Perché molte auto elettriche hanno motore e trazione posteriori?

Tecnologia
Pubblicato 13 ottobre 2020

Vediamo i motivi di questa scelta tecnica che sovverte una prassi consolidata per le auto a motore termico, prevalentemente a trazione anteriore.

TUTTI I TIPI DI TRAZIONE MA…. -  Se prendiamo le auto elettriche attualmente vendute in Italia notiamo che sono a trazione anteriore, posteriore o integrale. Ma questa situazione non è destinata a durare infatti, fra qualche anno, quelle a trazione posteriore saranno la maggioranza. Un bel ribaltone rispetto alla situazione odierna, ma le ragioni di questa tendenza sono diverse e fondate.

ELETTRICHE DALLA NASCITA - Osserviamo intanto che già oggi le automobili concepite dalla nascita per essere elettriche, come la Volkswagen ID.3, la BMW i3, le Tesla, la Honda E e la Ford Mustang Mach-E sono a trazione posteriore o integrale. Molte elettriche derivate da modelli nati con motori a combustione sono invece a trazione anteriore: ne sono un esempio DS 3 Crossback, Hyundai Ioniq e Kona, Kia e-Soul e Niro, Mazda MX-30 .

NELLE AUTO A MOTORE TERMICO - Nelle auto con motore termico, il motore e la trazione anteriori permettono di eliminare l’albero di trasmissione rendendo la meccanica più semplice. Si ha anche un certo guadagno di spazio, derivato dall’assenza del tunnel della trasmissione, e il peso del motore grava sulle ruote motrici, cosa che aumenta la trazione su fondi difficili. La trazione anteriore è adattissima a veicoli compatti e non molto potenti, ottimizzati per efficienza e costo, ma che a volte sacrificano la dinamica della guida. La concentrazione delle masse all’avantreno porta infatti ad un comportamento tendenzialmente sottosterzante, che può essere corretto, entro certi limiti, decelerando o frenando leggermente per trasferire più carico all’anteriore.

LA POSIZIONE DEL MOTORE - I vantaggi della trazione anteriore, però, perdono molta forza nei veicoli a batteria. Il motore elettrico è leggero e compatto e quindi sistemarlo all’asse anteriore o posteriore è praticamente indifferente, anche dal punto di vista dei costi, dato che comunque non c’è l’albero di trasmissione (lo spazio liberato è usato in alcuni casi per accogliere la batteria).

VANTAGGI IN ACCELERAZIONE - Inoltre, in accelerazione l’anteriore si alza e lo spostamento del peso porta a caricare di più l’asse posteriore. Avere la trazione alle ruote posteriori quindi aiuta a trasmettere a terra la coppia perché le ruote motrici, più caricate, hanno maggiore aderenza. Questo spostamento di carico può annullare il vantaggio della trazione anteriore (le ruote motrici più cariche), ad esempio in salita o in uscita di curva. Dato che i motori elettrici erogano la coppia massima quasi istantaneamente, ha più senso usare la trazione posteriore o integrale rispetto a quella anteriore.

STERZO PIÙ PRECISO - La trazione posteriore inoltre libera lo sterzo dalle sollecitazioni dovute alla trasmissione della coppia motrice, rendendolo più preciso rispetto alle condizioni di aderenza delle ruote anteriori.

RAGGIO DI STERZATA RIDOTTO - Altro vantaggio della trazione posteriore è la possibilità di ottenere un raggio di sterzata molto contenuto, dato che non ci sono i giunti omocinetici a limitare gli spostamenti angolari dell’asse delle ruote anteriori. La Honda e ne è un esempio, con il suo diametro di sterzata di soli 8,6 metri. 

PIÙ SPAZIO PER I BAGAGLI - Ultimo, ma non ultimo, pregio è legato alla compattezza della meccanica, che dà la possibilità di sistemare l’ingombrante batteria sotto il pavimento e quindi permette di ricavare un portabagagli anteriore che si aggiunge a quello posteriore.



Aggiungi un commento
Ritratto di otttoz
13 ottobre 2020 - 18:34
ormai, con gli adas, dietro si può
Ritratto di flavio84
13 ottobre 2020 - 19:07
X la redazione: motore= brum brum, emozioni, qui il motore non cè, chiamatele batterie
Ritratto di Giuliopedrali
13 ottobre 2020 - 19:20
Si se era una 33, ma adesso dai anche la Maserati ha il rumorino elettronico artificiale che ricorda lo sciacquone di un cesso poi, meglio l'elettrico, comunque l'era della trazione anteriore è durata poco, perchè ancora negli anni 70 era quasi più economico fare un'auto a motore e trazione posteriore: 600, 500, 850, Dauphine R8, Simca 1000 etc etc, la trazione anteriore aveva indubbi vantaggi ma è diventata diffusa ed economica solo dagli anni 70 e 80 quando è diventata di massa, prima era una raffinatezza.
Ritratto di RubenC
13 ottobre 2020 - 19:52
1
flavio84, per le emozioni... prova una Taycan o una Tesla e poi ripetilo. Ok, dipende dai gusti, ma essere così attaccati in modo fisso a un sistema meccanico mi sembra assurdo.
Ritratto di Meandro78
13 ottobre 2020 - 21:01
Emozione=guida analogica senza ausili da centraline e sensori. Tutto testa, sensazioni e riflessi dati dalla meccanica. Con l'elettrico la meccanica praticamente non c'è. E deve fare tutto l'elettronica.
Ritratto di RubenC
13 ottobre 2020 - 21:22
1
Perché emozione = guida analogica? Non capisco questa uguaglianza che è più che altro un rimpianto del passato che qualcosa di motivato. Ma poi, tu pensi davvero che una, per esempio, Ferrari F8 sia solo meccanica? E i controlli elettronici? Le centraline? I computer di bordo? I display? I sensori? Ce li ha pure quella, eh.
Ritratto di flavio84
13 ottobre 2020 - 22:59
E non serve aggiungere altro!
Ritratto di Andre_a
14 ottobre 2020 - 00:02
5
@Meandro78: sono d’accordo con la tua definizione di emozione, il problema è che non ha senso in un confronto endotermico vs elettrico. La guida analogica senza ausili da centraline e sensori nelle auto nuove non esiste più, se non in modelli estremamente di nicchia. Se invece vuoi dire che le auto di una volta erano più coinvolgenti, sono d’accordo con te, infatti pur avendo preso un’elettrica, mi tengo stretta la mia Rx8. @flavio84: che Tesla hai provato? E che macchine guidi regolarmente? Scusa, ma trovo strano credere che passare da un auto normale a una che va da 0 a 100 in 3 secondi non ti abbia dato nessuna emozione. Poi certo, si fa presto ad abituarsi, dopo un po’ la sparata da fermo stanca, ma zero emozioni...
Ritratto di flavio84
13 ottobre 2020 - 23:02
L ho provata una tesla, sembrava di stare sulle macchinine a scontro, a me quest emozione non l ha data...
Ritratto di flacogta
14 ottobre 2020 - 09:55
2
Le emozioni di guidare un auto senza ausili elettronici è imparagonabile. Sei tu e la meccanica. Poi l'elettronica serve solamente a coadiuvare il pilota. Ma per una guida pura l'aiuto elettronico non è richiesto né necessario. Poi ovvio che anche le Ferrari&co. hanno elettronica, schermini e sensori, ma questo non significa che anche le Ferrari&co. si siano snaturate parlando esclusivamente di PURO piacere di guida. Convenite con me che dell'elettronica se ne può fare a meno per divertirsi di più? Poi ciò non esclude che ci si possa divertire anche con auto con elettronica o totalmente elettriche...
Pagine

DA SAPERE PER CATEGORIA

listino
Le ultime entrate
  • UAZ Hunter
    UAZ Hunter
    da € 21.690 a € 23.190
  • Kia Stonic
    Kia Stonic
    da € 16.750 a € 23.250
  • Peugeot 108
    Peugeot 108
    da € 12.530 a € 15.730
  • Mercedes GLA
    Mercedes GLA
    da € 35.580 a € 50.030
  • Giotti Victoria Glory
    Giotti Victoria Glory
    da € 24.490 a € 24.490

PROVATE PER VOI

I PRIMI CONTATTI

  • Fiat Nuova 500 Icon
    € 31.400
    La Fiat Nuova 500 è un’elettrica sfiziosa, ricca sul fronte delle dotazioni di sicurezza e curata negli interni, se non per pochi dettagli. Davvero piacevole la guida, anche fuori città.
  • Maserati Ghibli 2.0 Hybrid GranSport
    € 86.100
    La berlina sportiva Maserati Ghibli si aggiorna nel sistema multimediale e arriva anche in questa versione 2.0 ibrida “leggera”. Sprint e tenuta di strada soddisfano anche i palati fini. Ma il rombo dov'é?
  • Hyundai i20 1.0 T-GDI Bose
    € 21.400
    Tutta nuova, la Hyundai i20 è tecnologica e gradevole da guidare: è “svelta” di sterzo e il 1.0 turbo spinge bene e in silenzio. C’è anche in versione ibrida “leggera”, ma la sua batteria riduce parecchio lo spazio per le valigie.