Lamborghini

Quando al vulcanico Ferruccio Lamborghini, titolare di un'avviata azienda di trattori (e intenzionato anche a costruire elicotteri, ma il Governo italiano pone il veto), il Commendator Ferrari risponde secco: “Non è la frizione della tua Ferrari a slittare, sei tu che sai guidare solo trattori”, ecco che vengono poste le basi per un'avventura automobilistica con pochi uguali. Lo stesso imprenditore lo ricorderà anni dopo, in un'intervista alla Rai: “Da lì allora mi sono impuntato e mi sono detto: adesso la macchina me la faccio io”. Con buona pace della Ferrari 250 guidata quotidianamente, Ferruccio Lamborghini - da buon emiliano - mantiene la parola.
 
Il 7 maggio 1963 nasce infatti la Automobili Lamborghini, con il prototipo 350 GTV presentato al Salone di Torino a tempo di record. E' disegnata da Scaglione, presenta un motore V12 montato in posizione anteriore longitudinale e progettato dall'ex motorista Ferrari Giotto Bizzarrini. Inutile dire che alla trasmissione (con frizione monodisco e cambio a 5 rapporti) è dedicata un'attenzione particolare... Da allora, e in pochissimi anni, le auto con l'effigie del Toro (il segno zodiacale del fondatore) diventano oggetti del desiderio: la Miura e la Countach segnano nuovi limiti per le supersportive; l'Espada e la Jalpa sono progetti minori ma pur sempre importanti (e tale non si può definire la Jarama, perché dichiaratamente la prediletta di Ferruccio Lamborghini), e la LM 002 è la risposta italiana alla Range Rover, con un mare di cavalli in più (il motore è il 5.2 V12 della Countach, e la potenza è di 450 CV).
 
Con il progressivo abbandono di Ferruccio Lamborghini (che finisce i propri giorni nel 1993 dopo avere passato gli ultimi anni vinificando il Sangue di Miura, un particolarissimo rosso dei Colli del Trasimeno), la sua creatura finisce in mano prima della Chrysler (1987), poi a un gruppo d'investimento indonesiano (1994) e infine al Gruppo Volkswagen: corre il 1998 e il primo frutto è la Murcielago del 2001, che sostituisce la Diablo (erede della Miura) e pone le basi per l'attuale Aventador, che compone la gamma Lamborghini insieme alla più piccola Huracàn.

Novità Lamborghini

Video Lamborghini

  • In pista e sulla Cisa con quattro Lamborghini
    Quattro Lamborghini, in pratica tutta la gamma del costruttore, messe alla frusta dai collaudatori di alVolante.
  • Lamborghini Aventador Roadster
    La soluzione del tettuccio rigido che va rimosso a mano e riposto nell'apposito vano fa guadagnare alla Aventador Roadster 50 kg: un niente per un'auto che dispone di 700 CV.
  • Lamborghini Aventador
    Ha già 5 anni sulle spalle ma non li dimostra affatto: la Aventador resta una super sportiva di primissimo piano, con il suo telaio in carbonio e il motore V12 aspirato di 6,5 litri.
  • Lamborghini Huracán Spyder
    Versione scoperta della Huracán non perde nulla della cattiveria della sorella con il tetto rigido: il motore resta il V10 5.2 aspirato da 610 CV.
  • Lamborghini Huracán
    La "piccola" di casa Lamborghini dispone di 610 CV erogati dal motore V10 aspirato attraverso la trazione integrale ed il cambio automatico a doppia frizione. Il telaio è misto, carbonio e alluminio.
  • Lamborghini Aventador LP 750-4 SV
    I 700 cavalli di una normale Lamborghini Aventador vi sembrano pochi? Ecco allora questa cattivissima versione.

Primi contatti Lamborghini

dagli archivi