Revisione auto 2022: costo e scadenza

Vivere con l'auto
Pubblicato 22 settembre 2022

La revisione auto obbligatoria serve per garantire la sicurezza stradale e limitare l’inquinamento. Ecco tutto quello che c’è da sapere su costo, scadenza, controlli, multa.

CHE COS’È LA REVISIONE AUTO?

La revisione periodica obbligatoria dell'auto punta a garantire che il veicolo sia sicuro e abbia emissioni entro i limiti previsti dalla legge. I controlli sono fissati da direttive e regolamenti comunitari e riguardano:

  • Tutti i componenti da cui dipendono le emissioni sonore e inquinanti,
  • La frenata,
  • Il sistema di sospensioni,
  • I pneumatici,
  • La visibilità (luci incluse),
  • La sicurezza in generale (per esempio, la chiusura delle porte e la presenza di danni gravi e ruggine nella scocca),
  • La correttezza dei dati del veicolo (targa, numero di telaio, tipo di motore) rispetto a quanto riportato nel libretto di circolazione. 


Le verifiche non prevedono nessuno smontaggio: sono di tipo visivo, o utilizzano appositi strumenti (come quelli per analizzare i gas di scarico, l’equilibratura della frenata e l’orientamento dei fari). 

SCADENZA DELLA REVISIONE AUTO

La prima revisione dell'auto va effettuata entro il mese in cui scadono i quattro anni dalla prima immatricolazione. Per esempio: un’auto immatricolata il 7 ottobre del 2018 deve essere sottoposta al controllo entro il 31 ottobre del 2022. Dopo la prima revisione la scadenza diventa di due anni, conteggiati dalla data della precedente revisione. Per esempio: un’auto revisionata il 15 settembre del 2020 va sottoposta di nuovo a verifica entro il 30 settembre 2022.

La data di prima immatricolazione si trova nel primo quadrante del libretto di circolazione, dopo la lettera (B), mentre la data dell’ultima revisione è indicata nel tagliando adesivo che viene apposto, sempre nel libretto, dal centro che l’ha effettuata.   

La cadenza biennale vale anche per i veicoli di interesse storico e collezionistico, ovvero quelli iscritti in uno dei registri (Asi, Italiano Alfa Romeo, Italiano Fiat, Storico Lancia). Devono sottostare invece alla revisione annuale le auto in servizio di piazza o di noleggio con conducente, le ambulanze, le auto in servizio di linea e i taxi. 

Discorso ancora diverso per le auto d’epoca: sono quelle non circolanti se non previa autorizzazione dell’autorità preposta (per parate e manifestazioni similari), radiate dal PRA, prive di targa e iscritte in un elenco presso il centro storico del dipartimento per i trasporti, la navigazione, gli affari generali e il personale. La revisione in questo caso serve per verificare che siano rispettati i parametri di sicurezza oltre alle caratteristiche originarie, per confermare l'iscrizione all’elenco citato più sopra. 

I carrelli appendice vanno revisionati insieme al veicolo a cui sono abbinati nella carta di circolazione, mentre i rimorchi con peso fino a 3,5 t a pieno carico sono soggetti a revisione periodica con cadenza uguale a quella delle auto (dapprima quattro anni e poi due), ma solo presso la motorizzazione o mediante sedute esterne nelle officine private a opera degli ingegneri della motorizzazione.

QUANTO COSTA LA REVISIONE AUTO?

In base al decreto interministeriale n. 317 del 3 agosto 2021 si spendono 45 euro recandosi agli uffici della Motorizzazione civile, mentre presso i centri privati autorizzati la cifra è di 54,95 euro, a cui vanno però sommati l’Iva al 22%, i diritti postali e la relativa commissione di pagamento, per un totale di circa 79 euro

Questi 79 euro sono 13,8 in più di quanto si pagava fino al primo novembre 2021. Il governo ha introdotto un bonus, valido fino all’ottobre del 2024 incluso, che consente di recuperare in parte l’aumento: vengono restituiti 9,95 euro, ma per un solo veicolo a persona e una sola volta per ogni auto. Per il bonus sono stati stanziati 12 milioni di euro, e i rimborsi sono assegnati in base alla data di inserimento delle richieste. Che vanno effettuate, una volta superata la revisione, andando sulla piattaforma del ministero bonusveicolisicuri.it, accessibile tramite Spid. Il rimborso avviene tramite bonifico sul conto corrente. 

DOVE FARE LA REVISIONE AUTO

La revisione auto si effettua presso i centri di controllo privati autorizzati dal ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili, o presso un ufficio del dipartimento trasporti terrestri (l’ex Motorizzazione civile). Nel primo caso si spende di più, ma le tempistiche sono più brevi ed è molto più facile trovare un centro vicino a casa. 

COSA SUCCEDE SE L’AUTO NON PASSA LA REVISIONE?

Se l’auto supera i controlli, l’ispettore applica un adesivo al libretto, con la scritta “revisione regolare” e la data. In caso contrario, la scritta diventa “revisione ripetere - da ripresentare entro un mese”: si può circolare, ma solo dopo che l’auto è stata sistemata presso un’officina (l’intervento è certificato dalla fattura dettagliata). Ed entro un mese va rifatta la revisione.

Se le condizioni del veicolo sono tali da pregiudicare nell’immediato la sicurezza, e per tutti i casi di inquinamento ambientale (perdite di liquidi e gas di scarico fuori norma), si arriva a “revisione ripetere - veicolo sospeso dalla circolazione fino a nuova visita con esito favorevole”. L’auto può solo recarsi in officina per essere rimessa in efficienza.

In entrambi i casi, la ripetizione della revisione va fatta nel centro dove l’auto era stata “bocciata” oppure presso le sedi della motorizzazione civile. In base a una direttiva europea del 2014, poi, dopo ogni revisione (con esito positivo o meno) il centro deve fornire un certificato (valido in tutta la Ue) nel quale vengono descritte le eventuali carenze del veicolo, oltre al nome dell’ispettore, alla data di effettuazione e alla scadenza.

MULTA PER REVISIONE SCADUTA

Se le forze dell’ordine vi scoprono con un’auto non revisionata (anche se ferma, ma parcheggiata su suolo pubblico), la sanzione minima è di 173 euro (121,1 se pagata entro cinque giorni, e il doppio se la revisione non è stata effettuata per più di una volta).

Sulla carta di circolazione viene apposta la scritta “il veicolo è sospeso dalla circolazione sino a revisione effettuata”: nel frattempo il veicolo non può più circolare, se non per raggiungere il centro di revisioni auto (in caso di controllo, bisogna certificare che si è fissato un appuntamento).

Altrimenti, a un secondo controllo, si rischia il fermo amministrativo del veicolo (la pattuglia ritira la carta di circolazione e consegna un foglio che consente solo di rientrare a casa) per 90 giorni, più una sanzione di 1.998 euro (1.398,6 se pagata entro cinque giorni). E se il problema si ripete, sanzione di 1.998 euro e si passa alla confisca dell’auto. 

MULTA PER ATTESTAZIONE DI REVISIONE FALSA

Presentando un documento falso che attesta la revisione auto, vale il comma 17 dell’articolo 80 del codice della strada: la sanzione è di 430 euro (301 se si paga entro cinque giorni) e viene ritirato il libretto di circolazione. 

PROBLEMI ASSICURATIVI IN CASO DI MANCATA O FALSA REVISIONE AUTO

Se si incappa in un incidente con un’auto priva della revisione regolare, si rischia la rivalsa: la compagnia assicuratrice può richiedere un importo pari alla somma risarcita a chi è rimasto coinvolto nel sinistro. Ma molte compagnie prevedono l’opzione della rinuncia alla rivalsa per il veicolo senza revisione: potete chiederla (o verificare se è prevista) al momento della stipula del contratto.

CHE COS’È LA REVISIONE AUTO STRAORDINARIA?

La revisione auto straordinaria può essere ordinata dal Dipartimento trasporti terrestri su segnalazione delle forze dell’ordine, per i veicoli gravemente danneggiati in un incidente o se esistono dubbi sul rispetto dei requisiti di sicurezza, rumorosità ed inquinamento prescritti dalla legge. Va eseguita solo presso gli uffici del dipartimento trasporti terrestri (l’ex Motorizzazione civile), esibendo una dichiarazione che i lavori sono stati eseguiti a regola d’arte. I 45 euro vanno pagati sul cc postale 9001.

Se, invece di ripararla, si preferisce far demolire l'auto per cui è prevista la revisione straordinaria, occorre inviare alla Motorizzazione una copia della presa in carico del centro di demolizione o l’attestato di cessazione dalla circolazione rilasciato dal PRA.

In collaborazione con Diego Brambilla, segretario FederIspettori.



Aggiungi un commento
Ritratto di giulio 2021
22 settembre 2022 - 15:45
Ma vale solo per i cittadini italiani...
Ritratto di deutsch
22 settembre 2022 - 17:05
4
vale solo per veicoli con targa italiana

DA SAPERE PER CATEGORIA

listino
Le ultime entrate
  • DS 3
    DS 3
    da € 28.050 a € 48.550
  • Opel Combo-e Life
    Opel Combo-e Life
    da € 36.205 a € 41.755
  • Opel Astra Sports Tourer
    Opel Astra Sports Tourer
    da € 27.250 a € 42.100
  • Opel Astra
    Opel Astra
    da € 26.250 a € 42.100
  • BMW Serie 3
    BMW Serie 3
    da € 45.550 a € 74.550

PROSSIME USCITE

ottobre 2022
novembre 2022

PROVATE PER VOI

I PRIMI CONTATTI

  • Smart #1 Brabus
    48.150 (indic.)
    La nuova Smart #1 è una crossover compatta, ma accogliente. Ha un design moderno e interni curati. È ben accessoriata, ma si paga cara, soprattutto in questa pepatissima versione Brabus da 428 CV (fin troppi…)
  • Suzuki S-Cross 1.5 Hybrid Starview 4WD
    € 35.590
    Aiutata dall’efficace sistema di trazione integrale la crossover compatta Suzuki S-Cross si muove con disinvoltura sia su strada sia nell’off-road. Con 114 CV, però, le prestazioni non sono molto brillanti. Ricca la dotazione di serie.
  • Volkswagen ID.Buzz Pro+
    € 68.500
    Il Volkswagen ID.Buzz è un van elettrico che suscita immediata simpatia, si guida con facilità ed è ricco di tecnologia. Energico il motore da 204 CV, non tutti ben studiati i comandi.