Luci di posizione e diurne: a cosa servono, spia e quando si usano

Tecnica
Pubblicato 09 agosto 2022

Luci di posizione e luci diurne: cosa sono, a cosa servono, qual è la spia e quando si utilizzano? Cosa c’è da sapere.

Quali sono le differenze tra luci di posizione e luci diurne, quando si usano e che scopo hanno? Le luci di posizione servono a segnalare la posizione un’auto in sosta in zone con scarsa visibilità, e sono poste sia sulla parte frontale, sia su quella posteriore (a differenza degli anabbaglianti, che invece sono posti solo sulla parte anteriore). Le luci diurne, note anche come Drl (Daytime Running Lights) sono divenute obbligatorie sulle vetture omologate a partire dal 2011. A cosa servono le luci diurne? Queste servono a rispettare l’obbligo degli anabbaglianti accesi durante il giorno in alcune condizioni, come da direttiva UE 97/28, in Italia convertita con il DPCM del 14 novembre 1997. 

QUANDO SI USANO LE LUCI DI POSIZIONE E LE LUCI DIURNE?

Il Codice della Strada ci dice quando usare le luci di posizione e le luci diurne. Gli articoli di riferimento sono numeri 151, 152 e 153.

Nell’articolo 151 si trova l’elenco delle luci presenti in auto e la loro definizione: 

  • Luci di posizione anteriore, posteriore e laterale: i dispositivi che servono a segnalare contemporaneamente la presenza e la larghezza del veicolo viste dalla parte anteriore, posteriore e laterale. 
  • Luci di marcia diurna: il dispositivo rivolto verso l’avanti destinato a rendere più facilmente visibile un veicolo durante la circolazione diurna. 


Per quanto riguarda le regole, le eventuali sanzioni in caso di violazioni e su quando e come si usano le luci, bisogna fare riferimento agli articoli seguenti.

Nell’articolo 152 si legge che i veicoli a motore, durante la marcia fuori dai centri abitati, nonché i ciclomotori, i motocicli, i tricicli e quadricicli (questi ultimi anche nei centri abitati), “hanno l’obbligo di usare le luci di posizione, i proiettori anabbaglianti e, se prescritte, le luci della targa e le luci d’ingombro”. Fuori dai casi indicati, possono essere usate le luci diurne. Inoltre, si precisa che le auto di interesse storico e collezionistico sono esenti dall’obbligo dell’utilizzo di questi dispositivi. 

Passiamo ora all’articolo 153, che è abbastanza corposo e regolamenta maggiormente l’utilizzo delle luci di posizione. “Da mezz’ora dopo il tramonto del sole a mezz’ora prima del suo sorgere e anche di giorno nelle gallerie, in caso di nebbia, di caduta di neve, di forte pioggia e in ogni altro caso di scarsa visibilità, durante la marcia dei veicoli a motore e dei veicoli trainanti, si devono tenere accese le luci di posizione, le luci della targa e, se prescritte, le luci di ingombro”. 

Le luci diurne possono essere usate fuori dai centri abitati solo in condizioni di perfetta visibilità e in città sempre, fatta eccezione per quando si passa nelle gallerie o in condizioni di scarsa visibilità. 

QUAL È LA SPIA PER CONTROLLARE CHE SIANO ACCESE

Le luci di posizione sono contrassegnate da una spia di colore verde formata da due piccoli cerchi al centro e tre linee che partono da entrambi i cerchi andando in direzioni opposte. Questa icona appare visibile sul quadro strumenti quando sono accese. 
Le luci diurne, invece, si attivano automaticamente quando viene acceso il motore, quando gli abbaglianti sono spenti. 

SANZIONI IN CASO DI NON ACCENSIONE

Se si guida con le luci di posizione spente o non regolari nei casi in cui vige l’obbligo di accensione, si può andare incontro a una multa che va da 42 a 173 euro. In condizioni di scarsa visibilità, si perde anche 1 punto sulla patente. 

SOSTITUZIONE LUCI DI POSIZIONE E DIURNE: COME SCEGLIERLE?

Nel caso sia necessario sostituire le luci di posizione, ci si può rivolgere a un meccanico, oppure fare in autonomia, se si ha un po’ di dimestichezza. 
Secondo quanto stabilito dalla legge, le luci di posizione anteriori devono essere bianche o gialle. Quelle posteriori devono essere rosse, mentre quelle laterali sono arancioni. Tutte le modifiche sono rigorosamente vietate, altrimenti si può incorrere in sanzioni pesanti, anche oltre i 300-400 euro. 
Per le luci diurne sono usati apparecchi a LED, che presentano una luce bianca, ben visibile di giorno. 

COME SOSTITUIRE UNA LUCE DI POSIZIONE?

Come abbiamo scritto in precedenza, per sostituire una luce di posizione è possibile rivolgersi dal meccanico, oppure fare autonomamente se si ha un po’ di pratica. 

La prima cosa da sapere è il tipo di lampadine montate sull’auto per sapere quali lampadine di ricambio bisogna acquistare. Generalmente vi si risale tramite due informazioni: il modello e l’anno della macchina. Una volta ottenute, si inizia a smontare le protezioni delle lampadine, che si trovano all’interno dei fanali. Per avviare la sostituzione delle luci anteriori sarà necessario aprire il cofano motore, quindi togliere i coperchi ed estrarre delicatamente le lampadine dagli incastri. Infine, si inseriscono le nuove lampadine di ricambio: è raccomandato vedere se funzionano, accendendo le luci, prima di richiudere tutto. 

Il lavoro è simile per la sostituzione delle luci di posizione posteriori, ma a differenza di quelle anteriori, in questo caso bisognerà smontare completamente il fanale. Per sapere come fare, visto che ogni auto è diversa, è raccomandato leggere il manuale dell’auto, per poi procedere alla sostituzione. 

Ribadiamo però che tale pratica può essere effettuata autonomamente solo se si ha un po’ di pratica: in caso contrario, è meglio rivolgersi a un meccanico.



Aggiungi un commento
Ritratto di giulio 2021
9 agosto 2022 - 10:47
Ma il faro dell'auto della foto è di una Hyundai i20, o Hyundai Getz o Matrix, o una Kia Shuma, ecco per ribadire che auto facevano i coreani una ventina di anni fa, cioè 15 , 20 anni dopo il loro sbarco in Europa e con auto già disegnate specificamente in Germania, ecco guardate dove è dopo un anno dallo sbarco MG...
Ritratto di admin
9 agosto 2022 - 10:50
Hyundai Tucson 2015
Ritratto di giulio 2021
9 agosto 2022 - 12:23
Si quella si, ma c'è anche la foto credo del faro della Hyundai Matrix di una ventina di anni fa, e indica quali progressi hanno fatto i coreani.
Ritratto di IloveDR
9 agosto 2022 - 12:37
3
Getz di 20 anni fa
Ritratto di giulio 2021
9 agosto 2022 - 12:51
Si la Getz di 20 anni fa: auto davvero all'avanguardia, capolavori del design e della qualità facevano i coreani 20 anni fa... Ecco ed erano 20 anni fa, da noi i corenai sono sbarcati 40 anni fa, ricordo ancora a scuola che ridevamo, guardatevi la Hyundai Stellar, berlina che ricordarsela... a ecco è ricordata forse come l'auto con la peggiore tenuta di strada degli anni 80 / 90, e tutto il resto di caploavori: Kia Shuma, Magentis, Cerato etc etc, i cinesi con MG sbarcati un anno fa sono già alla MG4 elettrica: auto che in pratica farà andare in pensione la Golf....
Ritratto di Gordo88
9 agosto 2022 - 13:29
1
Niente giulio riprova sarai più fortunato
Ritratto di alvola2023
9 agosto 2022 - 13:43
Inizio a pensare abbia uno spiccato gusto per l'orrido :)
Ritratto di Flynn
9 agosto 2022 - 14:00
Speriamo che a donne sia messo meglio, perché a pensarci a me viene la pelle d’oca .
Ritratto di Voltaren
9 agosto 2022 - 14:14
Non ha famiglia, lo ha scritto lui stesso. Credo abiti ancora con la famiglia d'origine, altrimenti, tra preparazione di pranzo e cena, non avrebbe tutto questo tempo (considera che comincia al mattino intorno alle 9:30 e finisce la sera). Per il resto ha scelto la carriera, il mestiere di designer non ammette distrazioni di sorta...
Ritratto di giulio 2021
9 agosto 2022 - 18:55
Di solito scrivo qualcosa sulle 19 di sera... A parte magari in piena estate. Quindi tutti quelli che scrivono ogni tanto non hanno famiglia, e poi dove l'avrei affermato, e poi che vuol dire: che lei non ha argomenti e quindi a parlare davvero di auto la fregherie 100 a 0 come al solito.

DA SAPERE PER CATEGORIA

listino
Le ultime entrate
  • DS 3
    DS 3
    da € 28.050 a € 48.550
  • Opel Combo-e Life
    Opel Combo-e Life
    da € 36.205 a € 41.755
  • Opel Astra Sports Tourer
    Opel Astra Sports Tourer
    da € 27.250 a € 42.100
  • Opel Astra
    Opel Astra
    da € 26.250 a € 42.100
  • BMW Serie 3
    BMW Serie 3
    da € 45.550 a € 74.550

PROSSIME USCITE

ottobre 2022
novembre 2022

PROVATE PER VOI

I PRIMI CONTATTI

  • Alfa Romeo Tonale 1.6 Multijet Ti
    € 40.500
    Anche nella briosa variante con il 1.6 diesel da 131 CV la crossover media Alfa Romeo Tonale si fa apprezzare per lo sterzo preciso e la buona maneggevolezza. Però niente “palette” dietro il volante per il cambio a doppia frizione.
  • Smart #1 Brabus
    48.150 (indic.)
    La nuova Smart #1 è una crossover compatta, ma accogliente. Ha un design moderno e interni curati. È ben accessoriata, ma si paga cara, soprattutto in questa pepatissima versione Brabus da 428 CV (fin troppi…)
  • Suzuki S-Cross 1.5 Hybrid Starview 4WD
    € 35.590
    Aiutata dall’efficace sistema di trazione integrale la crossover compatta Suzuki S-Cross si muove con disinvoltura sia su strada sia nell’off-road. Con 114 CV, però, le prestazioni non sono molto brillanti. Ricca la dotazione di serie.