Servizi in abbonamento OTA per le auto: cosa sono e come funzionano

Tecnologia
Pubblicato 24 novembre 2022

Il mondo dell’auto sarà sempre più caratterizzato da optional, funzioni o servizi da comprare e installare sulla vettura, come si fa con un’app dello smartphone.

ABBONAMENTI PER... TUTTO? - Non è un mistero che i costruttori facciano molto affidamento sui servizi in abbonamento - Stellantis, per esempio, ha parlato di entrate di decine di miliardi (qui la notizia) - e BMW fa pagare in alcuni mercati gli abbaglianti automatici. L’idea ha un suo fondamento non solo economico, ma anche per il fatto che i consumatori sono ormai abituati a questo tipo di formula grazie all’elettronica di consumo e a Internet. Sembra però che le persone non siano così propense a un esborso monetario per funzioni che, secondo loro, dovrebbero essere incluse nel prezzo del veicolo. L’impressione è che le Case non abbiano ancora capito - in effetti è un settore tutto da inventare - cosa può apparire come un fastidioso balzello e cosa viene invece percepito come un servizio a valore aggiunto che vale la pena di pagare.

TENTATIVI PIÙ O MENO RIUSCITI - Gli esempi sono molti: Lexus, Toyota e Subaru fanno pagare un abbonamento per poter usare servizi remoti via app mentre in alcune BMW la funzione di riscaldamento di sedili e volante si paga in base al consumo. GM e Ford offrono poi piani di abbonamento per i loro sistemi di guida autonoma Level 2. Se alcuni servizi vengono sottoscritti senza particolari patemi altri non hanno incontrato il favore degli automobilisti: BMW ha dovuto recedere dal suo progetto di far pagare 80 dollari l'anno Apple CarPlay mentre Toyota ha dovuto rivedere un suo piano di abbonamento che faceva pagare l'avvio remoto del motore. Kristin Kolodge, che si occupa di sviluppo della mobilità in JD Power, ritiene che un modello a ‘sottoscrizione’ possa dare alle case entrate ricorrenti dopo l’acquisto iniziale aiutando a instaurare una relazione a lungo termine con il cliente rafforzando la fedeltà al marchio. Mark Wakefield, della società di consulenza Alix Partners, pensa che questo approccio possa essere utile alle Case semplificando la produzione e permettendo inoltre ai proprietari di creare la loro automobile à la carte. 

OTA PER LE MASSE - Queste funzioni on demand sono rese possibili degli aggiornamenti software OTA (Over-The-Air), introdotti da Tesla circa 10 anni fa e che ora stanno entrando nella produzione di massa, per esempio con la gamma Volkswagen ID. che ha recentemente festeggiato i primi 500.000 esemplari prodotti (qui per saperne di più). È ormai da qualche anno che tutte le nuove automobili vendute nella UE hanno la chiamata di emergenza automatica, implementata con una Sim che accede alla rete di telefonia cellulare: la connettività è quindi obbligatoriamente presente e le Case possono più agevolmente aggiungere nuove funzionalità e modificare il firmware e il software a distanza. Kristin Kolodge ha però evidenziato che le Case automobilistiche rischiano di far provare ai clienti la spiacevole sensazione di pagare due volte: la prima per integrare una funzione nel veicolo e poi per attivarla. In quest’ottica potrebbero essere più opportuno chiedere un abbonamento ndo alle persone di abbonarsi a servizi nuovi di zecca, piuttosto che a funzionalità già conosciute.


 
DISPOSTI A PAGARE MA SOLO CERTE COSE - Il pensiero degli automobilisti sui servizi a pagamento è stato per esempio raccolto da Cox automotive in un’indagine dedicata. I risultati sono interessanti: il 75% dei consumatori intervistati non sembra disposto a pagare un abbonamento per le funzioni della loro prossima automobile. Essi pensano piuttosto che la maggior parte delle funzioni e dei servizi debba essere inclusa nel prezzo di acquisto. Le risposte alle domande su sicurezza e comfort hanno registrato percentuali ‘plebiscitarie’: il 92% ha affermato che i sedili riscaldati/raffreddati dovrebbero far parte del prezzo di acquisto mentre l'89% pensa lo stesso per l'avviamento da remoto. Percentuali simili per la sicurezza: l'89% ritiene che l'assistenza al mantenimento della corsia dovrebbe essere inclusa nel prezzo e l'87% pensa lo stesso per la frenata automatica di emergenza. Una maggiore elasticità si riscontra per servizi tecnologici quali un hotspot Wi-Fi a bordo e il tracking del veicolo in caso di furto, funzionalità  per le quali c’è una maggiore disponibilità a ad attivare un abbonamento.

MI ABBONO PER TECNOLOGIA E PRESTAZIONI - Il 25% di quelli disposti ad abbonarsi appare polarizzato su alcuni tipi di servizi. Le funzioni di sicurezza quali il mantenimento della corsia e la frenata automatica, per esempio, sono features per le quali più dell'80% di queste persone sarebbe disposto a pagare da 30 a 35 dollari al mese. Ricordiamo che questa ricerca si è svolta negli USA: in Europa questi ADAS sono già obbligatori da luglio per i veicoli già omologati e lo diventeranno dal 2024 per quelli di nuova omologazione (qui la notizia). Un’altra tipologia per la quale si sarebbe dispsti a pagare sono le prestazioni del veicolo: potenza e coppia maggiorate, aggiornamenti software OTA, monitoraggio dei veicoli rubati e un ‘diario di bordo’ delle prestazioni e della manutenzione potrebbero essere pagate da 20 a 25 dollari al mese. Solo il 39% di chi è disposto a pagare un abbonamento lo farebbe però per aumentare l’autonomia dei veicoli elettrici. Funzioni di comfort, quali i sedili riscaldati/raffreddati e l'avvio a distanza potrebbero essere pagato a parte, fino a 31 dollari al mese mentre qualcuno è possibilista su un esborso per personalizza la strumentazione mentre il poter riconfigurare i fari ha pochissimo appeal.

COSTA NULLA, PERCHÉ PAGARE? - Chiudiamo con una notizia ‘legislativa’ e una che riguarda gli hacker. La prima riguarda un disegno di legge del New Jersey che intende vietare alle Case automobilistiche di attivare con abbonamento funzioni il cui hardware è già presente nel veicolo: la ratio è che abilitarne il funzionamento costa nulla al costruttore e sarebbe quindi ingiusto farlo pagare. Una soluzione di questo tipo è usata ad esempio nella EQS SUV (qui per saperne di più), il cui angolo massimo di sterzata delle ruote posteriori può essere abilitato dopo l’acquisto via OTA agendo sull’hardware già presente. Per quel che riguarda gli hacker il sito Vice riporta la notizia che una community di hacker, che ha sbloccato per anni funzioni nelle BMW (disattivando per esempio gli avvisi delle cinture non allacciate o abilitando funzioni proibite in alcuni Paesi), ha detto di essere pronta a ‘liberare’ funzionalità per le quali ci si dovrebbe abbonare. La situazione delle funzioni a sottoscrizione appare quindi in piena evoluzione...



Aggiungi un commento
Ritratto di Road Runner Superbird
24 novembre 2022 - 08:41
Mi sembra una fregatura. Perché pagare mensilmente per lo "sblocco" di un dispositivo già presente in auto e di fatto già di mia proprieta'? È giusto il disegno di legge del New Jersey, e a sto punto fanno bene gli hacker a sbloccare gli abbonamenti truffa.
Ritratto di Gianni.ark
24 novembre 2022 - 23:18
Condivido ogni tua singola parola...
Ritratto di Biondi stefano
24 novembre 2022 - 09:38
Certo allestire un auto che ha tutti gli opzional a bordo,ai costruttori deve costare una cifra. Avranno fatto bene i conti sulla percentuale dei clienti che poi attiveranno i servizi a pagamento. Altrimenti rischiano di rimetterci. O per sopperire alle perdite alzeranno le tariffe di noleggio,un po come avviene per i canali T.V. Insomma,sento puzza di "ricatto". Preferisco comprare ,non noleggiare.
Ritratto di deutsch
24 novembre 2022 - 11:56
4
si però d'altronde non dover personalizzare l'auto per ogni cliente porterebbe anche vantaggi in termini economici al produrre dovuti alla semplicicazione costruttiva. se noti le macchine economiche hanno sempre una lista corta di optional mentre quelle costose, al contrario ce l'hanno lunga. avete una forte personalizzazione da un punto di vista aziendale è un grosso costo che poi si riflette sul valore finale del bene. in ogni caso sono contrario ai servizi in abbonamento ed altrettanto contrario alla soluzione hacker. se ci si può permettere l'optional lo si compra viceversa si fa senza, di certo non si rinuncia per poi andare da miocugino per farselo sbloccare
Ritratto di Comparsa
24 novembre 2022 - 10:21
Fantastico: i produttori si gettano a capofitto nelle possibilità extra profitto della tecnologia, e vengono mazziati dagli hacker che, sistematicamente, vìolano i loro sistemi. Una sorta di perfetta nemesi digitale.
Ritratto di ziobell0
24 novembre 2022 - 12:00
Ogni giorno c'è un motivo in più per evitare di cambiare auto.
Ritratto di Thunder1
24 novembre 2022 - 13:16
1
Strano, perchè vedendo la tua auto non vedrei l'ora di cambiarla.
Ritratto di ziobell0
24 novembre 2022 - 23:38
credo che valga il doppio della tua...più che thunder direi scorr_eggia
Ritratto di Thunder1
25 novembre 2022 - 04:40
1
L'unica cosa doppia della tua rispetto alla mia Alfa Romeo Giulia è il tasso d'interesse che devi pagare ogni mese... Sfigat0o...
Ritratto di Er sentenza
24 novembre 2022 - 12:51
Già da tempo le case automobilistiche sono diventate più venditrici di servizi (finanziamenti, assicurazioni, pacchetti manutenzione...) che venditrici di auto. Questo e' solo un altro passo in quella direzione. Inoltre tutti questi abbonamenti e pseudo funzioni su richiesta sono dei veri e propri cavalli di tr.ia che permettono una completa raccolta di dati sensibili sugli utenti. Una miniera d'oro da rivendere e lucrarci sopra, alla faccia della privacy.

DA SAPERE PER CATEGORIA

listino
Le ultime entrate
  • Suzuki Vitara
    Suzuki Vitara
    da € 24.900 a € 33.900
  • Suzuki Swift
    Suzuki Swift
    da € 21.000 a € 26.400
  • Suzuki S-Cross
    Suzuki S-Cross
    da € 26.990 a € 35.890
  • Suzuki Ignis
    Suzuki Ignis
    da € 20.400 a € 22.400
  • Suzuki Across
    Suzuki Across
    da € 55.400 a € 55.400

PROVATE PER VOI

I PRIMI CONTATTI

  • Peugeot 408 1.6 Plug-in Hybrid 224 CV GT
    € 47.700
    Innovativa nello stile, la Peugeot 408 è una berlina che offre spazio, comfort e cura nelle finiture. Buone le prestazioni di questa plug-in e ricca la dotazione, se non per gli airbag.
  • Jeep Avenger BEV 1st Edition
    € 39.500
    Prime impressioni di guida della “baby Jeep” in versione elettrica. Bel design, tanta tecnologia e una notevole agilità. Bene il comfort, qualche dettaglio migliorabile.
  • Alfa Romeo Tonale 1.3 Plug-in Hybrid Veloce Q4
    € 55.900
    Nella versione ibrida “ricaricabile” la crossover media Alfa Romeo Tonale diventa 4x4, ha 280 CV ed è agile quanto brillante. Il baule, però, è meno capiente.