dei video in HD e a 1,2 chilometri di distanza, riuscendo così a rilevare anche eventuali infrazioni in contemporanea. 
Ricordiamo che in tutti i casi, sia che si tratti di autovelox fisso o mobile, la presenza di questi strumenti di rilevazione automatica della velocità deve essere segnalata tramite apposita segnaletica.

AUTOVELOX VS TUTOR IN AUTOSTRADA, COSA CAMBIA

Abbiamo visto che esistono diversi tipi di autovelox e come funzionano. Questi possono trovarsi ovunque, sulle strade provinciali, comunali, statali, regionali e sulle autostrade. Rilevano la velocità di un’autovettura tramite l’utilizzo di due fotocellule, che catturano l’andatura del veicolo da un punto A a un punto B, in un tratto di strada relativamente breve. 

Il Tutor, noto anche come Safety Tutor o SICVE (acronimo che sta per Sistema Informativo per il Controllo della Velocità), evidenzia la velocità media di un veicolo in un tratto autostradale decisamente più lungo, che può partire da 10 chilometri e arrivare fino a 25-30 chilometri.

Sostanzialmente, la velocità di una vettura, non viene ripresa nel momento esatto in cui viene fotografata. Invece, questo sistema effettua una media, che si basa sulla velocità alla quale l’auto andava nel punto A e quella in cui andava quando è stata nuovamente immortalata al punto B. Nel primo tratto una serie di sensori individua la categoria e la tipologia di mezzo, mentre le telecamere installate sul portale, ovvero accanto al pannello luminoso sul quale sono solitamente segnate indicazioni e informazioni sulla viabilità, si attivano fotografando la targa e memorizzandola, insieme a data e ora del passaggio. Lo stesso procedimento avviene nel punto B, ovvero al passaggio dell’auto sotto il secondo portale: se la velocità media è superiore ai limiti consentiti, il dato viene inviato alle autorità, che poi procederanno a inviare la sanzione. 

Questo sistema non comporta la presenza di una pattuglia delle forze dell’ordine, ma si tratta di un procedimento automatico e senza possibilità di contestazione.

LE POSTAZIONI DELLA POLIZIA

Sul sito della Polizia di Stato, all’articolo “Autovelox e Tutor: dove sono”, è possibile consultare su quali strade e autostrade italiane sono presenti gli autovelox. Nella colonnina a destra, infatti, sono presenti dei documenti in Pdf che vengono aggiornati ogni lunedì e che segnalano agli automobilisti la presenza degli autovelox sulle strade per ogni singola Regione. Qui, inoltre, l’utente potrà scaricare anche due altri documenti: 


La comunicazione ha come obiettivo quello di invitare gli automobilisti a rispettare i limiti di velocità e a moderare l’andatura, allo scopo di prevenire gli incidenti. 
Inoltre la Polizia di Stato informa che per misurare la velocità delle vetture, utilizza i seguenti strumenti: 

  • Autovelox 104/C
  • Autovelox 105
  • Autovelox 106
  • Telelaser
  • Telelaser TruCam


In conclusione, si informa che la Polizia Stradale usa anche i sistemi Tutor per il controllo della velocità media sulle autostrade. 

COLONNINE ARANCIONI: COME EVITARE MULTE

Spesso gli autovelox sono posti nelle colonnine arancioni, note anche come Velo OK o Speed Check. Altrettanto spesso, questi contenitori sono vuoti e funzionano da dissuasori. A volte possono essere spostati, altre possono essere “riempiti” con i dispositivi di rilevazione della velocità. Insomma, meglio non fidarsi. Tuttavia, forse non tutti sanno che si possono evitare delle multe in presenza di una colonnina arancione. Come? Beh, il primo consiglio che sentiamo di dare è quello di moderare l’andatura e rispettare sempre i limiti di velocità. 

Tuttavia, esistono altre condizioni che devono essere rispettate affinché una multa possa considerarsi valida.

Prima di tutto la taratura dell’autovelox. Cosa significa? Il modello utilizzato per misurare la velocità deve avere ottenuto il certificato di omologazione e inoltre deve essere sottoposto a un controllo periodico di affidabilità (obbligatoriamente una volta all’anno). Quest’ultima è la taratura dell’autovelox. Questa viene effettuata da soggetti privati che compilano un apposito documento, il quale sarà poi richiedibile dal cittadino presso la Pubblica Amministrazione. Accertarsi che l’autovelox sia stato regolarmente tarato è un diritto del cittadino. Per richiedere il certificato di taratura bisognerà presentare apposita istanza all’organo che ha emesso la multa, tramite raccomandata A/R o PEC o fisicamente (per mano) presso l’ufficio preposto. Nell’istanza, il richiedente dovrà indicare i suoi dati, gli estremi della multa (numero, data del verbale, causa della contestazione), la richiesta di visionare il certificato e la modalità con cui ricevere la risposta. 

In secondo luogo, una multa presa a causa della rilevazione della velocità da parte di un autovelox nella colonnina arancione non sarà valida se prima del dispositivo non è presente un cartello che segnali la sua presenza. Non esiste ufficialmente una distanza minima tra il cartello di segnalazione e l’autovelox stesso, ma si parla di una distanza sufficiente affinché l’automobilista possa frenare gradualmente (nel caso in cui stesse andando troppo veloce) anziché di colpo. Inoltre, la distanza può variare in base alla tipologia e alle caratteristiche della strada dove è presente il rilevatore. E allora, in caso di segnaletica errata o troppo distante, quand’è che non si paga la multa? Quando la segnalazione della presenza dell’autovelox è lontana più di 4 chilometri dalla colonnina arancione. 

La terza condizione che deve sussistere per rendere valida la multa (e che non tutti sanno) è che poco distante dalla colonnina arancione dovrà essere presente una pattuglia delle forze dell’ordine, che possa comminare la multa all’automobilista “beccato” dall’autovelox, contestando sul posto l’infrazione commessa. 

Tuttavia, questa presenza della polizia è obbligatoria solo se la colonnina arancione si trova su strade urbane e di quartiere, su strade locali, su strade urbane di scorrimento e su strade extraurbane secondarie non segnalate dal Prefetto come strade sulle quali può risultare pericoloso il fermo dei veicoli e di cui deve essere data informazione agli automobilisti. 

La pattuglia potrà non essere presente sulle autostrade, sulle strade extraurbane secondarie e di scorrimento segnalate dal Prefetto con apposito decreto e sulle strade extraurbane principali. 

MAPPA AUTOVELOX ITALIA 2022

Ci sono molti modi per vedere la mappa autovelox in Italia nel 2022. Ci si può affidare a determinate applicazioni per visualizzare in tempo reale la presenza degli autovelox sulle strade mentre si guida (ne parleremo in un paragrafo successivo), oppure rivolgersi a specifiche pagine web. Tra queste, non possiamo non citare quella già in precedenza nominata della Polizia di Stato: oltre agli aggiornamenti settimanali sulle strade delle diverse Regioni italiane, infatti, qui è possibile scaricare anche i documenti che indicano le postazioni di autovelox fisse in Autostrada e sulla viabilità ordinaria. 

QUANTI PUNTI TOLGONO DALLA PATENTE, I CASI

Oltre alle sanzioni pecuniarie, chi supera i limiti di velocità e viene immortalato dall’autovelox, va incontro anche alla decurtazione dei punti della patente. Si possono perdere da 3 fino a un massimo di 10 punti sulla patente, in base all’eccesso di velocità. La sanzione raddoppia se l’automobilista è un neopatentato o guida mezzi pesanti. 

Riassumiamo nella seguente tabella tutti i casi nei quali tolgono punti della patente e quanti. 

SUPERAMENTO DEL LIMITE DI VELOCITÀ

PUNTI PATENTE DECURTATI

Oltre 10 km/h

3

Oltre 40 km/h

Oltre 60 km/h

10

 

Negli ultimi due casi, si va incontro anche alla sospensione della patente di guida: nel caso del superamento del limite di velocità di 40 chilometri orari, la sospensione va da 1 a 3 mesi. In caso di eccesso superiore a 60 chilometri orari, la patente sarà sospesa da 6 a 12 mesi.

TELECAMERE STRADALI: I RISCHI PER LA MULTA

Oltre agli autovelox, gli automobilisti devono prestare attenzione anche alle telecamere stradali, soprattutto quelle di ultima generazione, che catturando i dati su una vettura (la targa, ad esempio), possono risalire a tutte le informazioni su quell’auto specifica e verificare la messa in regola con il pagamento del bollo auto o della RC Auto, oltre a individuare comportamenti anomali nella guida della macchina. 

Le telecamere stradali più temute sono però quelle installate sui semafori, che hanno il compito di individuare e segnalare infrazioni quali il passaggio con il semaforo rosso o il superamento della linea di stop a terra, o la fermata troppo avanzata, ad esempio sulle strisce pedonali. Anche questi tipi di telecamere, esattamente come gli autovelox, devono essere preceduti da apposita segnaletica di avviso. 

AUTOVELOX, DOVE SI TROVANO?

Andiamo ora a dare un’occhiata a dove si trovano gli autovelox in alcune delle città principali italiane, ovvero Milano, Roma, Napoli e Torino. 

Autovelox Milano 2022

Dove sono:

INDIRIZZO

TRATTO

Viale Famagosta

Via Cusi/via Beldiletto

Via dei Missaglia

Dopo via de André, altezza via Nicola Romeo

Via della Chiesa Rossa

Prima del civico 277

Viale Fulvio Testi

In entrambe le direzioni

Via dei Missaglia

Su entrambi i sensi di marcia

Via Palmanova

Altezza stazione metro Cimiano

Viale Fermi

Dopo ponte ferroviario, tra via Zubiani e via Moreschi

Via Parri

Verso via Valsesia e su entrambi i sensi di marcia

Cavalcavia del Ghisallo

Altezza viale Certosa

Via Virgilio Ferrari

Su entrambi i sensi di marcia 

 

Per quanto riguarda le postazioni mobili a Milano, queste si trovano sulle seguenti strade:

  • Via Aldo Moro
  • Via Bazzi
  • Viale Caprilli
  • Via Caterina da Forlì
  • Viale Certosa
  • Viale De Gasperi
  • Viale Olivieri
  • Tratto Autosole piazzale Corvetto


Autovelox Roma 2022

Elenco operativi

INDIRIZZO/STRADA

TRATTO

Roma A1

Tra Roma e Ceprano, in entrambe le direzioni

 

Dopo cavalcavia 380 Anagni verso Napoli

 

Poco dopo uscita Monteporzio, verso Roma Sud

 

Direzione Roma Sud/Colleferro

 

Dopo uscita Terranova verso GRA

 

Roma Sud tra uscita Torrenova e distributore AGIP verso Roma

 

Anagni, verso Napoli

 

Tra Roma e Orte, direzione Nord

 

Dopo uscita per Firenze, da Roma Est, verso Firenze

 

Dopo cartello a sinistra 10 km Fiano Romano – Casetta Bianca – Bretella tra Settebagni e Fiano Romano, direzione Fiano Romano

 

Colleferro, direzione Nord

Grande Raccordo Anulare

Tra Aurelia e Pontina, verso Roma

 

Pontina, direzione Casilina

 

Da entrata Settebagni, direzione Aurelia, subito dopo la rampa

SS1 Aurelia

33,2 KM, direzione Cerveteri

 

SS1 Aurelia, Aranova e uscita per Fregene, verso Roma, sotto un ponte

 

Tra Torrimpietra e uscita per Fregene, direzione Roma, sotto un ponte

Via Cristoforo Colombo

Fiera di Roma, direzione Ostia

 

Direzione Centro

 

Corsia centrale – prossimità semaforo, direzione Centro e all’altezza con la circonvallazione Ostiense (Habitat), direzione Centro

 

Ingresso Ostia, direzione Mare

Roma Centro

Lungotevere, direzione Stadio Olimpico, sopra tabellone che fornisce indicazioni sul traffico

 

Lungotevere in Augusta, sopra tabellone luminoso, verso piazzale Flaminio

 

Via del Muro Torto (nelle gallerie)

Via Isacco Newton

In entrambe le direzioni

Via Gregorio VII

Ingresso galleria e dopo

Via Tuscolana

Incrocio con via Gasperina, direzione centro

Via Tor Bella Monaca

Direzione centro

Via del Mare

Direzione Ostia

 

Altezza Vitinia, in entrambe le direzioni

Via Laurentina

Direzione centro, dopo i ponti

Tor Vergata

via Sorbara, direzione Policlinico Tor Vergata verso GRA, dopo svincolo con Romanina

Via Pontina

Altezza Furlanetto, direzione Roma

 

Altezza Spinaceto, direzione Roma

Mezzocammino

km 14,800 – SS8 via del Mare, in entrambe le direzioni

Villaggio Azzurro

via di Mezzocammino, in entrambe le direzioni

 

Autovelox Napoli 2022

Dove si trovano

INDIRIZZO/STRADA

TRATTO

SS 268

Cercola

 

Pollena Trocchia

 

Sant’Anastasia

 

Somma Vesuviana

 

Nola

 

Ottaviano

 

San Giuseppe Vesuviano

 

Terzigno

 

Boscoreale

 

Poggiormarino

SP 270

Tra il km 15+500 e il km 17+700

 

Tra il km 22+500 e il km 24+000

1 III Tratto

Tra il km 27 Casoria e il km 32 Cercola

87 ex SS 87 nc

Tra il km 1+800 Arzano e il km 5+000 Frattamaggiore

7 Quater

Tra il km 40+000 Giugliano e il km 55+000 Pozzuoli

162 Asse Mediano ex SS 162 nc

Tra il km 0+000 Giugliano e il km 33+750 Acerra

162 dir del Centro Direzionale ex SS 162 dir

Tra il km 0+000 Napoli e il km 16+400 Acerra

7 Bis VAR Asse di Supporto

Tra il km 26+000 Caivano e il km 39+500 Nola

500

Tra il km 0+000 Casandrino e il km 2+700 Melito

Variante Solfatara di Pozzuoli

Tra il km 1+450 e il km 3+100

 

Autovelox Torino 2022

Ecco dove sono. Per vedere dove sono gli autovelox a Torino, facciamo riferimento al Comune, che ha comunicato la presenza delle postazioni fisse nelle seguenti strade:

INDIRIZZO/STRADA

TRATTO

Corso Unità d’Italia n. 96°

Direzione Centro Città e direzione Tangenziale

Corso Regina Margherita, n. 401A

Direzione Centro Città e Direzione Tangenziale

 

Concludendo, ricordiamo che per vedere dove si trovano gli autovelox mobili, si può consultare la pagina dedicata agli autovelox sul sito della Polizia dello Stato, dove ogni lunedì sono aggiornati gli elenchi delle strade per ciascuna regione.

AUTOVELOX GRATIS PER ANDROID, IOS E GOOGLE MAPS

Se si usa la navigazione satellitare di Google Maps, è necessario sapere che la segnalazione della presenza degli autovelox fissi è incorporata: gli avvisi sono sia sonori, sia visivi. Spesso, grazie alle segnalazioni degli utenti, sono segnalate anche le postazioni mobili. 

Inoltre, sono disponibili sugli store Apple e Android diverse applicazioni sugli autovelox, molte delle quali sono scaricabili gratuitamente. Difficile considerare quale sia la migliore, visto che ognuna assolve al suo compito senza particolari criticità, per questo motivo ne segnaliamo alcune (gratuite) considerate le migliori in generale, soprattutto perché dotate di aggiornamenti costanti, che consentono di essere al passo con eventuali cambiamenti.

Google Maps
Iniziamo dal già citato Google Maps, disponibile sui dispositivi Android. Si tratta di una delle app di navigazione più utilizzate dagli utenti che possiedono uno smartphone Android, ed è compatibile con Android Auto e con Apple Car Play. Oltre alla navigazione su mappa, alla segnalazione dei punti di interesse e a tante altre funzioni che sono già note a tanti (segnalazione rallentamenti e incidenti, traffico in tempo reale, etc.), l’app avvisa anche della presenza degli autovelox. 

Waze
Un’altra delle applicazioni più utilizzate dagli automobilisti è Waze, che vanta il pregio di essere aggiornata costantemente dalla community numerosa dei Wazers. Disponibile per Android e iOS, Waze è stata una delle prime app a incorporare la segnalazione degli autovelox fissi e mobili: l’automobilista sarà informato sia tramite avvisi sonori, sia visivi sulla mappa. L’app integra anche altri tipi di avvisi, come i rallentamenti sulla strada e i distributori di carburante più economici. 

Radarbot
Ecco un’altra applicazione disponibile sia sul Google Play Store, sia sull’Apple Store, molto apprezzata dagli utenti che l’hanno utilizzata. Radarbot segnala traffico in tempo reale e presenza di autovelox e tutor, i quali possono essere segnalati anche dagli automobilisti stessi, se si tratta di autovelox mobili temporanei presenti su determinate strade. Esiste anche una versione Premium, a pagamento, priva di banner pubblicitari.

TomTom GO Navigation
Noto originariamente come TomTom AmiGO, quest’app è disponibile sia per iPhone sia per smartphone Android e segnala la presenza di autovelox fissi e mobili, se si attiva l’apposita opzione Consenti (bisognerà autorizzare l’app ad accedere alla posizione per consentire il suo funzionamento). Appena ci avviciniamo a un autovelox, l’app invia un avviso sonoro, mentre visivamente comparirà il limite di velocità indicato sulla strada. 

TUTTE LE RISPOSTE ALLE FAQ

Come sapere se un autovelox funziona?
Non è possibile sapere in modo certo se un autovelox sia in funzione, o se dentro l’autobox ci sia davvero un autovelox. L’unico modo per esserne certi è consultare il sito della Polizia di Stato, dove sono presenti le strade dove si trovano gli strumenti di rilevazione della velocità.

Quanta tolleranza c’è per evitare la multa?
Al valore rilevato della velocità si applica una riduzione del 5% con un minimo di 5 km/h. In presenza di decimali, si arrotonda per difetto. 

Importo multa: quanto devi pagare con gli interessi?
L’importo della multa dipende dall’eccesso di velocità oltre i limiti consentiti. Si parte da un minimo di 42 euro e si arriva a un massimo di 3.382 euro. Se non si paga la multa entro 60 giorni, si applicano interessi e more. La cifra da pagare aumenterà del 10% ogni 6 mesi di ritardo. In caso di mancato pagamento, l’Agenzia delle Entrate-Riscossione si occuperà di recuperare il credito. In caso di mancato pagamento entro 60 giorni dall’avvenuta comunicazione, l’auto del soggetto multato va incontro a fermo amministrativo e si procede al recupero forzato del credito tramite pignoramento presso terzi. 

Dopo quanto arriva la multa per eccesso di velocità?
In base a quanto riporta l’articolo 201 del Codice della Strada, la multa per eccesso di velocità deve essere notificata al trasgressore entro 90 giorni dall’accertamento.

Dopo quanto va in prescrizione una multa?
Come stabilito dall’articolo 209 del Codice della Strada, il termine di prescrizione delle multe è di 5 anni, che partono dal giorno in cui è stata commessa la violazione. 

Quando non bisogna pagare?
La multa non va pagata se il verbale non indica la data, l’ora e la località in cui avvenuta la violazione. Gli altri dati che devono comparire sulla multa sono il nome dell’accertatore, la causa per la quale la multa non è stata contestata al momento della violazione, nonché le generalità del trasgressore e i dati dell’auto (targa, modello e colore). 

Inoltre, la multa non va pagata se l’autovelox non è stato tarato, ovvero non ha subito il consueto controllo periodico di affidabilità. L’automobilista avrebbe ragione a non pagare la sanzione anche nel caso in cui non sia presente segnaletica che avvisi la presenza di autovelox entro i 4 chilometri dalla posizione dello stesso. Infine, in caso di colonnine arancioni, deve essere sempre presente una pattuglia delle forze dell’ordine poco dopo l’autovelox, che possa contestare la violazione in maniera diretta. 

Concludendo, la multa non dovrà essere pagata se sono intervenuti i termini di prescrizione, ovvero se non è stata emessa alcuna notifica entro 5 anni a partire dal giorno in cui è stata commessa la violazione. Ogni notifica o avviso di accertamento fa ripartire i tempi di prescrizione da zero. 
 



Aggiungi un commento
Ritratto di alvola2023
22 luglio 2022 - 11:24
Resta il dubbio: è praticamente più rischioso andare su un'autostrada a n corsie, di poco oltre i 130; o avere un'auto che accelera tale che a 130 da zero ti ci porta in qualche secondo? Meditate gente, meditate.
Ritratto di alvola2023
22 luglio 2022 - 11:28
E lo stesso in merito ad auto che hanno una scarsissima ergonomia dei comandi che porta a distrarti, perché non dare le stelline di giudizio in sicurezza anche su tale aspetto? Per dire che le auto stanno repentinamente cambiando e in modo massiccio: continuare ad applicare le stesse regole di 10-20 se non 40-50 anni fa, forse non...
Ritratto di Volpe bianca
22 luglio 2022 - 12:26
Un adeguamento delle regole è un ottimo spunto di riflessione. Sono le stesse regole stabilite, ad esempio, per auto che da 100km/h si fermavano in media 15-20 metri più avanti rispetto ad oggi, ma non solo.
Ritratto di Ivan92
22 luglio 2022 - 12:53
8
@alvola2023 guidando frequentemente in Germania sono il primo a ritenere che in determinate condizioni si può viaggiare in sicurezza a velocità ben più alte dei 130 km/h. Ma l'auto che accelera in qualche secondo da 0 a 130 km/h è molto meglio rispetto a quella che impiega una vita a farlo. Quando fai un sorpasso riesci a farlo in un quarto del tempo rispetto agli altri, e questo è un bene per la sicurezza.
Ritratto di rebatour
25 luglio 2022 - 01:22
Da voi adesso stanno pensando agli 80 in autostrada
Ritratto di bangalora
25 luglio 2022 - 12:36
Quindi acquistare dei bolidi che a 130km/h sono fermi a cosa serve? Tanto vale acquistare una panda o 500 per fare la stessa e comoda velocita' ( 500 e Panda prese cosi" a caso senza sottovalutarle.)
Ritratto di Ivan92
25 luglio 2022 - 18:02
8
@rebatour, ti sbagli. Da noi la modifica del limite di velocità è stabilito nell'articolo 32 paragrafo 3 dell'LCS, questo impedisce quindi di modificare il limite "a caso". Con la democrazia diretta inoltre il popolo può decidere di impedire qualsiasi modifica ed ha l'ultima parola in merito. Il limite di 80 km/h del quale parli tu viene applicato solo in caso di traffico molto denso con segnaletica apposita che si accende soltanto in queste situazioni, in caso di incidenti o rallentamenti, in caso di smog elevato per periodi corti e tratte corti e su tratti stradali dove procedere più velocemente sarebbe pericoloso, altrimenti li limite generale resta 120 km/h e non ci sarà alcuna modifica in merito. @bangalora basta fare un piccolo test, prova a noleggiare una Panda o 500 e viaggia a 130 km/h per un oretta, poi subito dopo noleggia una BMW Serie 7, Mercedes Classe S o Audi A8 e viaggia di nuovo a 130 km/h per un ora, ti sarà chiaro dopo a cosa serve acquistare auto un po' più performanti, io che non ho un ammiraglia ma una semplice BMW 335i ibrida a 130 km/h sto ad appena 1'900 giri motore, i fruscii aerodinamici e rumore del motore sono completamente assenti, e la riserva di potenza e tale che se devo passare da 130 km/h a 250 km/h mi bastano pochi secondi (che appunto, in Germania per esempio è 100% legale quando le condizioni stradali lo permettono). Invece quando leggo le prove di alcune auto dove per passare da 80 km/h a 120 km/h hai bisogno oltre 30 secondi senza dover scalare marcia mi viene da piangere, praticamente inguidabili. E poi parliamo di consumi, la mia pur avendo 340 cv e 450 nm in autostrada fa i 13,5 km/l rilevati, alcune utilitarie o citycar con motori da 70-80 cv a 130 km/h riescono a fare peggio (parliamo sempre di dati rilevati, non di una mia interpretazione).
Ritratto di bangalora
25 luglio 2022 - 19:22
Bhe ovvio ma il riferimento è puramente casuale e lo avevo segnalato a priori. In Italia per intenderci ti compri un bolide Porsche Maserati e via discorrendo, pagandoli oltre i 100 mila per viaggiare, si comodi, ma al max 130km/h mi sembrano auto sprecate. Io ho un auto non a quei livelli ma il giusto, e quando schiaccio un po, non mi accorgo di essere abbondantemente sopra i 160km/h
Ritratto di Ivan92
25 luglio 2022 - 19:41
8
Si assolutamente hai ragione, non era legato in particolare a Panda e 500 (era solo un esempio) ma alla tipologia di auto. Purtroppo in Italia è già da 12 anni che la legge concede la possibilità alle concessionarie di elevare il limite a 150 km/h su tutte le tratte a tre corsie + corsia d'emergenza sorvegliate dai dispositivi per calcolare la velocità media (tipo tutor), solo che poi non è mai stato messo in pratica da nessuno. Negli ultimi anni poi si parlava di "obbligare" queste tratte a innalzare il limite a 150 km/h ma il tutto non si è mai concretizzato. Credo quindi che non ci sarà mai davvero un tratto autostradale in Italia dove effettivamente si potrà circolare a 150 km/h legalmente, nonostante la legge già oggi autorizza a poterlo fare (se non viene messo in pratica però è inutile), per fortuna però se uno oggi decidesse di andare comunque a 150 km/h al 99,9% se la caverebbe senza alcuna conseguenza e nel peggiore dei casi che rappresentano lo 0,01% delle volte viaggiare oggi a 150 km/h meno (almeno) 3 km/h di scarto tachimetro meno la tolleranza del 5% (7,35 km/h sui 147 km/h, che quindi portano la velocità punibile sotto ai 140 km/h) porterebbero come conseguenza il pagamento di una sanzione di appena 42 € senza alcun altro inconveniente. Il che non è affatto un discentivo serio per non andare a 150 km/h :-)
Ritratto di PONKIO 78
23 luglio 2022 - 17:39
….so che sono ripetitivo e so benissimo che le auto moderne con tutti i nuovi dispositivi sono migliori a quelle di 30 anni fa: frenano prima, sbandano meno e hanno una migliore aderenza…. so anche che ogni persona ha riflessi differenti, ma so anche c’è molta la gente quando è sopra un auto non usa il cervello (escludendo i teppisti di questo blog, sto scherzando)…. sarà un azzardo quello che sto per dire ma vorrei provare a levare per un mese intero i limiti di velocità, mettere i semafori lampeggianti e tenere i passaggi a livello dei treni alzati, sai quanti stronz..i in meno avremmo…. In più metterei delle leggi più dure del tipo provochi un incidente uccidi qualcuno… CAZZ TUOI…. rovinato a vita, in carcere e butto pure la chiave…. Vedrai se lo fanno ancora di andare in contro senso, bruciare i semafori, guidare con il telefono in mano o peggio di tutti… guidare sotto effetto di stupefacenti….. faremmo felice anche l’innominato (Al Volantino) si dimezzerebbe il parco auto in Italia è ci saberre meno inquinamento…;-)))

DA SAPERE PER CATEGORIA

listino
Le ultime entrate
  • DS 3
    DS 3
    da € 28.050 a € 48.550
  • Opel Combo-e Life
    Opel Combo-e Life
    da € 36.205 a € 41.755
  • Opel Astra Sports Tourer
    Opel Astra Sports Tourer
    da € 27.250 a € 42.100
  • Opel Astra
    Opel Astra
    da € 26.250 a € 42.100
  • BMW Serie 3
    BMW Serie 3
    da € 45.550 a € 74.550

PROSSIME USCITE

ottobre 2022
novembre 2022

PROVATE PER VOI

I PRIMI CONTATTI

  • Smart #1 Brabus
    48.150 (indic.)
    La nuova Smart #1 è una crossover compatta, ma accogliente. Ha un design moderno e interni curati. È ben accessoriata, ma si paga cara, soprattutto in questa pepatissima versione Brabus da 428 CV (fin troppi…)
  • Suzuki S-Cross 1.5 Hybrid Starview 4WD
    € 35.590
    Aiutata dall’efficace sistema di trazione integrale la crossover compatta Suzuki S-Cross si muove con disinvoltura sia su strada sia nell’off-road. Con 114 CV, però, le prestazioni non sono molto brillanti. Ricca la dotazione di serie.
  • Volkswagen ID.Buzz Pro+
    € 68.500
    Il Volkswagen ID.Buzz è un van elettrico che suscita immediata simpatia, si guida con facilità ed è ricco di tecnologia. Energico il motore da 204 CV, non tutti ben studiati i comandi.