Pompe bianche: cosa sono e dove trovarle

Vivere con l'auto
Pubblicato 14 settembre 2022

I distributori di carburante no logo, anche detti “pompe bianche”, sono impianti indipendenti dove spesso benzina e gasolio costano meno.

Pompe bianche è il nome che le definisce maggiormente: si tratta dei distributori di carburante indipendenti, no logo, che si differenziano dai distributori di marca per una serie di aspetti, i quali vanno poi a determinare il basso costo dei rifornimenti. Ed è anche per questo motivo che risultano appetibili agli automobilisti: quando il costo della benzina o del gasolio sale, l’oggetto del desiderio diventa la stazione no logo, dove sono praticati prezzi inferiori rispetto ai distributori di carburante di marca.

Pompe bianche: cosa sono

Le pompe bianche (o distributori no logo) sono stazioni di rifornimento che non dipendono da una grande marca della distribuzione: si tratta di impianti indipendenti che a volte, a seconda di dove si vive, non è neppure facile trovare. In Italia sono presenti da oltre 20 anni, non hanno vincoli con i grandi marchi e la loro convenienza economica deriva dall’abbattimento delle spese di trasporto. 

A differenza dei distributori delle grosse marche, nelle stazioni no logo non troveremo offerte e promozioni, campagne pubblicitarie, raccolte punti, premi, bollini. Il gestore, generalmente un imprenditore privato, non investe particolarmente sul marketing e sulla diffusione del marchio (perché alla fine un marchio, quindi un logo, c’è) e la fortuna di queste stazioni si basa prevalentemente sulla possibilità di applicare al carburante un prezzo basso, attirando così i consumatori che sono sempre alla ricerca di maggiore convenienza per alimentare il proprio veicolo. 

Pompe bianche qualità

In molti pensano che con la stessa quantità di carburante acquistato in una stazione no logo rispetto a una che sfoggia un grande marchio, si percorra qualche chilometro in meno o che il basso costo equivalga a scarsa qualità del carburante. Quanto c’è di vero? Nulla, perché in realtà ci sono da considerare alcuni aspetti: 

  • Gli standard qualitativi da rispettare sono gli stessi di quelli che devono garantire i grossi marchi; 
  • Anche le pompe bianche sono sottoposti a controlli rigidi durante le fasi di produzione e distribuzione;
  • I distributori fanno rifornimento presso gli stessi siti dove fanno rifornimento anche i marchi più importanti.


Un ulteriore chiarimento riguardo quest’ultimo punto: i siti dove fare rifornimento sono gli stessi, ma spesso i grossi marchi si rivolgono ad altri mercati e centri di riferimento per acquistare carburanti speciali, prodotti che non troveremo comunque presso le stazioni no logo. 

Pompe bianche, prezzi più bassi: perché?

Pompe bianche, benzina scadente? Trattasi solo di una mera leggenda metropolitana. Il prezzo più basso applicato ai carburanti, infatti, dipende solo dall’accorciamento della filiera distributiva: il risparmio economico si aggira attorno a una decina di centesimi al litro circa rispetto alla media. Un risparmio comunque considerevole, soprattutto in tempi dove il costo di benzina e gasolio cresce in maniera preoccupante. 

Quando conviene fare rifornimento

Per ottimizzare il carburante con cui alimentiamo la nostra vettura, non sprecarlo e rendere il suo consumo più efficace, dobbiamo prendere alcuni accorgimenti. Ne elenchiamo tre: 

  • Non fare rifornimento subito dopo lo stoccaggio: se siamo i primi a fare benzina subito dopo lo stoccaggio del carburante nel deposito sotterraneo, rischiamo di immettere del carburante leggermente sporco nel veicolo, perché l’operazione di stoccaggio contribuisce a far emergere le sedimentazioni. 
  • Fare benzina quando si sta per scendere sotto il 50%: non attendere, quindi, di finire in riserva. Meglio il serbatoio pieno: per evitare che si formi dell’umidità nel serbatoio, è sempre meglio averlo pieno o, comunque, sopra il 50%.  
  • Fare rifornimento la mattina presto: specialmente durante i periodi più caldi, è raccomandabile fare rifornimento la mattina presto, ovvero quando la temperatura esterna è ancora gradevole. A basse temperature, infatti, la densità del carburante che si trova nel suolo è maggiore, pertanto la quantità di carburante che avremo iniettato sarà esattamente quella che abbiamo deciso di mettere. Si tratta di una raccomandazione che ha fatto discutere, prima di tutto perché i serbatoi sotterranei sono isolati e, in secondo luogo, perché effettivamente, anche con quel minimo di influenza termica, si risparmia davvero una piccolissima percentuale (si parla di pochi centesimi). Tuttavia, sempre risparmio è, soprattutto quando dobbiamo fare il pieno.  


Questi accorgimenti, ovviamente, valgono sia per i rifornimenti presso le pompe bianche, sia per quelli effettuati presso le stazioni “con logo”. 

Pompe bianche vicino a me: dove sono

In Italia sono presenti oltre 7-8 mila pompe bianche (o distributori no logo), ma non si trovano ovunque. Utilizzando lo strumento qui sotto e scegliendo la Regione di riferimento, sarà possibile visualizzare dove si trovano le pompe bianche più vicine a noi.

 



Aggiungi un commento
Ritratto di Road Runner Superbird
14 settembre 2022 - 17:08
Molto utile.
Ritratto di marcoveneto
14 settembre 2022 - 17:14
A me le pòmpe bianche hanno sempre lasciato perplesso, soprattutto considerando che ho sentito vari amici o conoscenti che rifornendosi sempre alla stessa stazione (no logo), prima o dopo hanno avuto qualche rottura importante alla macchina (pòmpa gasolio, problemi con iniettori ecc.)
Ritratto di Truman200
14 settembre 2022 - 17:46
Io da 20 anni sempre no loro,mai avuto problemi
Ritratto di Flynn
14 settembre 2022 - 19:40
Ecco spiegato perché le tua auto sono andate a pezzi..
Ritratto di Tu_Turbo48
14 settembre 2022 - 20:13
@Flynn Ahahahaha... grande.!!! :-))))
Ritratto di Flynn
14 settembre 2022 - 20:34
:-))))))))))
Ritratto di ziobell0
14 settembre 2022 - 17:58
boh io scelgo a caso, tanto cambia poco... Per evitare di fare il pieno dopo lo stoccaggio di solito assaggio un bicchierino di Verde
Ritratto di Volpe bianca
14 settembre 2022 - 18:17
Sei un benza-sommelier in pratica :-)))
Ritratto di Check_mate
14 settembre 2022 - 20:03
Ottima abitudine :)
Ritratto di Tu_Turbo48
14 settembre 2022 - 20:13
:-)))))))))))

DA SAPERE PER CATEGORIA

listino
Le ultime entrate
  • DS 3
    DS 3
    da € 28.050 a € 48.550
  • Opel Combo-e Life
    Opel Combo-e Life
    da € 36.205 a € 41.755
  • Opel Astra Sports Tourer
    Opel Astra Sports Tourer
    da € 27.250 a € 42.100
  • Opel Astra
    Opel Astra
    da € 26.250 a € 42.100
  • BMW Serie 3
    BMW Serie 3
    da € 45.550 a € 74.550

PROVATE PER VOI

I PRIMI CONTATTI

  • Smart #1 Brabus
    48.150 (indic.)
    La nuova Smart #1 è una crossover compatta, ma accogliente. Ha un design moderno e interni curati. È ben accessoriata, ma si paga cara, soprattutto in questa pepatissima versione Brabus da 428 CV (fin troppi…)
  • Suzuki S-Cross 1.5 Hybrid Starview 4WD
    € 35.590
    Aiutata dall’efficace sistema di trazione integrale la crossover compatta Suzuki S-Cross si muove con disinvoltura sia su strada sia nell’off-road. Con 114 CV, però, le prestazioni non sono molto brillanti. Ricca la dotazione di serie.
  • Volkswagen ID.Buzz Pro+
    € 68.500
    Il Volkswagen ID.Buzz è un van elettrico che suscita immediata simpatia, si guida con facilità ed è ricco di tecnologia. Energico il motore da 204 CV, non tutti ben studiati i comandi.