BMW

BMW
i3

da 39.150

Lungh./Largh./Alt.

401/178/160 cm

Numero posti

4

Bagagliaio

260/1.110 litri

Garanzia (anni/km)

2/illimitati
In sintesi

La più piccola delle BMW (è lunga 4 metri) è una monovolume elettrica mossa da un motore sincrono collocato fra le ruote posteriori, alle quali è affidata la trazione. È costruita con materiali leggeri - plastica per i pannelli della carrozzeria, fibra di carbonio su telaio d’alluminio per la cellula dell’abitacolo - tanto che la massa è contenuta in circa 1200 kg, incluse le batterie al litio. Maneggevole e bene “incollata” all’asfalto, con 170 CV a disposizione (e addirittura 184 per la sportiva "s"), la BMW i3 promette lo “0 a 100” in tempi prossimi ai 7 secondi e 150 (o 160) km/h di velocità massima. Peccato che nell'uso normale l'autonomia "vera" offerta dalla batteria da 95 Ah sia di circa 150 km. L’abitacolo, dal design essenziale, elegante e futuribile, propone materiali di pregio (inclusi quelli naturali: alcuni pannelli sono in fibra di ibisco pressata). Semplici e intuitivi i comandi, con la grossa leva nel piantone che serve per “attivare” il motore e selezionare la marcia avanti o la “retro” (nelle elettriche, un vero e proprio cambio non è necessario); il cruscotto digitale utilizza un display di 6,7”, mentre alla radio è dedicato un secondo schermo di 6,5” nella plancia. L’abitabilità della BMW i3 è buona per quattro, ma l’accesso ai posti dietro è scomodo perché le porte posteriori (con apertura contromarcia) sono piccole; quanto al baule, la capienza (molto ridotta) è quella di una citycar. Oltre alla variante standard c’è la Range Extender, con un motore-generatore a benzina (un bicilindrico di 650 cm3 con un serbatoio di 9,5 litri) a cui ricorrere quando l’energia delle batterie è esaurita. L'aggiornamento del 2017 ha portato paraurti ridisegnati, un controllo di trazione più efficiente sui fondi viscidi e alla inedita versione sportiva "s": oltre ai 14 CV supplementari ha ruote e carreggiate più larghe e può contare su una specifica modalità Sport, che indurisce lo sterzo e rende il pedale dell'acceleratore più reattivo.

 

Versione consigliata

Già la versione "normale" ha tutta la vivacità che serve (e anche di più): la BMW i3s è più precisa in curva ma richiede un esborso maggiore e ha pure una minore autonomia. La versione Range Extender promette 130 km di autonomia in più ma, se si compra una piccola auto elettrica (quasi sempre una seconda auto), si presuppone già di sapere dove ricaricarla e l'autonomia della i3 "base" è sufficiente per la maggior parte delle persone. Oltre al necessario per la sicurezza, la dotazione di serie comprende il “clima”, i sensori di distanza posteriori e il Bluetooth. La ricca lista di optional va dal tetto in vetro ai cerchi in lega fino a 20” (che riducono un po' l'autonomia), a diversi tipi di navigatore, incluso quello Professional con schermo di 10,3” e hard disk di 20 GB; non manca nemmeno la centralina di ricarica rapida da installare nel box.

 

Perché sì

Abitacolo Moderno e raffinato, può essere arricchito a pagamento con diversi tipi di rivestimenti in pelle; soddisfacente lo spazio disponibile, anche dietro.

Maneggevolezza In città la i3 si fa apprezzare per il raggio di sterzo davvero contenuto, nei percorsi tortuosi per l’agilità nei cambi di direzione.

Prestazioni Con almeno 170 CV (e 250 Nm di coppia disponibili a ogni regime di rotazione), accelerazione e ripresa sono eccellenti.

Perché no

Accessibilità posteriore Il divano è arretrato rispetto alle porte, e il montante del tetto (che in assenza dell’elemento verticale è ridotto a una pronunciata sporgenza) costringe a fare attenzione alla testa.

Baule Il motore elettrico, collocato sotto il piano di carico, ne limita l’altezza utile (36 cm) e la capacità .

Dettagli Le porte posteriori hanno la maniglia di sblocco troppo lontana e i vetri non apribili; inoltre, sono prive di tasche.

BMW i3
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
44
34
58
44
139
VOTO MEDIO
2,4
2.37304
319
Photogallery