Come usare le corsie di emergenza e le piazzole di sosta in autostrada

Sicurezza
Pubblicato 16 dicembre 2022

Quando è possibile usare le corsie di emergenza e le piazzole di sosta in autostrada? I casi in cui non è permesso e le sanzioni che si rischiano.

Sicuramente ci sarà capitato di trovarci in autostrada e di venire sorpassati da veicoli che transitano sulla corsia di emergenza, oppure di vedere auto che si trovano nelle cosiddette piazzole di sosta. Viaggiare in autostrada comporta delle regole da rispettare: le norme, stabilite dal Codice della Strada, includono anche l’utilizzo delle corsie di emergenza e delle piazzole di sosta, che non può essere fatto a proprio piacimento, ma deve rispettare certe condizioni e requisiti per non farsi sanzionare. In questa guida spiegheremo proprio quando e come usare le corsie di emergenza e le piazzole di sosta quando ci troviamo a guidare in autostrada. 

COSA DICE IL CODICE DELLA STRADA SULLE CORSIE DI EMERGENZA

L’articolo 3 comma 15 del Codice della Strada definisce in questo modo la corsia di emergenza: “Corsia, adiacente alla carreggiata, destinata alle soste di emergenza, al transito dei veicoli di soccorso e, eccezionalmente, al movimento dei pedoni, nei casi in cui sia ammessa la circolazione degli stessi”. 

Insomma, sembra chiaro già dal nome che la corsia di emergenza è destinata a situazioni di… emergenza! Tuttavia ci sono dei casi in cui è possibile transitare su di essa, anche se per un periodo relativamente breve e per una finalità ben precisa. 

QUANDO SI PUÒ USARE LA CORSIA DI EMERGENZA IN AUTOSTRADA

Quando veniamo sorpassati da un’auto sulla destra che transita sulla corsia di emergenza in autostrada in una situazione di regolare traffico, stiamo vedendo un automobilista che, se beccato dalla polizia, potrebbe correre dei guai grossi. 

Come abbiamo visto dal relativo articolo del CdS, viaggiare sulla corsia di emergenza è rigorosamente vietato a meno che non ci si debba fermare per una attestabile emergenza (il veicolo è in panne, il guidatore si sente male, etc.), oppure non si stia guidando un mezzo di soccorso. 

Tuttavia, c’è anche un altro caso in cui è possibile viaggiare sulla corsia di emergenza: in caso di ingorgo o di lunga coda, si può transitare sulla corsia di emergenza solo se si deve uscire dall’autostrada ed esclusivamente a partire da 500 metri dallo svincolo, la cui presenza è segnalata da apposito cartello.

Se è notte, dopo essersi portati sulla corsia di emergenza, rispettando i più classici criteri di sicurezza, è necessario indossare anche il giubbotto segnaletico catarifrangente, segnalare la presenza del veicolo tenendo accese le luci di posizione o le quattro frecce e, infine, posizionando il triangolo ad almeno 100 metri dietro il veicolo

Una parentesi doverosa sul movimento dei pedoni consentito dal Codice: quando è ammesso? Sempre e solo per motivo di urgenza, quindi solo nel caso in cui il conducente o il passeggero stia male e quindi abbia bisogno di uscire dal veicolo (rimanendo ovviamente sulla corsia preposta e indossando il giubbotto catarifrangente), oppure per recarsi presso la colonnina SOS più vicina (articolo 175 comma 6 del Codice della Strada).

PER QUANTO TEMPO È POSSIBILE UTILIZZARE LE CORSIE DI EMERGENZA?

In caso di guasto all’auto o di problema di salute al conducente o al passeggero, è possibile sostare nella corsia di emergenza. Tuttavia è necessario sottolineare che quest’ultima deve essere utilizzata entro e non oltre 3 ore, nelle quali saremo tenuti a chiamare i soccorsi o un carro attrezzi per rimuovere l’auto. 

COS’ALTRO NON BISOGNA FARE?

La corsia di cui stiamo parlando è stata pensata per fungere da approdo sicuro per gli automobilisti in difficoltà. Tuttavia, forse sarebbe meglio mettere “sicuro” tra virgolette, perché dobbiamo sempre ricordarci che ci troviamo su un’autostrada, dove la velocità minima di un veicolo generalmente è tra gli 80 e i 90 km/h, e dove non tutti sono automobilisti che tengono un comportamento di guida corretto. 

Quindi, oltre a non poter uscire dall’auto e passeggiare avanti e indietro in attesa dei soccorsi, dobbiamo precisare che è anche vietato effettuare la retromarcia del veicolo, così come circolare. Una volta appurata l’emergenza, in tutta sicurezza, l’automobilista è tenuto semplicemente a spostarsi sulla corsia più a destra fino ad arrivare alla corsia di emergenza e qui fermarsi. 

Infatti, l’articolo 176 comma 5 del CdS recita quanto segue: “Sulle carreggiate, sulle rampe e sugli svincoli è vietato sostare o solo fermarsi, fuorché in situazioni di emergenza dovute a malessere degli occupanti del veicolo o a inefficienza del veicolo medesimo; in tali casi, il veicolo deve essere portato nel più breve tempo possibile sulla corsia per la sosta di emergenza o, mancando questa, sulla prima piazzola nel senso di marcia, evitando comunque qualsiasi ingombro delle corsie di scorrimento”. 

Ovviamente, i divieti appena comunicati non valgono per i conducenti dei veicoli adibiti ai servizi dell’autostrada, ma servirà un’apposita autorizzazione dell’ente proprietario. 

PER QUALI EMERGENZE CI SI PUÒ FERMARE?

Abbiamo detto che la suddetta corsia è pensate per le soste di emergenza. Ma cosa s’intende esattamente per emergenza? Far fare la pipì al bambino piccolo può essere considerata un’emergenza? Oppure è necessario che, per essere definita tale, siano chiamati i soccorsi

Ci si può fermare su questa corsia anche per emergenze di natura breve, a patto che siano soste di durata molto breve: può essere per l’appunto la pipì da fare o far fare al bambino (se l’area di servizio è troppo lontana), oppure un malessere improvviso, o anche una sonnolenza. Attenzione: non significa che possiamo dormire in auto se impegniamo la corsia di emergenza! Ci si può invece prendere qualche minuto per riprendere il controllo e poi ripartire, anche se è preferibile farlo nelle aree di sosta attrezzate (in questi casi, sgranchirsi le gambe, fare due passi e prendersi un bel caffè è la cosa migliore da fare). Infatti, l’emergenza può essere causata anche da un disagio temporaneo, come ha stabilito una recente sentenza della Corte di Cassazione (n. 13124/2019).

La cosa importante è che la sosta su questa corsia non duri più di 3 ore e che si resti sempre cauti e prudenti, consci delle situazioni di pericolo. 

LA CORSIA DI EMERGENZA ALL’ESTERO: COME FUNZIONA

Se avete guidato sulle autostrade di un Paese estero come la Germania o la Svizzera, vi sarà capitato di vedere che la loro corsia di emergenza è più stretta di quella nostra. In questi Paesi, infatti, la corsia di emergenza non è utilizzata dai mezzi di soccorso, ma solo ed esclusivamente per le soste di emergenza, ovvero relative ai veicoli in panne e che non possono più circolare. 

SANZIONI

Nella tabella seguente elencheremo tutte le sanzioni previste per chi fa un uso improprio della corsia di emergenza in autostrada

Infrazione su corsia di emergenza

Multa

Decurtazione punti patente

Altre sanzioni

Circolazione 

Da 430 € a 1.731 €

10 punti

Sospensione patente da 2 a 6 mesi

Circolazione prima di 500 metri dall’uscita dell’autostrada

Da 87 € a 344 €

1 punto

-

Retromarcia (fatta eccezione per le manovre necessarie)

Da 430 € a 1.731 €

10 punti

Sospensione patente da 2 a 6 mesi

Sosta oltre 3 ore

Da 430 € a 1.731 €

-

Rimozione coatta del veicolo

Non indossare il giubbotto segnaletico dopo essere sceso dal veicolo

Da 41 € a 169 €

1 punto 

-

Transitare a piedi

Da 26 € a 102 €

-

-

Non tenere accese le luci di posizione di notte

Da 36 € a 148 €

1 punto

-

Non posizionare il triangolo di pericolo quando richiesto

Da 87 € a 344 €

   

 

COSA SONO LE PIAZZOLE DI SOSTA E A CHE SERVONO

Oltre alla corsia di emergenza, sull’autostrada può capitare di passare anche accanto a delle piazzole di sosta. Queste sono delle zone delimitate che si trovano a lato della corsia di emergenza e che possono essere occupate dagli automobilisti in caso di emergenza. Sono piuttosto frequenti in autostrada (in genere, ce n’è una ogni mezzo chilometro), proprio per dare la possibilità agli automobilisti di avere delle aree dove potersi fermare in caso di urgenza. 

Le regole sono più o meno le stesse che abbiamo elencato per l’utilizzo della corsia di emergenza. 

  • Ci si può fermare solo per effettive situazioni di emergenza; 
  • La sosta prolungata è vietata (a meno che non si stia aspettando il carro attrezzi);
  • Quando si esce dal veicolo si deve indossare il giubbotto catarifrangente. 


PIAZZOLE DI SOSTA, AREE DI SOSTA ATTREZZATE E AREE DI SERVIZIO: DIFFERENZE

A questo punto, in conclusione di questo articolo, occorre fare un’opportuna distinzione tra quelle che sono considerate piazzole di sosta, aree di sosta attrezzate e aree di servizio. 

  • Piazzole di sosta: dei piccoli slarghi a lato della corsia di emergenza, grandi a sufficienza per includere un veicolo; 
  • Aree di sosta attrezzate: aree più ampie dove è possibile effettuare soste illimitate. Sono situate in un ampio slargo parallelo all’autostrada: può esserci solo lo spazio di un parcheggio, ma a volte si possono trovare anche bagni o fontanelle dove potersi dissetare. Generalmente si tratta di aree alberate e quindi ombreggiate. 
  • Aree di servizio: stazioni di servizio dove fare rifornimento di carburante, al cui interno si trovano bagni, bar, ristoranti e punti di ristoro. Sono anche i luoghi ideali per potersi fermare se si è colpiti da sonnolenza, o se dobbiamo fare pipì, ma la distanza tra una stazione di servizio e l’altra può essere anche abbastanza ampia. Si consiglia di tenere d’occhio la segnaletica che avvisa delle distanze delle successive stazioni di servizio per valutare il momento migliore per fermarsi. 


Aggiungi un commento
Ritratto di Citty75
16 dicembre 2022 - 11:31
"Circolazione prima di 500 metri dall’uscita dell’autostrada" Scritto così non ha molto senso, perchè anche 50km sono "prima di 500 metri", quindi la più generica "Circolazione" non si applicherebbe mai.
Ritratto di PONKIO 78
18 dicembre 2022 - 19:23
…non come quegli STRONZII che la usano quando c’è fila in autostrada….

DA SAPERE PER CATEGORIA

listino
Le ultime entrate
  • Ford Capri
    Ford Capri
    da € 42.750 a € 58.000
  • Volkswagen T-Roc Cabriolet
    Volkswagen T-Roc Cabriolet
    da € 38.250 a € 43.050
  • Volkswagen ID.7 Tourer
    Volkswagen ID.7 Tourer
    da € 61.600 a € 73.750
  • Volkswagen ID.7
    Volkswagen ID.7
    da € 60.800 a € 72.950
  • Volkswagen Touareg
    Volkswagen Touareg
    da € 83.500 a € 105.200

PROVATE PER VOI

I PRIMI CONTATTI

  • Bentley Bentayga V8 S 5 posti
    € 242.769
    La versione più “atletica” della lussuosa Bentley Bentayga ha potenza da vendere grazie al 4.0 V8 biturbo ma conquista per il comfort di marcia e un abitacolo impareggiabile per materiali e finiture. Le sviste? Sono veramente poche…
  • Hyundai Santa Fe 1.6 T-GDI HEV XClass AWD
    € 56.350
    Grande fuori e dentro, con il suo look tosto e squadrato la nuova Hyundai Santa Fe non passa inosservata. Il comandi del “clima” e l’agilità lasciano un po’ a desiderare, ma la trazione 4x4 e il molleggio curato fanno viaggiare sicuri e comodi.
  • Dacia Spring Extreme 65
    € 19.900
    Aggiornata a fondo dentro, fuori e nei contenuti per la sicurezza, l’elettrica Dacia Spring convince per il prezzo e il comfort in città; migliorato, ma non molto preciso, lo sterzo. Da rivedere certi comandi.